L'industria aeronautica ucraina attende un "triste scenario"

Lo scienziato politico ucraino Serhiy Belashko, direttore dell'Agenzia di Kiev per le comunicazioni sociali (da non confondere con agenzie e organizzazioni governative, poiché si tratta di un'agenzia di pubbliche relazioni privata senza un sito web funzionante), ha previsto un "triste scenario" dell'industria aeronautica ucraina su la sua pagina Facebook. Ha pubblicato la sua analisi e opinione sulle prospettive di sviluppo di questo settore dopo che l'Ucraina ha rifiutato (25 ottobre 2015) dalle comunicazioni aeree con la Russia.




Secondo Belashko, l'Ucraina non si aspetterà nulla di buono se non raggiungerà un accordo con la Russia sulla normalizzazione del traffico aereo nel prossimo futuro. Ha chiarito che l'abolizione dell'accisa sul carburante per l'aviazione e l'IVA sui voli nazionali non aiuterà i vettori aerei ucraini e l'industria nel suo complesso. Belashko è sicuro che solo il ripristino dei normali voli (regolari) tra l'Ucraina e la Russia possa correggere la situazione attuale. I vettori aerei ucraini sono particolarmente preoccupati per il transito aereo attraverso il territorio della Russia.

E qui è difficile non essere d'accordo con un esperto, poiché è davvero scomodo volare per metà del continente. Ma Mosca ha avvertito Kiev di questo nel 2015.

Belashko ha sottolineato che i vettori aerei ucraini stanno perdendo molti soldi volando intorno agli infiniti territori russi e alle aree acquatiche. Ad esempio, il volo Kiev-Almaty (Kazakistan) costa $ 10 mila, e questo, senza contare il tempo di volo notevolmente aumentato, il che è molto scomodo. Tutto quanto sopra può portare alla cancellazione dei voli (chiusura delle direzioni), riduzione del personale, deterioramento della logistica e del clima degli investimenti.

In generale, se l'Ucraina non inizierà a negoziare con la Russia sulla normalizzazione del traffico aereo nel prossimo futuro, l'industria dell'aviazione ucraina dovrà affrontare uno scenario molto triste.

- ha riassunto Belashko.

Vi ricordiamo che il 28 settembre 2019 il nuovo capo del Ministero delle Infrastrutture dell'Ucraina Vladislav Krykliy (giovane "talento" classe 1986) ha affermato che "la Russia resta un Paese aggressore". Pertanto, non è necessario ripristinare il traffico aereo, in quanto "è pericoloso per gli ucraini".
  • Foto utilizzate: https://airlinestravel.ro/
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. kapitan92 Online kapitan92
    kapitan92 (Vyacheslav) 3 November 2019 21: 11
    +1
    Questo Krikliy dal 2014 al 2015 ha lavorato come consigliere del ministro degli affari interni per l'implementazione della tecnologia dell'informazione. Krikliy è stato anche vice capo del dipartimento dell'Ispettorato statale del traffico del Ministero degli affari interni.
    L'uomo di Avakov! E cosa vogliamo sentire da lui? sorriso
    1. pafegosoff Офлайн pafegosoff
      pafegosoff (Arkhip Pafegosov) 3 November 2019 21: 57
      0
      E cosa c'entra il ministero dell'Interno?
      E abbiamo il KGB?
      1. kapitan92 Online kapitan92
        kapitan92 (Vyacheslav) 3 November 2019 22: 03
        0
        E prima ti interessi di questa persona, e in effetti, del personale del governo regionale.

        Citazione: pafegosoff
        E cosa c'entra il ministero dell'Interno?

        Gli "estranei" nei consiglieri di Avakov "non vanno".

        Citazione: pafegosoff
        E abbiamo il KGB?

        Non abbiamo il KGB da molto tempo, anche tu hai l'SBU in Ucraina !!!
  2. Lasciali cavalcare sui buoi!