La Russia ha appeso l'Ucraina con un missile

Il lancio del satellite per le telecomunicazioni ucraino Lebed, previsto per il 2018, non avrà luogo. Secondo Interfax, la possibilità stessa di un simile lancio è in discussione.


La Russia ha appeso l'Ucraina con un missile


Il punto è che il razzo vettore Zenit, assemblato a Dnepropetrovsk Yuzhmash, dovrebbe lanciarlo in orbita. La prontezza missilistica è solo del 2-3 percento, cioè quasi solo sulla carta. E non c'è nulla da cui assemblarlo, perché oltre il 70% è costituito da componenti russi, incluso il primo stadio dei motori.

I fornitori russi, a loro volta, chiedono agli ucraini un pagamento anticipato per la fornitura dei componenti necessari, ritenendo che dopo il lancio i partner di Nezalezhnaya potrebbero semplicemente non pagare.

Il satellite stesso è un progetto russo. Si trova ancora nello stabilimento di produzione di Krasnoyarsk, in un magazzino responsabile. Nel 2016 si è appreso che la sua durata di conservazione stava per scadere e, affinché lo Swan continuasse ad essere idoneo per un possibile utilizzo, è stato necessario sostituire parte della sua attrezzatura.

Pertanto, la domanda è ancora nel limbo. Se sarà possibile risolverlo, il tempo lo dirà. Va però ricordato che il cosiddetto Sea Launch, piattaforma di lancio galleggiante di proprietà della compagnia aerea russa S7, ha precedentemente abbandonato i lanciatori ucraini Zenit.
  • Foto utilizzate: https://www.roscosmos.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.