Nord Stream 2: Kiev è pronta a fermare il gasdotto ad ogni costo


La tanto attesa decisione presa il 30 ottobre dall'Agenzia Danese per l'Energia, a prima vista, ha rimosso l'ultimo ostacolo al completamento del gasdotto Nord Stream 2. Tuttavia, i suoi avversari, sia all'estero che in Europa, non hanno assolutamente alcuna intenzione di rinunciare ai loro tentativi di mettere i bastoni tra le ruote a questo progetto. Compensano il loro piccolo numero con una testardaggine irriducibile e un'ingegnosità davvero diabolica nell'inventare sempre più nuove direzioni di attacco al progetto energetico, che oggi è il principale per la Russia.


Al momento, è possibile definire con chiarezza tre principali "fronti" sui quali sono ancora in atto "battaglie" più o meno feroci per Gazprom. E, naturalmente, ci sono minacce nascoste, che alcune persone riservano come "armi dell'ultima possibilità". Di cosa stiamo parlando esattamente e quanto gravi possono essere le conseguenze di queste inclinazioni?

Washington non sta placando


Forse non c'è paese al mondo che, avendo in realtà il minimo rapporto con il gasdotto in costruzione, combatterebbe contro di esso in modo così feroce e coerente come gli Stati Uniti. Tra i funzionari di alto rango e di spicco politici non c'è quasi nessuno che non parli del "terribile pericolo" che le forniture regolari e su larga scala di "carburante blu" russo rappresentano per l '"indipendenza energetica dell'Europa". L'ultimo, se non erro, è stato il segretario all'energia degli Stati Uniti Rick Perry, che stava trasmettendo qualcosa su "un duro colpo alla sicurezza" e "rafforzamento delle posizioni di politica estera di Mosca". Tuttavia, no - poi c'è stato anche un discorso del segretario di Stato Mike Pompeo, che ha minacciato l'UE di "completa dipendenza dai capricci del Cremlino" dopo il lancio del gasdotto. Significativamente, nel Vecchio Mondo stesso, nessuno stato vede problemi per se stesso dal lancio di Nord Stream 2, ad eccezione dei già ovvi burattini di Washington. Al contrario, solo continui benefici ... Ma dall'estero, probabilmente, lo sanno meglio. Il desiderio ardente di inondare l'Europa con il proprio GNL spinge gli americani a fare qualsiasi trucco per, se non fermare, almeno rallentare il progetto russo almeno per un po '. Potrebbero ... rosiccherebbero i suoi tubi d'acciaio sul fondo del mare con i denti ...

Gli stessi tedeschi, come potete vedere, hanno cotto molto duramente i tedeschi - non è stato per niente che letteralmente la scorsa settimana al Bundestag hanno detto ad alta voce che il gas liquefatto americano "non ha bisogno della Germania in linea di principio". Inoltre, alcuni deputati (lo stesso Alexander Noah) ritengono che se gli Stati Uniti introducessero vere e proprie sanzioni volte a interrompere la costruzione del Nord Stream 2, Berlino dovrebbe rispondere immediatamente con restrizioni non meno gravi. Tuttavia, dimostrando ancora una volta un ottimo disprezzo per le opinioni dei propri "alleati" d'oltremare, gli Stati Uniti continuano ad affrettarsi con i prossimi progetti "restrittivi". In particolare, Jim Risch, presidente della commissione per gli affari esteri del Senato, ha parlato ai giornalisti di tali intenzioni a margine del Forum per la sicurezza internazionale di Halifax. Inoltre, secondo lui, lo scontro sanzionatorio con Nord Stream 2 dovrebbe essere incorporato in un documento piuttosto serio - la legge "sulla difesa nazionale" del paese per il prossimo anno. Allo stesso tempo, il senatore ha espresso la sua ferma convinzione che gli oppositori di una simile iniziativa non debbano essere trovati sotto la cupola del Campidoglio, dichiarando a priori tutti coloro che non sono d'accordo (se si trovano) "lobbisti della Russia" e quasi nemici della nazione americana. Secondo Riesch, queste restrizioni saranno così “costose” per le aziende europee coinvolte nella costruzione del gasdotto che si tratterà di “chiuderle”. Di conseguenza, "i russi dovranno cercare altri appaltatori" e il cantiere sarà di nuovo in piedi a tempo indeterminato. Bingo!

In realtà, molto probabilmente stiamo semplicemente parlando della "reincarnazione" delle sanzioni contro coloro che forniscono o "aiutano a fornire" il progetto Gazprom vendendo, noleggiando o in qualche altro modo, "navi per la posa di tubi a una profondità superiore a 30 metri ". Il disegno di legge su di loro è stato sviluppato questa estate dai senatori Jean Shaheen e Ted Cruz. Prevedeva non solo un divieto all'ingresso dei "colpevoli" negli Stati Uniti, ma anche "il congelamento dei loro beni sotto la giurisdizione americana". È vero, questa iniziativa, che sembra aver iniziato ad essere attuata con successo tra le mura del Congresso, in qualche modo impercettibilmente "appesa" al livello di innumerevoli accordi e approvazioni, non arrivò nemmeno alla Casa Bianca. Molto probabilmente, la stessa sorte accadrà a una nuova iniziativa. Soprattutto se si considera che la legge citata da Riesch ha abbastanza altri "ostacoli" che sono perfettamente in grado di trasformare la sua discussione in controversie senza fine. Ad esempio, la questione del finanziamento del muro al confine con il Messico, la cui costruzione è diventata da tempo un'ossessione per Donald Trump, la discussione sul futuro delle strutture americane a Guantanamo, e così via. Ci sono anche momenti fondamentali, come la "redistribuzione" tra i rami del governo dei poteri Usa per fare guerre, inviare truppe fuori dal Paese e restituirle. Non c'è dubbio su una cosa: la questione delle sanzioni contro Nord Stream 2 sarà ampiamente sfruttata dai politici americani nella prossima campagna elettorale. Saranno presentati? Dubbioso, sebbene non escluso. Ma si parlerà molto della "minaccia energetica russa" ...

Varsavia attacca un "attacco frontale" e Kiev prepara un colpo furtivo


È chiaro che gli Usa, come si conviene a un “padrino” internazionale, non compiono di propria mano le azioni più ignobili contro il gasdotto, ma affidano i propri “sei”. Questo è il ruolo che la Polonia ha svolto con tutto lo zelo negli ultimi anni, e sta ancora una volta cercando di rovinare il più possibile la costruzione. L'interesse di Varsavia qui ha due fonti: in primo luogo, si aspettano di diventare la "porta del gas" degli Stati Uniti, saldamente "fissata" sulla fornitura di GNL dall'estero all'Europa e su questo traggono un profitto piuttosto elevato. In secondo luogo, i polacchi si opporranno e si opporranno a qualsiasi progetto russo semplicemente perché è russo. Non per niente Donald Tusk, che ha conquistato il favore fino al presidente del Consiglio europeo, continua a parlare del nostro Paese come il principale "problema strategico" dell'UE, non esitando a menzionarlo per tale ostinata russofobia anche i suoi stessi colleghi lo chiamano da tempo un "maniaco" ... Allora ordinerete di prendere in considerazione il Primo Ministro della Polonia Mateusz Morawiecki, che, nel suo stesso fervore anti-russo, è arrivato al punto che Nord Stream 2 è "pagamento per armi russe con denaro europeo ”?! Tuttavia, Varsavia finora sta cercando di "battere con il rublo" non Mosca, ma i suoi vicini dell'UE. In ogni caso, l'Ufficio polacco per la protezione della concorrenza e dei consumatori (UOKiK) ha imposto una fantasmagorica multa di 45 milioni di dollari alla società francese Engie che partecipava alla costruzione del gasdotto, che si è rifiutata di fornire a Varsavia documenti sul "trasporto, distribuzione, vendita, fornitura e stoccaggio "del" carburante blu "russo.

Per i polacchi, vedete, tutto questo era vitale per "l'importantissimo procedimento antimonopolio nel caso Nord Stream 2". I francesi non ne avevano voglia ... A Varsavia, tra l'altro, hanno dichiarato direttamente che la multa era solo l'inizio. In generale, le conseguenze delle loro "indagini" saranno "internazionali". Dicono, preparatevi - in Francia, in Germania e in Danimarca: la Polonia vi insegnerà ad amare l'Europa! In ogni caso, oltre a Gazprom e alla già citata corporation francese, nel “procedimento antimonopolio” avviato dall'UOKiK compaiono anche Uniper, OMV, Shell, Wintershall. Insomma, tutti, praticamente tutti i partecipanti al progetto che hanno osato avviarne l'attuazione senza ottenere l'approvazione di Varsavia (che non sarebbe mai seguita!), E quindi presumibilmente violato la "legislazione europea". Secondo autorevoli esperti, tutto questo clamore, ovviamente, non potrà fermare la costruzione (lo stesso francese ha subito dichiarato assurde tutte le affermazioni polacche e intende fare appello), ma fare uno sporco scherzo è abbastanza. Non dimenticare che è stato il contenzioso polacco che ha portato quest'anno a dimezzare il volume del gas russo fornito all'Europa attraverso il gasdotto OPAL. La natura scandalosa di Varsavia è ben nota a tutti nel Vecchio Mondo, quindi non c'è dubbio che ci berranno ancora più sangue possibile. Inoltre, va tenuto presente che i polacchi conducono le loro attività russofobe in stretta alleanza con i paesi baltici, nonché con l'Ucraina. Pertanto, la Lituania ha già annunciato la sua intenzione di perseguire gli operatori del gasdotto in costruzione. L'Estonia sta ancora pensando, ma è del tutto possibile che anche lei aderirà. E Kiev ...

Dichiarazioni sulla loro ferma intenzione di "fermare Nord Stream 2 ad ogni costo", facendo affidamento sul "sostegno dei partner europei", sono state recentemente rilasciate da quasi tutti i funzionari del "nezalezhnoy" - dal primo ministro locale Alexei Goncharuk al paese rappresentante commerciale Taras Kachka ... Siamo particolarmente interessati alle rivelazioni del ministro dell'Energia ucraino Oleksiy Orzhel, che ha recentemente ammesso in televisione che Kiev intende bloccare la costruzione, facendo appello “in qualche modo dal punto di vista dell'ecologia” (citazione letterale). Cioè, fare ricorso contro l'autorizzazione rilasciata dalla Danimarca a posare tubi nelle sue acque. La cosa più spiacevole è che queste parole non sono solo chiacchiere inutili. Dolorosamente sospettosamente, i "verdi" si sono spostati nel Nord Europa, che, a quanto pare, alcune forze intendono mobilitare nella maniera più urgente per l '"ultima e decisiva battaglia" proprio con il "Nord Stream-2". I vecchi racconti di "8mila tonnellate di munizioni chimiche", presumibilmente "scaricati sul fondo del mare vicino all'isola di Bornholm dall'Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale" e persino di "quattro navi sovietiche con munizioni chimiche affondate lì", sono tornati a galla. È interessante notare che gli stessi "verdi" norvegesi per qualche motivo indicano esattamente i luoghi in cui dovrebbero trovarsi i tubi del gasdotto russo come "luogo di allagamento", mentre gridano con forza e con forza sulla "minaccia di una catastrofe ambientale" che sicuramente accadere durante la loro posa. Naturalmente, non c'è traccia di alcuna prova documentaria e generalmente sana di queste fantasmagoriche assurdità. In quanto tali, i signori "ecologisti" danno informazioni che negli ultimi anni "oggetti esplosivi" sono caduti ben quattro volte nelle reti dei pescatori in questa parte del Baltico! Ebbene, vista l'intensità dei combattimenti in questa regione, è incredibile come queste "sorprese" non si presentino tutti i giorni nei pesci.

Tuttavia, se questo argomento viene rianimato di nuovo, molto probabilmente intendono usarlo come ultima carta vincente. È del tutto possibile che questo fosse ciò che aveva in mente il ministro dell'Energia ucraino. Comunque sia, ma questa possibilità non può essere completamente scontata. Tutti i tipi di movimenti e partiti "ecologici" - da quelli abbastanza solidi a quelli francamente marginali - hanno troppo peso in Europa oggi. Se l'intero pacchetto viene abbassato al Nord Stream-2, non sembrerà abbastanza a nessuno. Alla luce di una tale prospettiva, Greta Thunberg, che improvvisamente "emerse" dal nulla in Scandinavia, inizia a guardare in qualche modo in modo diverso, ed è attivamente "promossa" oggi non solo come un progetto ecologico. In un modo o nell'altro, la Russia deve essere pronta per tutte le nuove "battaglie" per Nord Stream 2, che, a quanto pare, non si fermerà né dopo la posa dell'ultimo metro dei suoi tubi, né dopo la messa in servizio con successo del gasdotto. .
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Porto Офлайн Porto
    Porto 25 November 2019 10: 57
    +6
    In ogni caso, il transito attraverso l'Ucraina dovrebbe essere fermato, più schifezze, prima.
    1. lev1759 Офлайн lev1759
      lev1759 (Eugene) 26 November 2019 12: 53
      +2
      il transito attraverso l'Ucraina deve essere fermato

      Questa è metà della battaglia. È necessario avviare trattative per la costruzione del Nord Stream 3 ...
  2. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 25 November 2019 11: 02
    +6
    E cosa dovremmo aspettarci da Kiev, perché non sanno come farlo in modo diverso, e non vogliono, ma di nascosto, così meschini - sono sempre lì, e con grande piacere. Sto solo cominciando a chiedermi se ci siano ancora individui del genere sul nostro pianeta Terra che supereranno i galiziani per viltà? Bene, con l'America, capiamo tutto: c'è potere, c'è potere, ci sono molti soldi e volevano sputare su tutti, ma la "nezalezhnaya" letteralmente senza niente, una mendicante mendicante, e lei non è più anche un carlino, ma un mostro dietro lo zio Sam.
  3. Afinogen Офлайн Afinogen
    Afinogen (Afinogen) 25 November 2019 11: 05
    +4
    ... e in Europa non intendono assolutamente abbandonare i tentativi di mettere i raggi nelle ruote.

    Semplicemente fantastico, semplice. Contro tutte le leggi del buon senso. Tiri un gasdotto verso l'Europa, spendi qualche sforzo per mantenere l'Europa calda e buona, e anche loro mettono i bastoni tra le ruote. Ebbene, certo, americani, presto prenderanno fuoco per la rabbia, sono pronti a farsi del male, se solo fosse un male per noi. Qui è tutto semplice: l'Europa deve congelarsi una volta e immediatamente la mente andrà a posto, loro stessi costruiranno un altro gasdotto.
  4. Dzafdet Офлайн Dzafdet
    Dzafdet (Sergey) 25 November 2019 12: 21
    +4
    È colpa loro. Ukrov è abituato agli omaggi. Ora sono con sintomi di astinenza. È stato necessario chiudere i rubinetti nel 2000. Per 20 anni hanno rubato miliardi di metri cubi di gas, ma tutti tacciono modestamente su questo. Apparentemente, tutti sono imbrattati in questo ...
  5. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 25 November 2019 15: 02
    +5
    Non farebbe male a questi verdi pensare alle testate nucleari statunitensi che hanno perso nelle acque scandinave, e la Russia non è affatto da biasimare qui ... Per quanto riguarda la Polonia e la compagnia, la Germania potrebbe stancarsi del fatto che i polacchi stiano danneggiando la sua economia ... L'UE vivrà e senza la Polonia colpita dalla povertà, ma se i poveri vivranno in Polonia, Lituania, Lettonia, Estonia senza sussidi da Germania e Francia - una grande domanda ...
  6. lavoratore dell'acciaio 25 November 2019 16: 36
    -1
    Ecco la risposta al motivo per cui hai bisogno di basi militari russe. La Russia, grazie ai nostri governanti - i parassiti, ha lasciato volontariamente l'Europa, e ora non vogliamo interferire con noi. La prima cosa da fare è restituire la maggior parte della terra russa dell'Ucraina "al porto natale"! In secondo luogo, tutti questi problemi sono stati creati dalla stupidità della leadership di Gazprom. Quando rubano e lavorano in modo inefficace, è necessario cambiare almeno la leadership e non dichiarare i fatti.
  7. piccola vite Офлайн piccola vite
    piccola vite (Gennady) 25 November 2019 18: 39
    +2
    Probabilmente, l'ostinazione degli americani si spiega con il desiderio di diventare gli unici intermediari nel commercio a pronti del gas tra l'Europa occidentale e Gazprom. Hanno esperienza: hanno rubato il gas russo agli inglesi e l'hanno portato a Boston per venderlo, lasciandoli congelare. Pertanto, hanno cucinato abbastanza bene su questa piccola impresa.
  8. bratchanin3 Офлайн bratchanin3
    bratchanin3 (Gennady) 26 November 2019 10: 57
    +4
    Bene, perché lamentarsi e lamentarsi del nemico, devi combattere con lui, tutto qui. Gli americani hanno da tempo dichiarato la Russia loro nemica, e lo ha annunciato il presidente "abbronzato" degli americani, anche dalla tribuna delle Nazioni Unite. Allora cosa, ci lamenteremo di questo e punteremo il dito in direzione della giustizia? Devi contare le tue risorse e riflettere sulle tue azioni!