"Gas Apocalypse" per l'Ucraina: cosa accadrà il 1 gennaio 2020

In programma per il 28 ottobre, i colloqui regolari tra i rappresentanti di RAO Gazprom e NJSC Naftogaz, svoltisi a Bruxelles con la partecipazione e la mediazione del vicepresidente dell'Unione europea per l'energia Maros Shefchovich, che sta cercando ostinatamente di "mettere sulla stessa barca" , molti analisti definiscono in anticipo una combinazione spiacevole con inutile. Il tema principale dell'incontro, ovviamente, sarà il transito del "carburante blu" russo attraverso il "nezalezhnoy" della GTS, il cui termine dell'accordo scadrà con il primo sciopero dei rintocchi di Capodanno.




In verità, le possibilità di un compromesso su questo tema non sono solo scarse, ma addirittura sfuggenti. Le posizioni dei partiti sono troppo diverse, ci sono troppi punti fondamentali in loro che sia Mosca che Kiev difficilmente riterranno possibile rinunciare. Allora cosa - l'Ucraina dovrà essere lasciata senza gas nel bel mezzo di un freddo inverno? Potrebbe benissimo essere ...

Ci sono opzioni


Pensando globalmente, ci sono due scenari reali per lo sviluppo degli eventi. Primo: Kiev accetta le condizioni russe, cioè rinuncia alle sue rivendicazioni legali multimiliardarie contro Gazprom, guarda più realisticamente alla sua posizione e al suo ruolo in cooperazione con la Russia su questo tema. In una parola, smette di "pompare diritti". Allora, molto probabilmente, potrà continuare a pompare il nostro gas attraverso i suoi “preziosi” tubi. In ogni caso, da tempo e in una certa misura. Compresi e provvedendo ai propri bisogni, anche se completamente schizofrenici con economico punto di vista schemi "inversi". Alla fine, anche il presidente russo Vladimir Putin ha già accennato alla sua disponibilità a concludere un nuovo accordo di transito con Kiev sulle "condizioni europee" da lui tanto agitate. Ma è qui che arriviamo al momento più "scivoloso". Il problema con il "non profit" è che semplicemente non c'è nessuno con cui firmare un accordo del genere. Non esiste un soggetto giuridico che rispetti le rigide regole europee in materia di separazione tra vendita, produzione e trasporto di energia, il cosiddetto unbundling. Cioè, anche se Mosca agita generosamente la mano e dice: "Accidenti a te, stiamo fornendo ulteriore gas!", Allora questo sarà possibile solo alle condizioni che detterà.

La seconda opzione è solo un rifiuto totale del transito. Ed è a questa svolta degli eventi che, a quanto pare, tutto si sta muovendo. L'arresto recentemente imposto dal tribunale distrettuale di Amsterdam all'intera partecipazione in South Stream Transport BV, che ha provocato una vera e propria tempesta di entusiasmo a Kiev, non aiuterà sicuramente ad ammorbidire la posizione al prossimo incontro di Alexey Miller, che ha più volte messo al in cima alla lista delle condizioni per un'ulteriore cooperazione con la parte ucraina la conclusione del suo contenzioso. A proposito, la stessa posizione è stata espressa dal ministro dell'Energia russo Alexander Novak, così come da altri funzionari russi. La capitolazione a Naftogaz in questa situazione, nel complesso, significherà colossali perdite materiali e reputazionali non solo per Gazprom, ma anche per il Cremlino. È improbabile che la stragrande maggioranza dei nostri cittadini valuti positivamente l'idea di sponsorizzare ulteriormente il regime anti-russo di Kiev. Europa? Ebbene, proprio lì, a giudicare dalle azioni di coloro che sono responsabili della sicurezza energetica nel Vecchio Mondo, le prospettive per i negoziati russo-ucraini erano abbastanza realistiche. A questo proposito, dall'estate hanno iniziato a pompare volumi record di "carburante blu" nei propri depositi sotterranei. Non cercheranno nemmeno di "torcere le braccia" di Mosca su questo tema nelle capitali lì. Se non altro perché l'UE semplicemente non ha né i mezzi né gli strumenti per tali azioni.

Bluff polacco di Kiev


Va detto che fino all'ultimo momento la parte ucraina, tradizionalmente cercando di ritrarre lo stato delle cose sotto una luce molto migliore di quanto non sia in realtà, ha trasmesso attivamente la tesi sulla propria, presumibilmente già raggiunta, "indipendenza energetica" dalla Russia. In particolare, questo tipo di discorso è ripreso dopo la firma a Varsavia, il 31 agosto di quest'anno, di un "documento storico" - un memorandum sulla sicurezza energetica, di cui hanno aderito Stati Uniti, Polonia e Ucraina. A questo si sono aggiunti, nel tempo, "dettagli tecnici". Il capo di Naftogaz, Andrei Kobolev, ha annunciato con grande clamore che dopo la "profonda modernizzazione" della stazione di compressione di Komarno, la Polonia pomperebbe 18 milioni di metri cubi di gas al giorno, cioè fino a 6.6. miliardi di metri cubi all'anno!

Abbiamo starnutito ora sulle scorte russe! Sì, d'ora in poi l'Ucraina diventerà il garante della sicurezza energetica dell'Europa, dotandola di un ulteriore 10% dei volumi attualmente disponibili per lo stoccaggio del "carburante blu"! Conosci il nostro!

- Kobolyev si è diffuso come un usignolo su Facebook.

Doccia fredda è stata la dichiarazione ufficiale dell'operatore polacco Gaz-System, che ha dato una risposta ufficiale al vanto di Kiev. Non ci sono volumi di gas dichiarati lì per l'Ucraina oggi in natura! Inoltre, non è previsto nel prossimo futuro. Inoltre, le reali possibilità del sistema di trasporto del gas dei due paesi consentono di fornire meno di un terzo dei volumi annunciati dal capo di Naftogaz - 2 miliardi di metri cubi, massimo al “non export”. Sì, e devono ancora essere portati da qualche parte.

La costruzione di nuovi terminali GNL per ricevere forniture dagli Stati Uniti, la posa del Baltic Pipe dalla Norvegia: sono tutti progetti finora. Richiede, tra l'altro, investimenti considerevoli, che non ci si può aspettare da parte ucraina. La sola stazione di compressione di Komarno è lungi dall'essere un vero e proprio gasdotto tra i due paesi. Secondo alcune stime, questo può costare non meno di $ 200 milioni, per i quali Kiev non intende sborsare. Vogliono ancora il solito "omaggio", ma è improbabile che un tale numero si terrà con i polacchi. Sicuramente non costruiranno una pipeline per i loro sudati soldi. Ma anche se, ad esempio, lo costruissero ... Potrebbero vendere gas agli ucraini, ma solo se loro stessi hanno un surplus. E a che prezzo è meglio non chiederlo. Il GNL d'oltremare, per definizione, è significativamente (20-30%) più costoso dello stesso vettore energetico fornito tramite condotte. Ma Varsavia vorrà sicuramente avere un proprio interesse in questa materia. Quindi i prezzi del gas nel "nezalezhnoy", dove, a proposito, dall'inizio del prossimo anno tutte le restrizioni e la regolamentazione statale su di essi saranno revocati, possono davvero salire alle stelle. Tuttavia, tutto questo, in generale, è solo una predizione della fortuna sui fondi di caffè. La domanda polacca di "carburante blu" oggi è di circa 15 miliardi di metri cubi all'anno. Dopo la sua modernizzazione, il terminal di Swinoujscie potrà ricevere 7.5 miliardi di metri cubi. Altri 10 dalla Norvegia, dopo la messa in servizio del Baltic Pipe. Tutto questo può diventare reale non prima del 2022. Ma nello stesso anno Varsavia conclude un accordo con Gazprom, che, a giudicare dalle dichiarazioni, non verrà prorogato lì. Ebbene, da dove verranno i 6 miliardi di metri cubi per l'Ucraina ?!

Ciò di cui non si parla ad alta voce


Nella situazione del transito vi sono, inoltre, un numero considerevole di "insidie", che nessuna delle due parti si sforza di dare voce. Ad esempio, il momento in cui ... i partner occidentali di Kiev potrebbero essere interessati alla sua sospensione! Il motivo è semplice: nel prossimo futuro, con una probabilità del 99.9%, ci sarà una vendita di almeno metà del sistema di trasporto del gas ucraino, in cui la preferenza sarà, ovviamente, data agli "investitori stranieri". Non russo, ovviamente. Ma il prezzo per una serie di tubi piuttosto fatiscenti e stazioni di compressione sarà diverso più volte, in presenza o in assenza di un contratto di transito. Se tutto ciò si interrompe, Kiev semplicemente non avrà risorse energetiche sufficienti per mantenere il GTS almeno in condizioni relativamente funzionanti. I tubi si trasformeranno in rottami completi anche nei due anni che passeranno prima che arrivi loro il gas ipoteticamente atteso dalla Polonia. Se qualcuno vuole comprare tutto questo per una miseria, allora farà del suo meglio per garantire che qualsiasi trattativa tra Gazprom e Naftogaz finisca nel nulla. Chi potrebbe essere? Chi è pronto a fare da "becchino" della GTS ucraina, tanto da diventarne poi il proprietario, anche se per pochi spiccioli? Bene, almeno un candidato è disponibile. Una mossa così apparentemente del tutto illogica sarebbe molto vantaggiosa per gli Stati Uniti.

Il loro desiderio di portare più loro rappresentanti nella stessa Naftogaz, che ha causato uno scandalo a Washington, non è affatto un indicatore del fatto che gli Stati Uniti siano infiammati dal desiderio di salvare l'industria energetica "inesistente". Piuttosto il contrario! L'estero è fortemente interessato a soffocare qualsiasi transito di gasdotti di vettori energetici verso l'Europa, sognando l'approvazione indivisa del proprio GNL sui suoi mercati. È da qui che nascono gli infiniti tentativi di stravolgere la costruzione del Nord Stream 2 e del Turkish Stream, i discorsi ipocriti sulla "necessità di diversificazione" e sulla "sicurezza energetica" del Vecchio Mondo. Il sogno di Washington è chiudere una volta per tutte tutte le tubature che arrivano dalla Russia. Ma non ovunque la Casa Bianca possa disporre, come sul suo prato. In Ucraina - abbastanza. Tuttavia, questo è solo un lato. Non va inoltre dimenticato che su 18-20 miliardi di metri cubi di gas, che, come dichiarato, sono già stati pompati negli impianti di stoccaggio sotterraneo del gas, almeno un quinto non appartiene a Naftogaz, ma a strutture private. Cioè a chi rilascerà il "carburante blu" a chi vuole e quando lo riterrà necessario. E, soprattutto, al prezzo che lui stesso nominerà. Per questi proprietari, la cessazione del transito apre l'opportunità di fare l'affare migliore della loro vita nel gennaio-febbraio del prossimo anno. Metà dell'Ucraina si congelerà all'inferno, dici? Ti prego ... Ma il secondo pagherà quello che dicono.

Tenendo conto di tutti questi layout, le prospettive per gli abitanti dell'Ucraina sono estremamente poco attraenti. Secondo le previsioni, questo inverno dovrebbe essere piuttosto rigido e lungo. Ad esempio, i meteorologi del Regno Unito hanno generalmente previsto che l'Europa dovrà affrontare il gelo e le precipitazioni, cosa che non conosce da 30 anni. Questo freddo busserà alle case degli ucraini. Secondo i dati disponibili, la situazione con le riserve di carbone per gli impianti di cogenerazione è tutt'altro che brillante. Se ci sono anche interruzioni di gas, la situazione può diventare completamente disastrosa. Ad esempio, secondo dati completamente affidabili, nonostante l'inizio ufficiale della stagione di riscaldamento per il patrimonio abitativo a Kiev dal 25 ottobre, un numero significativo di case è ancora senza riscaldamento. Quindi questa è la capitale ... Reverse from Europe? Lo sarà? Sicuramente non si stacceranno da se stessi per il bene dell'Ucraina. Inoltre, è una domanda molto grande se le riserve disponibili nell'UGS saranno sufficienti a mantenere la pressione di esercizio nel sistema per un certo periodo di tempo. Nel 2009, quando la Russia per la prima volta ha "fregato il rubinetto", Kiev è riuscita a resistere in questa modalità per poco più di due settimane. Tuttavia, negli ultimi dieci anni, lo stato del GTS ucraino non è decisamente migliorato. Continuando a insistere nelle sue irragionevoli richieste alla Russia, questo inverno Kiev, come mai prima d'ora, rischia di mettere il Paese sull'orlo di una "apocalisse del gas" carica di conseguenze del tutto imprevedibili.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Arkharov Офлайн Arkharov
    Arkharov (Grigory Arkharov) 28 October 2019 09: 25
    0
    Circa 15 anni si prevedono ogni autunno e nulla di particolarmente catastrofico in questo senso non accade. Prima non ululavano.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 28 October 2019 10: 25
    +3
    È tutto di nuovo, moriranno tutti, ecc. Per la quinta volta.
  3. A M Офлайн A M
    A M (A M) 28 October 2019 11: 54
    +2
    E il 1 ° gennaio, il pomposo arresto della valvola del gas da parte di Miller sarà?))))
  4. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 28 October 2019 17: 50
    +4
    Tutto questo clamore intorno alla cessazione delle forniture di gas all'Ucraina è un altro "spaghetto" per le orecchie della nostra gente. Sì, i nostri criminali del gas si sdraieranno con le ossa, porteranno il gas in Ucraina a secchi, per non perdere i loro profitti del gas sui prossimi yacht, Boeing, palazzi a Miami e in Costa Azzurra, per studiare i loro figli in Harvards ed Etons, per governare le loro mogli e amanti - non hanno abbastanza miliardi per la loro "vita", mentre i nostri pensionati stanno tirando le cinghie della loro vita per gli sfortunati 10-12 mila rubli ... Quindi, l'Ucraina non rimarrà senza petrolio o gas ... ti chiedi come Miller raccolga un'altra macchina di lusso, probabilmente per abbinare il colore dei lacci degli stivali?
  5. piccola vite Офлайн piccola vite
    piccola vite (Gennady) 28 October 2019 18: 54
    0
    Forse in primavera.
    1. piccola vite Офлайн piccola vite
      piccola vite (Gennady) 28 October 2019 19: 04
      +5
      Qualcosa di cui sono stufi questi vecchi nazionalisti con strani cappelli dalle orecchie, io stesso sono vecchio, ma voglio ancora dare una marcia, travestito, vecchio combattente Bandera nel muso.
  6. F-212121 Офлайн F-212121
    F-212121 (Fedor Vladimirovich) 29 October 2019 17: 53
    +2
    Gli ucraini inizieranno a morire di fame e di freddo - non appena smetteremo di dar loro da mangiare il transito del gas e altri benefici ... Finché li trattiamo liberamente e non forniamo un blocco economico - questi terroristi ... continueranno a uccidere il figli della Novorossia ...
    1. Arkharov Офлайн Arkharov
      Arkharov (Grigory Arkharov) 29 October 2019 18: 27
      -5
      Vedo che hai immediatamente attribuito tutti gli ucraini ai terroristi? E a proposito, che tipo di Nuova Russia?
      1. sgrabik Офлайн sgrabik
        sgrabik (Sergey) 29 October 2019 19: 01
        +2
        Il 1 ° gennaio la valvola del gas dovrebbe essere chiusa senza alcuna esitazione e non si dovrebbero fare concessioni. Gli ucraini vogliono vincere miliardi di dollari da noi in tribunale e allo stesso tempo trasportare e ricevere il nostro gas come se nulla fosse successo, ma questo è illogico e semplicemente impossibile. Anche se l'inverno è estremamente rigido, non c'è bisogno di mostrare debolezza e fare concessioni, più di una volta da parte nostra ci sono stati ampi gesti per l'approvvigionamento di gas alle gelide città dell'Ucraina, ma finora nessuno lo ha mai apprezzato. lasciateli congelare come dovrebbero, e allora gli stessi ucraini spazzeranno via questo loro potere, in quanto assolutamente incapace.
        1. Syoma_67 Офлайн Syoma_67
          Syoma_67 (Semyon) 29 October 2019 21: 35
          0
          Il 1 ° gennaio è necessario chiudere la valvola del gas senza alcuna esitazione.

          - non darà nulla, l'Ucraina ha già pompato 21 miliardi di metri cubi di gas negli impianti di stoccaggio, e questo sarà sufficiente per l'inverno e rimarrà ancora.

          ... vogliono vincere miliardi da noi.

          - è tardi, abbiamo già vinto, i beni di Gazprom sono stati arrestati in tre paesi.

          ... ampi gesti per le forniture di gas alle gelide città dell'Ucraina.

          - ricordare i nomi delle città e quando lo era, o meglio guardare meno la tv, è dannoso.
          E se le forniture di gas all'Europa si interrompono, i 2,6 miliardi persi all'Ucraina in tribunale sembreranno fiori, e il mancato guadagno del PIL e della società verrà sottratto alla gente, come già quando furono imposte le sanzioni contro Rusal e "povero" ha sofferto finanziariamente Deripaska, che ha dovuto stanziare aiuti dal bilancio.
          1. San Valentino Офлайн San Valentino
            San Valentino (Valentin) 30 October 2019 08: 19
            -2
            Pensavamo che tu fossi lì, al fronte, a sparare da dietro l'angolo alla popolazione civile del Donbass, e te ne stai di nuovo in giro, o stai combinando entrambi?
        2. master2 Офлайн master2
          master2 (Zhora) 29 October 2019 21: 42
          +1
          ... lasciali congelare correttamente

          - questa "canzone" è stata detta ogni autunno per "Hurray for the Patriots" per dieci anni, beh, per essere orgogliosi di ciò che "noi" siamo cool. E hanno appeso le orecchie e ci credono devotamente.
      2. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
        Sapsan136 (Sapsan136) 30 October 2019 12: 59
        +1
        Penso anche che al posto di "Novorossiya" si dovrebbe dire "i territori della Russia occupati temporaneamente dall'Ucraina" ...
  7. Syoma_67 Офлайн Syoma_67
    Syoma_67 (Semyon) 29 October 2019 21: 12
    0
    Cosa accadrà il 1 ° gennaio 2020

    - non succederà nulla. Non sei stanco di scrivere queste sciocchezze già da un anno?