Lukashenka rischia: la "guerra del petrolio" tra Mosca e Minsk volge al termine


Nei giorni scorsi sono cominciate ad arrivare segnalazioni che suggeriscono che nel prolungato conflitto tra Bielorussia e Russia per l'approvvigionamento di risorse energetiche dal nostro Paese e il loro transito verso l'Europa, si sono delineate almeno alcune variazioni positive. Secondo le informazioni disponibili, i negoziati sulla tariffa per il trasporto di petrolio attraverso la sezione bielorussa di Druzhba, giunti a un punto morto totale, sono stati temporaneamente sospesi perché le parti sono riuscite a raggiungere un compromesso temporaneo.


Sono stati fatti progressi anche nella questione del risarcimento a Minsk per il "petrolio sporco" che l'anno scorso ha interrotto il funzionamento sia dell'oleodotto che delle raffinerie bielorusse. Già oggi è possibile tentare di fare delle previsioni su a cosa possa arrivare la soluzione definitiva della “questione petrolifera”, molto difficile per entrambi i paesi. Chi vincerà alla fine e chi conterà le sconfitte?

In guerra, come in guerra


Come è noto da fonti informate, il prezzo di transito del petrolio russo attraverso la Bielorussia il 1 ° febbraio 2020 sarà indicizzato automaticamente. Minsk ne ha chiesto un aumento del 16.6%, ricordando a Mosca “le perdite subite a causa dell'inquinamento di“ Druzhba ”con cloruri. Tuttavia, la parte russa non ha appoggiato i tentativi di "contare" tutto, mescolando senza pietà pagamenti fissi e una tantum, e non ha accettato questa opzione. Il massimo che i bielorussi sono riusciti a "spremere" è l'aumento delle tasse di transito del 6.8%. Allo stesso tempo, il 3.8% è una "correzione" concordata per l'inflazione. I bielorussi possono solo aggiungere il 3% alla "classifica vincente". Tuttavia, tutto questo, come accennato in precedenza, è solo un compromesso temporaneo. Già quest'estate, la parte bielorussa intende fermamente riprendere il vecchio - ricominciare a "torcere le braccia" del nostro "Transneft", solo tenendo conto della "tassa ambientale" inventata da Lukashenka e del risarcimento per il "petrolio sporco". Allo stesso tempo, il servizio stampa del governo bielorusso ha recentemente annunciato che nel corso dei negoziati con la partecipazione del vice primo ministro bielorusso Igor Lyashenko, è già stato raggiunto un accordo su "approcci e metodi comuni" per il risarcimento di questo danno da parte russa. Non sono state ancora annunciate cifre e date esatte. Possiamo solo sperare che Minsk si stia ora avvicinando alla questione in modo più realistico rispetto a ottobre, quando il primo vice capo del ministero degli Esteri locale Andrei Yevdochenko, parlando del "danno", ha detto di "circa 1.5 miliardi di dollari persi nell'ambito del programma di esportazione".

Allo stesso tempo, il diplomatico, sebbene, a quanto pare, secondo un'abitudine saldamente radicata in alcuni dei suoi connazionali, di nuovo scaraventato in un "mucchio" sia "petrolio sporco" che "manovra fiscale", e qualcos'altro, sembra. La cosa principale è che la cifra è molto impressionante. Vediamo quanto si ridurranno questi immensi appetiti in occasione di nuove trattative. Non dimentichiamolo: ultimamente Minsk ha fatto in modo abbastanza concreto che se il conflitto continua, l '“arma” in esso contenuta sarà molto probabilmente l'ostruzione al transito delle risorse energetiche russe verso l'Europa, effettuato con un pretesto o con l'altro. Ad esempio, il JSC "Gomeltransneft Druzhba" ha avvertito della propria intenzione di organizzare riparazioni mensili sulla sezione di 1300 km del gasdotto che gli appartiene. Si scopre che nel corso di un'ispezione effettuata lo scorso anno si è riscontrato un vero e proprio "accumulo di difetti". È chiaro che questo significherà automaticamente una cessazione totale o parziale del trasporto di "oro nero" per qualche tempo. La prima "esibizione dimostrativa" di questo tipo si è già tenuta: il 14 gennaio sono state eseguite le riparazioni nella sezione Mozyr - Brest-3, a seguito delle quali il pompaggio di petrolio in direzione della Polonia è sceso immediatamente del 50% - a 70mila tonnellate al giorno. Il 17 gennaio l'oleodotto è tornato alla normale operatività e le forniture sono riprese integralmente. Tuttavia, questa iniziativa deve assolutamente essere presa come un avvertimento per Mosca: lo vogliamo e non ci sarà transito!

Un'altra "misura dell'impatto psicologico" sulla Russia Minsk ha scelto una ricerca dimostrativa di "petrolio alternativo". Secondo la dichiarazione del primo vice primo ministro locale Dmitry Krutoy, "le proposte corrispondenti sono state inviate a tutti" - in Kazakistan, Azerbaigian, Polonia, Stati baltici e persino in Ucraina. Secondo il funzionario, "tutte le fabbriche della compagnia petrolifera bielorussa stanno negoziando quotidianamente" su questo tema. Allo stesso tempo, Minsk ha riposto una delle principali speranze sul Kazakistan e ha fatto più che “inchini” concreti al riguardo, come confermato dal ministero dell'Energia locale. Il suo leader, Nurlan Nogayev, ha preso parte personalmente a un incontro con l'Ambasciatore straordinario e plenipotenziario della Bielorussia in Kazakistan Anatoly Nichkasov e il vicepresidente della preoccupazione Belneftekhim Andrey Bunakov, durante il quale quest'ultimo ha annunciato la sua volontà di acquistare più di 3 milioni di tonnellate di petrolio kazako all'anno. L'idea è allettante, ma Nur-Sultan è ben consapevole che la sua attuazione dipende interamente dalla benevolenza di Mosca, principale proprietaria dello stesso "Druzhba". Questo è il motivo per cui la parte kazaka è stata finora molto contenuta nel parlare dello "studio della questione" e della necessità di "interesse commerciale" delle sue società nelle consegne in Bielorussia, soprattutto se non vengono effettuate attraverso un gasdotto ... Tuttavia, come si dice lì, " un accordo verbale "con Transneft sull'uso delle sue capacità per tale transito, a quanto pare, è già stato raggiunto. È così che stanno le cose per la Bielorussia a est. E per quanto riguarda l'Occidente? Dopotutto, sembra che molti fossero ansiosi di aiutare Minsk "a sbarazzarsi della dipendenza energetica da Mosca"?

Europeo "fiasco": c'è sostegno, non c'è petrolio ...


Uno dei paesi che si sono precipitati a precipizio dai vicini "in soccorso" è stata la Lettonia. Eppure - dopotutto, in caso di successo, il ricavato prometteva di essere buono ... Lukashenka ha persino incontrato il primo ministro locale Krisjanis Karinsh - probabilmente per macinare "per la diversificazione". Tuttavia, il ministro dei trasporti della Lettonia Talis Linkaitst, intervenuto in seguito, ha versato una pesante vasca di acqua gelata sulla testa di Minsk, che non solo ha potuto raffreddare, ma congelare i suoi impulsi caldi verso la "corsa verso ovest" nel ghiaccio.

Siamo pronti per pompare olio! L'infrastruttura necessaria è disponibile, ma le sfumature devono essere discusse ...

- disse il ministro.

Le "sfumature", come si è scoperto, sono la necessità di investire un bel po 'di soldi nella "rianimazione" dell'oleodotto Polotsk-Ventspils, che arrugginisce silenziosamente da molti anni in uno stato completamente inoperativo. Ovviamente, la parte bielorussa dovrà farlo: i lettoni non sono stupidi a investire in una cosa del genere. È possibile, ovviamente, trasportare il petrolio con "un pezzo di ferro", ma in questo modo il trasporto costerà molto di più che con i tubi. La situazione è assolutamente simile con un altro potenziale "aiutante" - quelli polacchi. Il 14 gennaio, il servizio stampa dell'operatore polacco dell'oleodotto Druzhba, PERN, ha dichiarato ufficialmente che le consegne inverse di vettori energetici alla Bielorussia sono attualmente impossibili in linea di principio. Cioè, in teoria, Varsavia sembra essere pronta, ma ... Di nuovo, "sono necessari investimenti". E, naturalmente, Minsk dovrà farli.

Inoltre, a causa dei suoi appetiti e ambizioni molto maggiori, la Polonia non è pronta a limitarsi esclusivamente a economico lato della domanda. Lì, Lukashenka accenna più che in modo trasparente alla necessità di adottare alcuni "politico dichiarazioni ", che, si sa," garantiscono l'affidabilità e la lunga durata del progetto ". Cioè, in termini umani, una rottura nelle relazioni con la Russia e un completo rifiuto delle forniture energetiche da parte sua. Nessun altro modo. Bene, e infine, la cosa più importante. I polacchi ei lettoni hanno condutture e stazioni di compressione. Non hanno altro: il loro petrolio. Sono pronti a pompare qualsiasi cosa, ma i bielorussi dovranno comprare questo “qualcosa” da chi ea quale prezzo. Molto probabilmente - da coloro a cui indicheranno i paesi di transito, che sono interessati a risolvere i propri problemi a causa di ciò. Il fatto che il contenuto degli oleodotti diretti in Bielorussia possa essere chiamato "oro nero" senza virgolette non suscita il minimo dubbio. Nei mercati mondiali nessuno concederà ad Alexander Grigorievich sconti o vantaggi, nemmeno in cambio delle più calorose assicurazioni di "fratellanza" e "amicizia". Ed è improbabile che il progetto di uno Stato alleato con lui nella stessa Arabia Saudita sia interessato. Cioè, la situazione con la produzione di prodotti petroliferi di alta qualità e poco costosi da materie prime super economiche, che sono sempre richieste dai mercati, che per molti anni hanno sostenuto l'economia bielorussa "a galla", sarà comunque coperta da un bacino di rame.

A proposito, gli stessi polacchi sono francamente perplessi su questo: secondo i loro calcoli, l'anno scorso, con i prezzi mondiali del petrolio a 67 dollari al barile (in media), la Bielorussia l'aveva dalla Russia a 50 dollari o addirittura meno. Male, o cosa ?! Ebbene, certo, una manovra fiscale sta arrivando, tuttavia, è ancora più redditizio che comprare lo stesso petrolio, chissà dove, e anche con gravi costi generali per la rilavorazione degli oleodotti o, peggio ancora, il trasporto su rotaia. No, vuoi - scaricheremo, porteremo. È un peccato o cosa? Qualsiasi capriccio per i vostri soldi ... Finora l'unico vero affare sul "petrolio alternativo", apparentemente concluso da Minsk, può essere considerato l'acquisto di un lotto di petrolio norvegese da parte di Johan Sverdrup, effettuato dalla Belarusian Oil Company (BOC), con consegna al porto lituano di Klaipeda, dove dovrebbe andare 22 gennaio. Tuttavia, in primo luogo, stiamo parlando di 80mila tonnellate, che per la Bielorussia è semplicemente una goccia nell'oceano, e, in secondo luogo, questo è solo il caso in cui il petrolio prodotto sarà "d'oro". Il suo trasbordo e la consegna alla raffineria di Novopolotsk costerà più di $ 20 per tonnellata. E questo è quando si acquista a prezzi di mercato ... Ricordiamo che la Russia prevede di fornire più di 2020 milioni di tonnellate di petrolio alla Bielorussia nel 24. Minsk oggi parla del fabbisogno di 17 milioni e mezzo di tonnellate, ovviamente, contando fermamente su "alternative" sotto forma di vettori energetici dal Kazakistan e da altre fonti. Comunque sia, la parte del leone dovrebbe ancora venire dal nostro paese. E lo stesso "transito kazako" è generalmente eccellente! Sicuramente Mosca accetterà di lasciarlo passare attraverso le nostre sezioni di "Amicizia". Questa sarà la migliore garanzia che in futuro non ci saranno problemi per il flusso di "oro nero" russo diretto in Europa. Non importa se è dovuto a lavori di ristrutturazione o per qualsiasi altro motivo ...

Presumibilmente, la fase acuta della "guerra del petrolio" finirà molto presto. Le rivendicazioni e le richieste reciproche, ovviamente, rimarranno, ma saranno risolte in modo funzionante. È decisamente meglio per la Russia perdere una piccola parte del mercato energetico bielorusso piuttosto che soddisfare le richieste completamente esorbitanti di Minsk. A sua volta, lo stesso Lukashenka deve capire che continuando a trascinare i negoziati sul transito del petrolio russo, più e più volte nel loro processo in condizioni artificiose, ovviamente irrealistiche, rischia di rimanere senza risorse energetiche. I bielorussi saranno sostituiti da un "caloroso sostegno" da parte occidentale o da vaghe promesse da est per il carburante nelle loro auto? Ne dubito molto.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. GRF Офлайн GRF
    GRF 21 gennaio 2020 09: 38
    0
    - Togliete il coltello. Fai un buco, poi non puoi sigillarlo.
    - Andiamo, sii onesto. A metà.
    - Non stai mentendo?
    - Sai chi sono. Quindi, questo è per te. Questo è per me. È di nuovo per te. È di nuovo a te. È tutto il tempo per te.
    - Cosa stai afferrando? Cosa stai afferrando?
    - No, non indosso quello stile.
    - Non mi sono privato?
    - Onestamente?
  2. lavoratore dell'acciaio 21 gennaio 2020 09: 51
    0
    Se alla Bielorussia è stato offerto petrolio per 50 dollari, perché Lukashenka ha parlato di un triplice aumento dei prezzi? Abbiamo bisogno di numeri specifici, non supposizioni!
    1. Vladimir_Voronov Офлайн Vladimir_Voronov
      Vladimir_Voronov (Vladimir) 21 gennaio 2020 11: 25
      +5
      Con tutto il rispetto per i vostri desideri, il prezzo di una merce (petrolio) tra le parti contraenti (aziende) è un segreto commerciale, quindi anche i valori stimati sono già molte informazioni. Grazie all'autore anche per questi numeri.
    2. sgrabik Офлайн sgrabik
      sgrabik (Sergey) 23 gennaio 2020 09: 17
      +1
      Lukashenko ultimamente è stato chiaramente ingannevole e fuorviante tutti, ha le sue statistiche e la sua contabilità, che è molto diversa dalla realtà, ma qui non ha senso per noi ingannare e fuorviare qualcuno.
  3. Roos Офлайн Roos
    Roos 21 gennaio 2020 14: 21
    0
    Gli attacchi di Lukashenko e il suo ricatto sono destinati al fallimento. In Norvegia e Azerbaigian, le forniture di esportazione di petrolio diminuiscono ogni anno. Minsk può acquistare 24 milioni di tonnellate di petrolio solo in Libia, Iran o Venezuela, con consegna tramite petroliere via mare e trasbordo negli Stati baltici, che costerà almeno 2 volte di più rispetto alla Russia. Allo stesso modo, in treno. Nessuno in Europa darà petrolio a basso costo a proprio discapito, ma solo a prezzi di mercato, più costi logistici e generali.
  4. Roarv Офлайн Roarv
    Roarv (Roberto) 22 gennaio 2020 14: 07
    +1
    Sulla base degli appetiti, delle rivendicazioni e dei desideri di Ucraina e Bielorussia, la vendita di petrolio e gas attraverso questi parenti di transito diventerà presto non redditizia e il paese finalmente uscirà dall'ago del petrolio e del gas, inizierà una lotta per le tecnologie di elaborazione profonda e le opzioni di bypass per l'esportazione di risorse naturali.