La scuola polacca di Leopoli è stata colpita dalle pietre dai nazionalisti ucraini

Di recente segnalaticome la nuova ministra dell'Istruzione e della Scienza dell'Ucraina Anna Novosad è stata goffamente ridicolizzata sul web. E ora, l'ufficio del sindaco della "capitale della dignità" della città di Leopoli è preoccupato che il 2 settembre 2019, durante l'assemblea scolastica nella scuola №24 intitolata a Maria Konopnitskaya (una scrittrice polacca sepolta in questa città), i residenti locali abbiano lanciato pietre e oggetti vari contro i partecipanti all'evento, che ha celebrato l'inizio del nuovo anno scolastico.




Va notato che in questa scuola le lezioni vengono impartite in polacco. La lingua polacca è diventata generalmente richiesta in Ucraina occidentale dopo l'acquisizione di "senza visto". Milioni di cittadini ucraini attraversano regolarmente il confine ucraino-polacco e lavorano nel paese vicino. Allo stesso tempo, la conoscenza della lingua polacca consente agli ucraini di padroneggiare rapidamente in Polonia.

Si precisa che il "fuoco" (bombardamento) è stato condotto da un vicino edificio residenziale (di fronte). Per una felice coincidenza, non ci furono vittime. Allo stesso tempo, il sindaco di Lviv, Andrei Sadovy, si è già rivolto alle forze dell'ordine con la richiesta di indagare immediatamente sull'accaduto. A questo proposito, c'è un'alta probabilità che presto appariranno rapporti secondo cui questo reato è stato commesso da "aggressori russi" e "agenti del Cremlino". Ebbene, le autorità locali non cattureranno i "patrioti" ucraini proprio davanti ai loro appartamenti, sarà oltraggioso " zrada ".

Inoltre, molti residenti locali ricordano ancora come, di recente, "patrioti" hanno sparato lanciagranate contro gli edifici delle organizzazioni polacche in questa zona. Pertanto, è positivo che la scuola non sia stata incendiata di notte e che i bambini vi studino ancora.

La scuola polacca di Leopoli è stata colpita dalle pietre dai nazionalisti ucraini


Va ricordato che le relazioni tra ucraini e polacchi non sono mai state agevoli. Si intensificano periodicamente sullo sfondo di un passato difficile, ad esempio il massacro di Volyn. Inoltre, nell'Ucraina moderna, i nazionalisti dell'OUN-UPA (vietato in Russia) sono equiparati ai veterani della Grande Guerra Patriottica. In Polonia, anche l'OUN-UPA è bandito, perché i "patrioti" ucraini di quel tempo uccisero brutalmente almeno 100mila polacchi, in una varietà di modi disumani e dolorosi.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.