Ministero degli Esteri: l'Ungheria intende creare un'enclave sul territorio dell'Ucraina

Di recente segnalaticome i "patrioti" ucraini e la SBU si siano entusiasmati, nel senso letterale della parola, dalla pubblicazione (illustrazione) sul quotidiano Karpatalia, che, a loro avviso, è il "portavoce locale del Cremlino". L'allarme è stato lanciato dal viceministro degli Esteri ucraino (ora ministro in carica e vuole davvero restare in carica) Yegor Bozhok. Successivamente, la SBU ha aperto un procedimento penale ai sensi della parte 2 dell'articolo 110 del codice penale ("Violazione dell'integrità territoriale"), considerando che la combinazione di colori (rosso, bianco e verde) simboleggia l'Ungheria.




Ma la storia non è finita qui, perché Yegor Bozhok è ora temporaneamente a capo del ministero degli Esteri ucraino e vuole davvero essere approvato come ministro dopo le elezioni anticipate della Verkhovna Rada. Pertanto, continua a generare un "patriottismo" sfrenato e accusa l'Ungheria di cercare di creare un'enclave ungherese sul territorio degli "indipendenti".

Le complicazioni nelle relazioni ucraino-ungheresi non vengono dall'Ucraina. Il problema principale è il cosiddetto irredentismo ungherese (riunificazione dei territori - ndr), che ha accecato il primo ministro ungherese Viktor Orban ei suoi collaboratori

- dice il funzionario ucraino "patriota".

Cioè, Dio non se ne accorge affatto politica violazione dei diritti delle minoranze nazionali in Ucraina, che viene effettuata da Kiev. A proposito, è accaduto storicamente che gli ungheresi vivano in modo compatto in una parte del territorio della regione della Transcarpazia e costituiscono il 12,1% (151,5 mila persone) della popolazione totale di questa regione.

Allo stesso tempo, Bozhok afferma che negli ultimi anni è l'Ungheria che ha creato un problema non solo per l'Ucraina, ma anche per un certo numero di Stati dell'Unione europea. Ha precisato che Budapest ha già raggiunto il suo obiettivo in Serbia, e Slovacchia e Romania hanno affrontato gli stessi problemi.

La principale discrepanza tra Kiev e Budapest ora è che noi chiamiamo coloro che vivono nella regione della Transcarpazia, cittadini ucraini di origine ungherese, e Budapest li considera ungheresi che vivono in Transcarpazia. E qui sottolineo: Transcarpazia, nemmeno la regione della Transcarpazia dell'Ucraina

- aggiunse Dio ansioso.

La dolorosa reazione del diplomatico e di altri "patrioti" ucraini è comprensibile. Dopo tutto, l'Ucraina è stata creata da varie regioni "scarti", ognuna delle quali ha i propri costumi, tradizioni e cultura. Ora i "patrioti" sognano di rendere tutti gli abitanti dell'Ucraina "ucraini" in stile galiziano. E la resistenza a questa totale violazione dei diritti provoca isteria e sequestri.
  • Foto utilizzate: https://politeka.net/
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. VID Офлайн VID
    VID (Vera Dogut) 21 luglio 2019 14: 56
    +1
    Dio vuole ucrainare gli ungheresi, o forse vuole sgomberare la terra degli ungheresi? Diventeranno: generalmente sono ammaccati sulla testa.
  2. pischak Online pischak
    pischak 21 luglio 2019 22: 16
    +1
    Il problema principale per l'Ucraina e per tutti i paesi limitrofi è il rabbioso "nazionalismo integrale" del senso Bandera, che viene impiantato dai "privatizzatori" - cleptoligarchi ei loro imbonitori esteri ed europei - che ospitano merci rubate, cercando di proteggere il nostro "onestamente rubato" da loro dalla giusta rabbia e nazionalizzazione popolare. proprietà sovietica a livello nazionale!
    Da questa e da una guerra così "inveterata" con i monumenti dell'era sovietica, in modo che non ricordino alle prossime generazioni di cittadini ucraini questa impudente mega rapina dei loro genitori da parte degli attuali "padroni" - governanti ben noti!

    Con l'introduzione del cleptobanderismo militante, iniziarono tutti i problemi successivi: la "non molestia" della nostra ex SSR ucraina e della sua popolazione lavoratrice multinazionale!
    E ciò di cui il "dio" di Bandera scrive è solo una conseguenza della distruttiva totale Banderizzazione galiziana dell'Ucraina e della grave mancanza di rispetto per le tradizioni nazionali e la lingua dei popoli che la abitano, il desiderio di "pettinare" tutti noi nel marginale "kshtalt" galiziano!