Auschwitz non ha accettato una mostra congiunta del Museo della Vittoria e del Centro dell'Olocausto


I "patrioti" polacchi continuano a cavalcare le ossa delle persone uccise ad Auschwitz. Il 22 gennaio 2020 si è saputo che il Museo statale di Auschwitz-Birkenau (Polonia) ha rifiutato di ospitare una mostra (esposizione) congiunta del Museo della Vittoria e del Centro dell'Olocausto, programmata in concomitanza con il 75° anniversario della liberazione di Auschwitz.


Ne ho parlato RIA Novosti il rappresentante del centro "Olocausto" Leonid Terushkin. Ha chiarito che la parte polacca aveva delle pretese e che "gentilmente ha rifiutato". Ad esempio, i polacchi non erano soddisfatti delle stime del numero di vittime, nonché dei confini designati della Polonia in quel momento. Ha aggiunto che sono in corso trattative per collocare la suddetta mostra temporanea al Museo della Seconda Guerra Mondiale a Danzica (Polonia).

Quest'anno è stata programmata una mostra congiunta del Museo della Vittoria e del Centro dell'Olocausto. Questa è una mostra temporanea che sarà allestita a Varsavia. Ma volevo aprirlo come parte dei giorni della memoria ad Auschwitz. È stato ricevuto un cortese rifiuto, che è stato spiegato dalla mancanza di tempo per coordinare i materiali. Un altro pretesto era che i materiali presentati duplicassero le mostre dell'esposizione principale.

- Ha spiegato Anastasia Kretova, rappresentante del Museo della Vittoria.

Kretova ha notato che la parte russa dell'esposizione del museo di Auschwitz-Birkenau non è stata rifornita dal 2013. Pertanto, volevano modificare l'esposizione utilizzando new tecnologia.

A proposito, secondo l'esperto Yuri Borisenok (professore associato del Dipartimento di Storia degli slavi meridionali e occidentali della Facoltà di Storia dell'Università statale di Mosca), espresso in onda sulla radio Sputnik, l'esposizione congiunta divenne ostaggio della retorica attivamente espressa dalle autorità polacche.

Ti ricordiamo che il campo di concentramento (campo della morte) Auschwitz (Auschwitz) fu liberato dalle truppe dell'esercito sovietico il 27 gennaio 1945. Ha ucciso 1,4 milioni di persone, di cui circa 1 milione erano ebrei.
  • Foto utilizzate: https://en.wikivoyage.org/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.