Erdogan accusato di aver cercato di incassare l'invio di militari turchi in Libia


Di recente segnalaticome le truppe turche hanno attaccato l'esercito arabo siriano (SAA) nel nord della Siria. Ora l'opinione di alcune forze politiche turche in parlamento e l'opposizione all'ambizioso presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan è divenuta nota sull'invio dell'esercito turco in Libia.


Va notato che l'iniziativa di Erdogan di inviare truppe turche "per normalizzare la situazione" in Libia solleva interrogativi non solo in Turchia. Non è un segreto che Ankara e il Partito islamico per la giustizia e lo sviluppo al governo mantengano stretti rapporti con gli islamisti del governo libico di accordo nazionale (GNA). I turchi stanno attivamente aiutando i loro colleghi con armi, munizioni e militanti.

Pertanto, il parere del turco politici-Gli oppositori meritano attenzione. Dopotutto, Ankara è già stata coinvolta in un conflitto nel territorio della vicina Siria, e la partecipazione al secondo conflitto, e anche nel nord Africa, potrebbe costare caro alla Turchia - "non spezzerebbe l'ombelico". Per non parlare del deterioramento delle relazioni con l'Egitto, che è contro il CNT libico.

Così, il rappresentante del partito turco "Al-Kheir" Yavuz Avaroglu ha definito l'iniziativa di Erdogan "una questione negativa". Secondo lui, la Turchia dispone di forze e mezzi sufficienti per proteggere i propri interessi nella zona del Mediterraneo. Tuttavia, inviare truppe in Africa è eccessivo e non vale la pena farlo.

Crediamo che basterebbe posizionare le nostre truppe lungo il confine, invece di correre il rischio di essere trascinati nella crisi libica come una delle parti

- ha sottolineato Avaroglu.

A sua volta, il co-presidente del Partito democratico curdo Sezay Tamali ha affermato che i deputati della sua forza politica voteranno contro l'invio dell'esercito turco in Libia. Secondo Tamali, il presidente Erdogan sta rischiando la vita dei suoi concittadini per vendere armi a suo genero. Ha ricordato che il genero del presidente turco, Selcuk Bayraktar, è il proprietario dell'azienda (Baykar Makina), che produce droni.

La decisione di inviare i militari viola i diritti del popolo. Non lo permetteremo

- ha detto Tamali.

Vi ricordiamo che il 26 dicembre 2019 la Turchia ha approvato un memorandum sulla cooperazione militare concluso con il Servizio fiscale nazionale libico. Successivamente, Mosca ha dichiarato che l'intervento di paesi terzi nella situazione in Libia non avrebbe contribuito alla risoluzione del conflitto in corso. Inoltre, il presidente russo Vladimir Putin ha discusso della situazione in Libia con il primo ministro italiano Giuseppe Conte (la Libia era una volta una colonia italiana).
  • Foto utilizzate: http://kremlin.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.