Avendo perso il transito russo, i Baltici affrontarono il collasso economico


La Lettonia, una volta una delle repubbliche sovietiche più prospere, è sull'orlo del completo collasso economico. Russofobo politica Riga e il "corso occidentale" costano troppo per il piccolo paese baltico.


Il direttore dell'Amministrazione statale delle ferrovie della Lettonia Juris Iesalnieks ha fatto valutazioni e previsioni estremamente cupe alla televisione lettone. Secondo lui, il governo russo ha affrontato "molto seriamente" la questione del trasferimento definitivo del transito delle merci ai propri porti. Per un piccolo stato costiero, questo è molto negativo notizie.

Bisogna ammettere che Riga stessa ha fatto la sua scelta. Dopo essere saltata fuori dall'URSS, la Lettonia si è precipitata tra le braccia dell'Occidente. Il prezzo per l'integrazione con il "fratello maggiore" rappresentato dall'Unione Europea è stata la deindustrializzazione su larga scala del Paese. Quindi, sul sito del leggendario stabilimento di Riga Radiotehnika, ora ci sarà un negozio di una catena straniera di articoli per la casa. Al posto dello stabilimento elettrotecnico statale di Riga VEF, c'è stato a lungo un centro commerciale. Il grande magazzino prende il posto della fabbrica di Riga "Alpha", che un tempo produceva componenti semiconduttori. E così via, l'elenco va avanti per un bel po 'di tempo.

La deindustrializzazione è stata naturalmente seguita dallo spopolamento. Il giornalista Yuri Alekseev, che una volta lavorava in una delle aziende lettoni chiuse, dice:

Ingegneri qualificati, dottori, insegnanti se ne andarono. I lavoratori qualificati se ne sono andati. Una gioventù ragionevole e attiva galoppava via.


C'era ancora transito. Gli Stati baltici sono stati tradizionalmente la nostra porta marittima verso l'Occidente. Ma le "tre sorelle" sono riuscite ad abbandonare anche questo. Le politiche russofobiche di Riga, Vilnius e Tallinn, il loro ruolo attivo nel dispiegamento delle forze della NATO vicino ai confini russi hanno portato il Cremlino a prendere una decisione volitiva di togliere ai Baltici la loro ultima carta vincente.

Negli ultimi anni, il transito ha iniziato a riorientarsi costantemente verso i porti russi. I lettoni si strappano i capelli in testa: il volume del trasbordo diminuisce ogni anno. Secondo Juris Iesalnieks, dall'inizio del 2019 le perdite di fertilizzanti sono state del 16%, nel grano - 12%, nelle rinfuse - 11%. La situazione è ancora peggiore con il carbone. Il transito del carbone attraverso Riga raggiungeva in precedenza il 39% del totale. Le principali potenze europee hanno acquistato circa l'80% di questo combustibile fossile dalla Russia. Ma la tendenza è tale che l'Europa occidentale e settentrionale si stanno intenzionalmente spostando verso il graduale abbandono dell'uso del carbone nel loro settore energetico. Tutti i clienti tradizionali del porto di Riga sono ora membri dell'Alleanza contro il carbone.

Questo è un fiasco. Dal crollo totale l'economia la piccola Lettonia può essere salvata solo per miracolo. Il presidente bielorusso Lukashenko è un potenziale salvatore. Attaccandosi in Lituania a causa della sua posizione nel BelNPP, Alexander Grigorievich ha deciso di "fare qualcosa di carino" per Riga:

Non abbiamo accesso al mare e se la Lituania non vuole davvero collaborare con noi, dobbiamo concentrarci sulla Lettonia. Dobbiamo assicurarci che questa repubblica tragga piacere dalla cooperazione con la Bielorussia.


Il transito bielorusso può prolungare per qualche tempo il tormento del piccolo Stato, ma non correggerà fondamentalmente la situazione. Inoltre, la stessa Mosca attira Minsk nei suoi porti. Se ciò accadrà, la Lettonia dovrà affrontare un completo collasso economico.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 10 dicembre 2019 13: 38
    +1
    Quando parlano dei Baltici, un fascista si sveglia in me !!
    1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
      Pishenkov (Alex) 10 dicembre 2019 20: 49
      0
      ... vuoi iscriverti alla legione delle SS ??? occhiolino
    2. Conn Офлайн Conn
      Conn (Сonn) 12 dicembre 2019 05: 15
      0
      E quando parlano di Khytrozachosana, comincio a sentirmi male per la lampadina ...
  2. bobba94 Офлайн bobba94
    bobba94 (Vladimir) 10 dicembre 2019 17: 09
    +3
    Nessuna vendetta per la russofobia, è anche divertente da leggere. Un grande paese ha costruito la propria infrastruttura di trasporto, logistica dei trasporti, partendo dai propri interessi ....... ferrovie e stazioni di trasbordo, trasporti stradali, porti fluviali e marittimi, aeroporti, oleodotti e gasdotti, ecc. eccetera. Questo grande paese ha cessato di esistere, in altre parole, l'URSS è crollata e un gruppo di paesi è apparso al suo posto. Non dirò per tutti i paesi, dirò solo che la Russia ha semplicemente iniziato a costruire la propria infrastruttura di trasporto, il che le è conveniente. Dirò che la costruzione di una nuova logistica dei trasporti in Russia avverrebbe anche con le relazioni più eccellenti con i paesi baltici.
    1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
      Pishenkov (Alex) 10 dicembre 2019 20: 47
      +5
      ... la costruzione di una nuova logistica dei trasporti in Russia avverrebbe anche con i rapporti più eccellenti con i paesi baltici.

      - improbabile. Finché ci fossero relazioni tranquille e un prezzo accettabile per i servizi, la Federazione Russa non costruirà nulla, almeno non in fretta. È sempre così con noi: "finché non scoppia il tuono, l'uomo non si fa il segno della croce". Le sanzioni furono introdotte: "pettinate" con l'agricoltura, con le finanze e con altre cose. Siamo andati ai campionati con giacche grigie - hanno iniziato a occuparsi di sport, ecc. Se non fosse per i bordelli baltici, non hanno condotto una politica davvero aggressiva, continuerebbero a nutrirsi di questo ... E non è russofobia nemmeno qui, per la maggior parte, ma sicurezza, così come con l'Ucraina - che senso ha legare il trasporto strategico a un nemico e un partner imprevedibile?
    2. Boriz Online Boriz
      Boriz (borizia) 11 dicembre 2019 20: 36
      +3
      Permettetemi di ricordarvi che lo sviluppo dei loro porti è iniziato solo dopo che i Baltici si sono rifiutati di spedire i nostri prodotti petroliferi in Serbia, quando l'UE ha imposto sanzioni al riguardo. I baltici non sono ancora stati nell'UE, ma ci sono voluti molto e si sono rifiutati di inviare i nostri prodotti petroliferi in Serbia. E proprio allora Putin è diventato presidente. Non puoi essere sopraffatto da lui.
      Ora dai Balts si può solo sentire: "Che cosa per noi?" E per quello.
      La cosa più interessante è che nel nostro paese nessuno ricorda la storia della questione. I loro porti non gelano e non è necessario pulire periodicamente la sabbia lavata, come a Ust Luga. Si sarebbero comportati come le persone, nessuno avrebbe toccato il loro transito. Beh, o almeno così non si toccherebbe. E allora cosa? Sono stati investiti soldi, sono stati costruiti porti, le persone lavorano. Non si torna indietro.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 10 dicembre 2019 22: 32
    -3
    Questa è la prossima volta che "si sono rivelati"?
    Evviva i media, ogni mese la stessa cosa, un altro incidente ...
    1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
      Pishenkov (Alex) 11 dicembre 2019 00: 15
      +5
      ... qui sono d'accordo. In Europa ci sono paesi piuttosto piccoli, praticamente senza risorse, e in qualche modo vivono per se stessi ... E i lettoni sopravviveranno. Poverina però il momento non è quello giusto ... Là sicuramente non avranno nulla da invidiare. Ma sopravviveranno.
      Eppure, possono essere offesi da me per questo, ma ci sono popoli più stupidi, per definizione, e ce ne sono più intelligenti, o astuti ... E i popoli primitivi non sono solo in Africa o nelle giungle della Polinesia. Ci sono anche primitivi in ​​Europa che pensano che il denaro e la ricchezza possano essere ottenuti non dalla scienza, dalla produzione e dal commercio, ma dalla politica. I tedeschi non la pensano così, questo è solo un esempio. Pertanto, la politica è politica, e il nostro gasdotto viene costruito a metà dal dolore ... E i lettoni ... i cattivi ragazzi ... vivono come meritano ...
  4. Boriz Online Boriz
    Boriz (borizia) 11 dicembre 2019 01: 30
    +8
    Ma era la repubblica di maggior successo dei Baltici. VEF, RAF, RVZ, Dzintars ....
    Abbiamo dormito per tutto .. L'hanno distrutto con le nostre stesse mani.
    E quanta ambizione era! Qual era il culturale, in confronto alle scarpe liberiane Russia ...
    Si è subito dimenticato che negli anni '30 del secolo scorso in Lettonia (e nel resto degli Stati baltici) veniva lanciato lo slogan: "Ogni fattoria ha una latrina!" Non compreso? Sì, in campagna non è mai venuto in mente a nessuno di organizzare una normale "casetta per uccelli" sul lungomare, solo un gabinetto. Cagano sotto il cespuglio o la recinzione più vicini, se non in un campo aperto. Ricordo come fosse saggiamente sistemata la toilette a casa di mia nonna (la casa fu costruita non più tardi del 1917), andai da lei negli anni '60 - '70. Alla casa era attaccata una stalla, c'era un'uscita per la piattaforma a 1,2 m dal suolo e alla fine della piattaforma c'era una cabina. Tutti gli affari sono vicino alle mucche. Ogni cosa veniva regolarmente ricoperta di cannucce e portata sul campo per la fertilizzazione. Igiene solida e le donne non hanno bisogno di uscire in strada, congelare le loro appendici. Ecco perché i bambini sono sani e le donne. I nostri antenati erano saggi.
    Nel 1940, quando le nostre truppe furono attirate nella Lettonia indipendente (così come in tutti gli Stati baltici), tutti furono colpiti dal fetore e dall'abbondanza di moscerini. Questo è notato in molte memorie. È solo che sotto l'URSS, per correttezza politica, non si accettava di enfatizzarlo.
    Durante l'indipendenza tra le due guerre non è stato creato nulla di utile, un normale ristagno rurale. Con un regime fascista.
    Tutto degno lì fino al 1914. è stato creato dai tedeschi dell'Eastsee o dai russi. Apparentemente, per profonda gratitudine, guidarono i tedeschi in Germania anche prima dell'arrivo dell'Armata Rossa. I loro ebrei furono massacrati durante la seconda guerra mondiale. L'atteggiamento nei confronti dei russi locali è ben noto.
    Ecco un popolo così "gentile".
    Ma presto strisciano per chiedere indietro ...
    Ne abbiamo bisogno?
  5. ustal51 Офлайн ustal51
    ustal51 (Alexander) 11 dicembre 2019 12: 54
    +1
    In precedenza, alla domanda sulla disponibilità della proprietà, molti hanno risposto:

    Come un lettone - fichi, ma un'anima ".

    Ed è quello che auguro loro ...
  6. piccola vite Офлайн piccola vite
    piccola vite (Gennady) 11 dicembre 2019 16: 20
    +2
    Quindi, non c'è bisogno di un programma culturale in lettone - ci sono numerosi cori, quindi, cari cantanti nativi. Padrone del formaggio, gastronomia, allevamento di pecore: lo prenderemo se è di buona qualità, non costoso, senza palma. Non hai bisogno dell'Istituto per l'aviazione civile: ce n'erano solo due: Riga, Kiev. Anche la ferrovia non è necessaria: porterai la tua esportazione al confine con i cavalli.
  7. T. Henks Офлайн T. Henks
    T. Henks (Igor) 12 dicembre 2019 13: 52
    +1
    Vivranno senza la nostra opinione. La natura si riprenderà. Gli emigranti dal Canada avranno comunque il loro. Perché dovremmo preoccuparci? Ora la nostra gente non esporta denaro e fiori attraverso Riga.