Patto Molotov-Ribbentrop: perché Stalin aveva bisogno di un patto di non aggressione


Un altro anniversario della guerra più sanguinosa della storia umana è dietro l'angolo. E più ci allontaniamo da quegli eventi, più diligentemente opera la propaganda anticomunista.


Come uno degli argomenti, che avrebbe confermato che l'Unione Sovietica aveva sciolto le mani di Hitler e gli aveva permesso di iniziare una guerra mondiale, i "nemici dell'URSS" citano il patto Molotov-Ribbentrop. Tuttavia, questa è pura assurdità. E per capirlo, è necessario passare alla cronologia degli eventi che hanno avuto luogo alla vigilia della più grande guerra.

Chi ha aiutato la Germania?


Dopo la sconfitta nella prima guerra mondiale nel 1918, il tedesco economia è stato praticamente distrutto. Pagamento di riparazioni, perdita di territori, iperinflazione, impoverimento catastrofico della popolazione. Tutto questo letteralmente "lacerò" il paese dall'interno e ogni anno intensificò la lotta di classe.

La capitale tedesca, incatenata dal Trattato di Versailles, non ha potuto ripristinare l'economia distrutta e il complesso militare-industriale. Tuttavia, le banche americane sono accorse in aiuto della Germania in rovina, "versando" miliardi di dollari nel paese.

Iniziò il restauro attivo e lo sviluppo dell'industria bellica tedesca. È stata seguita da una crescita economica altrettanto rapida.

Di conseguenza, dal 1924 al 1929, l'afflusso di capitali stranieri in Germania è stato di 10-15 miliardi di marchi nel lungo termine e oltre 6 miliardi in investimenti a breve termine. Tutto ciò ha portato a un enorme aumento del potenziale militare ed economico del paese.

Formazione del Terzo Reich


Nel 1933 Adolf Hitler salì al potere. Nello stesso anno è stato firmato il cosiddetto "Patto dei Quattro" per l'accordo e la cooperazione tra Germania, Inghilterra, Francia e Italia. In generale, la firma del documento con gli stati fascisti, che anche allora non nascondevano le loro intenzioni, pose fine a politica rafforzare la pace in Europa.

Nel 1934 fu firmato un patto di non aggressione tra la Germania e la Polonia, in base al quale quest'ultima si assunse l'obbligo di cooperazione permanente con il Terzo Reich.

Nel 1935, a Londra, fu firmato un accordo navale tra Inghilterra e Germania, che di fatto diede il via libera al restauro della Marina tedesca in un volume quasi uguale a quello francese.

Inoltre. La Germania "incoraggiata" rifiuta unilateralmente di rispettare la parte relativa alla limitazione delle armi del Trattato di Versailles. Allo stesso tempo, la flagrante violazione del diritto internazionale non ha incontrato ostacoli da parte dei garanti del suddetto documento: Inghilterra, Francia e Stati Uniti.

Il 12 marzo 1938 l'Austria viene conquistata dal Terzo Reich. Ancora una volta, nessuna reazione.

Cospirazione occidentale


Il 17 marzo, l'URSS ha inviato una nota ai paesi, esprimendo la sua disponibilità a iniziare immediatamente a discutere misure pratiche che aiuterebbero a preservare la pace e prevenire un nuovo massacro. Tuttavia, la risposta del governo britannico chiarì in modo eloquente che la Gran Bretagna non aveva fretta di ostacolare i piani offensivi di Hitler.

Il 19 settembre 1938, i rappresentanti dei governi di Gran Bretagna e Francia chiesero alle autorità cecoslovacche di organizzare il trasferimento incondizionato delle aree abitate dai tedeschi dei Sudeti in Germania, sostenendo questo mantenendo la pace e garantendo gli interessi vitali della Cecoslovacchia. Allo stesso tempo, il governo cecoslovacco ha ignorato l'offerta di protezione dell'Unione Sovietica.

Il 29-30 settembre, in un incontro a Monaco, che in seguito fu ribattezzato "accordo di Monaco", fu deciso il destino dei Sudeti. Questo è stato il primo passo verso un ulteriore "smembramento" dell'intero Paese. E già il 2 ottobre 1938 la Polonia, approfittando della "paralisi" della Cecoslovacchia, si impadronì di Cieszyn Slesia e di alcuni insediamenti adiacenti sul territorio della moderna Slovacchia.

Allo stesso tempo, tre giorni prima, la Germania e l'Inghilterra hanno firmato una dichiarazione di cooperazione sulla maggior parte delle questioni relative agli interessi di entrambi i paesi e dell'Europa nel suo insieme. Un documento simile (Bone-Ribbentrop) fu firmato tra il Terzo Reich e la Francia il 6 dicembre dello stesso anno. Infatti, sia la Francia che l'Inghilterra hanno concluso un patto di non aggressione con la Germania nazista.

Una minaccia crescente


Come risultato delle "manipolazioni" sopra descritte, furono create le condizioni ideali per l'isolamento politico dell'URSS. Tenendo conto del crescente pericolo dello scoppio di una nuova guerra mondiale, la leadership dell'Unione Sovietica iniziò un processo di negoziazione con Gran Bretagna e Francia. L'obiettivo era concludere un trattato di mutua assistenza contro l'aggressione fascista in Europa.

Tuttavia, in questo caso, inizialmente c'era un conflitto di interessi. Dopotutto, i paesi borghesi, in primo luogo, volevano stare alla larga dallo spargimento di sangue in fermentazione e, in secondo luogo, dirigere l'aggressione del Terzo Reich esclusivamente contro l'URSS. Naturalmente, i negoziati sono giunti a un vicolo cieco molto rapidamente.

Nel frattempo, lo stesso governo della Germania fascista ha proposto all'Unione Sovietica di concludere un patto di non aggressione, ponendo così il nostro paese con una scelta. La firma del trattato ha dato all'URSS l'opportunità di prolungare la pace per un po 'per prepararsi a respingere un futuro attacco. Il rifiuto significava l'immediato coinvolgimento dell'Unione Sovietica nella guerra, che, in effetti, era ciò che volevano i provocatori occidentali.

La notte del 24 agosto 1939 fu firmato il trattato sovietico-tedesco. Entrambe le parti si sono impegnate ad astenersi da azioni aggressive dirette l'una contro l'altra ea risolvere pacificamente le situazioni contestate. Il patto Molotov-Ribbentrop consentì all'URSS di rafforzare le sue difese, oltre a spingere i confini molto a ovest, proteggendo regioni industriali strategicamente importanti e costringendo la Germania nazista a lanciare la sua offensiva a centinaia di chilometri dalla linea Narva-Minsk-Kiev.

Riassumendo


A un esame approfondito della situazione che si è sviluppata in quegli anni, diventa chiaro che tutte le accuse contro Stalin circa l'alleanza "mitica" con Hitler sono assurde e infondate.

Inoltre, la rapida creazione di una base militare-economica in Germania, la formazione del Terzo Reich e il riarmo dell'esercito tedesco, divennero possibili solo grazie ai paesi occidentali.

A sua volta, la firma del patto Molotov-Ribbentrop da parte dell'Unione Sovietica è stata una misura forzata che si è pienamente giustificata.

1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. boris lyalala Офлайн boris lyalala
    boris lyalala (boris lyalala) 23 gennaio 2020 17: 26
    0
    Inoltre, il Giappone nel 1939 attaccò la Mongolia, con la quale l'URSS aveva un accordo di mutua assistenza militare. L'Armata Rossa ha sconfitto le truppe giapponesi in Mongolia, ma la minaccia per l'Estremo Oriente non è stata completamente rimossa. Se il patto di non aggressione con la Germania non fosse concluso, l'URSS potrebbe ottenere una guerra su due fronti. Inoltre, Gran Bretagna e Francia hanno concentrato 800 truppe in Nord Africa, una flotta da combattimento e da sbarco nei porti di Algeria, Tangeri, Oran e Alessandria con l'obiettivo di attaccare i giacimenti petroliferi di Baku. C'era un accordo con la Turchia per il passaggio della flotta da combattimento e anfibia attraverso lo stretto.