Divieto di esportazione di legname: la Russia pensa a come salvare la taiga dalla Cina

Il capo del Ministero russo delle risorse naturali e dell'ambiente (MNRE), Dmitry Kobylkin (in carica dal 18 maggio 2018), ha affermato che Mosca potrebbe vietare le esportazioni di legname in Cina se Pechino non aiuta a risolvere il problema del disboscamento illegale sul territorio russo . Allo stesso tempo, il ministro è fiducioso che se la parte cinese mostra coscienziosità, ad es. eseguirà passaggi specifici (definiti), quindi questo problema può essere risolto.




Il capo del dipartimento ne ha parlato in dettaglio in un'intervista al quotidiano. "Vedomosti"che è stato pubblicato il 15 agosto 2019. Secondo Kobylkin, se i "compagni" cinesi continuano a impegnarsi in acquisti primitivi di legname, lasciando solo problemi alla Russia, Mosca non avrà altra scelta che vietare tali esportazioni. Inoltre, il ministro ha annunciato un'offerta a Pechino per partecipare alle questioni relative alla piantumazione delle foreste.

Vengono, comprano legname e dobbiamo ripulire le macerie. La Cina deve capire chiaramente che se non si uniscono per risolvere questo problema, non avremo altra scelta che vietare completamente le esportazioni di legname.

- disse Kobylkin.

Propongo alla Cina, insieme a noi, sul nostro territorio, lungo il confine, di costruire complessi di selezione e semina e piantumazione di materiale forestale. Per restituire ai nostri figli e nipoti ciò che i "boscaioli neri" hanno abbattuto.

- ha aggiunto Kobylkin.

Va notato che la Cina è il più grande consumatore mondiale di legno. Secondo le Nazioni Unite, questo paese rappresenta il 39% di tutti gli acquisti di legname nel mondo. Allo stesso tempo, la Russia è uno dei maggiori esportatori di legname al mondo. Inoltre, una parte significativa dell'esportazione è illegale, poiché passa attraverso schemi grigi e neri, ad es. senza pagare le tasse dovute e ripristino forestale. Ecco perché il disboscamento illegale, con ulteriore vendita alla Cina, è un grave problema in Siberia e nelle regioni della Russia che confinano con questo paese. Mosca non è contraria all'esportazione di legname in Cina, vuole solo civilizzare questo processo.
  • Foto utilizzate: https://krym.lesstroy.net/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Generale Black Офлайн Generale Black
    Generale Black (Gennady) 15 August 2019 10: 43
    +2
    È inutile negoziare con le locuste.
  2. Atilla Офлайн Atilla
    Atilla 15 August 2019 10: 58
    +1
    E non abbiamo più un confine con la Cina? E se c'è, allora cosa c'è da pensare. O al governo, infine, rimanevano solo i bassi. Ci sono molte domande, ma non le sto formulando.
  3. Aico Офлайн Aico
    Aico (Vyacheslav) 15 August 2019 11: 02
    +3
    Tuttavia, tutti i tipi di picchi stupidi e venali alla Duma dovrebbero essere disposti in gabbie e un menu per loro: colazione al miglio, pranzo al miglio, cena al miglio, ecc.! E poi il cervello nuotava dalle aragoste e la coscienza era coperta di croste !!!
  4. Oleg RB Офлайн Oleg RB
    Oleg RB (Oleg) 15 August 2019 11: 29
    0
    Un titolo è proprio quello che vale. risata
    Siamo sopravvissuti.
  5. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 15 August 2019 11: 45
    +2
    Non sei sicuro di cosa c'entra la Cina?
    I "boscaioli neri" sono tutti cinesi? I cinesi ottengono soldi per la foresta? Da lì provengono anche tangenti alle forze dell'ordine? La soluzione al problema è riportare l'ordine ALL'INTERNO del paese.
    Se dai una mano ai cinesi, verranno i mongoli. È vero, non hanno abbastanza soldi.
    1. SERGEEVICS SERGEY Офлайн SERGEEVICS SERGEY
      SERGEEVICS SERGEY 15 August 2019 16: 58
      0
      Il Kazakistan compra bene il legname e ha sempre soldi.
  6. SERGEEVICS SERGEY Офлайн SERGEEVICS SERGEY
    SERGEEVICS SERGEY 15 August 2019 12: 19
    +1
    Era giunto il momento di farlo, di vietare l'esportazione di legname in altri paesi.
    E dov'è la Cina, per soluzioni comuni a questo problema?
    Non abbiamo la nostra gente che potrebbe tracciare e ricreare i vivai per le piantine. Abbiamo molti disoccupati che potrebbero farlo. E per proteggere la foresta (vogliono attirare la parte cinese), è possibile coinvolgere le comunità cosacche (si sono dimostrate molto bene di recente, in tali problemi). Possono essere utilizzate pattuglie militari.
    1. Victor N Офлайн Victor N
      Victor N (Victor n) 15 August 2019 15: 21
      +3
      Tagliano il legno e vendono il PROPRIO legname tondo senza lavorazione. Non vogliono ripristinare la foresta: è meglio essere registrati come disoccupati e abbattere silenziosamente la foresta, contrabbandarla (previo accordo con le guardie di frontiera e i doganieri) in Cina. I capricci del patriottismo, però!
      1. SERGEEVICS SERGEY Офлайн SERGEEVICS SERGEY
        SERGEEVICS SERGEY 15 August 2019 17: 05
        +3
        Fino a quando non cominceranno a punirlo al massimo, e nessuna Cina lo aiuterà. E non è stato male, prima di tutto, rivedere la legislazione forestale.
        1. molotkov60mkpu Офлайн molotkov60mkpu
          molotkov60mkpu (Yury) 16 August 2019 12: 22
          +3
          Il tempo per la rivoluzione dall'alto è maturo. Se il PIL non va alle trasformazioni rivoluzionarie, anche la Russia può essere persa. Una tale devastazione, probabilmente, non è mai avvenuta nella storia della Russia.
  7. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 15 August 2019 18: 20
    +3
    - Quindi, naturalmente ... - metà della taiga è bruciata e continua a bruciare ... - Che tipo di deforestazione c'è, e anche per i cinesi ...
    - E quanti poveri animali della foresta sono stati distrutti ... - nessuna biblioteca di "libri rossi" è stata bruciata ...
    - Una perdita mostruosa ... - Non c'è nemmeno bisogno della guerra ... - Così tanti disastri che è davvero incomparabile con qualsiasi cosa ... - Il meteorite di Tunguska, in confronto a questo incendio, è solo uno scherzo infantile.
  8. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 16 August 2019 00: 43
    +4
    La Russia deve essere salvata non dalla Cina, ma dai nemici del popolo negli uffici burocratici della Russia, vendendo questa stessa Russia a chiunque!
  9. molotkov60mkpu Офлайн molotkov60mkpu
    molotkov60mkpu (Yury) 16 August 2019 12: 20
    +3
    Non è necessario offrire e avvertire, ma impostare condizioni e termini. Non hanno reagito in tempo: le forniture sono state interrotte. Cosa potrebbe essere più facile. E così via tutte le domande, incl. e politica interna.
  10. Pavel Fedorov Офлайн Pavel Fedorov
    Pavel Fedorov (Pavel Fedorov) 17 August 2019 10: 17
    +1
    I nostri commercianti, questi sono traditori elementari, e persino perdonatemi ... Il Cremlino finge di non vedere, i soldi gocciolano ...