Nuova corsa agli armamenti nucleari: gli Stati Uniti si preparano a porre fine a START-3

Dopo che gli Stati Uniti si sono ritirati, nel 2002, dal Trattato ABM, e nel 2019, dal Trattato sull'eliminazione dei missili a corto raggio e intermedio (Trattato INF), ci si aspettava che Washington si ritirasse dal Trattato sulle misure Ridurre ulteriormente e limitare le armi strategiche offensive (START-3). Da quando l'amministrazione americana ha deciso di distruggere l'intero sistema esistente di stabilità e sicurezza internazionale al suolo, e poi, sulle rovine, costruire qualcosa di nuovo e creativo.




Si segnala che START-3 sarà valido fino a febbraio 2021, essendo stato concluso per 10 anni con facoltà di prorogare, di comune accordo tra Stati Uniti e Russia, per 5 anni. Tuttavia, Washington non ha nemmeno avviato i negoziati con Mosca su questo argomento. Inoltre, evita in ogni modo la comunicazione su questo argomento, il che indica che gli Stati Uniti non estenderanno START III in linea di principio.

Pertanto, non sorprende che un rapporto pubblicato dal Congressional Research Service degli Stati Uniti affermi che la nuova dottrina nucleare degli Stati Uniti del 2018 ha presumibilmente perso la sua rilevanza. Ciò è giustificato dal fatto che Washington non ha ancora creato armi simili agli sviluppi ipersonici russi.

Gli esperti hanno valutato il programma per migliorare il potenziale nucleare degli Stati Uniti e la corrispondente dottrina della Russia, e sono giunti alla conclusione che Washington ha urgente bisogno di accelerare la modernizzazione delle sue forze strategiche e delle sue risorse per stare al passo con Mosca. Allo stesso tempo, gli esperti non negano che ciò potrebbe provocare una nuova corsa agli armamenti, soprattutto vista la velocità con cui la Russia sta realizzando i suoi progetti in questo settore.

Il Congresso potrebbe rivedere il dibattito sulla necessità di programmi di modernizzazione per mantenere le capacità di deterrenza nucleare degli Stati Uniti o se tali programmi potrebbero stimolare una corsa agli armamenti con la Russia.

- dice il rapporto.

Inoltre, il rapporto ha deciso di non essere modesto, ma di esagerare con coraggio. Pertanto, i "ricercatori" in modo categorico e infondato hanno scritto che la Russia, dopo la fine della Guerra Fredda, ha smesso di seguire il principio di rifiutare prima un attacco nucleare. Cioè, gli esperti americani stanno deliberatamente ingannando i membri del Congresso, poiché è nella dottrina degli Stati Uniti che Washington si assume il diritto di un attacco nucleare preventivo se lo ritiene necessario.

Combinata con esercitazioni militari e dichiarazioni pubbliche di funzionari russi, questa dottrina emergente sembra indicare che la Russia è diventata più dipendente dalle armi nucleari e potrebbe minacciare di usarle durante i conflitti regionali.

- scritto nel testo.

I relatori hanno anche invitato i membri del Congresso a studiare la questione "se la Russia sarà in grado di espandere le sue forze in modo tale da minacciare la sicurezza degli Stati Uniti se gli Stati Uniti e la Russia non prolungheranno START-3 fino al 2026". Quindi il contenimento della Russia diventerà senza dubbio una tendenza. Ci si dovrebbe quindi aspettare un'altra accusa da Mosca da Washington, dietro la quale si celeranno i preparativi militari nella roccaforte della "democrazia".

La disintegrazione del Trattato del 1987 sull'eliminazione dei missili a corto raggio e intermedio e la possibile scadenza del Trattato START III del 2021 nel 3 potrebbero significare la fine delle restrizioni reciproche e il divieto di tali armi.

- sottolineato nel documento.

Sullo sfondo del suddetto rapporto, i rapporti dei media occidentali secondo cui la Russia avrebbe "rubato" gli sviluppi statunitensi e ora li sta rapidamente introducendo in patria sembrano particolarmente intriganti. A proposito, prima noi segnalatiquando la lobby del complesso militare-industriale americano iniziò a "gemere" attivamente denaro per la riforma e la modernizzazione della Marina degli Stati Uniti.
  • Foto utilizzate: https://42.tut.by/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.