Il partner europeo di Gazprom era scettico sulla ripresa della costruzione dell'SP-2


Il capo della società austriaca OMV, uno degli investitori nel progetto Nord Stream 2, ha espresso dubbi sul fatto che la costruzione del gasdotto sarebbe stata completata nel prossimo futuro.


Durante una conferenza stampa, Rainer Seele ha espresso insoddisfazione per la debolezza dell'europeo politiciche “non può difendere l'europeo l'economia da tali sanzioni extraterritoriali "e ha aggiunto che OMV non si aspetta una ripresa anticipata dei lavori per completare la costruzione del gasdotto:

L'operatore del progetto, Nord Stream 2, sta lavorando a un piano, ma non è ancora pronto per presentarlo. Non pensiamo che possiamo aspettarci che i lavori di costruzione riprendano presto.

Allo stesso tempo, il servizio stampa della fazione parlamentare del Partito della Sinistra ha fatto circolare una dichiarazione del presidente del Bundestag Committee for Economics and Energy, Klaus Ernst, in cui sollecita il governo tedesco a richiedere dazi nell'UE sul gas naturale liquefatto (GNL) dagli Stati Uniti nel caso in cui impongano sanzioni contro il progetto Nord Stream 2.

Nella sua dichiarazione, Ernst osserva che le società europee coinvolte nella realizzazione del progetto Nord Stream 2 non erano colpevoli di nulla, devono essere certi che la Germania non le lascerà ora a badare a se stesse.

È difficile dire fino a che punto l'appello di Ernst avrà un effetto, ma il fatto stesso della sua apparizione indica che l'insoddisfazione per la politica delle sanzioni degli Stati Uniti sta crescendo in Europa.
  • Foto usate: gazprom.ru
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Afinogen Офлайн Afinogen
    Afinogen (Afinogen) 7 febbraio 2020 08: 24
    +1
    in cui chiede al governo tedesco di richiedere dazi nell'UE sul gas naturale liquefatto (GNL) dagli Stati Uniti nel caso in cui impongano sanzioni contro il progetto Nord Stream 2.

    Oh, divertente. risata Lo schiavo sogna di alzare la mano contro il proprietario. Ma qualunque cosa ordini il proprietario, gli schiavi dell'UE lo eseguiranno docilmente. Un esempio vivente: la società che ha costruito Nord Stream 2 - ordinarono gli americani - smise di costruire e se ne andò velocemente, non si cura della reputazione, ordinò il proprietario.
  2. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
    Natan Bruk (Natan Bruk) 7 febbraio 2020 13: 47
    -3
    Testimonia solo il fatto che c'è democrazia in Germania. Puoi dire quello che vuoi, ovviamente, ma lì la sinistra è sempre emarginata e poche persone sono interessate alla loro opinione.
  3. Il commento è stato cancellato
  4. guerriero Офлайн guerriero
    guerriero 7 febbraio 2020 22: 12
    +2
    La Germania e l'Europa dovrebbero abbandonare il GNL americano "sporco" dal punto di vista ambientale perché è gas di scisto prodotto negli Stati Uniti per fracking e quando si ottiene l'ecologia nei luoghi di sua produzione si deteriora bruscamente a causa dell'inquinamento ambientale di vari composti chimici, e quindi è impossibile lì per molti anni non vivono né per le persone né per gli animali, anche la flora lì scompare e tutta l'acqua è inquinata (avvelenata) per sempre.
    Pertanto, questo gas americano è il KILLER della vita sulla Terra, ed è necessario imporre sanzioni significative alla sua produzione "sporca" o vietarne del tutto la produzione.
    L'Europa non dovrebbe INCORAGGIARE questo atteggiamento predatorio degli imprenditori nei confronti della fauna selvatica.
    1. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
      Monster_Fat (Qual è la differenza) 9 febbraio 2020 07: 08
      +2
      Se i politici in Russia fossero stati meno legati alla cooperazione con gli Stati Uniti, naturalmente avrebbero già utilizzato il club "verde", accusando gli Stati Uniti di distruggere l'ambiente e avvelenare l'ambiente con petrolio e gas di scisto. Sarebbe un peccato non approfittare della "lobby verde" nell'UE per vendicarsi degli Stati Uniti per "essere rimasti al volante" di Gazprom. Tuttavia, i politici russi e il ministero degli Esteri mostrano la loro totale impotenza in questa faccenda.