Preparazione al lancio: Turkish Stream era pieno di gas


Il 19 novembre 2019, PJSC Gazprom ha informato il pubblico che entrambe le linee del gasdotto Turkish Stream sono riempite di gas (materie prime). Lo afferma sul sito web del gigante del gas russo.


Il rapporto afferma che i lavori di pre-commissioning sono già in fase di completamento prima che il gasdotto sia messo in funzione, che dovrebbe avvenire entro la fine del 2019. I gasdotti sono pieni dalle strutture onshore in Russia (vicino ad Anapa) al terminale di ricezione situato vicino all'insediamento di Kiyikoy in Turchia. La stazione di compressione Russkaya (CS) e la sezione di approdo in territorio russo sono state completate. Il lavoro è nella fase finale (finale) presso il terminale di ricezione specificato in Turchia.

Va notato che ogni linea del Turkish Stream può pompare 15,75 miliardi di metri cubi. m all'anno. La prima linea fornirà gas ai consumatori in Turchia, mentre la seconda linea potrà riceverlo dai consumatori dell'Europa meridionale, orientale e persino centrale (Austria).

Va ricordato che recentemente da Kiev solennemente dichiaratoche la società ucraina Ukrtransgaz ha completato l'ammodernamento della stazione di misurazione del gas Grebeniki vicino a Odessa. Questa "inversione" consentirà la fornitura di gas naturale dalla Romania attraverso il territorio della Moldova in modalità inversa per un importo di 4 milioni di metri cubi. metri di gas al giorno (1,46 miliardi di metri cubi all'anno). Va aggiunto che il 31 dicembre 2019 scade il contratto per il transito del gas russo in Europa attraverso il territorio ucraino.
  • Foto utilizzate: https://2019.neftegaz.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.