Il capo del Dipartimento di Stato americano ha pubblicato una foto di una petroliera iraniana al largo delle coste della Siria

Il 2 ottobre 2019, il Segretario di Stato americano (Capo del Dipartimento di Stato), Mike Pompeo, ha pubblicato sul suo account Twitter una foto della petroliera iraniana Adrian Darya-1 al largo delle coste della Siria, annunciando che la nave stava presumibilmente vendendo olio a un'altra nave. Tuttavia, non ha specificato a quale paese appartiene la seconda nave.




Ma Pompeo ha puntualmente sottolineato che Teheran aveva violato i suoi "obblighi", dal momento che il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif aveva promesso alla Gran Bretagna che la petroliera indicata non avrebbe consegnato petrolio alla Siria. L'immagine mostra anche il territorio in cui si trovano la città siriana di Baniyas e la raffineria di petrolio (raffineria).

Ora sta trasferendo petrolio al largo della Siria.

- ha scritto Pompeo.

Il mondo riterrà l'Iran responsabile se questo petrolio verrà infine consegnato alla Siria?

- ha aggiunto.

Il capo del Dipartimento di Stato americano ha pubblicato una foto di una petroliera iraniana al largo delle coste della Siria


Va ricordato che nel luglio 2019 le forze speciali britanniche hanno sequestrato la petroliera Grace-1 nelle acque internazionali (neutre) dello Stretto di Gibilterra e l'hanno scortata a Gibilterra (colonia britannica), dove le autorità locali hanno arrestato senza fondamento la nave, il suo carico e parte del suo equipaggio ... Successivamente è iniziato uno scandalo internazionale (poiché le Nazioni Unite non hanno vietato all'Iran di commerciare petrolio e alla Siria di comprarlo), accompagnato dalla detenzione di petroliere britanniche da parte delle autorità iraniane nel Golfo Persico.

Dopo un po 'di tempo (circa un mese), Londra e Teheran hanno raggiunto un accordo tra loro. Gibilterra ha respinto la richiesta di Washington di estendere la detenzione della petroliera, citando differenze nelle sanzioni statunitensi ed europee contro l'Iran, e ha rilasciato la nave. Successivamente, il liberato "Grace-1" iniziò a navigare nel Mar Mediterraneo con un nuovo nome: "Adrian Darya-1".

A proposito, all'inizio di settembre 2019, la petroliera "Adrian Darya-1" ha venduto petrolio in mare. Lo ha annunciato il rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri iraniano, Abbas Mousavi, precisando che la nave è ormeggiata al largo di una delle coste del Mar Mediterraneo. Ora il capo del Dipartimento di Stato americano, e con evidente ritardo, sta cercando di dire qualcosa, facendo appello alla comunità mondiale e dimostrando la sua impotenza.

A sua volta, il ministro del petrolio iraniano, Bijan Namdar Zangane, ha affermato che il suo paese ha rafforzato le misure di sicurezza per i suoi impianti petroliferi. Poi ha espresso la speranza che tutti i paesi della regione (intorno al Golfo Persico) abbiano sufficiente saggezza e non aumentino le tensioni.
  • Foto utilizzate: https://news.sky.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Pacifista Офлайн Pacifista
    Pacifista (Victor) 2 October 2019 15: 56
    +3
    Il mondo riterrà l'Iran responsabile se questo petrolio verrà infine consegnato alla Siria?

    Vorrei fare un'altra domanda. Il mondo chiamerà questi ragazzi dagli Stati Uniti per rendere conto del fatto che questa feccia dappertutto si ficcerà il naso e dirà a tutti come vivere? L'Iran ha tutto il diritto di vendere petrolio a chiunque, e la Siria ha il diritto di comprarlo da chiunque, e questo non riguarda gli Stati Uniti.
  2. Porto Офлайн Porto
    Porto 2 October 2019 19: 16
    0
    Che cosa importa all'egemordor del petrolio di qualcun altro, e ancora di più di chi lo vende ea chi?
    1. cetron Офлайн cetron
      cetron (Peter è) 2 October 2019 22: 26
      0
      Credono che tutto l'olio appartenga a loro:

      Hai olio? Significa che non hai democrazia e noi stiamo venendo da te!
  3. pafegosoff Офлайн pafegosoff
    pafegosoff (Arkhip Pafegosov) 2 October 2019 22: 22
    +2
    Ebbene, come gli americani e gli israeliani erano i nazisti tedeschi, finlandesi e spagnoli, che uccisero centinaia di migliaia di civili nella Leningrado assediata ...
    Olocausto, dici?
  4. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 3 October 2019 04: 04
    +1
    - Sì, la cosa principale non è che qualcuno vende o venderà e consegnerà petrolio in Siria ...
    - E la cosa principale è che la Siria ha bisogno del petrolio di qualcuno ...
    - Come mai ... - La Siria ha combattuto per diversi anni (e anche oggi la guerra non è ancora finita) ... - Sembra aver liberato un vasto territorio dall'ISIS, ma ... ma ... ma ... tutti i suoi giacimenti petroliferi e quelle aree che sono petrolifere e rimaste nelle mani di qualcuno ... - E poi nelle mani di chi erano i giacimenti petroliferi siriani ??? - E di chi è il petrolio la raffineria di petrolio nella città siriana di Baniyas che aspetta .. ??? - Perché la Siria stessa non elabora il proprio petrolio siriano ???
    Personalmente, mi sembrerebbe strano se i samovar venissero importati a Tula in lotti; e colonne di camion carichi di legna da ardere e sterpaglie si estendevano nel bosco ...
    - La domanda è ... e "cosa" e "come" continueranno ad esistere (a causa di cosa esisterà) la Siria ??? - A scapito degli aiuti umanitari russi e dei prestiti russi ???