MegaBot americano: grande, costoso e non necessario

La storia del robot umanoide "da combattimento" è giunta al termine: ma questo fermerà gli altri ingegneri? Forse il risultato ottenuto durante la battaglia dei robot costituirà la base di altri sviluppi di maggior successo.




Sono sprofondato nell'oblio


Il 24 settembre di quest'anno, l'edizione TechCrunch ha condiviso una triste notizia per gli amanti dei robot e della fantascienza: il progetto del gigantesco robot umanoide MegaBot è chiuso, e non ci torneranno più. Il suo sviluppatore - la società MegaBots - ha annunciato un possibile fallimento e la necessità di estinguere i debiti accumulati il ​​prima possibile. "Questa è la fine di MegaBots così com'è", ha detto la società. Il robot Eagle Prime da 15 tonnellate è stato esibito da eBay: le tariffe partivano da un dollaro, ma presto il prezzo è salito a 50mila, e presto questo segno è stato lasciato molto indietro.

Per una somma ordinata, chi lo desidera può ottenere non solo un mucchio di rottami metallici, ma un dispositivo completamente funzionale, anche se, in generale, non necessario. "Il robot è funzionante, è stato appena messo all'asta perché la società è fallita", afferma MegaBots. Come ammettono gli stessi sviluppatori, il robot cingolato può muoversi normalmente solo su una superficie dura e difficilmente può far fronte a terreni morbidi. Ha difficoltà di manovra, dovute, tra le altre cose, alle sue grandi dimensioni. Inoltre, da un movimento sbagliato, una grande struttura può crollare - ne parleremo ulteriormente.

Secondo TechCrunch, per la creazione del robot sono stati spesi circa 2,5 milioni di dollari: la maggior parte dei fondi è stata raccolta tramite crowdfunding.

Allora cosa è successo al team un tempo vivace di ingegneri di talento? Per cominciare, gli inventori sono stati in grado di attirare l'attenzione del pubblico con affermazioni audaci e concetti sorprendenti: ricordiamo che l'aspetto del robot ha subito dei cambiamenti. E più di una volta. Alla fine è apparsa una versione a dodici toni: il MegaBot Mk.III Eagle Prime: hanno cercato di renderlo il più formidabile possibile.

Ovviamente è solo un guscio. Non dobbiamo dimenticare che questo non è affatto un veicolo da combattimento, ma semplicemente un intrattenimento costoso, e il robot non è mai stato concepito come un veicolo da combattimento.

A proposito di "Megabot" sarebbe stato dimenticato molto prima, se non fosse stato per l'originale "mossa del cavaliere" da parte degli sviluppatori. In precedenza, gli ingegneri giapponesi della Suidobashi Heavy Industry hanno creato il robot Kuratas. Senza pensarci due volte, gli americani lo sfidarono a duello. È interessante notare che alcuni media hanno presentato Kuratas come un "complesso di combattimento": in effetti, il "giapponese" a ruote sembrava più un vero veicolo da combattimento, ma era anche solo un trucco complicato (o non molto complicato). Entrambe le squadre avevano armi di semplici oggetti di scena.


Il primo Kurata pesava circa quattro tonnellate e il motore diesel gli consentiva di raggiungere velocità di una decina di chilometri orari. Sia MegaBot che Kuratas sono controllati da un essere umano all'interno.

La lotta, che non era


I giapponesi hanno accettato la proposta. La lotta si è svolta in Giappone e consisteva in più parti. La vittoria è stata assegnata alla squadra che avrebbe reso inabile il robot avversario. Il primo round è stato lasciato per la squadra del Sol Levante: Kuratas si è semplicemente "spinto" nel MegaBot con la sua mano enorme, ribaltando il miracolo dell'ingegneria americana. Nel turno successivo, la fortuna era dalla parte degli Stati Uniti. Dopo una lunga sparatoria di posizione con le palle, il nuovo MegaBot Mk.III (nel primo round c'era una vecchia versione del robot) ha "messo fuori combattimento" l'auto giapponese a pugni. Alla fine, nel terzo round, gli americani hanno armato il loro robot con una sega, e ha praticamente fatto a pezzi lo sfortunato Kuratas sotto le esperienze poco convincenti del presentatore.


Il risultato è una vittoria degli Stati Uniti. Tuttavia, sia gli osservatori occidentali che quelli di lingua russa hanno scritto che la parola "vittoria" non è affatto appropriata qui. Il robot giapponese era molto più piccolo e la simpatia del multimilionario pubblico occidentale era chiara dalla parte di chi (e gli organizzatori dello spettacolo, ovviamente, lo sapevano).


Tuttavia, ad essere onesti, quasi nessuna di queste persone guarderà mai la battaglia tra MegaBot e Kuratas. Era molto lungo e noioso: i robot si muovevano molto lentamente ed erano molto goffi. Il fatto che dentro ognuno di noi ci sia una persona viva ha costretto i team a pensare a ogni passo per non nuocere alla salute del pilota, sia di qualcun altro che della propria.

In generale, non ci sono prospettive per uno spettacolo del genere: è diventato chiaro anche al primo turno. I combattimenti di piccoli robot telecomandati sembrano molto più allettanti, che hanno il proprio pubblico, in particolare, nel Regno Unito e negli Stati Uniti, dove tali combattimenti hanno già iniziato a svolgersi. Forse, in futuro, l'intelligenza artificiale, in particolare le reti neurali, influenzerà il formato della competizione. Ma questo darà luogo a scomode domande di natura morale ed etica: ad esempio, è possibile affidare all'IA armi, seppur condizionatamente sportive. E non tornerà indietro alle persone più tardi.

Vera pelliccia


Nella vita reale, un robot umanoide da combattimento non è mai apparso e non è un dato di fatto che apparirà mai. Nonostante un certo interesse dei militari per gli esoscheletri, un grande deambulatore (tali dispositivi sono anche chiamati "pellicce") semplicemente non è necessario. È troppo costoso, tecnicamente impegnativo e vulnerabile a causa della sua silhouette alta. Quasi tutti i compiti che un BCHR deve svolgere possono essere eseguiti da un carro armato principale, da un veicolo da combattimento di fanteria o da un veicolo corazzato.

I camminatori relativamente piccoli (delle dimensioni di un cane) di Boston Dynamics hanno alcune possibilità di un uso attivo. È stato proposto di utilizzarli come mezzo per consegnare merci e munizioni, ma, come hanno dimostrato i test, il dispositivo è troppo rumoroso, complesso e costoso. Quindi, i Marines americani lo hanno abbandonato. Forse il robot sarà in grado di realizzarsi in campo civile, ma finora, nonostante tutti i progressi compiuti da Boston Dynamics, i loro robot non sono ancora molto pratici.


È interessante notare che la Russia si è avvicinata di più alla creazione di un vero e proprio robot da combattimento terrestre di grandi dimensioni. In precedenza, il complesso robotico tracciato "Uran-9" era persino in grado di combattere un po 'in Siria. Dopo aver mostrato, tuttavia, un risultato non sufficientemente soddisfacente e costretto a passare alla revisione. Le prospettive per un suo ulteriore utilizzo sono sconosciute.


L'unico posto in cui i robot umanoidi da combattimento possono mettersi alla prova è la fantascienza. Sia in Occidente che in Oriente, lo spettatore ama le scene spettacolari in cui un metal whopper ne batte un altro con tutte le sue forze. Beh, o una sorta di creatura incomprensibile, come era nel "Pacific Rim" del regista originale Guillermo del Toro.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: https://presizely.finansavisen.no
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Nick Офлайн Nick
    Nick (Nicholas) 5 October 2019 10: 17
    +1
    Prima i giocattoli, poi le auto più serie. Ecco come si muove il progresso. La polvere da sparo fu anche usata per la prima volta per i fuochi d'artificio nel Celeste Impero.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 7 October 2019 10: 08
    0
    Ah. Era chiaro fin dall'inizio che queste erano tutte mosse pubblicitarie.
    Anche Kalashnikov ha messo in mostra il suo aspetto, ancora più simile a una fattoria collettiva ... e niente - un po 'di bla bla e silenzio ...
  3. Syoma_67 Офлайн Syoma_67
    Syoma_67 (Semyon) 8 October 2019 20: 42
    0
    Per le persone intelligenti, ti consiglio di guardare:

    https://24gadget.ru/1161069449-roboty-boston-dynamics-osvoili-slozhnye-dvizhenija-a-spot-postupil-v-prodazhu-2-video.html