Idrocarburi estremi: la Russia è tornata in Africa e in Medio Oriente

Se un paese è ricco di risorse naturali, non deve necessariamente prosperare. Inoltre, la presenza di petrolio, gas, carbone, minerali e altri minerali sul suo territorio può causare seri problemi. Tali paesi diventano spesso vittime di rivoluzioni, colpi di stato militari, guerre civili, scoppi di terrorismo, invasioni straniere. Questo li porta alla devastazione, alla povertà e all'aumento del numero di rifugiati.




Pertanto, non sorprende che il Medio Oriente e l'Africa, che possiedono le risorse più ricche, siano le regioni più angoscianti che hanno vissuto o stanno vivendo varie avversità. Sono gli abitanti di queste regioni che costituiscono la stragrande maggioranza dei rifugiati che hanno invaso l'Europa.

Nel risolvere i loro problemi, i paesi dell'Africa e del Medio Oriente potrebbero essere aiutati dall'esportazione di idrocarburi. Ma una ragione banale impedisce loro di sviluppare il loro sviluppo: la mancanza di finanziamenti. Per risolvere i loro problemi, devono rivolgersi a Stati più forti e sviluppati per chiedere aiuto.

E anche se mi accusano di evviva patriottismo e mi lanciano pietre, la Federazione Russa è considerata uno di questi paesi in questa regione. Inoltre, alcuni paesi in via di sviluppo preferiscono fare affari con la Russia piuttosto che con qualsiasi altro paese.

Si fidano della Russia


C'è una certa logica nel fatto che molti paesi del terzo mondo preferiscono trattare con la Russia. È difficile sostenere che tecnologicamente e finanziariamente i paesi occidentali e la Cina siano ancora davanti a noi. Ma il Medio Oriente e l'Africa ricordano ancora numerosi esempi di successo di cooperazione con il nostro paese durante l'era sovietica. Capiscono che i russi non diventeranno nuovi colonizzatori per loro.

Non sosterrò che l'influenza della Russia su questa regione è più forte dell'influenza della Cina, degli Stati Uniti o dei paesi dell'Europa occidentale. Questo è tutt'altro che vero, ma il numero di paesi in via di sviluppo con cui il nostro paese collabora nel settore del petrolio e del gas è piuttosto ampio e gli indicatori finanziari di tale interazione sono in costante crescita.

La cooperazione con i paesi occidentali per il Medio Oriente e gli stati africani spesso minaccia la loro sovranità e porta a un indebolimento del potere. Supporto ai movimenti di opposizione al fine di sostituire gli attuali leader con quelli "tascabili", politico pressioni, minacce di sanzioni: tutti conoscono questi metodi di lavoro tra i paesi occidentali ei loro partner.

Quanto alla Cina, si comporta in modo apolitico e non cerca di esportare la sua ideologia in altri paesi. Ma i cinesi stanno spingendo i loro rioni verso tali debiti che non solo i figli, ma anche i nipoti non pagheranno.

La Russia, nonostante le sue ambizioni geopolitiche, non invade la sovranità nazionale dei paesi con cui lavora, ed è guidata per la maggior parte da economico considerazioni, cercando di costruire relazioni basate su vantaggi reciproci.

Siria e petrolio


Come molti altri paesi del mondo arabo, i principali problemi della Siria sono iniziati nel 2011, quando è arrivata la cosiddetta Primavera araba. Poi è arrivata in questo paese una guerra civile distruttiva e sanguinosa. Inoltre, allora islamisti radicali hanno rialzato la testa, prendendo il controllo di una parte significativa del territorio di Siria e Iraq e proclamando la creazione dello Stato Islamico. Le attività di questa e di molte altre organizzazioni estremiste furono presto bandite in molti paesi del mondo, inclusa la Russia.

Su invito del governo e del legittimo presidente del paese, Bashar al-Assad, la Russia ha fornito una sostanziale assistenza militare alla Siria. È stato il sostegno della Federazione Russa che ha aiutato le autorità del paese a riprendere il controllo sulla maggior parte del territorio del paese e persino a iniziare a ripristinare l'economia.

Sebbene le riserve dei giacimenti petroliferi siriani siano più che modeste per gli standard mediorientali, fino al 2011 il paese è riuscito non solo a dotarsi del volume necessario di prodotti petroliferi, ma anche a esportare petrolio. Per la maggior parte, la Siria vende idrocarburi ai paesi dell'UE. Se prima il paese produceva circa 390mila barili di petrolio e più di cinque miliardi di metri cubi di gas al giorno, dopo l'inizio della guerra civile, quasi tutta la produzione di petrolio doveva essere ridotta. I suoi volumi sono scesi al livello di 30-32 mila barili. Poiché la domanda del paese di "oro nero" supera i 100mila barili al giorno, Damasco è stata costretta ad acquistare petrolio, principalmente dall'Iran. Il paese ha sperimentato una carenza di prodotti petroliferi.

Oggi è ancora troppo presto per parlare di una stabilizzazione completa della situazione in Siria, ma è difficile argomentare con il fatto che il Paese stia gradualmente passando a una vita pacifica. La Russia la sta aiutando in questo. Dato il contributo del nostro paese alla sconfitta dell'ISIS e di altri gruppi radicali, nel 2018 ha ricevuto diritti esclusivi per lo sviluppo di giacimenti di petrolio e gas in questo paese mediorientale.

A volte questa collaborazione ha assunto, per usare un eufemismo, forme bizzarre. Ad esempio, il quotidiano Fontanka nel 2017, riferendosi a una fonte vicina al Ministero dell'Energia della Federazione Russa, ha affermato un insolito accordo tra il governo siriano e Euro Policy, di proprietà dell'uomo d'affari russo Yevgeny Prigozhin. L'accordo ha dato alla società i diritti sul 25 per cento del petrolio e del gas prodotti in Siria. È vero, i depositi stessi al momento della conclusione dell'accordo erano nelle mani dei terroristi, quindi i russi dovevano liberarli da soli. La liberazione e la successiva protezione dei depositi, secondo i giornalisti di Fontanka, è stata effettuata dalla compagnia militare privata di Wagner, ampiamente conosciuta in Russia e all'estero.

Anche altre società russe hanno aderito allo sviluppo di giacimenti di petrolio e gas in Siria.

Molte persone non amano questa attività della nostra attività in questo paese del Medio Oriente. Ciò è particolarmente vero per gli Stati Uniti e la Turchia, che qui hanno i propri interessi economici.

Per l'industria globale del petrolio e del gas, non solo i giacimenti della Siria sono di interesse, ma anche la sua posizione geografica. Il fatto è che la SAR potrebbe essere un paese di transito tra i paesi del Golfo Persico e l'Europa. Forse sarebbe consigliabile posare nuovi gasdotti nel suo territorio. Ma al momento è troppo presto per pensarci, visto che la situazione nel Paese è ancora instabile.

Lotta per le risorse irachene


Nonostante problemi politici ed economici simili, la situazione nell'industria petrolifera e del gas in Iraq è fondamentalmente diversa dalla situazione in Siria. Se le riserve petrolifere siriane possono essere definite piuttosto modeste, allora l'Iraq è un vero tesoro. In termini di produzione di questa materia prima, si colloca al quarto posto nel mondo, dietro solo ad Arabia Saudita, Russia e Stati Uniti.

Secondo varie fonti, il volume della produzione di petrolio in Iraq varia da 4,4 a 4,8 milioni di barili al giorno, con 4 milioni di barili che vanno all'estero. Il ministro iracheno del petrolio Jabbar al-Luaibi sostiene che questo è lontano dal limite. Secondo le sue previsioni, quest'anno il livello di produzione di petrolio nel Paese potrebbe raggiungere i 5 milioni di barili al giorno, ed entro il 2024 raggiungerà i 6-7 milioni.

Allo stesso tempo, la maggior parte della produzione di petrolio in Iraq appartiene a compagnie straniere. Ne è coinvolta un'ampia varietà di paesi, dagli Stati Uniti e dalla Cina alla Malesia e all'Angola. Anche la Russia non si è fatta da parte.

La compagnia russa Rosneft ha firmato un contratto molto redditizio per lo sviluppo di giacimenti petroliferi nel Kurdistan iracheno. I curdi hanno dato alla Russia il diritto di acquistare fino al 70% del petrolio prodotto in questa regione, e ad un prezzo molto favorevole. Inoltre, Rosneft ha ricevuto una partecipazione del 60% nel più grande oleodotto iracheno, Kirkuk-Ceyhan, con una lunghezza di quasi mille chilometri. Ma dopo che la regione del Kurdistan ha dichiarato l'indipendenza dall'Iraq, il governo di Baghdad ha dichiarato illegali i contratti che aveva con i curdi. Tra questi c'erano accordi con Rosneft. E tenendo conto del fatto che il governo iracheno ha trasferito una parte significativa dei poteri dell'industria petrolifera e del gas alla società britannica BP (British Petroleum), ora, probabilmente, sarà necessario negoziare di nuovo, sia con Baghdad che con BP.

Una seria battaglia è stata combattuta per il petrolio di Kirkuk tra Baghdad, i curdi, la Russia, gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e l'Iran. E questo non sorprende, visto che sono in gioco circa 8 miliardi di barili di petrolio.

Tuttavia, l'espansione russa della sua presenza nel settore petrolifero e del gas iracheno si sta verificando non solo in Kurdistan, ma anche in altre regioni. Ad esempio, a West Qurna, Lukoil sviluppa l'85% del giacimento, le cui riserve sono stimate in 13 miliardi di barili. Il restante 15 percento è gestito dalla società norvegese Statoil. E il campo Badra con un volume di circa 3 miliardi di barili è stato sviluppato dalla società russa Gazpromneft insieme a partner malesi e sudcoreani.

Nonostante le guerre e i conflitti interni in corso in Iraq da diversi decenni consecutivi, l'industria petrolifera e del gas si è comportata in modo eccellente. Tuttavia, principalmente società straniere sono impegnate nella produzione di petrolio e gas in questo paese. Il resto dell'economia di questo paese è in uno stato deplorevole. L'Iraq sta vivendo gravi difficoltà nel fornire elettricità e acqua e ha bisogno di ricostruire le sue infrastrutture.

Dilemma libico


La Russia ha i legami più stretti sul continente africano in vari ambiti con i paesi arabi situati nella sua parte settentrionale. Questo vale anche per l'industria petrolifera e del gas.

Anche questi paesi non hanno superato la "Primavera araba". Nell'Africa settentrionale, la Libia ne ha sofferto di più. Dopo il rovesciamento del regime di Muammar Gheddafi, il paese è stato per molti anni travolto da una guerra civile. Ora ci sono due centri di potere paralleli in esso, che sono in guerra tra loro.

Ufficialmente, la Russia non sostiene nessuna delle due parti, mantenendo la neutralità e chiedendo la fine del conflitto. È vero, il Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa è in contatto con il governo Sarraj, riconosciuto dall'ONU, situato a Tripoli. D'altra parte, anche il feldmaresciallo Khalifa Haftar, che sta cercando di catturare Tripoli e rovesciare Sarraj, non è offeso dall'attenzione di Mosca. Ha anche visitato più volte la capitale russa, incontrando il ministro degli Esteri Sergei Lavrov e il ministro della Difesa Shoigu. C'è un punto di vista diffuso in Occidente che la Russia simpatizza con Haftar e lo sostiene segretamente.

In realtà, c'è del vero in questo. Ora Khalifa Haftar è una forza che probabilmente sarà in grado di unire un paese dilaniato.

La situazione politica in Libia interessa non solo la leadership del nostro paese, ma anche le compagnie petrolifere e del gas della Russia. Sebbene Rosneft abbia firmato un accordo nel 2017 con la Libyan National Oil Corporation (NOC) sugli investimenti nell'industria petrolifera, principalmente nell'esplorazione e nello sviluppo dei giacimenti, il prolungato conflitto interno in questo paese nordafricano ne ostacola l'attuazione nella pratica.

Per iniziare a lavorare tranquillamente in Libia, è necessario porre fine alle ostilità e unire il Paese. Purtroppo è quasi impossibile farlo in modo pacifico. Recentemente, il primo ministro Sarraj ha dichiarato di aver rifiutato qualsiasi trattativa con il feldmaresciallo Haftar. Ciò significa che la pace in questo Paese, purtroppo, può arrivare solo dopo la vittoria di una delle parti. E le possibilità di vittoria per l'esercito di Haftar sono piuttosto alte.

Quando il conflitto in questo paese si placherà, Rosneft potrà tornare a un accordo di cooperazione con la Libia e impegnarsi attivamente nella produzione di petrolio in questo paese.

La Russia attraversa il continente nero


Rosneft è impegnata non solo nel petrolio, ma anche nel gas naturale. È arrivata in questo segmento relativamente di recente, quindi è praticamente impossibile per lei sviluppare questa materia prima in Russia, dove regnano Gazprom e Novatek. Ciò rende l'azienda più attiva all'estero. Rosneft ha sviluppato una grande attività nel settore del gas nel continente africano.

Qui l'azienda russa lavora spesso in collaborazione con partner dei paesi occidentali. Ad esempio, Rosneft è impegnata nella produzione di gas sulla piattaforma egiziana insieme all'italiana Eni, e sta sviluppando tre blocchi di gas in Mozambico insieme all'azienda americana ExxonMobil.

A proposito, in Mozambico, Rosneft ha anche una concessione per l'esplorazione di giacimenti di petrolio e gas. È anche noto della cooperazione dell'azienda con la nigeriana Oranto Petroleum, nonché del lavoro congiunto con i partner algerini.

Pertanto, la Russia sta cooperando attivamente nel settore del petrolio e del gas con i paesi dell'Africa e del Medio Oriente, molti dei quali sono ora o erano considerati in passato punti caldi del pianeta. Allo stesso tempo, le aziende russe non solo beneficiano di tale cooperazione, ma contribuiscono anche alla ripresa delle economie di questi paesi e, in alcuni casi, alla risoluzione dei conflitti interni.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 23 October 2019 16: 01
    0
    - Strano ..., personalmente, non vedo alcun motivo di ottimismo sulla partecipazione della Russia allo "sviluppo dell'Africa" ​​... -Ho già scritto su questo argomento ...
    - La Russia esplora l'Africa da più di mezzo secolo ... E, a parte i colossali costi sommersi dello spazio, la Russia non ha ricevuto nulla da questo "sviluppo dell'Africa" ​​... ... lascialo scrivere qui ... qui qui ...
    - Sì, c'è molto di tutto in Africa ... - petrolio, gas, diamanti, minerali rari (che non si trovano in nessun'altra parte del pianeta), ecc.
    - Ma con il fatto che c'è una tale abbondanza ... -Russia, cosa importa a tutto questo ...
    - E oggi i leader-presidenti africani locali hanno bisogno di investimenti giganteschi russi; Tecnologia russa; Ospedali gratuiti russi costruiti nel loro dispotismo africano; Attrezzature russe; farmaci russi gratuiti e aiuti umanitari; aeroporti, fabbriche, impianti e condutture costruiti gratuitamente da componenti russi da specialisti russi, ecc ... ecc ...
    Ma quando arriva il momento di pagare tutto questo ... allora ... poi ... poi ... poi arriva il "perdono e la cancellazione" di tutti i debiti ... -E poi il prossimo "colpo di stato africano" , il cambio del leader africano ... - La Russia è dichiarata nemica ... e gli specialisti russi vengono portati via con urgenza dagli aeroplani, abbandonando tutto e portando a malapena i piedi ... - Ed è sempre stato così ...
    -Quindi ... -Questa è l'Africa che "domina" la Russia per più di mezzo secolo ..., e non la Russia "padroneggia" l'Africa ... -E l'Africa ne beneficia sempre, l'Africa è sempre soddisfatta di tale "cooperazione" con la Russia, l'Africa è sempre felice di tutto questo ...
    Ma la Russia ???
    -Quindi, non è meglio per la Russia impegnarsi nello sviluppo e nel miglioramento del suo territorio ... -ci sarà sufficiente "sviluppo" per più di un secolo ... -E non cercare avventure per decine di migliaia di chilometri, in continenti stranieri, e per non addentrarsi in avventure dubbie e costose ... che possono finire molto male ...
    1. chemyurij Офлайн chemyurij
      chemyurij (chemyurij) 23 October 2019 17: 38
      0
      Il post è lungo, non specifico, l'idea è chiara, ma gli argomenti non sono corretti. Chi ha iniziato a investire praticamente gratuitamente (50 anni - questa cifra non corrisponde alla realtà, l'URSS ha iniziato a farlo molto prima, la Russia molto più tardi ei suoi investimenti non erano irrevocabili). Se stai parlando del fatto che la Russia ha cancellato i debiti di questi paesi, allora questo è esattamente il denaro che l'URSS ha investito in loro e che nessuno avrebbe mai restituito per intero. A proposito, questi debiti sono stati cancellati per un motivo. In cambio, la Russia ha ricevuto varie preferenze, qui intendo il periodo specifico del governo di Putin.
      1. gorenina91 Офлайн gorenina91
        gorenina91 (Irina) 23 October 2019 20: 53
        +1
        -Tutti i tuoi "argomenti" ... sono meno ...
  2. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
    Nablyudatel2014 31 October 2019 20: 25
    +1
    Se un paese è ricco di risorse naturali, non deve necessariamente prosperare

    buono risata 100% bevande