L'esercito libanese apre il fuoco sui droni israeliani

Non molto tempo segnalaticome i media israeliani, riferendosi a "fonti arabe", abbiano affermato che la Russia "ha dato il via libera" dell'aviazione israeliana agli attacchi aerei su "basi iraniane" in Iraq. E ora, Al-Arabiya, il 28 agosto 2019, citando fonti militari, informa il pubblico che l'esercito libanese ha aperto il fuoco sui droni israeliani.




Va notato che l'incidente stesso è avvenuto immediatamente dopo che, il 25 agosto 2019, i droni israeliani hanno attaccato un esercitopolitico organizzazione "Hezbollah". Quindi, presumibilmente, un impianto di ammodernamento missilistico è stato danneggiato nella regione sciita di Dah, situata a Beirut (la capitale del Libano). Hezbollah ha considerato l'attacco come una "dichiarazione di guerra" e ha promesso di rispondere senza fallo.

Questa volta stiamo parlando dei tunnel che Hezbollah costruisce regolarmente nel sud del Libano, e Israele li sta cercando e sta cercando di distruggere. Viene chiarito che l'esercito libanese ha aperto il fuoco su diversi droni dell'IDF (Israel Defense Forces) nell'area del villaggio di Al-Adisa vicino al confine di entrambi gli stati.

Si sottolinea che il fuoco sui droni è stato aperto dopo un "ordine inequivocabile", sia dai "sistemi di difesa aerea" che dai fucili automatici M-16 a disposizione dei militari. Allo stesso tempo, non è stato possibile entrare nei droni, dopo di che hanno lasciato in sicurezza il territorio del Libano, volando nel territorio di Israele.
  • Foto utilizzate: https://mignews.com/
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
    Natan Bruk (Natan Bruk) 30 August 2019 09: 42
    +1
    A proposito, per gli amanti dei terroristi di Hezbollah - nel 1985, i militanti di Hezbollah rapirono quattro dipendenti dell'ambasciata sovietica in Libano e uno, Arkady Katkov, fu ucciso. Fu organizzato e ucciso personalmente da un noto terrorista, Imad Mugnie, soprannominato "Iena". 10 anni fa fu liquidato dai servizi speciali israeliani.