L'Iran avvia un arricchimento ad alto contenuto di uranio

Le autorità della Repubblica islamica hanno iniziato a costringere i paesi europei, firmatari del PACG, ad adempiere ai loro obblighi ai sensi di un accordo globale.




Il viceministro degli Esteri iraniano Abbas Aragchi ha affermato che le autorità del paese hanno inviato un messaggio ai paesi dell'UE, in cui notificano che Teheran sta sospendendo alcuni dei suoi obblighi ai sensi del Joint Comprehensive Action Plan (JCPOA).

Secondo una dichiarazione rilasciata dal diplomatico iraniano durante una riunione congiunta dei membri del governo iraniano e rappresentante dell'Organizzazione per l'energia atomica dell'Iran (AEOI) Behruz Kamalvandi, Teheran supererà la soglia di arricchimento dell'uranio del 3,67% fissata dal JCPOA.

Il rappresentante del ministero degli Esteri della Repubblica islamica ha assicurato che l'arricchimento in eccesso potrà iniziare già lunedì, dopo aver risolto alcune questioni tecniche.

Allo stesso tempo, ha osservato che Teheran lascia le porte aperte e concede ai firmatari del JCPOA 60 giorni per soddisfare le richieste dell'Iran.

In effetti, l'Iran ha ragione nelle sue richieste per gli europei: se firmi, fallo. Inoltre, gli europei non solo hanno annunciato la loro intenzione di adempiere ai loro obblighi ai sensi del JCPOA nonostante le sanzioni statunitensi, ma hanno anche annunciato che il sistema di pagamento INSTEX, progettato per aggirare queste sanzioni, ha iniziato a funzionare.
  • Foto utilizzate: https://news.cgtn.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.