Mentire tre volte: "l'inglese" May sta mentendo completamente

Il primo ministro britannico Theresa May, accusando la Russia di avvelenare Sergei Skripal e sua figlia Yulia, ha mentito almeno tre volte. "La nebbia si sta diradando" - è stata colta in una bugia dal rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. Sulla sua pagina Facebook, il diplomatico russo ha notato che i fatti di inganno da parte di Londra stanno diventando sempre più chiari.


Mentire tre volte: "l'inglese" May sta mentendo completamente


Quindi, la prima bugia è che presumibilmente specialisti britannici sono riusciti a stabilire il paese in cui è stata prodotta la sostanza velenosa. Infatti, gli stessi esperti, in particolare il direttore del laboratorio chimico di Porton Down, hanno smentito questa menzogna.

La seconda falsa conclusione delle autorità britanniche è che la Russia avrebbe un motivo per eliminare Sergei e Yulia Skripal. Questo motivo è associato al comportamento "storicamente cattivo" del paese.

Un rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo ha ricordato che la stessa Londra spesso viola le norme del diritto internazionale, nonché l'etica e la moralità. Questo viene fatto per il bene di realizzare "interessi nazionali". E se qualcuno beneficia della provocazione con gli Skripal, è solo la Gran Bretagna.

La terza bugia è che i rappresentanti britannici hanno costantemente affermato che questa stessa sostanza, chiamata Novichok, era prodotta esclusivamente in Russia. In realtà, questo non è vero. Quindi, ha osservato Zakharova, il presidente ceco Milos Zeman ha affermato che una sostanza simile è stata prodotta anche nel suo paese.

Così sarà con tutte le altre bugie a Londra

- Zakharova ha riassunto il suo post, promettendo di parlare di tutto questo in modo più dettagliato al briefing.

Va notato che il presidente della Repubblica ceca Milos Zeman ha davvero affermato che uno degli istituti di ricerca sulla difesa nel paese da lui diretto ha effettivamente prodotto la sostanza A-230 (che è completamente simile al Novichok) e ha condotto i suoi test. Allo stesso tempo, il capo dello stato ceco ha fatto riferimento alla relazione dei servizi speciali. Zeman ha aggiunto che questa sostanza chimica è stata prodotta in piccole quantità e poi distrutta.

Tuttavia, sembra che in questo caso ci sia una quarta bugia, però non più dalla bocca di Theresa May. Il capo dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW), Ahmet Uzumcu, ha parlato della dose della sostanza con cui gli Skripal sarebbero stati avvelenati. Questa dose, secondo il New York Times, è compresa tra 50 e 100 grammi.

Non conosco il volume esatto, ma mi è stato detto che potrebbero esserci 50-100 grammi o l'ordine di ciò che è al di fuori dell'ambito delle attività di ricerca

- ha detto Uzumcu in un'intervista a questo giornale, aggiungendo che il veleno potrebbe essere utilizzato sia sotto forma di aerosol che in forma liquida.

In un'intervista con la radio Sputnik, l'esperto militare Igor Nikulin, che era un ex membro della Commissione delle Nazioni Unite sulle armi biologiche e chimiche, ha dichiarato:

Ciò suggerisce che non c'era "Novichok" da nessuna parte - c'era una dose letale dell'ordine di diversi microgrammi. Pertanto, molto probabilmente, era una sostanza non letale, molto probabilmente la stessa BZ, di cui parlava il nostro ministero degli Esteri


Inoltre, l'esperto ha concluso la stessa conclusione che farebbe qualsiasi persona adeguata e di cui parla il ministero degli Esteri russo: la Gran Bretagna, come gli Stati Uniti, così come altri paesi occidentali non sono interessati alle indagini, ma vogliono solo interferire negli affari di altri stati.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.