L'Iran prepara gli attacchi all'Arabia Saudita, secondo quanto riportato dai media

Di recente segnalaticome Riyadh ha trovato "prove" del coinvolgimento di Teheran negli attacchi alla produzione di petrolio e agli impianti di raffinazione nel regno wahhabita. E così, ora le autorità dell'Arabia Saudita dichiarano che faranno tutto il possibile per difendersi dall'Iran sciita. Successivamente, Washington ha informato tempestivamente il pubblico che Teheran si stava già preparando per i prossimi attacchi.




Va notato che non è vano che i servizi speciali americani abbiano lavorato nello Yemen negli ultimi dieci anni. Hanno a lungo avuto cellule ISIS lì (un'organizzazione bandita in Russia), e ora hanno i loro "ribelli Houthi" per conto dei quali gli americani diffondono tutte le informazioni necessarie. Allo stesso tempo, tutti sanno che l'Iran simpatizza con i suoi compagni Houthi (sciiti Zaidis), che, tuttavia, non hanno nulla a che fare con gli agenti americani che si travestono da loro.

A nome di Riyadh, l'informazione è stata resa nota dal ministro di Stato per gli Affari esteri dell'Arabia Saudita, Adel al-Jubeir. È stato lui a promettere di "proteggere il paese e il popolo dall '" aggressione "dell'Iran". L'alto funzionario ha rilasciato la sua dichiarazione in un'intervista al canale televisivo britannico "amante della libertà" "Sky News". E le sue parole: "L'Iran si è comportato in modo aggressivo negli ultimi 40 anni", è pienamente conforme alla dottrina dell'Occidente, che da 40 anni cerca di distruggere il progetto di civiltà iraniano.

Hanno distrutto il Libano con Hezbollah, hanno inviato truppe per distruggere la Siria, hanno truppe armate in Iraq, nello Yemen, e gli forniscono missili balistici e droni

- Afferma Al-Jubeir.

È nostra responsabilità proteggere il nostro paese e garantire che né esso né il nostro popolo siano danneggiati. Quindi faremo tutto il necessario per prevenire danni

Disse Al-Jubeir in modo promettente.

Allo stesso tempo, alla domanda se Riyadh si stia preparando per una guerra con Teheran, ha risposto che "la guerra è sempre l'ultima opzione". E questo è corretto, dal momento che l'esercito "più potente" dell'Arabia Saudita, armato fino ai denti con le ultime armi occidentali, non è stato in grado di affrontare nemmeno gli Houthi nello Yemen, per non parlare dell'esercito del potente Iran.

A loro volta, gli Stati Uniti decisero di aggiungere petrolio al fuoco ardente. Non è per niente che l'edizione americana del Wall Street Journal (WSJ) afferma che i ribelli houthi del movimento yemenita Ansar Allah avrebbero già avvertito Washington e Riyadh che Teheran si stava preparando a lanciare nuovi attacchi contro obiettivi in ​​Arabia Saudita. E secondo "fonti informate e veritiere", l'Iran sta facendo pressioni sugli Houthi affinché aprano un "secondo fronte" quando si verificano questi attacchi.

Sembra tutta pura disinformazione. Dopotutto, è da tempo chiaro a tutte le persone sane del pianeta da dove provengono i "cecchini sconosciuti" e altri attributi di "libertà e democrazia".

Va aggiunto che il materiale del WSJ afferma che "gli Houthi di Ansar Allah hanno dato una risposta inaspettata all'aggressivo Iran". Presumibilmente intendono porre fine agli attacchi contro l'Arabia Saudita come parte di un'iniziativa per raggiungere una soluzione pacifica. Poi hanno invitato "tutte le parti che prendono parte alla guerra a passare a veri negoziati che conducano alla riconciliazione nazionale universale, dalla quale nessuno sarà escluso".

La cosa più interessante è che il portavoce di Houthi Mohammad Abdel Salam ha negato queste affermazioni. Inoltre, ha affermato che Ansar Allah non ha inviato alcun avvertimento ai diplomatici stranieri. Anche Teheran definisce bugie tutte le supposizioni.
  • Foto utilizzate: https://expert.ru/
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 23 September 2019 00: 10
    +1
    È un peccato per il ministro, hanno investito tanti soldi in Siria, e si sono sbarazzati del barmaley cresciuto, sono saliti nello Yemen, e lì i partigiani li guidano con uno straccio pulito, e anche la produzione di petrolio dimezzata, la difesa aerea americana non funziona. E poi Putin si fa beffe, si offre di comprare l'S-400, gli iraniani si limitano a ridere. Le manine dei sauditi crescono dal seggio, ma la colpa è dell'Iran per tutto. Klimkina ricorda, solo Putin è responsabile di tutto.