L'Europa ha inflitto un colpo insidioso a Gazprom, tagliandosi su se stessa

La decisione presa il 10 settembre dalla Corte di giustizia dell'Unione europea contro il gigante del gas russo non è solo motivata politicamente, dalla prima all'ultima riga, ma rappresenta anche un esempio lampante di assurdità. Seguendo le aspirazioni russofobe di alcuni dei suoi membri, che sono la "quinta colonna" degli Stati Uniti nel Vecchio Mondo, l'Unione europea corre il rischio di suicidarsi energicamente e di finire in un vero e proprio stallo.




Facendo un inedito tentativo di "torcere le braccia" di Gazprom in vista degli imminenti colloqui tra i suoi rappresentanti e l'ucraino Naftogaz sui problemi di transito, gli europei dimenticano la prospettiva più che reale di affrontare il prossimo inverno nelle celle frigorifere.

Chi ha calpestato la gola di OPAL?


Il verdetto di cui sopra è la soddisfazione della domanda presentata in questa corte dai Governi delle tre "superpotenze europee" - Polonia, Lettonia e Lituania, per annullare la decisione della Commissione Europea n. C (2016) 6950 del 28 ottobre 2016. Questa decisione ha revocato il divieto di utilizzo da parte di Gazprom del gasdotto OPAL, che è un'estensione onshore del Nord Stream a oltre il 50% della sua capacità. Inizialmente, tali restrizioni erano previste dal cosiddetto Terzo Pacchetto Energia dell'UE, presumibilmente mirato a "prevenire la monopolizzazione del mercato energetico europeo". In effetti, tutto questo cavalluccio in origine era una pura sciocchezza economico punto di vista: dopotutto, il gas nelle tubazioni del "Nord Stream" proveniva esclusivamente dalla Russia e non c'erano concorrenti all'orizzonte. Non sorprende che in un futuro molto prossimo, la Commissione europea abbia consentito alla nostra Gazprom di utilizzare un altro 40% delle capacità di OPAL, il che ha causato un'isteria naturale nel paese, che, a quanto sembrava, era "attaccata" in modo affidabile all'esportazione dei nostri vettori energetici dell'aspirante compagnia di transito. Nello stesso 2016, PGNiG SA, PGNiG Supply and Trading GmbH, Naftogaz dell'Ucraina, così come i governi di Polonia, Lituania e Lettonia, hanno unito i loro sforzi per riempire di reclami tutti i casi concepibili e inconcepibili dell'UE.

Non sono riusciti a fermare completamente il funzionamento del gasdotto in modo così meschino: a metà del 2017, le richieste sono state "rasate" dalla Corte Suprema del Land di Dusseldorf. Questo è abbastanza naturale: il proprietario di OPAL è la joint venture WIGA Transport Beteiligungs-GmbH & Co. KG., Che ha come azionisti Wintershall Holding GmbH (50.02%) e la sua controllata BASF, e PAO Gazprom (49.98%). L'isteria polacco-ucraina-baltica ha colpito duramente le tasche degli azionisti tedeschi, che non intendevano assecondare l'insolenza dei loro vicini orientali, che gridavano qualcosa a proposito di una "minaccia alla sicurezza energetica dell'Europa". L'anno scorso, la stessa corte di giustizia europea ha inviato Naftogaz con le sue richieste di chiudere OPAL all'inferno. Sembrava che la mente stesse vincendo - e ora una svolta del genere. I tedeschi, la cui obbedienza alla legge e la cui soggezione davanti a chiunque, sebbene estremamente inutile per loro, le stranezze di Themis sono elevate a un assoluto, sono costretti a reagire. Il regolatore locale Bundesnetzagentur ha già ordinato a Gazprom di dimezzare i suoi volumi di fornitura, annunciando che si sta “preparando a prendere misure di vigilanza” per far rispettare il verdetto. Rimane un segreto commerciale quanto delle parolacce tedesche siano state accompagnate da una tale decisione. La Germania, come la Russia, perde molti soldi su questo, ma, inoltre, si trova in una posizione molto più pericolosa ...

Per far dispetto a Gazprom, congeleremo l'Europa!


Come è stato ripetuto molte volte nella serie televisiva cult che è diventata negli ultimi anni - "Winter is Coming!" Il mezzo soffitto di OPAL, con la sua capacità di oltre 36 miliardi di metri cubi all'anno, significa che l'Europa non riceve una quantità colossale di "carburante blu" - e proprio alla vigilia della nuova stagione di riscaldamento. Gazprom sopravviverà in qualche modo a questo, anche se con perdite molto tangibili, ma gli stessi tedeschi e altri consumatori europei del nostro gas? Una grande domanda ... Tuttavia, la risposta, a parere di quei giudici "intelligenti" che hanno preso una decisione che emanava tendenze suicide, così come di coloro che hanno mosso la mano allo stesso tempo, sta nella parola "Ucraina". Hanno in programma di continuare a ricevere gas russo da lì! Gli stessi polacchi, la cui scala di trionfo su un'affermazione soddisfatta, è paragonabile al trionfo di una guerra mondiale vinta, stanno cercando con tutte le loro forze di convincere il mondo di aver agito quasi esclusivamente nell'interesse di Kiev. E il presidente del consiglio di PGNiG, Piotr Wozniak, e il ministro dell'Energia della Polonia, Krzysztof Thuzewski, e anche il primo ministro locale, Mateusz Morawiecki, che ora stanno riversando commenti di destra e sinistra sui media locali sulla "fatidica vittoria", insistono all'unanimità che in questo modo “Hanno salvato l'Ucraina e l'Europa dagli shock”, mantenendo, nonostante il malizioso “Gazprom”, il transito attraverso il GTS “nezalezhnoy”. Oh è ?!

È probabile, infatti, che si svolga il prossimo round di consultazioni trilaterali sulla questione del transito, con la partecipazione di rappresentanti di Russia, Unione Europea e Ucraina, sotto il patrocinio del Commissario europeo per l'Energia, Maros Shefcovic, previsto per il 19 settembre. In ogni caso, il capo del dipartimento energetico interno, Alexander Novak, ha già annunciato la disponibilità del nostro paese a partecipare a quelli. Ma quale sarà l'utilità di questi negoziati se Kiev si riposa di nuovo saldamente, come il noto animale dalle orecchie lunghe, e comincia a riversare richieste e "desideri" completamente impossibili che superano tutti i limiti ragionevoli? Molto probabilmente, la trattativa si trasformerà ancora una volta in "comunicazione" tra muti e sordi, e si concluderà con le "alte parti negoziali" sedute al tavolo che le lasceranno forzatamente, sputando disperatamente, e ciascuna con i propri interessi. Questo risultato può essere previsto con una precisione di circa il 99%. Dopotutto, "non in contanti" non vuole ritirarsi in alcun modo da affermazioni assolutamente folli sul volume del transito futuro, sui prezzi per il trasporto e continua persino a insistere sull'esecuzione da parte russa di lodi arbitrali predatori per miliardi di dollari, che Gazprom dovrebbe pagare alla parte ucraina per ragioni completamente inverosimili. La Russia, naturalmente, non vuole sentire niente del genere e l'Ucraina rifiuta categoricamente di estendere il transito alle nostre condizioni. Ma se solo quello! Ci sono una serie di altri motivi per cui il gas russo lascerà il Nesalezhnoy GTS il 1 ° gennaio 2020, quasi inevitabilmente.

Vincitori - Washington e Varsavia


Estorcendo con un coltello alla gola "firmando un nuovo contratto su termini e principi europei", Kiev semplicemente non può concluderlo fisicamente! In effetti, anche nell'ipotesi assolutamente fantastica che Gazprom soddisferà questi requisiti di ricatto con una certa gioia, è proprio in base alla legislazione dell'UE che solo una società indipendente da Naftogaz può essere un operatore di transito. La parte ucraina ha bisogno del cosiddetto unbundling, su cui insiste fermamente la Banca Mondiale, che tiene saldamente l'Ucraina per la gola con le sue zampe tenaci, separando dalla struttura della compagnia energetica statale sia il sistema di trasporto del gas stesso sia il suo operatore. Tuttavia, niente del genere nel "nezalezhnoy" non è nemmeno vicino oggi! Sono impegnati con infinite scelte politico intrighi, divisione di post e portafogli, così come il dispositivo nello stesso "Naftogaz", mi scusi, un pasticcio permanente, chiamato per qualche motivo "riforma". Sognatori e romantici a Kiev (in particolare, il premier prodigio locale, Aleksey Goncharuk) continuano oggi a trasmettere qualcosa sulla "soluzione del problema" nel prossimo futuro, mentre i realisti si preparano a una completa cessazione del transito. Esperti locali allo stesso tempo prevedono l'Ucraina dal 1 ° gennaio 2020, un deficit giornaliero di gas di almeno 50 milioni di metri cubi.

Senza dubbio, le radici delle azioni zelanti dirette contro Gazprom si estendono oltre l'oceano, fino agli Stati Uniti. Lo dimostra in modo eloquente il fatto della conclusione dell'accordo americano-polacco-ucraino sulla cooperazione nel campo dell'approvvigionamento energetico a Varsavia il 31 agosto. Naturalmente dagli USA. Qual è l'interesse di Washington, qual è il suo astuto piano? Per non lavare, quindi rotolando, dopotutto, per costringere l'Europa ad acquistare il proprio costoso GNL, gli americani dovrebbero, in primo luogo, per quanto possibile, tagliare il Vecchio Mondo da forniture russe molto più affidabili ed economiche e, in secondo luogo, aumentare i prezzi il più possibile. sul "carburante blu", creando una carenza artificiale. Tutti i loro attacchi a Nord Stream 2, Turkish Stream e tutti gli altri progetti energetici russi relativi all'Europa sono subordinati a questo obiettivo. Comprendendo perfettamente che un nuovo accordo di transito con Kiev molto probabilmente non verrà firmato in nessuna circostanza, gli Stati Uniti, che sperano di arricchirsi favolosamente con i loro poli GNL, bloccano anche OPAL. Mossa brillante! Gazprom dovrà ora far girare il suo serpente su una padella calda per adempiere a tutti i contratti conclusi con i paesi dell'UE, per non cadere in sanzioni e per non dare motivo di dubitare della propria affidabilità come fornitore. Puoi stabilire qualsiasi cosa: in un futuro molto prossimo, seguiranno nuove sanzioni da Washington, con l'obiettivo di complicare e ritardare (se non interrompere del tutto) il lancio di Nord Stream 2, così come altre cose cattive. La lotta è andata seriamente e completamente senza regole ...

Molto probabilmente, la Russia sarà comunque in grado di uscire da questa situazione estremamente difficile con perdite minime e senza "perdere la faccia". Molto qui dipenderà dalla posizione della Germania e di altri paesi dell'Unione europea, a differenza della stessa Polonia, che si prende cura dei propri interessi, non americani. In ogni caso, la vittima principale, in caso di attuazione più riuscita dello scenario di Washington, sarà l'Europa, che ancora una volta si è “sparata ai piedi”.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
21 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Aico Офлайн Aico
    Aico (Vyacheslav) 12 September 2019 08: 36
    0
    Niente, si sentiranno a gennaio, febbraio - ci vuole molto tempo per raggiungere l'arcobaleno !!!
    1. hamster1979 Офлайн hamster1979
      hamster1979 (Costantino) 12 September 2019 16: 17
      -5
      Uh-huh, l'Ucraina andrà in pezzi, l'Ucraina si congelerà, gli Stati Uniti cadranno a pezzi ... L'UE si congelerà? Cos'altro? I cittadini dell'UE insorgeranno e spazzeranno via i governi filoamericani? E la Russia "zhyve"?
      1. sgrabik Офлайн sgrabik
        sgrabik (Sergey) 12 September 2019 17: 28
        +2
        Sei tu, vedi, non hai assaporato la situazione attuale. In un modo o nell'altro, ma alla fine l'Europa perderà, e ancor di più l'Ucraina.
        1. hamster1979 Офлайн hamster1979
          hamster1979 (Costantino) 12 September 2019 17: 44
          -1
          Un perdente? Finora, a parte le tagliatelle propagandistiche dal televisore, non vedo niente cadere a pezzi lì. La Polonia è fiorita tanto quanto i lavoratori ucraini vi si sono precipitati. Non mi interessa l'Ucraina stessa - ma anche lì la grivna sta guadagnando forza contro il rublo, i loro tassi di crescita sono molte volte più alti del nostro - e chiunque dica qualcosa lì - ma il paese sopravvive, le persone vivono in posti più divertenti che qui. Vai a drive2 - guarda quante persone sono impegnate in progetti di tuning automobilistico dall'Ucraina - pieno di gente, si tengono mostre, le persone vivono per se stesse e non sanno che l'Ucraina sta cadendo a pezzi e si sta congelando. Devi solo ammettere che i racconti sul congelamento dell'UE, sugli Stati Uniti che cadono a pezzi, che cadono a pezzi e degradano, l'Ucraina che gela, cade a pezzi, che va sotto il martello, la gente si solleverà e demolirà la giunta fascista - rimarranno favole. Tutto questo viene impiccato affinché la gente qui, in Russia, non si accorga dell'impoverimento di un paese totale sullo sfondo dell'arricchimento degli oligarchi, dell'incapacità di aumentare il benessere dopo un doppio declino rispetto al 2013 e, in generale, anche di una crescita economica minima. La corruzione totale e ora la totale impossibilità del popolo di influenzare il governo: questo è tutto ciò che questa generazione di politici può offrirci. Corruzione e furto dal bilancio - per ingrassare le "élite" e per il popolo - non ci sono soldi, ma tenete duro, macaros tra i denti e lavorate fino alla morte - queste sono le ricette per le nullità e le tre elementari che hanno preso il potere, con presunzione ipertrofica e riflessi acuti.
          1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
            Pishenkov (Alex) 12 September 2019 21: 18
            0
            In linea di principio, la tua profonda frustrazione, l'opinione negativa sul potere, ecc. Sono comprensibili. Ma la domanda è: esiste un'alternativa? O era meglio prima e il paese fiorì? Bene, ora posso confrontarlo con una storia che personalmente ricordo bene e adeguatamente, 40 anni fa - l'URSS era un periodo piuttosto tardo, e poi con il suo crollo, anni '90, primi anni 2000 ... Era tutto decisamente PEGGIORE di adesso.
            Quelli che ora stanno gridando qualcosa "in opposizione" sono più o meno la stessa cosa con coloro che hanno portato il nostro paese nello stato dei primi anni '90 ... È di nuovo loro "nel regno"? Hai avuto poca vergogna, povertà e devastazione? Oppure ci sono altri candidati?
            Forse serve una rivoluzione popolare, con una completa ridistribuzione di tutto e di tutti? Anche questa è una mossa possibile, ma qui non bisogna dimenticare che la generazione che la produce non gode mai dei frutti della rivoluzione. Questi, che stanno combattendo per una nuova felicità, si limitano a leccare tutta la merda, ei frutti, in uno scenario buono, possono essere usati dai loro nipoti ...
            OK, le critiche vanno bene ... Ma dov'è l'uscita ??? Qualche suggerimento? ... O solo un'altra chiacchiera insensata ???
          2. Mikhalych Qualcuno Офлайн Mikhalych Qualcuno
            Mikhalych Qualcuno (Mikhalych Someone) 12 September 2019 23: 46
            0
            Stai morendo di fame?
          3. Vasily Krutov Офлайн Vasily Krutov
            Vasily Krutov (Vasily Krutov) 13 September 2019 22: 21
            0
            Sfortunatamente, hai completamente ragione.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 12 September 2019 10: 47
    +5
    Gazprom dovrà ora far girare il suo serpente su una padella calda per adempiere a tutti i contratti con i paesi dell'UE.

    Non c'è bisogno di andare da nessuna parte, visto che la forza maggiore è arrivata sotto forma di rifiuto dell'UE di far transitare il gas russo attraverso i tubi esistenti. E la stessa UE è responsabile del fatto che le sue strutture stanno conducendo attività sovversive contro l'economia dell'UE. I prodotti asiatici diventeranno molto più economici e competitivi di quelli europei!
    1. hamster1979 Офлайн hamster1979
      hamster1979 (Costantino) 12 September 2019 16: 14
      +1
      Non sono stupidi. Ciò significa che TALE forza maggiore non è specificata nei contratti. Ciò significa che imporranno anche multe per pagare le carenze.
  3. alatanas Офлайн alatanas
    alatanas (Alexander Atanasov) 12 September 2019 11: 30
    0
    Lo stesso è accaduto con il South Stream, solo l'interesse dei "forti" nell'UE è più per il North Stream.
  4. hamster1979 Офлайн hamster1979
    hamster1979 (Costantino) 12 September 2019 13: 36
    +1
    Tutto è ben pensato. Sono stati conclusi contratti di fornitura. E non puoi pompare attraverso il gasdotto. Non c'è nessun altro a vendere e vendere gas tranne l'Europa. Quindi torcono le braccia. Lo stesso è il modo in cui le nostre catene di vendita al dettaglio intrecciano le mani dei produttori agricoli - secondo lo stesso schema.
    1. Bulanov Офлайн Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 12 September 2019 13: 54
      +6
      Se stessi hanno vietato il pompaggio del gas, chi è il loro medico? E la Russia ha bisogno di introdurre massicciamente il carburante NGV.
      1. hamster1979 Офлайн hamster1979
        hamster1979 (Costantino) 12 September 2019 17: 33
        +3
        Sosterrò solo il carburante per motori a gas. Ed è meglio convertire tutti i veicoli a gas, per rendere i motori a gas. Abbiamo questo gas alla rinfusa - e acquistiamo apparecchiature UE con standard EURO-5 - in un paese che commercia in quote. Allo stesso tempo, ora metà dei sistemi dell'auto lavora per garantire standard ambientali: perché ne abbiamo bisogno ??? Per pagare i produttori di sistemi ecologici? Al contrario, dobbiamo introdurre i nostri standard e supportare il nostro produttore. E non è stupido comprare i loro sviluppi. Perché abbiamo bisogno dei loro mega motori a benzina ecologici economici, quando possiamo avviare abbastanza rapidamente la produzione dei nostri motori a gas semplici, anche se non così economici e non ecologici, ma ECONOMICI e convenienti. Potente. E la sua stessa economia avrebbe respirato. Appariranno i loro produttori.
  5. Pishenkov Офлайн Pishenkov
    Pishenkov (Alex) 12 September 2019 14: 57
    +2
    Per non lavare, quindi rotolando, costringere comunque l'Europa ad acquistare il proprio costoso GNL.

    - questa mossa è in realtà, come tutto ciò che stanno facendo gli Stati Uniti, di vasta portata e ben pensata. Ben pensato molto meglio di quanto tutti sembrano pensare. Sono stato qui di recente in questo Swinoustje, dove si trova il terminale GNL in Polonia - una città polacca molto carina (l'ex Swinemunde tedesca, a proposito, noi stessi l'abbiamo resa polacca nel 1945), il confine tedesco proprio alla periferia della città. E, guidando attraverso il territorio della Germania, proprio lungo il confine polacco, ho assistito per molti chilometri alla costruzione di una linea della sezione onshore del Nord Stream-2. Fu solo allora che capii il motivo per cui quel maledetto terminale GNL americano si trovava lì. Dopotutto, è scomodo da tutte le parti, sembrerebbe - perché non costruirlo per le forniture di gas all'Europa da qualche parte sulla costa atlantica, in modo da non trascinare enormi vettori di gas attraverso lo stretto nel poco profondo e trafficato Baltico? Ed è stato costruito in Polonia, a solo un paio di chilometri dalla parte onshore del nostro gasdotto, dove potevano avvicinarsi al massimo, dato che i tedeschi, ovviamente, non l'avrebbero messo proprio accanto alla SP-2 a Greifswald. ... Cioè, ora gli americani non hanno più bisogno di costruire il proprio gasdotto, sarà sufficiente allungare i tubi fino a quello finito, e il loro gas è andato via terra più lontano verso l'Europa, lungo il tubo che abbiamo costruito per loro, come per noi stessi .... (guarda sulla mappa). È congeniale! E la storia con OPAL, ne sono certo, si inserisce in questa catena. Ed è per questo che sono la Polonia e la Lituania che "entrano" in questo. La seconda mossa, credo, sarà la domanda:

    Come riempire OPAL in assenza di gas russo?

    e poi uscirà il GNL - un terminale a Swinoustye, e poi, forse, in Lituania ... In questo modo ...
    Se la Federazione Russa vuole risolvere in qualche modo questo problema, deve essere veloce e difficile. Altrimenti, i "partner" non staranno sulla cerimonia ...
  6. master2 Офлайн master2
    master2 (Zhora) 12 September 2019 16: 15
    -3
    .. abbattuto su se stesso.

    - un titolo minaccioso, dalla serie "L'Ucraina si congelerà definitivamente quest'anno", e non gela da sei anni. Inoltre, quest'anno una quantità record di gas è stata pompata negli impianti di stoccaggio. E l'Europa non si congelerà né questo inverno né il prossimo. E voglio ricordare alle persone intelligenti con gli slogan "taglia il gas per loro" come l'Occidente ha messo in ginocchio l'URSS quando sono state introdotte le carte del cibo. Chi non l'ha trovato - leggilo interessante.
    1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
      Pishenkov (Alex) 12 September 2019 16: 32
      +2
      L'Occidente non ha mai messo in ginocchio l'URSS. È stato difficile, sì. Ma non l'ho messo in ginocchio. Se Hitler non ha avuto successo, allora dove il resto delle figure successive, con un'ernia, come si suol dire ... Il formato non è lo stesso ... Poi è caduto a pezzi dall'interno, con un aiuto esterno, sì, ma questa è una storia diversa e l'URSS lo è già non quello ...
      Direi che vale la pena sedersi sulle carte per un paio di mesi, ma metterli in ginocchio e costringerli ad accettare le loro condizioni. Anche se ora non ci saranno nemmeno carte. Bene, ci saranno meno merci sugli scaffali e più costose ... Non prenderanno benzina da nessuna parte rapidamente, anche se si sovraccaricheranno. Quando c'erano problemi con il transito ucraino, i mobili venivano effettivamente riscaldati in Slovacchia. Il problema è che oggi nella nuova Russia non è più possibile farlo, e con tutto questo umore esterno (apparentemente) patriottico. Tutti si sono ammalati e, per il bene degli interessi dello stato, pochi sono pronti a sacrificare il proprio, e anche i liberali scioglieranno il moccio, inizieranno a esortare la gente ...
      E se la Federazione Russa non prende misure davvero dure ora, è improbabile che questa festa vinca ... O devono interrompere il gas o costruire un nuovo ramo di tubi molto rapidamente (hanno fatto un ponte per la Crimea? Il tubo è ancora più semplice, e anche questa è una domanda National Security), o togliere il GTS ucraino, insieme a dove si trova, o creare qualcos'altro del genere ...
      PS ... o forse il problema è che sia questi tubi che il gas non sono più uno stato di fatto, ma negozi privati ​​di persone ben precise
  7. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 12 September 2019 16: 21
    +1
    Ah. Quali sono tutti gli esperti. Il moncone è chiaro, l'Europa sta contrattando e vuole far scendere i prezzi, ricattare, turni.
    Qui paghi milioni di tangenti per entrare nella rete di negozi, e poi c'è una bolletta per miliardi.
    Ma Gazprom di nuovo, a quanto pare, ne ha approfittato. Non si sente parlare della sua opposizione, dell'assunzione di avvocati, delle domande riconvenzionali, ecc.
    1. sgrabik Офлайн sgrabik
      sgrabik (Sergey) 12 September 2019 17: 45
      +2
      E dove sono i "decantati" avvocati, economisti e "manager efficaci" ai quali Gazprom paga enormi compensi e "paracadute d'oro" per la loro unicità e insostituibilità, come hanno permesso che si presentassero condizioni così sfavorevoli? Ma poiché siamo abituati a lavorare il meno possibile, ma ottenendo il più possibile, il risultato è ovvio !!!
  8. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 12 September 2019 17: 19
    +4
    La pipa Opal è europea e anche la soluzione è europea. Quindi devi farlo. Europei. GazProm fornirà solo la quantità di gas specificata nei contratti. E l'Europa ha bisogno di molto di più. Ma questa è la loro relazione sessuale. Che comprino il gas polacco-americano. Non lo proibirai. Il mercato è il mercato. Difficilmente ci sarà una sanzione per la carenza di gas ai sensi dei contratti e, se lo farà, sarà più facile pagare per la carenza di gas. Per qualche ragione sono certo che gli europei non affogheranno in euro e dollari. Ma le industrie chimiche e di altro tipo in Europa moriranno. E nessuna multa su GasProm li salverà.
    Non prenderei affatto in considerazione la questione dell'Ucraina. Nessun transito di sorta. Nessun transito. Dopo tutto, un'economia di mercato. Beh, non voglio avere alcun contratto con l'Ucraina. È scritto da qualche parte che la Federazione Russa è OBBLIGATA a concludere un contratto con l'Ucraina?
  9. zenitovets Офлайн zenitovets
    zenitovets (Ivan) 12 September 2019 18: 34
    +1
    Sì, per l'amor di Dio, si congeleranno, non noi! E lasciali uscire ...
  10. Joe Cook Офлайн Joe Cook
    Joe Cook (Joe Cook) 13 September 2019 00: 42
    +1
    Ovviamente non conosco tutti i dettagli dei contratti, ma per me è impossibile concludere un contratto di transito. E all'Europa in adempimento al contratto, ecco OPAL, prendi quanto previsto dal contratto. Puoi anche abbassare leggermente il prezzo. Non vuoi prendere i tuoi affari. Che tutti noi goccioliamo con loro. Per ogni euro da piegare? Fanculo loro! Se continui così, limiteranno i movimenti su rotaia, navigazione marittima, aerea. Riempiremo i vagoni ferroviari del 50%.