Krusciov contro Mao Zedong: chi è la colpa delle battaglie a Damansky?

Alla fine di agosto-inizio settembre di quest'anno, sarà esattamente mezzo secolo dal momento della più grave crisi nelle relazioni sovietico-cinesi. Dalle accuse reciproche politico rimproveri e rivendicazioni territoriali, i due grandi paesi sono poi passati allo scontro militare diretto, che potrebbe benissimo concludersi con una guerra nucleare.




Nelle battaglie vicino all'isola di Damansky e, molto meno note al grande pubblico, negli scontri vicino al lago Zhalanashkol, i soldati dei due paesi più grandi del mondo che appartenevano al campo socialista si sono versati il ​​sangue a vicenda. E successivamente, la “freccia” che misurava il livello delle relazioni tra Pechino e Mosca, praticamente non si è discostata dallo “zero” assoluto, anche se il conflitto non minacciava già di degenerare in una guerra. Come si è potuto arrivare a questo? Di chi è la colpa per quello che è successo? Proviamo insieme a trovare le risposte a queste domande.

"Russo e cinese - fratelli per sempre"


Le parole nel sottotitolo sono un verso di una canzone che tutti, nessuno escluso, conoscevano in Unione Sovietica e nella Repubblica Popolare Cinese all'inizio degli anni '50. C'era un'altra bella frase: "Stalin e Mao ci stanno ascoltando!" Non appena ha "abbandonato" il lavoro musicale grazie agli sforzi di Nikita Khrushchev e della sua cricca, gli eventi hanno preso una svolta, a seguito della quale, presto, non solo l'intera canzone è stata bandita in URSS, ma anche qualsiasi tentativo di menzionare Pechino in altro modo che in un contesto negativo. Tuttavia, non anticipiamo noi stessi ... Russi e cinesi erano davvero fratelli. Allo stesso tempo, il popolo sovietico in questa situazione ha inizialmente svolto il ruolo di un fratello maggiore: più saggio, più forte, pronto ad aiutare nei momenti difficili, indipendentemente da eventuali pericoli e sacrifici. Nel Celeste Impero, non solo amavano: idolatrarono i soldati dell'Armata Rossa, che combatterono letteralmente al suo fianco sin dall'inizio della guerra nippo-cinese, dal 1937, fecero in mille pezzi l'esercito del Kwantung dei giapponesi, distrussero milioni di civili, sconfitti secolari nemici ed espulsi dalla terra cinese. Là provarono la più sincera gratitudine agli ingegneri, ai tecnici, agli scienziati, ai medici sovietici, i cui sforzi la Cina, che nel 1949 si trovava in una situazione ancora più terribile e miserabile di quella del nostro paese nel 1917, uscì dalla povertà e dalla devastazione.

Tuttavia, soprattutto, Joseph Vissarionovich Stalin era rispettato e venerato lì. In effetti, tutti gli aiuti sovietici alla Cina erano associati al suo nome. Sotto di lui, centinaia di aerei da combattimento, cannoni, carri armati e altre armi furono forniti al Celeste Impero, furono costruite strade e fabbriche, furono inviati centinaia di consiglieri militari. Sono stati loro a creare, per usare un eufemismo, contadini cinesi non troppo pronti al combattimento, una specie di forze armate in grado di resistere almeno in qualche modo ai giapponesi molto meglio armati, equipaggiati e addestrati. I piloti sovietici non solo hanno addestrato "assi" locali cercando di dominare combattenti e bombardieri, ma hanno anche preso una parte personale nelle ostilità. Il popolo sovietico ha aiutato i cinesi, senza risparmiare sforzi e rischiando la vita, perché quello era l'ordine e la volontà di Stalin. Naturalmente, i comunisti cinesi e il loro leader, Mao Zedong, hanno provato una simpatia ancora maggiore per il leader. Per loro, Joseph Vissarionovich era un vero idolo e, a proposito, lo è rimasto fino ad oggi. La Pechino comunista capiva perfettamente che senza l'aiuto dell'URSS sarebbe stato molto più difficile per loro vincere la guerra civile. Non meno importante è stato il riconoscimento ufficiale da parte di Mosca della Repubblica popolare cinese, che l'Unione Sovietica ha annunciato letteralmente il giorno dopo la sua creazione, il primo tra tutti gli stati del mondo. Ciò pose immediatamente fine alla domanda: "Essere o non essere la Cina comunista?" Nessun leader mondiale avrebbe avuto il coraggio di contestare l'opinione del Cremlino nel 1949.

Stalin e Mao


Nel 1949 Mao venne a lungo a Mosca, dove incontrò personalmente Stalin. All'inizio del 1950 fu firmato uno storico Trattato di amicizia e cooperazione tra i paesi. Successivamente, la Cina inizia a ricevere assistenza dall'Unione Sovietica, che, forse, non ha analoghi nella storia. Un prestito di 300 milioni di dollari? Sì grazie! Costruire nel più breve tempo possibile sul territorio del Celeste Impero almeno cinquanta grandi impianti industriali? Nessun problema! Assistenza nella formazione di specialisti militari, creazione e adeguamento di imprese per la produzione di armi e militari attrezzatura? Già fatto ... Qualcuno potrebbe, dopo aver letto tutto questo, iniziare a sputare e roteare il dito contro la tempia: “Stalin, è pazzo ?! C'è devastazione nel paese, la Grande Guerra Patriottica è appena finita e lui è un tale denaro per i cinesi! " Il nocciolo della questione è che Iosif Vissarionovich non era affatto pazzo, ma un pragmatico estremamente duro. Per cui godeva del rispetto sconfinato dell'astuto e per niente incline al sentimentalismo, Mao. Pechino ha ricevuto un prestito, ma solo ed esclusivamente per l'acquisto di attrezzature, macchinari e altri beni sovietici. Non sembra niente? Quindi niente ?! Sì, questa è la tattica e la strategia preferite dagli stessi cinesi, usata da loro ovunque oggi! Sanno come imparare, non c'è niente da dire. La situazione era più o meno la stessa su tutte le altre questioni. Camminando, per così dire, verso i cinesi, il comandante supremo li legò strettamente all'URSS, tanto da non poter far oscillare la barca. Con loro, ovviamente, abbiamo creato un esercito, addestrato e armato. E così lo includevano non solo tra i loro alleati più fedeli, ma anche nell'orbita del loro complesso militare-industriale.

Il furbo Stalin chiese immediatamente accordi tra i paesi in rubli e yuan, senza alcuna conversione in dollari nemici! Oggi Mosca si sta appena avvicinando a un simile risultato. Il socialismo nella RPC doveva essere costruito non solo secondo i modelli dell'URSS, ma in modo stalinista: collettivizzazione, industrializzazione, rafforzamento delle forze armate. E nessuna confusione e esitazione! Senza dubbio, Iosif Vissarionovich vedeva a Pechino non solo un alleato nel sud-est asiatico e nel Pacifico, dove gli Stati Uniti cercavano di stabilirsi con parsimonia. Sicuramente, il Supremo stava progettando di usare il Celeste Impero come trampolino di lancio per lo sviluppo dell'espansione sovietica in questa regione, con l'intenzione di spazzare via gli Yankees ei loro alleati da lì! Inoltre, la versione secondo cui il Generalissimo in tutta serietà avrebbe utilizzato le colossali risorse umane di Pechino nella sua programmata "ultima e decisiva battaglia" con i sovradimensionati, e già allora mirante all'egemone mondiale degli Stati Uniti, mi sembra di no. solo probabile, ma più che convincente ... No, immagina: milioni di compagni cinesi, anche con i fucili catturati trasferiti loro dall'URSS e il PPSh rimosso dal servizio dall'esercito sovietico, si riversarono attraverso l'Alaska nel territorio degli Stati Uniti nel 1955! E sopra di loro - i nostri bombardieri strategici e caccia a reazione ... In quanti giorni due bandiere rosse avrebbero sventolato sulla Casa Bianca - con falce e martello e con cinque stelle d'oro?

XX Congresso: la fine di tutto


Ha rovinato, corrotto, rovinato tutto, ovviamente, il "genio del male" dell'Unione Sovietica, Nikita Khrushchev. Dopo la morte di Joseph Vissarionovich nel 1953, le relazioni tra Mosca e Pechino, a prima vista, non sono cambiate affatto. Anche se ... Ci sono prove che Mao si irrigidì anche allora, vedendo con chi avrebbe avuto a che fare in futuro. Tuttavia, il famoso XX Congresso del PCUS del 1956 ha cambiato istantaneamente e completamente tutto, sia che fosse tre volte sbagliato. Fu su di esso che il calvo Kukuruznik iniziò il suo ingannevole, ipocrita e criminale "smascheramento del culto della personalità di Stalin". E questo in Cina non poteva resistere. Qualcuno oggi sta cercando di affermare che Mao Zedong, dicono, era contrario alle buffonate antistaliniste di Krusciov, perché "temeva per il proprio potere e la propria autorità". Questa è una stronzata, mi scusi! Mao governò sovranamente la Cina fino alla sua morte, e la sua enorme autorità non poteva essere scossa né dal fantasmagorico "Grande Balzo in Avanti" né dalla misteriosa "Rivoluzione Culturale", che ebbe luogo con tali "eccessi" e sacrifici che Stalin non sapeva dove andare! In un modo orientale, saggio e capace, a differenza del diavolo calvo, di pensare a lungo termine, il leader della Cina comunista ha semplicemente capito perfettamente cosa, alla fine, atti così idioti come sputare sui suoi stessi grandi leader, le proprie vittorie, la sua stessa storia potrebbe portare a ... Sì, ha provato una certa gratitudine personale a Stalin, che ha svolto un ruolo significativo nell'avvento al potere dei comunisti in Cina. Tuttavia, secondo i numerosi ricordi dei contemporanei, il rapporto tra i due Leader non fu affatto liscio: Joseph Vissarionovich naturalmente insistette su Mao con la sua colossale autorità, non perdendo occasione per sottolineare il suo ruolo chiaramente subordinato.

E, tuttavia, il leader cinese si è rivelato al di sopra di meschine lamentele personali e dolorose punture di orgoglio. A Stalin, in contrasto con il vicino e miserabile Krusciov, vide, prima di tutto, un simbolo maestoso con cui i comunisti di tutto il mondo potevano ottenere sempre più vittorie. Mao era ancora più infuriato che l'insignificante Calvo, indegno di pulire la polvere dagli stivali logori del Supremo e non ha mai osato opporsi a lui durante la sua vita, ha iniziato a scodinzolare e strappare il leone morto con la gioia dell'ultimo sciacallo. Quando, nel 1957, Krusciov, che era finalmente uscito dai binari, ordinò di portare le ceneri del Leader fuori dal Mausoleo, i cinesi si offrirono di riportare loro il corpo e di seppellirlo lì con tutti gli onori dovuti. E qual è stato il costo del trucco della delegazione cinese che ha partecipato al XXII Congresso del PCUS nel 1961? I suoi membri hanno lasciato una magnifica ghirlanda sulla tomba di Joseph Vissarionovich, sulla quale, tra le altre cose, era scritto: "Questo è un segno che i comunisti cinesi non condividono la posizione di Krusciov riguardo a Stalin!" La cosa principale è che Mao Zedong, che ha apertamente onorato Nikita come un "opportunista" e "capitolatore" per il suo flirt con l'Occidente, prima di tutto con gli Stati Uniti, ha previsto che la sua ascesa al potere significava l'inizio della fine del l'URSS. Aveva ragione al 100%, una volta disse che, grazie a Krusciov, il paese ora non è governato da veri comunisti, ma da "nazionalisti e carrieristi" che alla fine "tireranno fuori le carte del partito e si trasformeranno in veri signori feudali". Come nell'acqua ha guardato, prevedendo la "perestrojka" e il 1991.

Dall'errore all'errore


Tuttavia, forse tutto sarebbe andato diversamente se Nikita fosse stato almeno qualcosa di se stesso, se avesse avuto almeno una qualità degna di rispetto. Ma no: dopo aver sputato addosso a Stalin, lo squallore calvo iniziò subito a fingersi un nuovo "leader del proletariato mondiale", lasciandosi fare dichiarazioni offensive sullo stesso Mao. Sì, inoltre, cercando di insegnare a lui, e Kim Jong Il, e altri leader dei paesi socialisti dell'Est e dell'Ovest, periodicamente, inoltre, accusandoli di "culto" della propria personalità. Con tutto questo, nei rapporti con la stessa Cina, Krusciov ha mostrato sia testardaggine da asino che incredibile arroganza, quindi del tutto inaccettabile per il leader di un grande potere debolezza e dolcezza. Questa incoerenza appariva particolarmente selvaggia agli occhi del popolo d'Oriente, non lasciando il minimo spazio al rispetto per un soggetto che si comporta in questo modo. Non per niente Mao, durante i suoi ultimi incontri con Krusciov, lo ha deriso nel modo più naturale - o il fumo di tabacco inizierà sul suo viso (sapendo benissimo che l'uomo calvo non lo sopporta), poi improvvisamente si offrirà di negoziare in una pozza profonda, essendo, ancora una volta, consapevole che Krusciov nuota esattamente come un'ascia. Quindi umilia un cinese nemmeno un nemico, ma qualcuno che non prende affatto sul serio ...

Ma, okay, Krusciov si espose ai cinesi solo come un idiota! Come ho detto, nei rapporti con loro si precipitava da un estremo all'altro (come in ogni altra cosa, però). O ha promesso di aiutare con la creazione della bomba atomica, e poi improvvisamente ha esitato - dopo la strana dichiarazione che "non c'è niente di sbagliato nella terza guerra mondiale", fatta da Mao a Mosca al prossimo incontro internazionale dei leader comunisti. E qual è il risultato finale? Sì, Nikita ha armato la Cina di armi nucleari, che carino! Ha anche consegnato i veicoli di consegna appropriati (aerei e missili) oltre alle tecnologie necessarie per il lancio completo e lo sviluppo del programma nucleare. Di conseguenza, Pechino, diventata proprietaria del proprio arsenale nucleare nel 1964, iniziò non solo a guardare con cattivo interesse alle terre orientali dell'URSS, ma già a presentare rivendicazioni territoriali molto specifiche al nostro paese. Si è arrivati ​​al punto di parlare di quasi un milione e mezzo di chilometri quadrati, una volta "sequestrati" dai russi, "terre primordialmente cinesi"! E cosa ha fatto Krusciov? Questo idiota "ammise parzialmente" le affermazioni avanzate, iniziando a promettere ai cinesi alcuni isolotti inutili e terre desolate in profonde paludi. A Pechino hanno chiesto di più e hanno capito: "Puoi e dovresti fare pressione su Mosca!" A proposito, per ragioni completamente incomprensibili, dalle nostre basi navali a Port Arthur e Dairen, Kukuruznik ha rifiutato anche prima - nel 1955. Stalin, quando firmò il trattato di amicizia con Mao, li tenne stretti.

Tutto ciò avvenne sullo sfondo di una decisione ancora più folle di Lysik: nel 1959-1960 ordinò di richiamare immediatamente tutti gli specialisti sovietici, sia militari che civili, dal Celeste Impero. La fornitura di materie prime e attrezzature e l'allocazione del finanziamento promesso sono state immediatamente interrotte. Come questo abbia influenzato il già a malapena in piedi allora in piedi, l'industria cinese, credo, non può essere spiegato. Inoltre, Krusciov ha chiesto la restituzione di tutti i prestiti precedentemente assegnati a Pechino. I cinesi hanno affrontato questo problema - inoltre, nel 1964, tutti hanno pagato per intero. Qualunque cosa gli sia costata. Ma ai loro occhi l'URSS si stava trasformando sempre più non in un "cattivo amico", ma nel nemico più naturale. La cosa peggiore è che nulla è cambiato anche dopo che Krusciov è stato finalmente preso a calci in culo con un ginocchio! Non so quanto sia vera la storia di come il ministro della Difesa dell'URSS, il maresciallo Malinovsky, abbia sbottato all'ambasciatore cinese a Mosca qualcosa del tipo: "Ci siamo già sbarazzati del nostro vecchio pazzo. E tu e il tuo Mao risolverete la questione allo stesso modo - e tutto funzionerà per noi! " Bene, moltissimo, sai, sembra la verità! Soprattutto alla luce di come le relazioni sovietico-cinesi si "sviluppassero" ulteriormente. Tutto finì con la crisi più dura del 1969, con le battaglie a Damanskoye e il conflitto di confine vicino a Zhalanashkol. Ma poteva arrivare fino allo scambio di "convenevoli" nucleari! Per estinguere il conflitto ci volle l'abilità di Alexei Kosygin, diplomatico della scuola stalinista, che capì perfettamente con chi e come negoziare.

Il risultato è triste


Qual è la linea di fondo? Le azioni cretine (altrimenti, scusa, non riesco a trovare le parole) di Nikita Khrushchev e dei suoi seguaci, non solo hanno allontanato dall'Unione Sovietica un paese che sarebbe stato un alleato militare, politico ed economico assolutamente inestimabile per lui, ma, infatti, lo ha schierato verso gli Stati Uniti d'America. Sì, Pechino e Washington non sono diventati migliori amici. Tuttavia, gli americani ricevettero un enorme "laboratorio" nella persona della Cina e un mercato quasi senza fondo, che diede un enorme impulso al loro sviluppo. economia... Allo stesso tempo, i compagni cinesi sono riusciti a non commettere l'errore più terribile che in seguito hanno commesso l'URSS e la Russia. Non sono caduti nella trappola dei "valori occidentali", non hanno permesso agli americani e ad altri "amici" appena apparsi di penetrare nella loro cultura, ideologia e nella sfera dell'educazione dei giovani. Per non parlare dell'amministrazione statale ... Sì, e l'economia si è rivelata non così semplice: nonostante tutte le pressioni dell'Occidente, la Cina non ha cambiato il suo sistema sociale e si è trasformata in un obbediente vassallo. Gli americani per tutto questo tempo hanno pensato di usare e sfruttare i cinesi malandati - solo che in realtà è andato tutto esattamente il contrario. Senza rompere il loro paese, senza gettare fango sulla propria storia e sui propri ideali, i cinesi sono riusciti in qualche modo incomprensibile a combinare l'ideologia comunista con l'economia capitalista di stato. E alla fine hanno costruito quello che hanno costruito. Una potenza che è seconda (e seconda?) Al mondo per potenza economica, terza per potenza militare, una delle prime per potenzialità scientifiche e innovative). Puoi elencare per molto tempo ...

Ahimè, durante questo periodo i leader del Celeste Impero hanno imparato a cavarsela perfettamente senza coloro che una volta erano considerati "fratelli", e ci hanno anche giocato brutti scherzi per decenni come potevano - nello stesso Afghanistan o Vietnam, per esempio. Pur lamentandosi oggi della loro insidiosità e riluttanza a correre verso la Russia a braccia aperte, a volte vale la pena ricordare quanto crudelmente l'URSS, o meglio, i suoi leader e politici molto specifici, "gettò" la Cina, costringendoli a essere delusi da entrambi i loro sincerità e la propria affidabilità come partner. Oggi, fortunatamente, la situazione sta cambiando in meglio. Mi piacerebbe credere che gli attuali leader della Russia non permetteranno quegli errori nelle relazioni con la Cina che i loro predecessori hanno peccato. Con questo paese, qualsiasi tentativo di pressione e la minima manifestazione di debolezza sono inaccettabili. È meglio usare i metodi del compagno Stalin, combinando sincerità e onestà con ragionevole pragmatismo. Certo, non saremo fratelli, ma i buoni rapporti con la Cina porteranno indubbi benefici alla Russia.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. pischak Офлайн pischak
    pischak 31 August 2019 09: 00
    +1
    I treni "Mosca-Pechino" vanno ... sì

    L'articolo viene letto tutto d'un fiato! buono E non riesco nemmeno a credere che sia passato esattamente mezzo secolo da quei giorni inquietanti dell'agosto-settembre 1969, un'intera vita - a volte sembra che gli anni siano volati come un momento ...
    Tutto, quanto a me, dal rispettato Alexander Necropny, è scritto correttamente! Sorrise - "Le soluzioni di Lysik" - inventato dall'Autore "guidò" con una "lettera maiuscola", dopotutto, per abitudine, iniziando a leggere il testo dalla fine e dal centro, all'inizio non capivo che tipo di onnipotente "figura" sovietica questo, il cui cognome non so ... sorriso
    Con le conclusioni dell'autore sommario sono completamente d'accordo!
  2. Mihail55 Офлайн Mihail55
    Mihail55 (Michael) 31 August 2019 10: 41
    +4
    Ottimo articolo !!! Era un periodo allarmante, ricordo ... anche se ero ancora piccolo.
    Ma ricordo anche manifestazioni con striscioni, dove un russo tende la mano al cinese per stringergli la mano! Abbiamo commesso molti errori criminali ... e anche adesso non guardiamo bene al passato ...
    Recentemente, una macchina utensile è venuta da noi per l'installazione da Taiwan. Ho incontrato il cinese Li (beh, se lo chiami "conoscente" sorriso ). Tuttavia, i gesti erano molto chiari! PROFIE !!!
  3. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 31 August 2019 15: 28
    +1
    Quanti leader senza testa avremo ancora ... E questa è stata la nostra crisi più grave con il paese comunista e fraterno, che è stata scatenata da Giuda Krusciov, che ha gettato fango al 20 ° Congresso del PCUS nel marzo 1956, Stalin e le sue politiche , livellando così i suoi crimini di fronte alla gente del nostro paese ... Quante persone ha abbandonato, essendo il padrone completo di Mosca, di tutta l'Ucraina e poi dell'intero stato ... Ricordo bene il giorno in cui il Le prime notizie ci sono pervenute a Norilsk sul "culto della personalità" Stalin. La città era rumorosa, in tutte le zone del campo il regime è stato rafforzato, la sicurezza, fino alle divisioni di artiglieria rimaste lì dalla rivolta dei prigionieri di Norilsk nel maggio 1953 ... Mao Tse Tung ha semplicemente idolatrato Stalin per il suo aiuto nella formazione della RPC , nella sua assistenza militare nella guerra con il Giappone, per le fabbriche e le fabbriche costruite dall'URSS, e qui su di te - è "il nemico del popolo", quindi è andato, è andato e ha raggiunto Damansky, sebbene Krusciov fosse non più al potere ..... Ottimo articolo, Alessandro, ce ne sarebbero di più di quelli in modo che i nostri giovani sappiano chi è chi è al potere, e quanto costa al nostro paese. Grazie.
  4. DPN Офлайн DPN
    DPN (DPN) 1 September 2019 17: 56
    +1
    Sono grato per l'articolo, non sapevo molto, ho giudicato Krusciov solo sulla base della costruzione di alloggi su larga scala (molti vivono ancora a "Krusciov" oggi) e del fallimento del raccolto quando ho dovuto fare la fila per il pane per un poco tempo.
    1. Mister-RED Офлайн Mister-RED
      Mister-RED 1 September 2019 18: 49
      +1
      Le code per il pane furono provocate da coloro che volevano rovesciare Krusciov. La mamma ha detto che il pane è apparso letteralmente subito dopo la sua rimozione dal potere.
      1. DPN Офлайн DPN
        DPN (DPN) 1 September 2019 20: 47
        +2
        La stessa cosa è accaduta durante il crollo dell'URSS, tutto è scomparso e sotto Eltsin ha iniziato ad apparire. E dov'erano il KGB e l'esercito?
  5. DPN Офлайн DPN
    DPN (DPN) 1 September 2019 18: 01
    +1
    Sembra che Gorbaciov ed Eltsin siano diventati seguaci di Krusciov.
    Grazie all'autore per l'articolo.
  6. Arkharov Офлайн Arkharov
    Arkharov (Grigory Arkharov) 10 October 2019 15: 18
    -2
    Krusciov aveva ragione.
  7. Michael1950 Офлайн Michael1950
    Michael1950 (Michael) 8 March 2021 11: 45
    -2
    Da dove vengono ancora reclutati tanti stalinisti?
    Quindi anelano ad una "mano ferma", ai campi, alle esecuzioni, alla paura costante. Credono che gli altri spareranno e pianteranno, ma non loro - LORO PER COSA ?! am