La strada verso la rovina: l'Ucraina ha chiuso il progetto del ponte energetico verso l'Europa

L'Ucraina ancora una volta ha preso una cagata di fronte ai suoi "partner" e "alleati" dell'UE, dimostrando che il "vettore europeo" è importante per essa solo nei casi in cui è vantaggioso per uno o un altro gruppo di oligarchi.


Inoltre, lo scandalo che si è svolto attorno al progetto di un ponte energetico verso l'Europa, dichiarato da Petro Poroshenko, ha mostrato chiaramente quanto velocemente, in caso di cambio di potere, la polarità attorno a qualsiasi iniziativa, anche la più buona, possa cambiare.

Il progetto, che ieri i media ucraini hanno definito un'alternativa al "Nord Stream" russo, e uno dei passi più significativi sulla via dell'integrazione europea dell'Ucraina, è diventato improvvisamente "zrada" e dichiarato rovinoso per l'Ucraina.

Allo stesso tempo, la dichiarazione sull'insolvenza del ponte energetico Ucraina-Polonia suggerisce più che in modo trasparente che un'altra cosa può essere aggiunta ai numerosi procedimenti penali contro l'ex presidente Petro Poroshenko, il che aumenta notevolmente le sue possibilità non solo di essere processato, ma anche ottenere una scadenza reale.

Non dimenticare l'opinione dei vicini più stretti dell'Ucraina, i polacchi, con i quali, alla luce della glorificazione di Kiev dei crimini dei banderaiti, è difficile definirli senza nuvole.

1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Syoma_67 Офлайн Syoma_67
    Syoma_67 (Semyon) 19 August 2019 20: 56
    +1
    Mi chiedo: non sei stanco? L'Ucraina si congelerà, l'Ucraina fallirà, l'Ucraina si sarà disonorato. Migliorerà la vita in Russia?