Il transito russo iniziò l'esodo dai porti baltici


I paesi baltici (Estonia, Lettonia e Lituania) hanno condotto russofobici politica diAllo stesso tempo, guadagnano buoni soldi con il trasbordo di merci esportate dalla Russia attraverso i loro porti. Questa "cornucopia" di 17,5 miliardi di rubli all'anno potrebbe presto finire. Dopodiché, i "patrioti" locali dovranno solo guardare mentre i loro porti lasciano le compagnie del "paese occupante".


Edizione RuBaltic.Ru riferisce che Novotrans Freight Company LLC (uno dei maggiori operatori di materiale rotabile ferroviario in Russia e nella CSI) sta per riorientare il transito dai paesi baltici al porto russo di Ust-Luga, dove è in costruzione un nuovo terminal universale. Novotrans ha più di 25mila auto e il valore delle sue attività è vicino a 70 miliardi di rubli. Quindi la perdita di un tale cliente nei Paesi Baltici sarà apprezzata. Forse smetteranno persino di chiudere le scuole russe.

Si precisa che Novotrans ha già presentato il progetto di investimento LUGAPORT alla Transport Week - 2019. Si è deciso di costruire un nuovo terminal nel 2018, ma i lavori di costruzione sono iniziati solo tre mesi fa. Il volume degli investimenti ammonterà a 46,5 miliardi di rubli e il volume di trasbordo - 24,3 milioni di tonnellate all'anno. Inoltre, 20 milioni di tonnellate all'anno sono merci reindirizzate dagli Stati baltici e dalla Finlandia, o meglio, ciò che veniva inviato attraverso i loro porti ora verrà inviato dal porto russo. Saranno creati 1000 posti di lavoro in Russia e il denaro riempirà il bilancio russo.

Nella prima fase, Novotrans costruirà un terminal del grano a Ust-Luga; eliminerà il deficit nelle strutture portuali per la movimentazione del grano in Russia. Il fatto è che la Russia ha un terminale specializzato per il grano nel Baltico solo nella regione di Kaliningrad. Pertanto, gli esportatori devono utilizzare i servizi dei porti di altri paesi.

Nel 2017-2018, il trasporto ferroviario di grano dalla Russia ai porti baltici è raddoppiato, raggiungendo 1,6 milioni di tonnellate. Allo stesso tempo, 0,7 milioni di tonnellate sono cadute sulla quota della lettone Liepaja, dove vivono molti "patrioti".

Dopo il grano, il carbone deve "lasciare" i porti degli Stati baltici. In questo caso, la "vittima dell'aggressore" sarà la Lettonia Riga e il suo porto franco di Riga. Forse anche qualcuno lì sarà contento dell'assenza di carbone "totalitario" nel loro porto "europeo".

Inoltre, LUGAPORT acquisirà materie prime di minerale di ferro, carichi di legname, metalli ferrosi. Sfortunatamente, tutto questo richiederà diversi anni. La prima fase di LUGAPORT dovrebbe essere messa in servizio all'inizio del 2023. E Novotrans non è l'unica azienda russa che si è occupata di "ottimizzazione" del transito. Quindi seguiremo ulteriori sviluppi con evidente interesse e informeremo i nostri lettori.
  • Foto utilizzate: http://infranews.ru/
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. commbatant Офлайн commbatant
    commbatant (Sergey) 24 November 2019 00: 43
    +1
    Ogni anno escono articoli del genere sulla flessione del Baltico ...
    Per quanto riguarda la Federazione Russa, dovevano essere introdotte sanzioni in modo che finalmente, nel quarto di secolo dopo il crollo dell'Unione, iniziassimo a pensare alla costruzione di terminali per il grano ... nel Baltico ...
    Ma il "fraterno" RB non rifiuterà dai porti baltici, non importa come lo chieda la Federazione Russa ...
    1. chemyurij Офлайн chemyurij
      chemyurij (chemyurij) 24 November 2019 15: 59
      +3
      Citazione: commbatant
      Ma il "fraterno" RB non rifiuterà dai porti baltici, non importa come lo chieda la Federazione Russa ...

      Puoi confermare le tue parole su questo? Dai almeno qualche riferimento, ad alcuni Almeno ai media di cui ti puoi fidare, non sto parlando di ricorsi ufficiali? La Federazione Russa non si è mai rivolta alla Bielorussia con tali richieste, sono affari loro e spetta a loro decidere dove, cosa, perché, perché.
      1. commbatant Офлайн commbatant
        commbatant (Sergey) 30 November 2019 17: 54
        0
        Citazione: chemyurij
        Puoi confermare le tue parole su questo? Fornisci almeno qualche riferimento.

        https://www.gazeta.ru/business/2017/10/09/10924286.shtml

        https://eadaily.com/ru/news/2018/06/06/poydut-li-belorusskie-gruzy-cherez-rossiyskie-porty

        https://udf.by/news/sobytie/147051-moskva-opyat-predlagaet-belarusi-pomenyat-porty.html

  2. fevralsk.morev.75 Офлайн fevralsk.morev.75
    fevralsk.morev.75 (Sergey Morev) 24 November 2019 04: 25
    +1
    Ogni anno la stessa cosa: "non trasporteremo merci attraverso gli Stati baltici". Coloro che sono al governo con cittadinanza straniera, proprietà immobiliari e bambini in collina - faranno ciò che gli dicono i proprietari. Qualcosa non si sente e non si vede, nessun lavoro con il risultato, la leadership del nostro paese per proteggere i russi negli stati baltici. Non parlano nemmeno.
    1. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
      Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 25 November 2019 17: 39
      0
      Sei al passo con i tempi. Dal 2014, gli americani hanno sequestrato le proprietà dei cittadini russi negli Stati Uniti per 15 miliardi di dollari. I nostri funzionari non hanno né beni immobili né beni. Ora possono essere facilmente patrioti.
      Alcuni cercano di essere buoni indiani come Deripaska. Il 70% della sua fortuna gli è stata tolta. Sperando di ottenere qualcosa in cambio, ha trasferito i suoi beni agli americani. Il risultato non è stato lento a influenzare: le entrate di RusAl sono diminuite del 40% in sei mesi. I sahib americani si sono precipitati a riempirsi le tasche di dollari gratuiti. E Deripaska è un fico.
    2. commbatant Офлайн commbatant
      commbatant (Sergey) 30 November 2019 18: 01
      +1
      Quelli al governo con cittadinanza straniera ...

      Chi esattamente?

      Qualcosa non si sente e non si vede, nessun lavoro con il risultato, la leadership del nostro paese per proteggere i russi negli stati baltici.

      Durante i referendum nei Paesi Baltici e in Ucraina (tutti e 4 non hanno partecipato al referendum di tutta l'Unione sulla conservazione dell'URSS), la stragrande maggioranza della popolazione (allora era per lo più di lingua russa) ha votato per l'indipendenza dalla Federazione Russa, hanno fatto la loro scelta, che diavolo è la Federazione Russa si prende cura di loro adesso? Per chi volesse essersi già trasferito nella Federazione Russa, per chi vuole trasferirsi, la Federazione Russa ha programmi specializzati per il reinsediamento ...
      Oppure, secondo te, la Federazione Russa dovrebbe scavare i paesi baltici per opprimere le persone di lingua russa lì, che un tempo tradivano l'Unione Sovietica o che venivano gettate come ventose a causa di storie straniere su una vita bella e soddisfacente ...?
  3. Potapov Офлайн Potapov
    Potapov (Valeria) 24 November 2019 09: 38
    -3
    Non ne verrà fuori niente. A quanto pare, i Chukhont condividono bene con i grandi russi ...
  4. Aico Офлайн Aico
    Aico (Vyacheslav) 24 November 2019 14: 11
    -1
    Forse smetteranno persino di chiudere le scuole russe.

    Chukhnulis un po 'in ritardo: i Chukhont hanno già chiuso quasi tutto !!! Tutto questo nell'anno 93 doveva essere fatto - non ci sarebbe stato nessun Maidan, nessuna espansione della NATO, dove non fosse necessario - avrebbero preferito tenere il passo! E tutti voi: "Cosa volete?", E ora rastrellate e rastrellate in pieno !!!
    1. astronauta Офлайн astronauta
      astronauta (San Sanych) 24 November 2019 22: 31
      +1
      Chukhontsi non li chiuderà, non confonderli con i lettoni.
  5. piccola vite Офлайн piccola vite
    piccola vite (Gennady) 25 November 2019 05: 35
    +1
    Ahimè, per i Baltici, anche se ti butti nella russofilia, nulla ti aiuterà a far tornare la capitale russa. Chi una volta ha mentito - chi gli crederà? Forse quando la tomba dell'ultimo russofobo è ricoperta di erba? Vai per la tua strada e non guardare a Ovest.
  6. Dzafdet Офлайн Dzafdet
    Dzafdet (Sergey) 25 November 2019 12: 25
    +2
    Anche troppo lento. Tutto questo doveva essere fatto negli anni 2000. E lavora più velocemente, più velocemente, in modo che gli stati baltici si trasformino di nuovo in Chukhonia ..
  7. zenitovets Офлайн zenitovets
    zenitovets (Ivan) 25 November 2019 14: 25
    +1
    Questi bovini dovrebbero essere lasciati senza alcun transito e il confine con loro dovrebbe essere ben chiuso! Lasciatevi l'un l'altro!