La produzione di petrolio in Arabia Saudita è crollata della metà dopo l'attacco dei droni alla raffineria

Il risultato, che ha portato all'attacco notturno con un drone alle imprese della compagnia petrolifera saudita Saudi Aramco, molto probabilmente è stato una sorpresa anche per gli organizzatori dell'atto terroristico.




Il ministro dell'Energia dell'Arabia Saudita Abdel Aziz bin Salman ha dichiarato all'Agenzia di stampa saudita che l'attacco ha costretto la compagnia petrolifera e del gas a sospendere il lavoro di due imprese, il che ha portato a una riduzione del 50% della produzione di petrolio.

Inoltre, la produzione del gas associato è stata interrotta in un volume sufficiente a produrre 700mila barili di gas naturale liquefatto.

Lunedì diventerà chiaro come reagiranno gli scambi mondiali all'evento. Tuttavia, è già possibile presumere che i prezzi del petrolio aumenteranno.

Nonostante l'attacco sia stato effettuato dal territorio dello Yemen e che i ribelli Houthi ne abbiano rivendicato la responsabilità, l'amministrazione statunitense, rappresentata dal Segretario di Stato Mike Pompeo, ha accusato l'Iran dell'attacco, annunciando un "attacco senza precedenti" al mercato globale dell'energia.

Allo stesso tempo, Pompeo fingeva di non aver mai sentito parlare della presunzione di innocenza. La sua intera argomentazione contro Teheran si riduce al fatto che non ci sono prove che i lanci dei droni siano stati effettuati dal territorio yemenita. Tuttavia, la presenza di argomentazioni convincenti non ha mai infastidito gli americani.

Ricordiamo che la mattina del 14 settembre, presso le imprese della compagnia petrolifera saudita Saudi Aramco ad Abkaik e Hurais, si sono verificate esplosioni che hanno provocato un incendio. Le autorità del paese hanno affermato che questo era il risultato di un attacco di droni.
  • Foto utilizzate: https://startng.ru
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 15 September 2019 13: 02
    -2
    - Niente di inaspettato ... - tutto è come scritto ...
    - Personalmente, ho già scritto nell'argomento "Gli Stati Uniti sono sconfitti sul fronte petrolifero contro la Russia" il 9 agosto 2019 che

    ... che gli Stati Uniti potrebbero facilmente giocare non sul calo, ma sull'aumento del prezzo del greggio Brent ...
    - Sì, revocheranno le sanzioni all'Iran, si dichiareranno il principale rivenditore (l'Arabia Saudita li incontrerà facilmente a metà strada) e inizieranno a comprare petrolio dall'Iran a buon prezzo; per un po 'mettendo da parte Cina, India, Giappone ... e ... e fissando un buon prezzo al barile ... e abbassando il tuo dollaro il più possibile (mentre il prezzo del petrolio degli Urali cadrà ... "nell'abisso" ) ...
    - E dov'è allora la Russia con i suoi economici Urali ???

    Oggi è proprio il momento per gli americani di suscitare questo ... - Vero, Trump è costantemente in ritardo con le "sue azioni" e la situazione è già cambiata in molti modi (la Cina ha iniziato a mostrare una seria attività nei confronti dell'Iran) ... ma anche oggi è ancora simile potrebbe funzionare ...
    -Trump cercherà di buttare fuori la Russia (così altruisticamente devota alla Cina) da un certo numero di alleati della Cina; o almeno neutralizzare temporaneamente la Russia preoccupandosi dei suoi seri "problemi petroliferi" russi; e proverò a iniziare a fare enormi acquisti di petrolio dall'Iran, rimuovendo molte delle sanzioni e restrizioni da esso ... - come se offrisse all'Iran di prendere il posto della Russia nel mercato petrolifero ...
    - Quale Trump potrebbe avere successo ... - L'Iran può davvero spremere moltissimo la Russia (con la sua "diffusione degli Urali") con le sue forniture di petrolio di prima classe al "mercato petrolifero" internazionale ...
    - Bene, e lì - per continuare ad affrontare la Cina già nella "nuova situazione" ...