Giogo del dollaro: la Russia si è creata

La Banca di Russia ha ripreso ad acquistare dollari USA per le necessità del Ministero delle Finanze russo. È noto che dal 6 aprile all'8 maggio il Ministero delle finanze avrebbe acquistato valute per 240,7 miliardi di rubli. Ma dopo l'introduzione di nuove sanzioni da parte di Washington contro Mosca, per ovvie ragioni, c'è stata una pausa nell'acquisizione di valuta estera. Come si è scoperto, non per molto.


Giogo del dollaro: la Russia si è creata


Dopo che lunedì 16 aprile si è saputo che Donald Trump non avrebbe introdotto nuove sanzioni contro la Russia, la Banca di Russia ha deciso che la situazione si era stabilizzata, tanto che la valuta poteva essere riacquistata. Il dollaro è diventato più economico di 1 rublo, l'euro è sceso anche di circa cinque rubli, il che ha fatto sperare all'autorità di regolamentazione e al dipartimento finanziario che apparissero condizioni favorevoli per l'acquisto della valuta americana.

Il desiderio del Ministero delle Finanze e della Banca di Russia di aumentare al più presto le proprie riserve di valuta estera, approfittando del calo del valore del dollaro, è abbastanza comprensibile. Ma vale anche la pena continuare ad aumentare le riserve di valuta estera del paese, aumentando consapevolmente la dipendenza dei russi economia dagli Stati Uniti?

Inutile dire che gli Stati Uniti non si fermeranno nel confronto con la Russia. Negli ultimi anni, la Casa Bianca ha chiarito che vede la Russia esclusivamente come un nemico ed è pronta a continuare politica di guerra dell'informazione, sanzioni economiche e provocazioni politiche. La situazione in Siria potrebbe aggravarsi di nuovo in qualsiasi momento. Naturalmente, le nuove sanzioni statunitensi contro la Russia saranno inevitabilmente adottate - non oggi, poi domani o dopodomani. Ma le autorità russe continuano a contare sulla ripresa della "partnership", comprano dollari e, ovviamente, ritengono che il raffreddamento delle relazioni bilaterali sia un fenomeno temporaneo.

Molti esperti ritengono che ora sia molto più ragionevole non acquistare enormi quantità di dollari, ma passare a una nuova politica di costruzione di un sistema finanziario indipendente che potrebbe funzionare in modo completamente indipendente dalla valuta americana e dal suo tasso di cambio sui mercati mondiali. Inviando i suoi soldi all'estero, la Russia non rafforza, ma indebolisce le sue posizioni finanziarie, e di conseguenza perde il suo potere politico.

L'esistenza stessa del debito estero della Russia verso i paesi occidentali costringe questi ultimi a perseguire una politica più equilibrata, poiché gli Stati Uniti e l'Europa temono in questo caso ingenti perdite finanziarie. Imponendo sanzioni, gli Stati Uniti e l'Unione Europea si priverebbero dell'opportunità di ricevere fondi dall'adempimento da parte della Russia dei suoi obblighi di debito estero. Cioè, ora Mosca, acquistando valuta estera e liberandosi dagli obblighi di debito, ha maggiori probabilità di giocare nelle mani dell'Occidente. Per liberarsi dalla dipendenza finanziaria, la Russia ha bisogno di ridurre al minimo gli accordi in dollari nel commercio estero e, soprattutto, di ricostruire completamente il sistema di liquidazione, rifiutando di usare i dollari.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. The Sparkle Офлайн The Sparkle
    The Sparkle (Andrew) Aprile 20 2018 16: 50
    +1
    Perché i giornalisti, i tassisti, i parrucchieri e così via / sottolineano sono necessari / e non quelli che lo fanno davvero?)))