Baghdad ha chiesto agli Stati Uniti di ritirare le truppe dal Paese: Trump pone una condizione


Non molto tempo segnalaticome gli americani hanno ucciso in Iraq, con l'aiuto di un "attacco difensivo" missilistico, il comandante dell'unità Quds del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche (IRGC) dell'Iran, il generale Qasem Soleimani, e come hanno reagito alcuni paesi. Naturalmente, questo atto di palese "collaborazione" non è passato inosservato neanche a Baghdad.


Il Consiglio dei Rappresentanti (Parlamento) dell'Iraq, riunitosi in una riunione di emergenza, ha ordinato al governo locale di rimuovere le truppe statunitensi ei loro alleati dal Paese. Secondo i media in lingua araba, il documento afferma che il governo deve "porre fine alla presenza militare di forze straniere nella repubblica e smettere di lavorare nel quadro dell'accordo di sicurezza concluso con le forze della coalizione internazionale antiterrorismo". Si chiarisce che il governo è obbligato a prendere provvedimenti concreti per porre fine "a qualsiasi presenza militare straniera e vietare l'uso dello spazio aereo del Paese", nonché a ritirare la richiesta di assistenza per combattere l'ISIS (organizzazione terroristica bandita in Russia).

Washington ha già reagito a questo. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha affermato che se Baghdad vuole che Washington ritiri le sue truppe, gli iracheni dovranno compensare i costi degli americani per la creazione di infrastrutture militari in questo paese. Il leader americano ha sottolineato che gli Stati Uniti hanno una "base aerea molto costosa" in Iraq, per la quale il suo Paese ha speso "miliardi di dollari" molto prima che Trump si stabilisse nello Studio Ovale della Casa Bianca.

Pertanto, gli Stati Uniti non ritireranno le loro truppe dal territorio iracheno fino a quando Baghdad "non avrà pagato". Inoltre, Trump ha minacciato Baghdad con sanzioni "se c'è un qualche tipo di ostilità" o se "si fa qualcosa" che gli Stati Uniti "ritengono inaccettabile". Trump ha aggiunto che queste saranno sanzioni "come non si sono mai viste prima" e "le sanzioni anti-iraniane sembreranno una sciocchezza".

Va ricordato che le truppe statunitensi sono in Iraq dal 2003. Fino al 2013, gli americani hanno imitato la ricerca di armi di distruzione di massa (WMD) lì, dopodiché sono passati a "combattere" l'ISIS.

Per quanto riguarda l'Iran, Trump ha già minacciato un "attacco difensivo" sui siti culturali iraniani.

Gli è permesso uccidere la nostra gente. Possono torturare e mutilare la nostra gente. Possono usare bombe sul ciglio della strada e far saltare in aria la nostra gente. Non ci è permesso toccare il loro oggetto culturale? Non funziona in questo modo

- Ha detto Trump.

Poi Trump ha promesso che le "misure di ritorsione" degli Stati Uniti in caso di un attacco iraniano "sarebbero state grandi". Trump sta anche valutando la possibilità di divulgare informazioni relative al generale Soleimani. Secondo Trump, questo generale ha spinto l'Iran su un "sentiero molto brutto e pericoloso".

Si noti che l'UNESCO, una struttura specializzata dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'istruzione, la scienza e la cultura, non ha nemmeno reagito alla promessa di Trump di colpire i siti culturali in Iran.
  • Foto utilizzate: https://www.af.mil/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. commbatant Офлайн commbatant
    commbatant (Sergey) 6 gennaio 2020 16: 13
    0
    Il Consiglio dei Rappresentanti (Parlamento) dell'Iraq, riunitosi in una riunione di emergenza, ha ordinato al governo locale di rimuovere le truppe statunitensi ei loro alleati dal Paese.

    Chiacchierare è una cosa semplice ...
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 6 gennaio 2020 16: 31
    +5
    ... allora gli iracheni dovranno compensare i costi degli americani per la creazione di infrastrutture militari in questo paese.

    - la domanda può essere posta in un altro modo:
    - rimuovere in proprio tutte le proprie strutture militari e procedere alla bonifica del territorio.
    E a proposito di -

    ... un "attacco difensivo" contro i siti culturali iraniani.

    - l'unica cosa che fanno gli Stati Uniti è distruggere costantemente il patrimonio culturale mondiale in tutto il mondo - chiese in Serbia, musei e l'antica città di Babilonia in Iraq, e con l'aiuto dei suoi scagnozzi - statue in Afghanistan e Siria. Adesso in Iran vogliono distruggere. Direttamente una sorta di ossessione.
    1. cmonman Офлайн cmonman
      cmonman (Garik Mokin) 7 gennaio 2020 04: 34
      -1
      Perché le chiese in Russia dopo il 17 sono mancate?
      1. Arkharov Офлайн Arkharov
        Arkharov (Grigory Arkharov) 7 gennaio 2020 11: 26
        -2
        cmonman
        Inoltre, vedi, gli Stati Uniti?
      2. Nick Офлайн Nick
        Nick (Nicholas) 7 gennaio 2020 14: 29
        +1
        Citazione: cmonman
        Perché le chiese in Russia dopo il 17 sono mancate?

        Le chiese in Russia furono distrutte dai bolscevichi. Churchill parlò dell'allora governo bolscevico come segue:

        Il Comitato Supremo Bolscevico, questa organizzazione disumana o sovrumana, come preferisci, è una comunità di coccodrilli di intelligenza esemplare.
    2. Nick Офлайн Nick
      Nick (Nicholas) 7 gennaio 2020 14: 16
      +1
      Citazione: Bulanov
      .. "attacco difensivo" sui siti culturali iraniani.

      - l'unica cosa che fanno gli Stati Uniti è distruggere costantemente il patrimonio culturale mondiale in tutto il mondo - chiese in Serbia, musei e l'antica città di Babilonia in Iraq, e con l'aiuto dei suoi scagnozzi - statue in Afghanistan e Siria. Adesso in Iran vogliono distruggere. Direttamente una sorta di ossessione.

      Il comportamento dei barbari comuni.
  3. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 7 gennaio 2020 10: 16
    -1
    Tutto questo è a livello di chiacchiere. Né l'Iraq vuole ritirarsi, né gli Stati Uniti si ritireranno.
  4. GRF Офлайн GRF
    GRF 7 gennaio 2020 10: 39
    +3
    Ingresso - dollari, uscita - due. Sì, questa non è l'URSS.
    Ciao polacchi e altri, aspettando gratuitamente ...
    Oggi la frusta, il pan di zenzero e tutti tacciono ... vedi, il fiato rubava di gioia nel gozzo ...
  5. Arkharov Офлайн Arkharov
    Arkharov (Grigory Arkharov) 7 gennaio 2020 11: 27
    -4
    Se il ritiro viene effettuato, l'Iraq ha davvero tutte le possibilità di perdere la sua sovranità, il che, purtroppo, è già una grande domanda ora.
  6. Roarv Офлайн Roarv
    Roarv (Roberto) 7 gennaio 2020 11: 51
    +2
    La nave viene riempita goccia a goccia ...
    Fodere per materassi Cargo 200 e Cargo 300 - questa è la cosa che ci si aspetta - abituati.
  7. affari Офлайн affari
    affari (Vadim) 7 gennaio 2020 20: 02
    0
    Possono uccidere la nostra gente. Possono torturare e mutilare la nostra gente. Possono usare bombe sul ciglio della strada e far saltare in aria la nostra gente. Non ci è permesso toccare il loro oggetto culturale? Non funziona così
    - Ha detto Trump.

    Bene, cosa puoi dire ?! Solo "in risposta, distruggeremo il tuo patrimonio culturale: la Statua della Libertà, la Casa Bianca ...". E poi vedremo!