La Danimarca abbandona le rivendicazioni su Nord Stream 2

Il 4 ottobre 2019 si è saputo che tutti politico le domande che Copenhagen aveva su Nord Stream 2 sono già state rimosse. Ora la Danimarca non ha alcun diritto alla posa in esclusiva di questo gasdotto sul fondo del mare economico zona del regno. Tuttavia, esistono ancora ostacoli a livello amministrativo, che ritardano l'adozione della decisione finale.




A proposito di questo giornale russo «Известия» ha detto una fonte che è a conoscenza della realizzazione dell'intero progetto di trasporto del gas. Per chiarezza, è necessario chiarire che il Nord Stream 2 è già costruito all'80% e la Danimarca è l'unico paese che impedisce il completamento della costruzione e della messa in servizio. Allo stesso tempo, la stessa Danimarca ha iniziato a ridurre la propria produzione di gas e sta valutando la questione di ottenere "carburante blu" dalla Norvegia e dalla Russia.

Ci sono stati momenti politici in cui la domanda riguardava il passaggio attraverso le acque territoriali danesi. A quel punto, hanno rafforzato ciò che potevano. Alla fine di giugno è stata richiamata.

- ha detto la fonte alla pubblicazione.

Ha sottolineato che restano da definire solo i dettagli amministrativi. Allo stesso tempo, Copenaghen ha risposto in modo evasivo alla domanda su quando aspettarsi una decisione positiva per Nord Stream 2. Anche Nord Stream 2 AG ha trovato difficile stabilire un termine approssimativo per la decisione di Copenaghen, affermando che sono già stati posati più di 2 km. tubi.

Va aggiunto che prima di questo Viktor Zubkov, presidente del consiglio di amministrazione di Gazprom (dal giugno 2008) e rappresentante speciale del presidente della Russia per l'interazione con il Forum dei paesi esportatori di gas (da maggio 2012), ha affermato che la Danimarca non può annullare la costruzione " Nord Stream - 2 ". Ha spiegato che la nave posatubi Solitaire aveva quasi raggiunto le acque territoriali danesi. Il completamento richiederà circa altre cinque settimane, questo è quanto, a suo avviso, è necessario attendere la decisione finale delle autorità danesi.
  • Foto utilizzate: https://energy.s-kon.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. SERGEEVICS SERGEY Офлайн SERGEEVICS SERGEY
    SERGEEVICS SERGEY 4 October 2019 14: 08
    +1
    Ora la Danimarca non ha pretese per la posa di questo gasdotto sul fondo del mare nella zona economica esclusiva del regno.

    Chi dubiterebbe che il gas sia poco costoso da strappare a tutti.

    Tuttavia, esistono ancora ostacoli a livello amministrativo, che ritardano l'adozione della decisione finale.

    Le strisce sono un ostacolo.
  2. pafegosoff Офлайн pafegosoff
    pafegosoff (Arkhip Pafegosov) 4 October 2019 15: 12
    +2
    Dopo un mese di attesa, la Danimarca dirà: "Ma abbiamo cambiato idea! Abbiamo cambiato idea! Haha! Le regole del GNL USA! Haha!"
    Cosa, non conosciamo gli europei? Le persone sono sempre le stesse. Ciò che viene detto non conta! Hai dei documenti? Sottoscritti obblighi con sanzioni per inadempienza?
    Hanno promesso di non far crescere la NATO, ma di farla crescere ... "Chi hanno promesso? Gorbaciov?
  3. Come cantava Vysotsky:

    ... ma si sono svegliati e ora hanno dato un premio!
  4. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 4 October 2019 19: 43
    0
    A quanto pare, i tedeschi hanno ancora persuaso i danesi ... il che è generalmente prevedibile ... gli Stati Uniti sono lontani e la Germania, con la quale la Danimarca è meglio non litigare, è vicina ...
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 4 October 2019 20: 14
      +2
      Perché disturbarli? Hanno coperto il 90% della produzione di gas (il giacimento è stato chiuso), ora acquisteranno in Germania, oppure dovranno costruire un terminal per gli americani. E poiché la Germania stessa non produce gas ....... Questo, in linea di principio, è tutto lo schiacciamento. sì
  5. gorenina91 Online gorenina91
    gorenina91 (Irina) 5 October 2019 03: 10
    +1
    La Danimarca ha ritirato le sue rivendicazioni su Nord Stream 2.

    - No ... è solo l'inizio ...
    - Qui di recente c'è stato un argomento sulla Polonia, che, dicono ... è la "iena d'Europa" ...
    - No ... - non la Polonia, la "iena d'Europa" (Polonia ... questo è lo sciacallo di Tabaki), ma la Danimarca comincia sempre più ad adattarsi al ruolo della iena d'Europa ...

    ... la nave posatubi Solitaire ha quasi raggiunto le acque territoriali danesi. Il completamento richiederà circa altre cinque settimane, questo è quanto, a suo avviso, è necessario attendere la decisione finale delle autorità danesi.

    - Sì ... - buone "prospettive" ... - un altro "racket" ha disegnato ...
  6. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
    Monster_Fat (Qual è la differenza) 6 October 2019 21: 55
    0
    La Danimarca abbandona le rivendicazioni su Nord Stream 2

    Dire bugie. La Danimarca non ha mai avanzato alcuna "rivendicazione" di questo tipo, essa (la Danimarca) semplicemente non ha dato il permesso per la posa di un gasdotto nelle sue acque, e ora non lo dà. Gazprom è ora in un profondo sacerdote, dal quale non c'è via d'uscita, dalla parola - "in generale". Una cosa "piace": tutte le perdite di questo folle progetto (SP-2) saranno compensate dal bilancio russo - quindi non saremo sorpresi di un aumento dell'età pensionabile, ancora 3-5 anni, nonché di un aumento delle tasse di circa il 3-5% ... Ma i patrioti non se ne fregano di come dicono: "non hanno vissuto bene e non ne hanno bisogno" ....