USA vs Russia: lo scontro artico diventa inevitabile

Questo mese è stato segnato da due importanti dichiarazioni fatte su entrambe le sponde dell'Atlantico e non unite da un unico tema, ma collegate nel modo più diretto. In effetti, i dipartimenti militari della Russia e degli Stati Uniti hanno annunciato simultaneamente le loro rivendicazioni sulla regione artica. Come dimostra la pratica, quando i rappresentanti delle potenze fanno tali passi, e senza che, per usare un eufemismo, non nutrano sentimenti caldi l'uno per l'altro, non ci si può aspettare nulla di buono. Soprattutto se non sono i diplomatici a entrare inizialmente in una controversia, ma le persone in divisa.




Quanto è grande la probabilità per il nostro Paese di uno scontro diretto nella vastità dell'estremo nord con gli Stati Uniti e i suoi alleati? Quali saranno, in questo caso, le possibilità delle parti e in cosa potrebbe comportare un tale conflitto?

Artico: russo o pareggio?


Per quanto riguarda la Russia, letteralmente questa settimana, in una riunione del Collegium navale sotto il governo russo, sono stati annunciati nuovi dati da una ricerca condotta dal nostro Ministero della Difesa. Il vice primo ministro Yuri Borisov li ha descritti come "prove esaurienti" che la piattaforma dell'Oceano Artico appartiene al nostro paese e a nessun altro. A chi, cosa e perché dovremmo provare? Formalmente, sempre più nuovi "dati scientifici raffinati" sono richiesti dalla Commissione delle Nazioni Unite sui limiti della piattaforma continentale (CLCS), che dal 2001 "spinge" le richieste del nostro paese per espandere i suoi confini artici. L'essenza dell'affermazione, in breve, si riduce al fatto che le creste sottomarine di Mendeleev e Lomonosov non sono altro che una continuazione diretta del continente eurasiatico. Quindi questo è il nostro territorio! Nonostante molte volte le prove fornite, le Nazioni Unite non hanno mai preso una decisione, né rifiutato né soddisfatto le richieste russe. Ciò ha portato al fatto che nel 2015 la domanda è stata ripresentata - e su scala molto più ampia, per 1.2 milioni di chilometri quadrati. E ancora - vecchie canzoni sulla "mancanza di materiale per prendere una decisione finale". Ma forse adesso ci saranno abbastanza dati ?! Tuttavia, è dubbio ...

In effetti, in effetti, gli Stati Uniti ei loro alleati si oppongono con tutte le loro forze al rafforzamento della posizione della Russia nell'Artico. L'ONU in questo caso (come nella maggior parte degli altri) sta obbedendo solo alle istruzioni che vengono dalla Casa Bianca e dal Dipartimento di Stato. E lì sono molto determinati. Dopotutto, con un brutto ricordo degli anni '90 del secolo scorso, gli americani sono fermamente convinti che queste terre e queste acque siano il loro feudo. “Grazie” per questo possiamo dire a Mikhail Sergeevich Gorbachev, che nel 1987 ha commesso l'ennesimo tradimento del suo Paese lanciando la cosiddetta “Murmansk Initiative”. Allo stesso tempo, il segretario generale assassino dell'URSS ha promesso alla "comunità mondiale" di adorare non solo la completa smilitarizzazione del nord russo, ma anche l'apertura della rotta del Mare del Nord per tutti. Gratuito. Cioè, per niente ... È chiaro che Washington è categoricamente in disaccordo con un cambiamento radicale nella posizione della leadership russa, che non intende assolutamente compromettere la sicurezza e gli interessi strategici del paese, o disperdere le ricchezze che gli appartengono. Secondo l'opinione degli americani, l'Artico dovrebbe diventare una sorta di "territorio di libera navigazione", pur rimanendo nello status di "zona di interessi vitali per la sicurezza nazionale statunitense". Si scopre un film interessante: sembra un "gioco da ragazzi", ma sotto il chiaro patrocinio di Washington. Ma questo non accadrà.

Dove porterà la rotta del Mare del Nord


Attualmente, il principale "oggetto di contesa" per le potenze mondiali è proprio la colossale arteria di trasporto dell'acqua che si estende per 14mila chilometri (da Vladivostok a San Pietroburgo), le cui prospettive sono generalmente riconosciute in tutto il mondo. Sì, oggi, secondo gli economisti, il trasporto di merci lungo la rotta del Mare del Nord è ancora del 36% più costoso rispetto al seguire i sentieri battuti attraverso il Canale di Suez. Tuttavia, non si può discutere con la geografia: il percorso attraverso Suez è una volta e mezza più lungo (23mila chilometri) e prima o poi la NSR diventerà inevitabilmente più redditizia. Finora l'infrastruttura è "zoppa", le condizioni estremamente dure lungo la rotta giocano un ruolo negativo, ma va ricordato che ogni anno il ghiaccio artico si sta sciogliendo e il periodo di navigazione alle nostre latitudini settentrionali si allunga. Inoltre, la leadership del paese, che si rende conto della necessità di attirare vettori globali sulla rotta del Mare del Nord, non se ne sta a guardare. Così, il viceministro per lo sviluppo dell'Estremo Oriente e dell'Artico, Alexander Krutikov, ha recentemente annunciato l'intenzione del governo di creare una società per l'operatore statale di merci containerizzate, che si assumerà non solo la copertura dei rischi dei vettori associati al seguire la NSR, ma anche per un certo tempo (forse, l'intero decenni) nonché i loro costi direttamente correlati al trasporto delle merci.

Nessuno nasconde i propri obiettivi: attirare le principali società di logistica del mondo dalla rotta di Suez alla nostra, per rendere il trasporto artico più redditizio e commercialmente attraente. E lì, ovviamente, le preferenze finiranno. Difficilmente sarà possibile fare a meno di questa misura obbligatoria. In effetti, nel 2017, ad esempio, il fatturato del carico della NSR era 5mila volte inferiore a quello di Suez! Con un tale divario, lotteremo per lo status delle principali porte marittime del mondo per più di una generazione ... Tuttavia, il futuro appartiene alla rotta del Mare del Nord, ovviamente, c'è. Altrimenti, gli Stati Uniti non avrebbero mostrato un'attività così malsana volta a, se non a prenderne il controllo, almeno in modo più affidabile. Qui, tra l'altro, oltre al fattore puramente "russo", c'è anche un fattore "cinese": Washington teme che l'NSR contribuisca a una penetrazione ancora più massiccia di merci dal Regno di Mezzo in Europa, che sarà più veloce ed economica da consegnare con il suo aiuto. In un modo o nell'altro, ma sono le intenzioni palesi di "tagliare" la rotta del Mare del Nord che si manifestano nella nuova "Dottrina Artica" recentemente presentata dal Pentagono per l'approvazione al Congresso degli Stati Uniti, di cui si discute da questa estate. Questo documento estremamente aggressivo riguarda, in particolare, la creazione di "un raggruppamento ancora più flessibile e mortale" delle forze armate statunitensi, che dovranno fornire un vantaggio militare non solo sulle rotte marittime che lavano Islanda, Groenlandia e Norvegia, ma anche nello stretto di Bering. In effetti, i guerrieri americani hanno proposto ai legislatori un piano concreto per bloccare la nostra arteria di trasporto artica.

Sta diventando più caldo nel ghiaccio


Sfortunatamente, gli Stati Uniti non si limitano affatto a parole di alto profilo. Quindi, questo mese il cacciatorpediniere americano USS Donald Cook ha penzolato a lungo oltre il Circolo Polare Artico, che, secondo il rapporto ufficiale della sesta flotta statunitense, stava conducendo "un'operazione per pattugliare la sicurezza marittima e monitorare le attività marittime della Russia". Cioè, stava spiando. In generale, il Pentagono ha almeno due problemi nella questione dello scontro artico con la Russia. In primo luogo, questa è la mancanza di un numero sufficiente di infrastrutture militari serie nella regione. Sì, c'è qualcosa: la stessa base Adak in Alaska, la base Thule in Groenlandia, che a Washington, a giudicare dalle memorabili dichiarazioni di Donald Trump, non dispiacerebbe trasformare in un proprio punto d'appoggio, una base aerea in Norvegia ... Tuttavia, con avamposti artici russi tutto questo non può essere paragonato. Il secondo problema è il fatale ritardo degli Stati Uniti dal nostro Paese nel campo della flotta rompighiaccio. Anche se ipotizziamo che i piani per la creazione forzata di tre navi pesanti di questa classe e di un certo numero di navi di basso tonnellaggio in grado di navigare nell'estremo nord saranno implementati, sullo sfondo di quattro dozzine di rompighiaccio russi apparirà pallido. La portaerei USS Harry S. Truman, che ha attraversato il circolo polare artico lo scorso anno per la prima volta in quasi 30 anni, durante l'esercitazione Trident Juncture, ha sicuramente fatto una svolta impressionante. Tuttavia, che senso avrà a queste latitudini da un aeroporto galleggiante con catapulte a vapore, che sono completamente inadatte alle temperature lì?

Sulla base di quanto sopra, gli Stati Uniti non hanno davvero molte opzioni. Uno di questi è un tentativo di "tagliare" l'NSR lontano da bordi troppo estremi. Ad esempio, nelle aree del "collo di bottiglia" dello Stretto di Bering, o al largo della Norvegia, all'uscita del Mare di Barents. Non per niente l'attività militare di Oslo, spinta da Washington, ha già raggiunto limiti tali da destare preoccupazione al ministero degli Esteri russo, su cui è stata recentemente rilasciata una corrispondente dichiarazione ufficiale. C'è, tuttavia, un altro scenario, molto più pericoloso. Le parole sul previsto aumento della "letalità" del gruppo militare statunitense nell'Artico fanno pensare a lui. Come potrebbe qualcuno al Pentagono non essere tentato proprio lì, lontano dalle proprie coste e dai territori densamente popolati, di "dare una lezione" alla Russia usando, ad esempio, armi nucleari tattiche a basso rendimento. In ogni caso, sono già in corso i negoziati per lo spiegamento di missili a medio raggio in Giappone. Verranno diretti solo in Cina? A proposito, un ulteriore fattore che riduce al minimo le capacità della Marina degli Stati Uniti nello stesso Stretto di Bering sono le batterie dei nostri sistemi missilistici anti-nave. La recente sparatoria al Bastion di Chukotka, durante la quale l'Onyx ha colpito un bersaglio a 200 chilometri di distanza, ne è un indizio molto chiaro. Ma il dispiegamento del terzo radar più potente "Resonance-N" nell'Artico, in grado di tracciare non solo missili balistici e da crociera, ma anche "velivoli stealth" con stealthtecnologia e persino bersagli che si muovono a velocità ipersonica confermano che i nostri militari stanno seriamente prendendo in considerazione il pericolo di un tentativo degli Stati Uniti di lanciare un missile a sorpresa e un attacco bomba per anticipare la Russia e prendere l'iniziativa strategica in un possibile conflitto.

Gli Stati Uniti ei loro alleati sembrano seriamente impegnarsi nella lotta per l'Artico. Ci sono prove sufficienti di ciò, e una di queste è l'intenzione recentemente annunciata dalla NATO di acquistare kit di equipaggiamento e uniformi progettati per operare a temperature superiori a 40 gradi sotto zero per quasi 80 militari. Soprattutto, a mio parere, questi piani sono stati commentati nella missione permanente della Russia presso l'Alleanza del Nord Atlantico, consigliando ai soldati locali, invece di gettare 70 milioni di euro nel vento del nord, di acquistare buoni libri sulla storia militare. Ad esempio, sulla battaglia di Stalingrado. Non puoi pensare a un consiglio più appropriato in questa situazione.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 25 October 2019 09: 27
    0
    Non ci sono rompighiaccio qui, tranne noi e la Cina, ma gli Stati Uniti devono essere presi a calci, come sempre ...
  2. lavoratore dell'acciaio 25 October 2019 10: 01
    +6
    In primo luogo, finora non è stata fornita alcuna valutazione delle attività di Gorbaciov - Eltsin. Ma gli Stati Uniti e l'Europa fanno riferimento alle loro promesse ovunque.
    In secondo luogo, l'Artico è per l'80% terra russa, c'è più sangue russo di quello di qualcun altro. Non andremo in Antartide, vero? Pertanto, se l'ONU rifiuta di accettare le nostre prove, inviatele "lontano e senza pane" fino a quando non presentano le loro prove. E dobbiamo comportarci sulla nostra terra come padroni. È così che dovremmo iniziare con la dimostrazione della forza militare.

    L'ombelico della terra non è un uomo, fa freddo, è neve,
    questa profondità è grande, ma tutto ciò non è senza volto.
    Là orsi e trichechi vivono per sempre,
    e ora a una profondità (4300 m) ci sarà una bandiera della RUSSIA
    il simbolo dell'umanità è la bandiera della nostra Patria.
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 25 October 2019 23: 06
      0
      Penso che tu abbia ragione. Solo due chiarimenti

      L'Artico è per l'80% terra russa, c'è più sangue russo di quello di qualcun altro.

      Sfortunatamente, la proprietà della terra non è determinata dalla quantità di sangue versato. Più importante è la capacità di difendere questa terra.

      Non andremo in Antartide, vero?

      Questo è vano.

      199 anni fa i marinai russi Mikhail Lazarev e Thaddeus Bellingshausen scoprirono l'Antartide


      20 gennaio anniversario buono Sarebbe molto bello per l'anniversario bevande annettere il "Distretto Federale Antartico" buono
  3. SERGEEVICS SERGEY Офлайн SERGEEVICS SERGEY
    SERGEEVICS SERGEY 25 October 2019 10: 56
    +2
    E perché le balenottere minori hanno deciso di difendersi nell'Artico, se hanno una nave, per quelle condizioni, e quella si rompe ogni metro. Ancora una volta, riceveranno le manette, torneranno a casa e lì non ci saranno collisioni.
  4. Artie Офлайн Artie
    Artie (Artyom Korolev) 25 October 2019 15: 32
    +1
    I pundos sono molto deboli nell'Artico.
  5. Dzafdet Офлайн Dzafdet
    Dzafdet (Sergey) 26 October 2019 17: 06
    0
    Gli americani sono ansiosi di combattere. E non pensano alle conseguenze. Non avevano 1941 ...
  6. Vladimir Sh. Офлайн Vladimir Sh.
    Vladimir Sh. (Vladimir Shashko) 14 febbraio 2021 11: 48
    -1
    E che tipo di "indulgenza" dovrebbe essere, e soprattutto da chi? Quali sono i documenti obbligatori sull'Artico? Quanto è pronta la Russia per lo sviluppo delle risorse naturali nell'Artico e, soprattutto, per il loro trattamento? non trascinarci in una corsa nordica con noi stessi? lo scarico sarà zero?
    1. Vladimir Sh. Офлайн Vladimir Sh.
      Vladimir Sh. (Vladimir Shashko) 14 febbraio 2021 12: 02
      -1
      Perché? Per favore motivati