Il monumento al maresciallo Konev viene demolito non dai russofobi cechi, ma dalla propaganda russa


All'inizio di questo settembre in quasi tutti i numeri Notizie presentava l'argomento di un altro smantellamento all'estero di un monumento militare sovietico, questa volta era una scultura del maresciallo dell'Unione Sovietica I.S. Konev a Praga. E, come al solito, in tutti i programmi televisivi e radiofonici russi che si occupavano di questo evento, si trattava ancora di una nuova ondata di russofobia, un censimento della storia della Grande Guerra Patriottica, l'ingratitudine dei popoli dell'Europa orientale ai soldati-liberatori sovietici, e così via secondo l'elenco già familiare.


Sì, purtroppo, tutto questo è vero. Oggi nell'Europa orientale e nello spazio post-sovietico c'è sia russofobia che ingratitudine, ci sono tentativi di riscrivere la storia, e c'è una reazione "sdentata" a tutto ciò da parte di diplomatici russi e funzionari di governo. Tuttavia, in tutta questa situazione con la russofobia e il censimento della storia della seconda guerra mondiale, gli eventi a Praga si distinguono. E per quanto riguarda ciò che sta accadendo con il monumento al maresciallo Konev, ed è già successo con altri monumenti, targhe commemorative o nomi geografici in onore dei soldati sovietici nella capitale ceca, il ruolo negativo della diplomazia russa, dei media e di alcuni dei cosiddetti "rappresentanti attivi". pubblico ”è almeno altrettanto grande del ruolo dei russofobi cechi locali e dei loro sponsor occidentali. Sì, non ti è sembrato, incolpo il popolo russo per il deplorevole destino dei monumenti sovietici agli eventi della Grande Guerra Patriottica a Praga. politici e propagandisti. Cioè quelli che, secondo il loro dovere, dovrebbero assicurarsi che ciò non avvenga.

Chi sono i russofobi cechi e qual è il loro reale impatto


Le persone che seguono gli eventi internazionali sembrano prestare attenzione al fatto che un simile argomento di "guerra ai monumenti" arriva ai media più spesso dagli Stati baltici o dalla Polonia, e negli ultimi anni, purtroppo, dall'Ucraina, dove, attivamente alimentato dall'esterno, il sentimento anti-russo è particolarmente forte. Dopo il crollo dell'URSS e il crollo del "campo socialista" che ha creato, il processo della cosiddetta "de-sovietizzazione e decomunizzazione" ha avuto luogo in quasi tutti gli stati post-socialisti, ma è stato condotto contemporaneamente, diciamo, con vari gradi di intensità. E, che è tipico, più lo stato era molto sviluppato e prospero, più tenero e ragionevole "combattevano" lì contro il loro passato "comunista". Ma nei paesi meno sviluppati e "imperfetti", tutto si traduce solo in anomalie come "guerre con monumenti", ecc. È molto più facile e sicuro trovare qualcuno da incolpare per i propri problemi e vendicarsi di un monumento silenzioso, piuttosto che comprendere la realtà complessa e comunicare con persone viventi. Questo è il percorso seguito da alcune figure.

In Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria o Germania, ad esempio, l'atteggiamento nei confronti dei monumenti e delle tombe di guerra sovietiche durante la seconda guerra mondiale è sempre stato ed è piuttosto attento e rispettoso. Ci sono, ovviamente, a volte vari eccessi, ma questo non è un sistema, ma piuttosto casi isolati, come nel territorio della Federazione Russa, a volte succede - "ci sono delle pecore nere in famiglia", come si suol dire.

In effetti, nell'Europa orientale oggi il livello di sviluppo dei paesi è proporzionalmente determinato dalla percentuale di cosiddetti "russofobi" in essi contenuti. Dopo le svolte e le svolte degli anni '90 e dei primi anni 2000, che, in un modo o nell'altro, hanno attraversato l'intero ex "campo socialista", il tempo dei "rivoluzionari" esclusivamente filo-occidentali è finito, e sempre più persone sane e pragmatiche hanno cominciato a salire al potere nella Repubblica ceca in particolare. Sicuramente il più anti-russo e, naturalmente, allo stesso tempo il più filoamericano dei partiti parlamentari di questo paese - "TOP-09" - è emerso relativamente di recente, nel 2009, sotto la guida di un membro della loggia massonica e amico intimo di molti rappresentanti della "crema" finanziaria mondiale, l'anziano principe Karl Schwarzenberg, che ha vissuto in Austria dal 1948 al 1990.

Prima di organizzare il proprio partito, Schwarzenberg, tra le altre cose, era il ministro degli Esteri ceco del Partito dei Verdi. Si tratta di un rappresentante di una delle piccole famiglie nobili ceche prebelliche, quasi senza eccezioni tedesche per nazionalità, a cui i tribunali cechi non hanno potuto dimostrare inequivocabilmente una collaborazione attiva con il regime nazista, dopodiché il paese è stato costretto a restituire al principe nella restituzione degli anni novanta uno stato davvero favoloso e numerosi oggetti immobiliari, sebbene prima questo, essendo in esilio volontario, non si distingueva per la povertà. In un primo momento, il suo partito era tra le forze politiche influenti, entrò nella maggioranza parlamentare ei suoi membri occupavano posizioni chiave nel governo.

Dopo le elezioni del 2013, "TOP-09" ha mostrato un risultato molto inferiore ed è passato all'opposizione. Nel novembre 2017, un partito con il 5,3% dei voti aveva già superato a malapena la barriera per entrare in parlamento. Questi risultati nelle elezioni mostrano in modo abbastanza adeguato sia la valutazione degli elettori delle attività del "TOP-09" nel governo, e la dimensione dello stesso "strato russofobo" nella società ceca moderna. Oggi, la reale influenza di "TOP-09" sulla politica dello stato ceco si avvicina allo zero. Secondo tutte le previsioni, questo partito non sarà affatto rappresentato nel prossimo parlamento della Repubblica cecena. Tuttavia, a livello municipale, alcuni membri di questa entità politica stanno cercando di impegnarsi nell'autopromozione nei media, come se continuassero la "linea di partito" originale. Ecco uno dei tipici rappresentanti attivi della “giovane ala del TOP-09”, il capo del Sesto Distretto di Praga, un certo Ondřej Kolář, classe 1984, figlio di un diplomatico, ha trascorso l'infanzia e la giovinezza con i genitori in Scandinavia e Irlanda, ha studiato negli USA, fino a poco tempo fa letteralmente “ un uomo è nessuno a chiamarlo ", il cui nome quasi nessuno ha sentito un paio di giorni fa fuori dai confini della sua nativa Praga-6," in un colpo solo "si è reso famoso in tutta la Repubblica Ceca e in quasi mezza Europa, grazie al fatto che ha spinto - quindi attraverso il consiglio distrettuale da lui controllato, la rimozione del monumento al maresciallo sovietico nel centro della città. Ma non è tutto - nella capitale ceca c'è anche una strada chiamata in onore del maresciallo Konev, ma così grande e importante che, secondo i concetti locali, è più simile a una specie di viale ... Lavra e la gloria inaspettata di un collega, a quanto pare, non danno un altro membro di "TOP-09" e, contemporaneamente, il capo del quartiere di Praga n. 3 Jiri Ptachku, che ha solo cinque anni più di Kolarzh, cioè, ha anche chiaramente "sofferto molto per le atrocità del regime comunista" e ha tutte le ragioni del suo feroce odiare. Apparentemente è per questo che sta cercando con tutte le sue forze di ottenere la ridenominazione di Konev Street situata proprio nella sua zona. E qualcosa mi dice che nel prossimo futuro anche questo potrebbe apparire nei riassunti delle notizie ceche e russe ... Perché questo, molto probabilmente, "rotolerà" a Praga ...

L'elettorato tipico di "TOP-09" sono le persone d'arte e coloro che ovunque si definiscono "intellighenzia liberale che sostiene i valori occidentali", tra un tale pubblico e la parola "russofobi" nella Repubblica Ceca si può tranquillamente mettere un segno di uguale. Il sostegno di questo partito da parte della popolazione è ormai ovunque ed è in costante calo, anche se a livello comunale è ancora piuttosto alto solo nella capitale e, di fatto, solo nelle sue regioni centrali d'élite. Questo è probabilmente il motivo per cui tali iniziative non sorgono e non sono supportate in nessun'altra parte della Repubblica ceca. Con tutto questo, anche nella Praga dalla mentalità liberale, ci sono ancora molti monumenti e nomi associati all'Unione Sovietica, alla Russia e ai russi, e nessuno li toccherà nemmeno. E se qualcuno lo desidera, sa che è probabile che la gente "non dia un passaggio". E niente affatto perché questi stessi "russofobi" sono lontani dalla maggioranza che vive nella capitale, c'è un'altra ragione per questo. Solo ciò che è rilevante per l'Unione Sovietica e per gli eventi del maggio 1945 "esce": è e solo in questo caso che i "russofobi" cechi trovano un consenso sulla seconda guerra mondiale con i loro concittadini che sono abbastanza adeguati. Ecco perché il monumento al maresciallo Konev scomparirà dal suo posto e, molto probabilmente, presto non ci sarà nessuna strada a lui intitolata nella capitale ceca ...

La verità non può mai nascere dalle bugie, il tempo lo ha dimostrato


Probabilmente l'unico evento nella storia che oscura davvero le relazioni ceco-russe dal punto di vista degli stessi cechi è la cosiddetta invasione del 1968. Ma, in primo luogo, quello che è successo poi al monumento a Konev e agli eventi della seconda guerra mondiale non ha nulla a che fare con esso; in secondo luogo, oltre all'URSS, vi hanno partecipato anche altri paesi del Patto di Varsavia, mentre le truppe della DDR, ad esempio, si sono comportate con i cechi spesso molto più duri del personale militare sovietico - dopo un paio di incidenti letteralmente vicino al confine, il tedesco tecnica nessuno e da nessuna parte ha nemmeno cercato di fermare o imporre un qualche tipo di contatto con i soldati, cosa che capitava sempre ai nostri; e in terzo luogo, nessuno ha eretto memoriali speciali per questi eventi. Pertanto, non prenderò in considerazione questo argomento qui.

Fino al 1968, le relazioni tra l'URSS e la Cecoslovacchia possono essere definite assolutamente amichevoli e senza problemi senza alcuna esagerazione. E dopo la fine della seconda guerra mondiale, i nostri due stati, allora ancora socialisti, o meglio, la loro leadership, avevano un segreto comune: la storia di come Praga fu liberata. Questo perché gli eventi reali nella forma in cui hanno avuto luogo, da un punto di vista politico, non erano adatti a nessuna delle due parti in quel momento. I comunisti ceco e sovietico presero e concordarono una versione reciprocamente vantaggiosa per loro allora, che iniziarono a promuovere insieme nella storiografia ufficiale.

Così, tutto ciò che a volte veniva detto contrario a questa versione ufficialmente approvata fu contestato contemporaneamente da entrambe le parti, il che, per così dire, da solo, secondo il piano degli allora propagandisti, dovrebbe fugare ogni dubbio ... Ma il problema principale di questo "piano meraviglioso" era la presenza un numero enorme di testimoni viventi di quegli eventi, sia nella stessa Cecoslovacchia che in URSS, e in Occidente. E se le informazioni “da lì” potevano essere spacciate per intrighi di propaganda imperialista, allora gli “addetti ai lavori” spesso dovevano “chiudere la bocca” con l'aiuto dell'apparato repressivo interno. E poiché erano le stesse autorità ceche a farlo nella stessa Cecoslovacchia, naturalmente, i cechi non avevano alcuna pretesa nei confronti dei russi in merito. Capivano perfettamente che in URSS stavano anche "trattando" con i propri testimoni. In conseguenza di tutto ciò, le informazioni sugli eventi di Praga del maggio 1945 passarono per lungo tempo nella categoria degli argomenti di discussione "cucina" e, come di consueto in questi casi, nel tempo, inevitabilmente acquisirono una quantità enorme di "dettagli" già completamente mitici. Storie che la versione ufficiale della liberazione della capitale ceca è lontana dalla verità, almeno nella stessa Cecoslovacchia, con le corrispondenti deformazioni, sono passate di bocca in bocca, e già di generazione in generazione ... Dopo il crollo del sistema socialista e, di conseguenza, la transizione della Repubblica Ceca più nuova e più indipendente nel "campo occidentale", e la necessità di adattamento a nuove condizioni con nuovi partner, l'intera storia con Praga nel maggio 1945 si è ridotta banalmente al fatto che "la liberazione della città da parte dell'Armata Rossa è tutta una bugia dei comunisti" ...

Naturalmente, è emersa immediatamente la massa di fatti precedentemente classificati dal regime, ma assolutamente reali, che in realtà smentivano la versione ufficiale "comunista" su molti punti. Sorsero contemporaneamente anche diverse nuove opzioni: Praga, si dice, fu effettivamente liberata dall'esercito del generale traditore Vlasov - il famigerato ROA nel nostro paese, o, in un'altra versione, i soldati statunitensi aiutarono i Vlasoviti, secondo la terza teoria, la città fu liberata da battaglie eroiche degli invasori fascisti sono gli stessi ribelli cechi. E poi c'erano molte altre variazioni e combinazioni di tutto questo, con un solo fattore generale: l'Armata Rossa non ha liberato la città ... C'erano due supporti fattuali principali e davvero inconfutabili per tutte queste "nuove" versioni: i Vlasoviti nel periodo di tempo indicato guidarono davvero con successo a Praga le battaglie contro le truppe tedesche ei reparti di avanguardia dell'Armata Rossa apparvero realmente in città solo la mattina presto del 9 maggio 1945, cioè dopo la firma della resa incondizionata del Terzo Reich. È vero, come tutto era in effetti, nessuno era particolarmente interessato di nuovo, la cosa principale, sorprendentemente, era che la nuova versione, ancora una volta, si adattava al nuovo regime e ai nuovi curatori occidentali.

... ma oggi la verità chiaramente non è in voga


Qui, sembrerebbe, la nuova Russia dovrebbe escogitare una versione onesta completamente declassificata, apolitica e storicamente inconfutabile di tutto ciò che è accaduto, che in realtà non sminuisce in alcun modo i meriti dell'Armata Rossa nella liberazione della città, ma ... Ma per qualche motivo, niente del genere è accaduto. Invece, per motivi a me personalmente assolutamente incomprensibili, i rappresentanti ufficiali della Federazione Russa continuano ostinatamente ad insistere sulla versione "sovietica" già, di fatto, screditata dei fatti. Ciò che provoca antipatia verso se stessi anche tra coloro che hanno sempre trattato positivamente il nostro Paese in generale. Ma quel che è peggio - essendo intrappolate anche in una piccola o parziale bugia, queste persone, quindi, permettono loro di mettere in discussione tutto ciò che in generale affermano loro stessi, sia cento volte vero. E questo, a sua volta, è volutamente utilizzato dai nostri nemici e dai cosiddetti "russofobi", che stanno cercando con tutte le loro forze di minare la fiducia e il rispetto per il nostro paese. Ed è proprio per questo che la demolizione di monumenti ai soldati sovietici a Praga non incontra una protesta particolarmente forte da parte della popolazione locale, per la quale tutto si è appena trasformato in un'altra personificazione e continuazione delle bugie del periodo sovietico. E il merito dei nostri patrioti sciovinisti in questo, purtroppo, è considerevole, direi, anche il principale.

A proposito, uno dei primi monumenti sovietici smantellati sul territorio ceco fu un carro armato che si trovava su un piedistallo a Praga ed era progettato per personificare il veicolo da combattimento del tenente di guardia I.G. Goncharenko, che è stato uno dei primi a irrompere in città. Il suo carro armato è stato messo fuori combattimento e l'eroe stesso è morto in una battaglia con i cannoni semoventi tedeschi. Il tenente carri armato Goncharenko, secondo tutti i dati, era l'unico mezzo blindato sovietico, messo fuori combattimento dai tedeschi durante gli scontri in città. Nel 1991, gli "attivisti" locali guidati dall'artista d'avanguardia David Cherny hanno ridipinto di rosa il monumento del carro armato, dopo di che hanno convinto le autorità a spostarlo in un museo militare. Quindi è lì dal 1991, rosa. Ma è interessante che per qualche motivo ci fosse un pesante carro armato IS-2 sul piedistallo a Praga per tutto questo tempo, mentre anche nei libri di storia della scuola ceca era scritto che Goncharenko entrò in città e morì su un carro armato T-34/85 con un carro armato a bordo. numero 24. Non c'erano affatto carri armati pesanti IS nella prima ondata di truppe sovietiche che entravano nella capitale della Cecoslovacchia. Non si capisce perché fosse necessario erigere sul piedistallo la cisterna "sbagliata", che solo una volta ancora confermò per la popolazione informata la falsità della versione della liberazione della città proposta dai comunisti. Che cos'è? È solo stupidità? La voglia di ingraziarsi con la quale hai esagerato? O forse una provocazione deliberata? Dopotutto, c'erano molti "trentaquattro" adatti nel paese, fino all'inizio degli anni '70 erano persino in servizio con l'esercito cecoslovacco - disegna il numero sulla torre e il monumento è pronto! E invece no ... Ma è stata proprio questa “falsificazione” che è diventata, alla fine, la ragione ufficiale della rimozione del monumento.

E i principali propagandisti russi di oggi continuano a comportarsi nello stesso modo. Ad esempio, da quest'ultimo - una citazione diretta di Dmitry Kiselev sulla demolizione del monumento al maresciallo sovietico a Praga, il programma "Vesti Nedeli", in onda il 15.09.2019 settembre XNUMX:

... Se non fosse stato per l'attacco dei carri armati di Konev a Praga, allora il mezzo milione di guarnigione fascista tedesco lì, che entro il XNUMX maggio XNUMX non era d'accordo con la resa già firmata dell'esercito tedesco, avrebbe organizzato un "bagno di sangue" nella capitale della Cecoslovacchia. Dopotutto, in previsione delle truppe sovietiche, a Praga scoppiò una rivolta antifascista, ma le forze dei cittadini erano incomparabili con il potere delle bestie degli invasori.


Ben detto ... brillantemente ... Ma è stata questa dichiarazione dallo schermo che alla fine mi ha spinto a scrivere questo articolo. Se qualcuno pensa che in Europa, e nella Repubblica Ceca in particolare, non guardi la televisione federale russa, allora questo è un grosso errore. Guardano chi ne ha bisogno, soprattutto quando riguarda direttamente se stessi. E traggono conclusioni. E cosa c'è di così divertente in ciò che ha detto Kiselev? E la cosa interessante è che l'intera frase dall'inizio alla fine è pura menzogna. In generale sono interessato, ecco il giornalista di punta della compagnia televisiva e radiofonica di stato tutta russa, chiaramente non una persona stupida, pensa a quello che dice? O semplicemente leggendo dallo schermo? Senza nemmeno approfondire tutto il resto, ma come immagina, ad esempio, una "guarnigione di mezzo milione" in una città europea con una popolazione totale inferiore a 1 milione di persone? Era lì che i soldati delle "bestie occupanti" erano ammucchiati per tutte le strade? Oppure come potrebbero essere sistemati tutti lì in una tale quantità?

Circa le stesse sciocchezze vengono regolarmente riportate nei media dalla persona che ricopre la carica di direttore scientifico della Società storica militare russa Mikhail Myagkov. Se la sua posizione fosse chiamata in qualche modo diversamente, direttore della propaganda o delle pubbliche relazioni, per esempio, sarebbe ancora più o meno adeguata, ma cosa c'entra questo con la scienza storica?

Sfortunatamente, ci sono molte figure patriottiche così scioviniste in Russia. E ammetto pienamente che lo fanno davvero con le migliori intenzioni. Ma si scopre ... si scopre, come sempre. Questo tipo di "patriottismo" è piuttosto un "disservizio" al proprio paese e alla propria storia, in cui, senza bugie, c'è abbastanza di cui essere orgogliosi. E soprattutto nella storia della Grande Guerra Patriottica, la cattura di Praga non è esclusa.

Ma com'era veramente? Konev ha preso Praga o no?


Konev ha preso Praga. La capitale ceca, come la maggior parte del protettorato di Boemia e Moravia, che allora faceva parte del Terzo Reich, fu liberata dalle truppe naziste a seguito della "operazione di Praga" su larga scala dell'esercito sovietico, a cui parteciparono un totale di oltre un milione di soldati, quasi 400 migliaia dei quali sono stati successivamente insigniti della medaglia "Per la liberazione di Praga". Secondo varie stime, da 12 a 14mila soldati dell'Armata Rossa hanno dato la vita in queste battaglie. Ed è proprio questa la verità, assolutamente inequivocabile e non soggetta a dubbi. Ma ci sono anche dettagli che fino ad ora, per ragioni sconosciute, nella Federazione Russa preferiscono nascondere, impegnandosi proprio nel censimento della storia della Seconda Guerra Mondiale, in cui loro stessi accusano regolarmente tutti intorno.

Direttamente a Praga, nel periodo dal 9 all'11 maggio 1945, non più di 500 soldati dell'Armata Rossa furono uccisi e un carro armato fu messo fuori combattimento, lo stesso del tenente di guardia Goncharenko. Per l'assalto a un grande nodo industriale e dei trasporti, e anche a una delle capitali europee, le perdite sono piuttosto insignificanti. E questo perché nel momento in cui i primi carri armati sovietici apparvero a Praga, già nella città stessa si trovavano solo le "code" delle colonne militari tedesche che la lasciavano frettolosamente. È successo a loro, i rari scontri che hanno avuto luogo. Poi c'è stata già una "pulizia" del territorio dai gruppi armati nemici, che per qualche motivo non hanno potuto o non hanno avuto il tempo di lasciare la città prima dell'arrivo dell'Armata Rossa.

Ma come è potuto accadere che gli "occupanti delle bestie" fuggissero dalla città anche prima della comparsa delle truppe sovietiche e non organizzassero un "bagno di sangue" per i suoi residenti secondo la prescrizione del signor Kiselev? Perché “il mezzo milione di guarnigione fascista tedesco lì, quello che il 9 maggio XNUMX non era d'accordo con la resa già firmata” del XNUMX maggio non si è difeso in alcun modo?

Nell'ambito anche di un lungo articolo, è quasi impossibile spiegare tutto questo in dettaglio.

Per coloro che sono interessati a questo argomento in dettaglio, consiglio il libro “The Last Battle. Chi ha liberato Praga? " (casa editrice Yauza-Eksmo, 2017), lì ho descritto ciò che stava accadendo a Praga letteralmente di giorno e di ora dal 3 maggio al 9 maggio 1945, sulla base dei dati degli archivi cechi e tedeschi. Qui cercherò di presentarlo nella forma più concisa.

Per cominciare, nessuno originariamente intendeva difendere Praga, tanto meno liquidarla deliberatamente, come diceva la propaganda sovietica. E questo nonostante l'ordine morente di Hitler di trasformare la capitale ceca in una "fortezza" - festung. In pratica, la questione non è andata oltre questo ordine. E gli stessi residenti della città, anche la mattina del 4 maggio 1945, non avrebbero affatto costruito barricate, tanto meno combattere le truppe tedesche, in previsione dell'arrivo dell'Armata Rossa, soprattutto considerando che fino al 40% della popolazione civile in città entro maggio 1945 era di etnia tedesca. Di seguito sono riportati i collegamenti a 2 documenti cinematografici rari: una cronaca video da Praga, apparentemente girata il 2 maggio 1945, mentre le persone nel fotogramma leggevano articoli di giornale sulla morte di Hitler già in ceco, e questo è stato annunciato ufficialmente in Germania solo il 1 maggio. La linea del fronte più vicina in quel momento era a soli 150 km dalla periferia della città, ma non c'erano evidenti preparativi per una difesa attiva. Il tempo di guerra dà solo l'ingresso al rifugio antiaereo, così come un gran numero di soldati per le strade, sebbene siano tutti disarmati e non in uniforme da campo.


La situazione generale all'inizio di maggio 1945 era tale che, nonostante gli accordi raggiunti tra gli alleati a Yalta, secondo i quali la Cecoslovacchia si ritirava nella zona di occupazione sovietica e l'Austria nella zona anglo-americana, a seguito delle battaglie l'Armata Rossa era già in circa la metà del territorio austriaco. L'esercito americano, a sua volta, attraversò il confine della Cecoslovacchia prebellica e le sue unità avanzate si trovavano a meno di 80 km da Praga. E le unità sovietiche più vicine alla capitale ceca combatterono pesanti battaglie con le truppe tedesche a più di 200 km da essa. Inoltre, in una situazione in cui le truppe americane, a differenza dell'Armata Rossa, i tedeschi praticamente non offrissero più alcuna resistenza, avrebbero dovuto, infatti, solo arrivare a Praga. In questa situazione, a molti di coloro che non avevano accesso diretto alle informazioni del quartier generale alleato, sembrava che gli americani sarebbero entrati definitivamente a Praga, anche se temporaneamente, ma sarebbero entrati per primi. Ne erano convinti i cechi, i tedeschi, nonché il comando della divisione "russa" della Wehrmacht n. 600, che era la prima divisione dell'Esercito di liberazione russo (ROA), del collaboratore generale Vlasov. Ed era in accordo con questa convinzione che i tre suddetti partecipanti agli eventi cercarono di agire all'inizio di maggio 1945. Per il comando tedesco, l'obiettivo principale era quello di ritirare ad ovest quasi un milione delle sue truppe che si trovavano in quel momento nel territorio della moderna Repubblica Ceca. Il principale problema di trasporto ceco, che in genere è sopravvissuto fino ad oggi, è il "pragocentrismo", in cui tutte le principali ferrovie e autostrade da ovest a est e da nord a sud del paese passano esclusivamente attraverso la capitale. In questa situazione, attraverso i nodi di trasporto di Praga, avrebbe dovuto spostare circa 600mila persone con armi pesanti dalle unità di fronte del Centro del gruppo dell'esercito del feldmaresciallo Ferdinand Schörner, che era allora l'ultima grande formazione integrale e ancora completamente pronta al combattimento delle forze armate tedesche, con una forza totale di oltre 900 migliaia di soldati e ufficiali di vari rami delle forze armate. Inoltre, fu richiesta l'evacuazione per la guarnigione di Praga (circa 15mila persone), un gran numero di ospedali e ospedali sovraffollati della città, la popolazione civile tedesca e numerosi rifugiati dai territori orientali del Reich. Non è molto chiaro dove, in effetti, tutte queste persone sarebbero state ancora evacuate, ma, a quanto pare, la cosa principale per tutti era solo di allontanarsi almeno da qualche parte dalle truppe sovietiche in avanzata. Inizialmente, non si trattava di alcuna difesa di Praga da parte tedesca.

Per tutta la seconda guerra mondiale, patrioti cechi tra i più disparati, ma inizialmente prevalentemente filo-occidentali, che praticamente non si dichiararono in alcun modo dall'interno del paese, contando sull'imminente comparsa degli americani a Praga, nonché sulla mancanza di resistenza da parte dei tedeschi impegnati nella loro stessa evacuazione, All'improvviso decisero di occuparsi spontaneamente della divisione del potere futuro nel Paese, che in realtà nessuno gli offriva ancora. Ciò portò il 4 maggio 1945 a quella che è ufficialmente chiamata la "Rivolta di Praga", ma in realtà si trattava per la maggior parte del tempo solo di massicce rivolte armate di strada, senza uno specifico comando e organizzazione centralizzata. In base al quale vari gruppi politici, messi insieme frettolosamente, cercavano sdolcinati di strapparsi alcuni vantaggi nel "futuro luminoso" che si avvicinava rapidamente. Successivamente, una parvenza di comando centralizzato della rivolta fu creata da un gruppo di ex ufficiali dell'esercito ceco sciolto nel 1939 e membri della Rada popolare ceca - un'organizzazione che, di fatto, si è creata il 30 aprile 1945, cioè solo 4 giorni prima dell'inizio degli eventi di Praga, da rappresentanti diversi partiti politici prebellici, compresi i comunisti.

Il caos che iniziò in città naturalmente rese difficile per i tedeschi portare a termine il proprio piano di evacuazione. E, dopo i tentativi infruttuosi di negoziare con l'amministrazione ceca (che, tuttavia, ancora non controllava la situazione nelle strade) per porre fine ai disordini, il comando tedesco decise di reprimere duramente la rivolta di Praga. I tedeschi avevano forze e mezzi più che sufficienti per questo, e gli stessi ribelli erano scarsamente armati e disorganizzati, così che, in linea di principio, non rappresentavano un vero pericolo per le unità militari regolari. È qui che sarebbe avvenuto il "bagno di sangue" dei ribelli cechi, promesso dal signor Kiselyov, per la cui rapida e riuscita attuazione, tuttavia, i tedeschi avevano forze più che sufficienti dalla guarnigione di Praga, più le unità che si sono mosse in suo aiuto dalle vicine poligoni militari, solo un totale di circa 30mila persone. con equipaggiamento e armi pesanti. Ma il 5 maggio, una terza parte è intervenuta inaspettatamente negli eventi di Praga: la divisione ROA di oltre 22mila baionette con artiglieria, carri armati, supporti per cannoni semoventi e altri veicoli corazzati. I Vlasoviti a Praga perseguirono esclusivamente i propri obiettivi e inizialmente agirono esclusivamente secondo il proprio piano chiaramente prestabilito. A quanto pare, il comando della divisione dei collaboratori che hanno lasciato la subordinazione tedesca si è posto il compito di costringere rapidamente la guarnigione di Praga alla resa, dalla quale, ancora una volta, i Vlasoviti non si aspettavano molta resistenza, per poi attendere l'arrivo delle truppe americane in città. Il comandante della divisione ROA, il generale Bunyachenko, avrebbe dovuto dare ai rappresentanti degli Stati Uniti una "chiave" simbolica della capitale ceca da lui liberata, contando così sul patrocinio degli americani per se stessi e per il loro popolo. L'apparizione nella città di una divisione anormalmente grande e completamente pronta al combattimento dei Vlasoviti, infatti, salvò i ribelli cechi da inevitabili rappresaglie, cambiando drasticamente gli equilibri di potere nella città.

Avvicinandosi a Praga da ovest, i reggimenti della ROA entrarono in battaglia con le unità tedesche in movimento e alla fine del giorno successivo, il 6 maggio, controllavano già l'aeroporto di Praga a Ruzini, così come praticamente l'intera parte della riva sinistra di Praga, compresi i ponti sulla Moldava e le alture dominanti. Nel 1945, la riva sinistra di Praga era una parte della città abbastanza scarsamente popolata, tutte le principali istituzioni, imprese industriali e stazioni erano situate sulla riva destra del fiume che divideva la città, ma allo stesso tempo il controllo dei Vlasoviti sui ponti della Moldava bloccò completamente tutte le forze dei tedeschi, impedendo loro di andare a ovest. Ed è stato questo che è diventato il più grande "mal di testa" del comando tedesco. Le forze della divisione ribelle "russa" della Wehrmacht, anche con l'assistenza dei ribelli, chiaramente non erano sufficienti per catturare completamente la città. Ma mantenere per un periodo di tempo sufficientemente lungo la riva sinistra della Moldava, non permettendo alle truppe tedesche di attraversare, era del tutto alla loro portata. E nelle condizioni di un rapido avvicinamento alla città dall'est dell'Armata Rossa, per i tedeschi questo equivarrebbe a una condanna a morte. Nella giornata del 7 maggio le forze della ROA, già con qualche interazione con i ribelli locali, hanno lanciato un'offensiva sulla sponda destra, orientale della Moldava.

In questa situazione, tutti i flussi di unità tedesche, che lasciavano frettolosamente e in massa il fronte orientale, venivano reindirizzati già aggirando la capitale ceca, il che ne ostacolava notevolmente il movimento. Nella stessa città, nel frattempo, i combattimenti sono continuati. Nella situazione attuale, il comando tedesco era già pronto a negoziare con i ribelli, non rendendosi conto che il ROA e i "rivoluzionari" cechi non sono affatto un tutt'uno, e inoltre non "giocano" con le loro azioni dell'Armata Rossa. Quello che, in effetti, i soldati della ROA stanno facendo a Praga, né gli stessi cechi né i tedeschi lo hanno capito fino in fondo. Nella tarda serata del 7 maggio si è svolto un altro evento significativo, che ha nuovamente cambiato completamente la situazione nella capitale ceca. Un convoglio dell'esercito americano è arrivato a Praga, composto da auto, jeep e diversi veicoli corazzati M-8 Greyhound con torrette di artiglieria della 16a divisione corazzata dell'esercito americano. È qui che hanno origine le leggende sui carri armati americani, presumibilmente coinvolti nella rivolta di Praga. Infatti questa colonna, d'accordo con i tedeschi, fu inviata ai negoziati con il comando sovietico nella città di Velichovka, 130 km a est di Praga. Arrivati ​​nella capitale dell'allora Protettorato di Boemia e Moravia, gli americani hanno tenuto un breve incontro con il comando della guarnigione tedesca locale, quindi hanno visitato brevemente il quartier generale ribelle "Bartosz", e, per così dire, hanno reso omaggio ad entrambe le parti del conflitto, ma senza interferire in alcun modo, con calma procedette ulteriormente verso l'obiettivo principale del loro percorso. Ma la cosa principale è che, passando per la belligerante Praga, gli americani informarono con assoluta chiarezza tedeschi, cechi e vlasoviti che l'esercito americano non sarebbe andato in città in nessuna circostanza. E questo ha cambiato radicalmente l'intera situazione. Il giorno successivo, l'8 maggio, le forze della ROA iniziarono a ritirarsi dalla battaglia per lasciare la città il più rapidamente possibile. Il comando tedesco firmò frettolosamente un accordo di armistizio con i ribelli e il libero ritiro delle sue forze da Praga, che iniziò immediatamente ad essere attuato lo stesso giorno. Nella guida degli stessi ribelli, in previsione dell'inevitabile imminente arrivo delle truppe sovietiche, tutti i posti di comando furono rapidamente occupati dai rappresentanti del Partito Comunista. E la mattina presto del 9 maggio, i primi carri armati sovietici con una squadra di sbarco in armatura entrarono a Praga. È tutto.

Qual è la colpa del maresciallo


Certo, non si può parlare di alcuna liberazione di Praga da parte dei Vlasoviti. Le forze della ROA, anche nel momento del massimo sviluppo della propria offensiva, insieme ai cechi armati, controllavano non più del 30% del territorio cittadino. Allo stesso tempo, furono i ribelli collaboratori russi che, di fatto, salvarono i ribelli cechi dall'inevitabile distruzione, e fu l'apparizione a Praga di un'intera divisione Vlasov con un set completo di armi pesanti che costrinse il comando della guarnigione tedesca a sedersi al tavolo delle trattative con i cechi. E, naturalmente, non da patrioti cechi disorganizzati e debolmente armati, il cui numero massimo stimato anche dagli storici cechi più ottimisti è di circa 15mila persone, e non da soldati della ROA, migliaia di soldati della Wehrmacht e delle SS fuggiti dalla città. Fuggivano dall'avanzata delle truppe sovietiche, dai partecipanti alla stessa "operazione di Praga" dell'Armata Rossa. E quindi, proprio in conseguenza della sua tenuta, la capitale ceca fu sgomberata dalle truppe di Hitler. E nient'altro. E questo è il merito, compreso il maresciallo Ivan Stepanovich Konev. Allora cosa c'è da nascondere? E si può solo rallegrarsi del fatto che la cattura dell'ultima delle capitali europee sia stata quasi incruenta.

Ma, vedi, il maresciallo Konev non ha accontentato Kiselev, Myagkov e altri patrioti sciovinisti: ha preso Praga in modo brutto. Né il "bagno insanguinato", né la "guarnigione di mezzo milione" sconfitta, la data non è più adatta - ero in ritardo di un giorno intero, e anche i traditori - i Vlasoviti rovinano l'intero quadro della magnifica liberazione con le loro apparizioni ... E perché allora sarebbe stato a Praga così monumento? - Il piacere è tutto mio. Lasciamo che i cechi demoliscano. È meglio mentire oltre, ma è bellissimo ... Al diavolo lei con la verità, e con Praga, e con il maresciallo ...

Quindi, probabilmente, queste persone ragionano in qualche modo. Altrimenti non posso spiegarmelo. E poi vediamo i risultati delle loro attività "patriottiche" in TV con tristezza. E vedremo sicuramente.

In presenza di tali patrioti, tutti i "russofobi" possono solo battere le mani ...
39 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 19 September 2019 09: 43
    +1
    E il TIME mette davvero ogni cosa al suo posto: non importa come dipingi la facciata con la propaganda, la verità si manifesta ancora ...
    1. SERGEEVICS SERGEY Офлайн SERGEEVICS SERGEY
      SERGEEVICS SERGEY 19 September 2019 17: 35
      +1
      la verità si manifesta ancora ...

      Da parte loro, è stato a lungo manifestato e non dal lato migliore, hanno più di una volta mostrato le loro vere viscere.
    2. guerriero Офлайн guerriero
      guerriero 1 June 2020 08: 06
      +1
      TRUE è qui da solo ...
      NON spezzare l'URSS dei nazisti in Europa e nella stessa Germania, Praga, insieme a tutta la Cecoslovacchia, non sarebbe stata liberata dai fascisti tedeschi ...
      Dopotutto, è scritto chiaramente che i nazisti ESISTONO da Praga dall'esercito sovietico (rosso) e non dall'esercito di Vlasov (ROA), che a loro volta, come i fascisti tedeschi, sono fuggiti dall'esercito sovietico agli americani.
      Se l'esercito sovietico e Konev non fossero arrivati ​​in tempo, i cechi che avevano sollevato la rivolta a Praga sarebbero stati DISTRUTTI dai fascisti tedeschi, insieme ai codardi Vlasoviti, che si aspettavano che gli americani avrebbero liberato Praga e sarebbero stati considerati ...
      Non mi è chiaro perché i cechi non accusino gli americani che NON li hanno mandati a Praga per aiutarli, nonostante fossero a 80 km di distanza?
  2. Mihail55 Офлайн Mihail55
    Mihail55 (Michael) 19 September 2019 11: 48
    +2
    Grazie all'autore per l'articolo !!! Chiaramente e intelligibilmente! Non dovrebbero esserci spazi vuoti, questo è il nostro passato ...
    1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
      Pishenkov (Alex) 19 September 2019 12: 28
      +1
      Prego! Un'aggiunta: l'amministratore per qualche motivo non è riuscito ad allegare entrambi i video che c'erano. E il primo, secondo me, è molto più rivelatore. Link sotto per entrambi


      1. guerriero Офлайн guerriero
        guerriero 1 June 2020 07: 50
        0
        È necessario DISTRUGGERE TUTTI i monumenti ai cechi bianchi, come i polacchi (Katyn), sul territorio della Russia - erano e rimangono NEMICI per noi ...
    2. guerriero Офлайн guerriero
      guerriero 1 June 2020 08: 16
      +1
      L'autore non ha scritto niente di speciale ...
      Ha solo confermato che se l'esercito sovietico con Konev NON fosse arrivato a Praga in tempo, allora i cechi, che avevano sollevato la rivolta, sperando nell'aiuto degli americani, i fascisti tedeschi, di cui c'erano circa 1 milione di persone nella sola Praga, furono DISTRUTTI, insieme ai Vlasoviti (ROA). ..
      Pertanto, i cechi dovrebbero essere ETERNAMENTE GRATI all'esercito sovietico ea Konev, che hanno VERAMENTE liberato Praga e TUTTA la Cecoslovacchia dai fascisti tedeschi ...
  3. SERGEEVICS SERGEY Офлайн SERGEEVICS SERGEY
    SERGEEVICS SERGEY 19 September 2019 17: 32
    +1
    Il monumento al maresciallo Konev viene demolito non dai russofobi cechi, ma dalla propaganda russa

    È così che ora hanno imparato a divincolarsi dalle loro azioni e azioni, nascondendosi dietro una sottospecie della nostra propaganda. E così, l'articolo si è rivelato informativo.
    1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
      Pishenkov (Alex) 19 September 2019 17: 55
      0
      Semplicemente non si nascondono dietro a questo. Alcuni di noi hanno bisogno di pensare al significato del proverbio "Avendo mentito una volta, chi ti crederà?" Questo è il problema.
      1. SERGEEVICS SERGEY Офлайн SERGEEVICS SERGEY
        SERGEEVICS SERGEY 19 September 2019 18: 01
        +1
        Semplicemente non si nascondono dietro a questo.

        Ebbene, sì, sostengono apertamente i Natsik, c'è una cosa del genere da parte loro.

        Alcuni di noi hanno bisogno di pensare al significato del proverbio "Avendo mentito una volta, chi ti crederà?"

        E qui, più in dettaglio, puoi accontentare, in ciò che si manifesta, il fatto che l'Occidente abbia iniziato a riscrivere la storia e ha iniziato a confutare tutte le nostre azioni.
      2. SERGEEVICS SERGEY Офлайн SERGEEVICS SERGEY
        SERGEEVICS SERGEY 19 September 2019 18: 19
        -1
        Alexey, ovviamente hai una visione interessante di questo problema. Forse hai ragione su qualcosa (almeno su chi dovrebbe occuparsi dei monumenti).
      3. guerriero Офлайн guerriero
        guerriero 1 June 2020 07: 44
        +1
        Quindi MENTONO SEMPRE e riscrivono la STORIA per se stessi, quindi NON CI CREDO ...
    2. amor Офлайн amor
      amor (Interesse) 15 November 2019 14: 39
      -2
      Dobbiamo ricordare alla maggioranza del pubblico russo che n.n. "Russophobia" è un carrello su un rimorchio vicino al "mondo russo". Anche se nella Federazione Russa non c'erano aspirazioni al trasferimento dei confini, i paesi dell'ex "campo socialista" tollerarono l'eredità sovietica. Ma non appena le truppe russe conquistarono la Crimea e scatenarono una guerra con l'Ucraina, si ricordarono lungo il perimetro dei confini occidentali che non ci fu liberazione nel 45, ma c'era una nuova occupazione, ma ora sovietica. Nei paesi baltici, in Polonia, e in particolare in Ucraina, iniziarono processi di de-sovietizzazione accelerata, i monumenti dell'era sovietica iniziarono a essere demoliti e spostati, alle strade furono dati nuovi nomi. Il conflitto tra la Federazione Russa e l'Ucraina ha già accelerato il processo di de-russificazione in Ucraina, con il quale mi congratulo con la popolazione locale! Ogni ucraino ucciso nella sua terra è 1000 nuovi russofobi! A proposito, l'anno scorso l'ultima strada dell'era sovietica, Furmanov, è stata ribattezzata, quindi il processo di de-sovietizzazione in Kazakistan è andato tranquillamente e senza polvere, non è rimasto nulla che ricordasse le "grandi conquiste" del periodo sovietico.
      È necessario ricordare alla popolazione locale che i liberatori sono liberati, vengono ringraziati e se ne vanno a casa, se ciò non accade, allora questa è una nuova occupazione. Ma come sappiamo, nella storia della Russia, non sono mai tornati volontariamente da dove era entrato lo stivale russo, hanno solo scortato o cacciato! Peggio ancora, i russi hanno l'abitudine di sfrattare la popolazione indigena e di sistemare i russi nelle loro case, cosa che, di fatto, è vietata dalle convenzioni di Ginevra sulla condotta delle guerre.
      1. guerriero Офлайн guerriero
        guerriero 1 June 2020 07: 01
        +1
        Nel Donbass, i maledetti membri neofascisti di Bandera hanno inscenato una guerra civile e il GENOCIDE dei civili.
        Pertanto, in Ucraina, TUTTI i Banderiti saranno DISTRUTTI e l'Ucraina stessa crollerà e scomparirà come stato.
      2. Casa 25 Mq 380 Офлайн Casa 25 Mq 380
        Casa 25 Mq 380 (Casa 25 Mq. 380) 21 August 2020 09: 57
        +1
        non è rimasto nulla che possa ricordare le "grandi conquiste" del periodo sovietico

        Fatta eccezione per il Kazakistan stesso)))
      3. Ivan Ivanov_20 Офлайн Ivan Ivanov_20
        Ivan Ivanov_20 (Ivan Ivanov) 29 March 2021 18: 24
        +3
        Beh, tu ... Chi hanno sfrattato i russi? Kazaki? Kirghizov? Armeni? Yakuts? A chi era proibito parlare la loro lingua madre? In quale repubblica la lingua nazionale non era la lingua di stato? Dove non c'erano università nazionali, studi cinematografici, sindacati di scrittori?
        E i monumenti del mondo russo - strade, fabbriche, città, che cadono gradualmente in rovina, dopo la partenza del mondo russo .... :)))
        In URSS, la Federazione Russa ha vissuto il peggio di tutti, e ora è meglio di qualsiasi ex repubblica. Questa è la domanda su chi ha oppresso chi ...
  4. Yuri Mikhailovsky Офлайн Yuri Mikhailovsky
    Yuri Mikhailovsky (Yuri Mikhailovsky) 19 September 2019 18: 27
    0
    Il tempo quindi, il 9 maggio 1945, mise TUTTO al suo posto.
    1. SERGEEVICS SERGEY Офлайн SERGEEVICS SERGEY
      SERGEEVICS SERGEY 19 September 2019 18: 34
      +1
      Citazione: Yuri Mikhailovsky
      Il tempo quindi, il 9 maggio 1945, mise TUTTO al suo posto.

      Esatto, il 9 maggio mostra sempre il vero corso della guerra e l'essenza di tutto questo.
      1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
        Pishenkov (Alex) 19 September 2019 19: 35
        +1
        Sono completamente d'accordo con questo. E sono anche d'accordo con il fatto che stiano cercando di riscrivere. E mi fa infuriare e discuto con LORO.
        Ma allo stesso tempo non capisco perché le NOSTRE BUGIE sulla Seconda Guerra Mondiale? Mentire, infatti, nelle piccole cose, che proprio, in linea di principio, non cambia nulla. Ma d'altra parte, il fatto stesso che i NOSTRI su esempi molto concreti e assolutamente primitivi LORO afferrino bugie primitive, allora dà LORO il diritto di mettere in discussione tutto il resto ... Perché dare tali ragioni? Parlo principalmente di questo ...
        1. SavIgn Офлайн SavIgn
          SavIgn 19 September 2019 21: 45
          -7
          Ma allo stesso tempo non capisco perché le NOSTRE BUGIE sulla Seconda Guerra Mondiale?

          E il "tuo", chi è questo?
          Se bolscevichi, comunisti e sovietici, la loro stessa storia sulla Grande Guerra Patriottica è pura menzogna. Che non è necessario controllare, tutto giace in superficie.
          La guerra sovietico-tedesca, che i bolscevichi chiamavano "Grande, e anche patriottica" per un certo timore, terminò il 24.09.1941 settembre 2. Non terminò con la sconfitta o la vittoria dell'URSS, ma con l'entrata dell'URSS nella seconda guerra mondiale dalla parte degli anglosassoni.
          Ecco subito un fastidio per i bolscevichi, una posizione subordinata agli anglosassoni. E il ruolo poco invidiabile di "carne da cannone degli anglosassoni in Europa", simile ai cinesi in Asia e agli etiopi in Africa.
          Pertanto, l'entrata nella seconda guerra mondiale è stata "dimenticata" e la gente misera ha continuato a raccontare la storia della seconda guerra mondiale.
          Ma se la seconda guerra mondiale finì nel 1945, si scopre che vi parteciparono anche gli anglosassoni. Dopotutto, erano alleati dell'URSS.
          Ma non vi hanno partecipato in modo inequivocabile. Perché hanno combattuto con la Germania molto prima dell'inizio della seconda guerra mondiale. Gran Bretagna dal settembre 1939 e Stati Uniti (ibrido) dal marzo 1941
          Ciò significa che gli alleati dell'URSS, degli Stati Uniti e della Gran Bretagna erano entrambi della seconda guerra mondiale. Ed è stata lei a finire il 2/08.05.1945/XNUMX.
          Che cosa è indicativo della divisione dei frutti della vittoria: cosa potrebbero essere, in caso di fine della seconda guerra mondiale, le zone di occupazione degli alleati se non partecipassero alla seconda guerra mondiale?
          Pertanto, l'URSS sta mentendo in tutto. Incl. e sulla questione della seconda guerra mondiale.
          Ma il mondo conosce più o meno la vera storia. Non gli dispiace dirle agli scoop. Ma gli scoop non vogliono sapere la vera storia. Vogliono sapere solo una serie divertente di racconti sovietici. E i tentativi di raccontare loro una storia vera, anzi di insegnar loro, li chiamano "tentativi di riscrivere la storia".
          Sono strane creature, questi scoop. Aderenti naturali di un culto pseudo-religioso. Settari, insomma.
          1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
            Pishenkov (Alex) 19 September 2019 22: 45
            +2
            "I NOSTRI" per me oggi sono i rappresentanti della Federazione Russa, e tutti coloro che considerano questa la loro patria, sebbene io sia nato e cresciuto in URSS e in Russia, sia di nome che di stato, lo percepisco ancora in qualche modo strano ... A quanto pare , rimarrà così.
            Riguardo alla Seconda Guerra Mondiale e alla Seconda Guerra Mondiale, sono parzialmente d'accordo con te: l'URSS ha davvero partecipato alla Seconda Guerra Mondiale dall'inizio alla fine. Inoltre, all'inizio era proprio nella capacità di colui che ha attaccato gli stati vicini. Per questo abbiamo sempre parlato della seconda guerra mondiale, lì tutto si è rivelato "più bello": ci hanno attaccato, ci siamo difesi, ecc. E il termine stesso è davvero un'invenzione della propaganda sovietica. Tuttavia, la seconda guerra mondiale è un termine completamente legale per una delle parti di quella che viene chiamata seconda guerra mondiale, la sua parte più importante per noi e per il continente europeo. È probabile che per gli inglesi la "battaglia d'Inghilterra" sia più importante, e per i cinesi la guerra nel sud-est asiatico ... Tutti ne hanno diritto. Il resto di quello che hai scritto è, scusa, una totale assurdità ...

            il mondo conosce più o meno la vera storia

            - il nocciolo della questione è che non lo sa. Né storia né geografia. Se intendi quello che viene chiamato "Ovest". Ma loro, in effetti, non vogliono saperlo. E la Russia, purtroppo, dopo aver intrapreso il percorso di sviluppo "occidentale", si è precipitata lì ... Di recente, c'è qualche speranza che torni in sé. Ma personalmente non sono sicuro che non sia troppo tardi ...
            1. SavIgn Офлайн SavIgn
              SavIgn 19 September 2019 23: 53
              -4
              L'URSS è stata davvero un membro della seconda guerra mondiale dall'inizio alla fine.

              Affatto. Permettetemi di ricordarvi che Francia e Gran Bretagna hanno dichiarato guerra alla Germania, ma l'URSS no. Pertanto, l'URSS non è stata coinvolta in questo processo (WW2) nel 1939. C'è stata una guerra locale sovietico-polacca, ma è proseguita al di fuori della seconda guerra mondiale.
              Allo stesso tempo, gli stessi polacchi e tedeschi hanno combattuto in Polonia nella seconda guerra mondiale.
              Ebbene, cosa fare: la politica è una questione delicata. E i ragazzi britannici sono prudenti. Avevano bisogno della pelle tedesca. Ma sovietico, no. Da questo e un approccio diverso agli attaccanti della Polonia. Inoltre, gli inglesi avevano bisogno di carne da cannone di riserva in Europa (i polacchi ovviamente non si ritirarono ei francesi erano inaffidabili). E ancora una volta hanno calcolato tutto correttamente.
              E nella seconda guerra mondiale, l'URSS si schierò con gli anglosassoni il 2/24.09.1941/1941, firmando la Carta Atlantica. In realtà, iniziò a chiedere loro alleati alla fine di giugno (tanto Dzhugashvilya era fiducioso nella vittoria finale sui tedeschi). Ma non lo portarono dai loro alleati, all'inizio chiesero di abbandonare Zap. Ucraina, Zap. Bielorussia (rifiutò con l'accordo Maykiy-Sikorsky del luglio 1945, ma poi, nel XNUMX, ricevette indietro queste terre in cambio di terre riparatrici in Germania), poi, dagli Stati baltici (rifiutò, impegnandosi a tenere un referendum indipendente dopo la guerra negli Stati baltici, ma poi come- poi me ne sono dimenticato).

              Tuttavia, la seconda guerra mondiale è un termine completamente legale per una delle parti di quella che viene chiamata seconda guerra mondiale.

              No, la seconda guerra mondiale, questa è la guerra che l'URSS ha intrapreso dal 22.06.1941/24.09.1941/2 al 1939/2/24.09.1941, e la seconda guerra mondiale è un altro fenomeno iniziato nel settembre 08.05.1945. Queste due guerre non si intersecano in alcun modo, sono state combattute parallelamente l'una all'altra. E l'URSS ha partecipato alla Seconda Guerra Mondiale in Europa dal 1941/XNUMX/XNUMX al XNUMX/XNUMX/XNUMX. una guerra per l'URSS si è trasformata in una guerra completamente diversa. Questo perché la stessa URSS chiaramente non ha ritirato la guerra sovietico-tedesca (seconda guerra mondiale). Per le consegne dell'estate e del settembre XNUMX (furono pagate, ma a credito), l'URSS ripagò poi per un lungo e noioso periodo.

              È probabile che gli inglesi siano più importanti "Battle of Britain",

              Ma questo è solo il palcoscenico della Seconda Guerra Mondiale. A differenza della seconda guerra mondiale.

              Il resto di quello che hai scritto è, scusa, una totale assurdità ...

              Niente del genere. Tutto è corretto e logico lì. Ma questo strappa il tuo modello, quindi non percepisci logica e verità. Niente, in qualche modo alla fine capirai cosa e come era veramente.

              il fatto è che non lo sa.

              Il nocciolo della questione è che lo sa. E solo le vittime della "migliore istruzione del mondo" non sanno niente. Piuttosto, conoscono solo una serie di divertenti racconti sovietici invece della storia.

              E la Russia, purtroppo, ha intrapreso il percorso di sviluppo "occidentale"

              Qual è il percorso di sviluppo?
              Non esiste una via occidentale. C'è uno sviluppo della civiltà e il suo degrado.
              In Russia (attraverso l'URSS) abbiamo avuto un colossale degrado dell'uomo e della società. È un peccato dire che a 20 anni in Europa c'era una società di schiavi! Questo non si adatta a nessun cancello. Questa è l'Europa, dopotutto. Tuttavia, non puoi cancellare parole dalla canzone: socialismo sovietico, questa è una delle varietà dell'OEF che possiede schiavi. E il sistema di schiavitù in Europa è durato fino alla fine del XX secolo. Fino alla fine dell'URSS.

              Ultimamente c'è qualche speranza che ritorni in sé.

              Vuoi tornare alla schiavitù?
              Ebbene, sì, anche il cameriere degli "Ussari" non ha mai voluto ricevere la libertà.
              La schiavitù, è nei geni. Sono necessarie due generazioni, in condizioni favorevoli, perché la schiavitù lasci i geni (anche Mosè lo sapeva). Pertanto, lo scoop partirà 50 anni dopo la fine dell'URSS. Se sei fortunato. E se sei sfortunato, nessuno sa quando. Ma se ne andrà sicuramente. La follia finisce sempre. O cura o morte. Ma non dura per sempre.
              1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
                Pishenkov (Alex) 20 September 2019 09: 37
                -1
                Sai ... come posso dirlo in modo così lieve, mi hai davvero sconvolto ... Dopo questo

                L'URSS non è stata coinvolta in questo processo (WW2) nel 1939. C'è stata una guerra locale sovietico-polacca, ma è proseguita al di fuori della seconda guerra mondiale.
                Allo stesso tempo, gli stessi polacchi e tedeschi hanno combattuto in Polonia nella seconda guerra mondiale.

                e questo

                La seconda guerra mondiale, questa è la guerra che l'URSS ha intrapreso dal 22.06.1941/24.09.1941/2 al 1939/2/24.09.1941, e la seconda guerra mondiale è un altro fenomeno iniziato nel settembre 08.05.1945. Queste due guerre non si intersecano in alcun modo, sono state combattute parallelamente. E l'URSS ha partecipato alla Seconda Guerra Mondiale in Europa dal XNUMX/XNUMX/XNUMX al XNUMX/XNUMX/XNUMX. una guerra per l'URSS si è trasformata in una guerra completamente diversa. Questo perché la stessa URSS chiaramente non ha ritirato la guerra sovietico-tedesca (seconda guerra mondiale).

                ... il resto, mi scuso, non l'ho nemmeno letto, cosa che di solito non faccio. Ho visto un sacco di sciocchezze diverse su questo argomento nella mia vita, ma hai appena superato tutto in un colpo solo. Congratulazioni. Fa solo schifo allo standard più alto ... No, non fa schifo, è meglio di Atstoy, così e con la lettera maiuscola ... Chiaramente non ha senso darti qualche argomento e provare qualcosa, in questo caso particolare no
                Qui di recente ho sentito la frase "... è inutile, come giocare a scacchi con i piccioni - i pezzi saranno comunque sparsi, cagheranno sulla scacchiera e voleranno via ..." - è proprio così.
                Quindi grazie, non ti risponderò più ...
                1. SavIgn Офлайн SavIgn
                  SavIgn 20 September 2019 16: 45
                  -3
                  Citazione: Pishenkov
                  Ho visto un sacco di sciocchezze diverse su questo argomento nella mia vita, ma hai appena superato tutto in un colpo solo. Congratulazioni. Fa solo schifo dello standard più alto ... No, non fa schifo, è meglio di Atstoy, così e con la lettera maiuscola ... Non ha senso darti alcune argomentazioni e dimostrare qualcosa, in questo caso particolare

                  Non ci riuscirai. Sei semplicemente poco istruito, perché non hai ricevuto istruzione, ma "educazione sovietica" (un tale sostituto). Che è "il migliore del mondo", come sai.
                  Quelli. sai qualcosa da quello che hanno scritto Ulyanov, Marx ed Engels. Ma tu praticamente non conosci il materiale. Quelli. oggetto di conversazione.
                  Pertanto, non sarai in grado di provare nulla e, ancor più, di confutare i fatti che ti sono stati dati. La qualifica non è la stessa.
                  1. plabu Офлайн plabu
                    plabu 6 November 2019 23: 49
                    0
                    Chi ha scritto di qualifiche qui))) una serie di francobolli, nemmeno muschiosi, ma ammuffiti per te, ma ambizioni ... - tuttavia, questi sono i tuoi problemi, anche se non ti piace l'educazione sovietica, ma non hai nient'altro dimostrato, quindi ripeti la serie dei tuoi mantra da solo ...
                  2. Il commento è stato cancellato
          2. plabu Офлайн plabu
            plabu 6 November 2019 23: 44
            0
            In effetti, l'autore dell'articolo ha già scritto quasi tutto per te, studio)
          3. amor Офлайн amor
            amor (Interesse) 15 November 2019 14: 49
            -1
            Totalmente d'accordo con te!
          4. guerriero Офлайн guerriero
            guerriero 1 June 2020 07: 34
            +1
            Sei tu quello che vende qui le tue "storie" fasciste.
            L'URSS è il primo stato dei lavoratori al mondo, creato per il popolo, e non per i ladri capitalisti, perché, come un “osso in gola”, ostacolava i capitalisti.
            Fu per la sua distruzione che i capitalisti sollevarono intenzionalmente Hitler, lo armarono, gli diedero TUTTA l'Europa capitalista per aiutarlo e metterlo contro l'URSS, che fu costretta a difendersi e, di conseguenza, il popolo sovietico, l'Armata Rossa, sotto la guida di Iron Stalin e il sistema socialista, CONQUISTANO tutti i fascisti in Europa, avendo finito Hitler nella sua tana - a Berlino, e RILASCIATO UNA PARTE SIGNIFICATIVA dell'Europa dai fascisti e dai capitalisti, che ACCOGLIEVANO i popoli europei liberati dal capitalismo ...
            Gloria eterna all'URSS, al popolo sovietico, all'Armata Rossa e a Stalin!
          5. Baci baci Офлайн Baci baci
            Baci baci (Yovan) 28 luglio 2020 00: 43
            0
            SavIgn, sei rimasto analfabeta, studiando, a quanto pare, in epoca sovietica. Questa è colpa mia, non c'è niente da incolpare sui bolscevichi, che, dicono, sono colpevoli di qualcosa ... Vivi più facilmente e la gente sarà attratta da te. Forse diventerai più istruito!
          6. Ivan Ivanov_20 Офлайн Ivan Ivanov_20
            Ivan Ivanov_20 (Ivan Ivanov) 29 March 2021 18: 33
            +1
            Gran Bretagna dal settembre 1939 E gli Stati Uniti (ibridi) dal marzo 1941 - sì, hanno partecipato a ...
            "strana" come la definivano loro stessi, la guerra senza un solo colpo, ma con partite di calcio tra tedeschi e inglesi ... :)))
            E gli Stati Uniti hanno scambiato con la Germania un ibrido per miliardi di dollari per 44 anni.
            è stata lei a finire il 08.05.1945/2/02.09.45 - De Bill orecchie, insegnare materiale. La seconda guerra mondiale si è conclusa il XNUMX. :))
            La generazione dell'Esame di Stato Unificato è cresciuta, ha cominciato ad essere intelligente ...
      2. amor Офлайн amor
        amor (Interesse) 15 November 2019 14: 46
        -3
        Senza gli angloamericani, non ci sarebbe stato il 9 maggio 45, ma ci sarebbe stata una completa disfatta e prostrazione, come il 16 ottobre 41 a Mosca.
        1. plabu Офлайн plabu
          plabu 19 luglio 2020 08: 05
          0
          Citazione: Sake
          Senza gli angloamericani, non ci sarebbe stato il 9 maggio 45, ma ci sarebbe stata una completa disfatta e prostrazione, come il 16 ottobre 41 a Mosca.

          Personalmente, è improbabile che anche uno studio dei fatti storici ti aiuti: hai tutto funzionante, ma questo è puramente un tuo problema. hi
    2. SavIgn Офлайн SavIgn
      SavIgn 19 September 2019 21: 49
      -4
      Il 9 maggio 1945, TUTTO fu messo a punto.

      E cosa ha organizzato? Per quanto ne sappiamo dalla storia. Il 09.05.1945/XNUMX/XNUMX non è accaduto nulla di storicamente significativo nel mondo.
      Semmai, la seconda guerra mondiale in Europa si è conclusa il 2/08.05.1945/XNUMX.
      La seconda guerra mondiale terminò il 24.09.1941/XNUMX/XNUMX.
      1. kartalovkolya Офлайн kartalovkolya
        kartalovkolya 21 September 2019 08: 16
        +1
        Una volta ho sentito da una donna anziana e saggia parole che riguardano direttamente te e chi come te:

        ... ora ci sono molte persone istruite, ma pochissime quelle intelligenti ...!
        1. SavIgn Офлайн SavIgn
          SavIgn 23 September 2019 14: 13
          -4
          Citazione: kartalovkolya
          ora ci sono molte persone istruite, ma pochissime quelle intelligenti ...!

          Un'altra persona non istruita che non conosce nemmeno le basi della storia.
          1. plabu Офлайн plabu
            plabu 6 November 2019 23: 52
            0
            I tuoi tentativi di confutare qualcosa non sono altro che ridicoli - impara materiale)
      2. plabu Офлайн plabu
        plabu 6 November 2019 23: 51
        0
        La tua ignoranza è il tuo problema)
      3. plabu Офлайн plabu
        plabu 19 luglio 2020 08: 10
        0
        Citazione: SavIgn
        Il 9 maggio 1945, TUTTO fu messo a punto.

        E cosa ha organizzato? Per quanto ne sappiamo dalla storia. Il 09.05.1945/XNUMX/XNUMX non è accaduto nulla di storicamente significativo nel mondo.
        Semmai, la seconda guerra mondiale in Europa si è conclusa il 2/08.05.1945/XNUMX.
        La seconda guerra mondiale terminò il 24.09.1941/XNUMX/XNUMX.

        Non per te per identificarti con il mondo intero, ma ti sei intromesso nello studio delle date e dei fusi orari della tua istruzione all'istituto di costruzione di recinti?
        Beh, succede, non preoccuparti quindi, non era così per tutti ...
        Forse passerà anche per te - allora forse ...
  5. arte_2 Офлайн arte_2
    arte_2 (Mikhail Yurievich Artemiev) 13 gennaio 2021 22: 46
    0
    Queste non sono persone.