Surkov ha lasciato il servizio civile "in connessione con il cambio di rotta in Ucraina"


25 gennaio 2020 Direttore del Centro politico condizioni di mercato Alexei Chesnakov ha detto nel suo canale Telegram che l'assistente del presidente russo Vladislav Surkov lascerà il governo. Come ha chiarito Chesnakov, vicino a Surkov, forse la decisione è collegata a un “cambio di rotta” in Ucraina ”e il mese prossimo“ mediterà ”.


In connessione con il cambio di rotta nella direzione ucraina, V. Surkov ha lasciato il servizio civile. Per il prossimo mese farà meditazione. Dopo di che ha promesso di informare sui motivi della sua decisione e su ulteriori piani.

- ha scritto Chesnakov.

Va notato che Surkov è diventato assistente del presidente russo nel settembre 2013. Era responsabile delle questioni relative all'Abkhazia e all'Ossezia meridionale e si occupava anche della risoluzione del conflitto in Donbass.

Va aggiunto che il 24 gennaio 2020 il leader russo Vladimir Putin ha firmato un decreto che nomina l'ex vice primo ministro Dmitry Kozak come vice capo dell'amministrazione presidenziale. Il documento è già entrato in vigore ed è stato pubblicato sul sito ufficiale del Cremlino. Ora il capo dell'amministrazione, Anton Vaino, ha sei deputati: Alexey Gromov, Sergey Kirienko, Dmitry Kozak, Magomedsalam Magomedovich, Vladimir Ostrovenko e Dmitry Peskov.

Nel governo di Dmitry Medvedev, Kozak era responsabile del complesso e dell'industria dei combustibili e dell'energia. Per la prima volta è entrato al governo nel 1999, diventando il capo di stato maggiore - ministro. Nel 2004, ha diretto la sede della campagna di Putin. Nel 2007 è stato ministro dello sviluppo regionale della Russia e nel 2008 è diventato vice primo ministro. Ha supervisionato importanti progetti infrastrutturali: la costruzione di impianti olimpici a Sochi, è stato coinvolto in Crimea e Sebastopoli. Kozak è anche conosciuto nel campo del mantenimento della pace.

Nel 2003 ha proposto un piano per risolvere il conflitto in Transnistria, noto come "Memorandum Kozak" (federalizzazione della Moldova). Tuttavia, le forze politiche filo-rumene hanno fatto pressione sul comunista Vladimir Voronin (presidente della Moldova) e lui, all'ultimo momento, ha rifiutato di firmare l'accordo già siglato personalmente, affermando che conferisce vantaggi unilaterali a Tiraspol. Dopo il fallimento del memorandum, il conflitto in Transnistria è considerato congelato. Allo stesso tempo, alcuni media affermano che ora Kozak si occuperà della risoluzione del conflitto nel Donbass.
  • Foto utilizzate: http://archive.government.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Esatto, i meditatori non sono necessari nel servizio civile! Non meditano lì!
  2. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 26 gennaio 2020 12: 47
    +6
    Cambio di rotta? Qualcuno l'ha vista? O si è deciso di porre fine al tradimento delle repubbliche? Altrimenti, tutto è uguale. Si graffiano le lingue, si uccidono persone, non c'è fine in vista ...