Le autorità estoni nel discorso di Capodanno hanno annunciato rivendicazioni territoriali contro la Federazione Russa


Il grado di russofobia suscitato dalle autorità estoni è così alto che anche nei saluti di Capodanno, il presidente del Parlamento Henn Põlluas non ha potuto fare a meno di menzionare le rivendicazioni territoriali contro la Russia.


Nel testo di congratulazioni pubblicato sul sito web del corpo legislativo estone, il politico ricorda che il 2 febbraio ricorre il centesimo anniversario della firma del Trattato di pace di Tartu, che ha portato all'istituzione del confine russo-estone.

Come risulta dalla dichiarazione di Põlluas, dopo la restaurazione dell'indipendenza nel 1990, l'Estonia è stata riconosciuta come il successore legale dello stato formato nel 1918 "in tutte le forme, compreso il confine di stato".

Secondo la logica del parlante estone, ciò conferisce all'Estonia il diritto su un certo numero di terre che la Russia si è riacquistata nel 1944 durante la guerra contro gli invasori nazisti.

Va notato che le rivendicazioni territoriali sono una sorta di cavallo da tiro con cui Põlluas si aggrappa all'estone politica, e questo attacco alla Russia è tutt'altro che il primo da parte sua.

Allo stesso tempo, le affermazioni da parte dell'Estonia sarebbero comprensibili se fosse qualcosa di sé nell'arena internazionale. Ma, in questo caso, la dichiarazione del parlante estone sembra un'illustrazione della famosa favola di Krylov "L'elefante e il carlino".
  • Foto utilizzate: https://www.picserver.org/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. pafegosoff Офлайн pafegosoff
    pafegosoff (Arkhip Pafegosov) 2 gennaio 2020 17: 05
    +5
    Questi Chukhontsy si sono ammalati! Quanto tempo fa sono usciti dalle panchine e hanno smesso di dividere un paio di scarpe di rafia per l'intera capanna? E ancora lì. Servi. Ora sotto gli svedesi, poi sotto i tedeschi, poi sotto i russi. Schiavi eterni. I romani dicevano che gli schiavi liberati erano i più schifosi ...
  2. Il commento è stato cancellato
  3. ansimando Офлайн ansimando
    ansimando (Vyacheslav) 2 gennaio 2020 20: 05
    +1
    Sembra che abbiano preso a calci in culo gentilmente da Washington, una vacanza con una vacanza, e non dimenticate di abbaiare! Per cosa sono stati pagati i soldi?
  4. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 2 gennaio 2020 22: 03
    +2
    Spero davvero che Putin rinneghi l'invito per il 9 maggio.
    Voobshe a Tribaltiya colpisce i media russi. Il satellite è stato chiuso. Vengo dall'Estonia (ma mi sono trasferito molto tempo fa) e spesso pascolavo su Delfi.ee. Ho cercato di stare attento con i commenti. Ma dal 30.12.2019/XNUMX/XNUMX. disconnesso dai commenti.
  5. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 2 gennaio 2020 22: 51
    +6
    Pietro il Grande ha acquistato l'Estonia dalla Svezia ... Lascia che restituiscano i soldi alla Russia, o VON, con la loro russofobia, vengono rimossi dalla nostra terra!
  6. gore Офлайн gore
    gore (Alexander) 3 gennaio 2020 06: 20
    +1
    Fantastico sogno dei Chukhont - La Russia si unisce volontariamente all'Estonia come "sorellina" ...
  7. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 3 gennaio 2020 13: 52
    -4
    ... Allo stesso tempo, le affermazioni dall'Estonia sarebbero comprensibili se fosse qualcosa di sé nell'arena internazionale. Ma, in questo caso, la dichiarazione del parlante estone sembra un'illustrazione della famosa favola di Krylov "L'elefante e il carlino".

    ... - questo è brevemente chiamato Grande sciovinismo russo.

    Siamo pieni di un senso di orgoglio nazionale, ed è per questo che odiamo particolarmente il nostro passato servile (quando i nobili proprietari terrieri guidavano i contadini in guerra per soffocare la libertà di Ungheria, Polonia, Persia, Cina) e il nostro presente servile, quando gli stessi proprietari terrieri, aiutando con i capitalisti, ci guidavano alla guerra ”, per soffocare Polonia e Ucraina, per schiacciare il movimento democratico in Persia e Cina, per rafforzare la banda di Romanov, Bobrinsky, Purishkevich, che disonorano la nostra grande dignità nazionale russa. Nessuno è da biasimare se è nato schiavo; ma uno schiavo che non solo rifugge le aspirazioni alla sua libertà, ma giustifica e abbellisce la sua schiavitù (ad esempio, chiama lo strangolamento della Polonia, dell'Ucraina, ecc., la "difesa della patria" dei Grandi Russi), tale schiavo è un legittimo sentimento di indignazione, disprezzo e disgusto. e HAM.

    V. I. Lenin "SULL'ORGOGLIO NAZIONALE DEL VELIKOROSOV" "Socialdemocratico" n. 35, 12 dicembre 1914

    ... è ancora necessario superare gli ostacoli che sono stati ereditati dal periodo passato di oppressione nazionale ", che consiste" in primo luogo, nei resti dello sciovinismo di grande potenza, che è un riflesso della precedente posizione privilegiata dei Grandi Russi ... sono rafforzati sotto forma di "nuovo" tendenze scioviniste ... Lo stato sovietico multinazionale può diventare davvero durevole ... se queste vestigia sono incise in modo decisivo e irrevocabile nella pratica delle nostre istituzioni statali. Pertanto, una lotta decisiva contro i resti del grande sciovinismo russo è il primo compito immediato del nostro partito "...

    I. V. Dzhugashvili (Stalin) Abstracts per il XII Congresso del RCP (b) aprile 1923
  8. Il commento è stato cancellato