Progetto ambizioso: l'Iran vuole costruire un oleodotto attraverso l'Iraq e la Siria

Mentre Stati Uniti, Gran Bretagna e Israele stanno cercando congiuntamente di danneggiare l'Iran, questo paese sta cercando di sviluppare la cooperazione con i paesi della regione e gli stati dell'Europa continentale. Ad esempio, Teheran ha offerto a Baghdad di riprendere il funzionamento di un oleodotto che attraversa il territorio iracheno fino al porto di Banias in Siria, situato sulla costa mediterranea.




Il canale televisivo iracheno al-Sumaria ne ha informato il pubblico citando fonti informate. Secondo il canale televisivo, l'Iraq ha ricevuto una proposta corrispondente dall'Iran sullo sfondo delle crescenti minacce alle petroliere nello Stretto di Hormuz. Allo stesso tempo, Baghdad non ha ancora risposto a questa proposta.

Si noti che l'Iran sta cercando in vari modi di ridurre al minimo le sanzioni statunitensi e vuole ridurre al minimo l'uso dello Stretto di Hormuz e di altri corsi d'acqua che circondano la penisola arabica, considerandoli non sicuri. E su questo tema è difficile non essere d'accordo con Teheran, dal momento che l '“amore” risvegliato “improvvisamente” della coalizione anti-iraniana per le petroliere parla da sé.

Inoltre, si dice che questo progetto sia stato proposto da Teheran a Baghdad prima di allora. Tuttavia, nel 2014, l'ISIS (un'organizzazione terroristica bandita in Russia) ha sequestrato territori significativi in ​​Siria e Iraq, quindi qualsiasi progetto su oleodotti e gasdotti è stato ridotto.

Ora l'Iran offre all'Iraq due opzioni contemporaneamente: o la costruzione di un nuovo oleodotto con una lunghezza di 1 km, metà del quale passerà attraverso l'Iraq, o la riparazione a spese del lato iraniano dell'esistente oleodotto Kirkuk-Baniyas, che è rimasto inattivo dal 1982, e non è chiaro in cosa condizione è. A proposito, la pipeline sarà in grado di trasferire fino a 1,25 milioni di bar. olio al giorno (1 barile - 159 litri).

L'Iraq ritiene che questo progetto non sia redditizio, inoltre, può danneggiarlo, dato che Baghdad può esportare il suo petrolio nei paesi del Mediterraneo attraverso il porto di Baniyas, senza la partecipazione dell'Iran.

- ha detto una delle fonti del canale televisivo al-Sumaria.

Allo stesso tempo, un'altra fonte, un anonimo membro del parlamento iracheno, ha affermato che il progetto consentirebbe di fornire non solo petrolio, ma anche gas alla Siria e persino al Libano. In questo caso Beirut può sbarazzarsi del più duro problema energetico che incombe sui libanesi da molti anni.
  • Foto utilizzate: https://finance.townhall.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. SERGEEVICS SERGEY Офлайн SERGEEVICS SERGEY
    SERGEEVICS SERGEY 21 August 2019 16: 50
    +1
    Un progetto ambizioso: l'Iran vuole costruire un oleodotto attraverso Iraq e Siria.

    Lascia che si dimentichino subito dell'Iraq, nessuno permetterà che sia fatto lì. Sì, e anche in Siria la situazione è deplorevole, in qualsiasi momento queste installazioni con tubi, come ha dimostrato la pratica, possono distruggere Israele.
  2. gorenina91 Online gorenina91
    gorenina91 (Irina) 21 August 2019 18: 48
    -2
    Un progetto ambizioso: l'Iran vuole costruire un oleodotto attraverso Iraq e Siria.

    Ah ... perché l'Iran avrebbe bisogno di tirare i tubi attraverso il problematico conflitto tra Siria e Iraq ... - Perché dovrebbe essere per ???
    - L'Iran ha un confine terrestre abbastanza esteso con la Turchia nelle vicinanze ...
    - La Turchia accetterà facilmente qualsiasi cosa per manipolare sia la Russia che l'Iran allo stesso tempo (soprattutto perché l'Iran non vuole essere amico della Russia, non importa quanto lei stessa lo voglia e non "crolla sotto l'Iran" con i suoi "supporti" ... piuttosto maleducato, ma devi "chiamare il pane al pane" ... - Com'è -

    Vitello affettuoso succhia due regine.

    È vero, la Turchia non "accarezzerà" particolarmente, ma chiederà .., ma qual è la differenza ... - la cosa principale è che sia la Russia che l'Iran soddisferanno tutti i requisiti della Turchia ... - sia nel petrolio che nel gas. .. - Non devi andare oltre ...
    - Solo ora l'Iran, "affamato" per la grande esportazione del suo petrolio e gas, e una tale "situazione" è abbastanza soddisfacente ... - L'Iran finirà comunque con un profitto, e con cosa ...

    - Ma che ne sarà della Russia, che ha allungato le sue inutili tubature per migliaia di chilometri (e anche nel sottosuolo) ??? - Solo oscurità ...
    - Con mio grande dispiacere ... - tutte le mie "previsioni" che ho già postato più di una volta su questo sito ... - stanno cominciando a diventare realtà ...

    - In questa situazione, la Russia può essere salvata solo da questo, quello ... quello ... - E questa è l'azione militare degli Stati Uniti contro l'Iran ... d ...
    - E ancora ... - Assolutamente no ... - L'ex presidente, il negro Obama, l'avrebbe fatto molto tempo fa ... ma Trump, a quanto pare, non è molto fiducioso nel suo Pentagono (probabilmente ha paura di un colpo di stato, o piuttosto di impeachment ... ). Quindi è improbabile che Trump ottenga un secondo mandato della sua presidenza ...:

    Nessuna gloria affidabile fino a quando il sangue non viene versato.

    - Nel frattempo, l'Iran ha "possibilità" ...
  3. g1washntwn Офлайн g1washntwn
    g1washntwn (Zhora Washington) 22 August 2019 13: 39
    +1
    Se si tratta di un nuovo progetto, correggere il titolo. Ma no, quindi questo bene c'era un mucchio di mucchi prima del progetto "moderato" americano. Esempio: Kirkuk-Baniyas dall'Iraq attraverso la Siria, che l'Iran poteva solo afferrare. Ma gli americani sono venuti e hanno bombardato tutto con le parole "... quindi non darlo a nessuno". E ne bombarderanno uno nuovo, non con le proprie mani, ma lo faranno. Sarebbe la tromba del figlio di Biden - allora la democrazia sarebbe al limite della collina.