Gli Stati Uniti esercitano pressioni sulla Cina sul petrolio iraniano


Il capo del Tesoro degli Stati Uniti Steven Mnuchin ha dichiarato a Fox News che Washington si sta consultando con Pechino per interrompere l'acquisto di petrolio da Teheran. Secondo il ministro, le sanzioni anti-iraniane hanno già ridotto le entrate petrolifere iraniane "probabilmente di oltre il 95%". Allo stesso tempo, una parte significativa delle rimanenti esportazioni di petrolio iraniano va in Cina.


Ho incontrato funzionari cinesi. Hanno mandato una delegazione per incontrarsi e discuterne con noi e con i rappresentanti del Dipartimento di Stato.

- Mnuchin specificato.

Il capo del dipartimento delle finanze degli Stati Uniti ha aggiunto che ora le società statali cinesi non acquistano più petrolio dall'Iran. Il ministro ha sottolineato che Washington è "in stretta collaborazione" con Pechino e sta cercando una completa cessazione delle forniture di petrolio iraniano alla Cina. Il funzionario ha ricordato che gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni contro le compagnie cinesi che trasportavano petrolio iraniano.

A sua volta, ha detto al giornale l'esperto del Fondo nazionale per la sicurezza energetica Igor Yushkov "Sight"che la riduzione delle entrate iraniane dalla vendita di petrolio "di oltre il 95%" citata dal ministro americano è una grossolana esagerazione. Poi ha commentato la situazione.

Ora quasi l'unico acquirente di petrolio iraniano è la Cina. Se ipotizziamo che il calo dei proventi delle esportazioni si sia verificato di oltre il 95%, ciò può essere spiegato dal fatto che la RPC potrebbe emettere prestiti per future forniture di petrolio, perché l'Iran ha davvero bisogno di denaro. Ha problemi l'economia... Ora la Cina prende il petrolio gratuitamente. Pertanto, il reddito corrente dell'Iran potrebbe essere ridotto del 95% perché ha ricevuto il denaro in anticipo.

- Ha spiegato Yushkov.

Secondo Yushkov, l'Iran non è un fornitore fondamentale di materie prime per la Cina. A questo proposito, Pechino può fare uno scambio con Washington e contrattare per qualcosa di più significativo.

La Cina può farlo, un'altra domanda è cosa chiederà in cambio la Cina. Qui sarà un negoziatore duro e negozierà le condizioni più favorevoli per se stesso in base a un accordo commerciale con gli Stati Uniti. La Cina può scambiare l'Iran con alcune concessioni ai sensi dell'accordo, ma devono essere fissate nell'accordo. Se gli americani violano i termini del trattato, la Cina tornerà in Iran per il petrolio

- suggerì Yushkov.

E, naturalmente, l'Iran ha tagliato i proventi delle esportazioni di petrolio, ma appena del 95%. Molto probabilmente, questa è una spavalderia da parte del Segretario al Tesoro degli Stati Uniti: abbiamo quasi strangolato l'Iran e li finiremo. È come una volta Obama ha detto che l'economia russa è stata fatta a pezzi, e va tutto bene. Questa è una dichiarazione piuttosto per il consumatore domestico, l'elettore americano, per dimostrarlo politica Il successo di Trump con l'Iran

- ha aggiunto Yushkov.

L'esperto ha sottolineato che per Teheran Pechino è quasi l'unico grande acquirente di petrolio. Tutto il resto del commercio petrolifero iraniano è andato in schemi grigi, ma il volume degli scambi e dei redditi sono piccoli.
  • Foto utilizzate: foto della Marina degli Stati Uniti del fotografo di seconda classe Andrew M. Meyers / wikimedia.org
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Roos Офлайн Roos
    Roos 14 gennaio 2020 22: 02
    +1
    Yushkov parla correttamente, lo sostengo. Ponty Washington e niente di più.
    La Cina non è un fustigatore. Inoltre, le sanzioni statunitensi contro l'Iran sono illegali.