I militanti in Siria hanno mostrato una spettacolare detonazione di un BMP imbottito di esplosivo




Un video di militanti della provincia siriana di Idlib è in corso di diffusione sui social network, che mostra la demolizione delle posizioni dell'Esercito arabo siriano (SAA) con l'aiuto di un veicolo da combattimento di fanteria minato (BMP). Il video mostra come il BMP specificato, senza torre e sotto il controllo di un attentatore suicida tra i jihadisti "barmaley" o terroristi "moderati", si muove ad alta velocità lungo una recinzione di pietra in direzione degli edifici occupati dai militari dell'ASA.

Secondo le accuse di simpatizzanti militanti, gli eventi nel video si svolgono nella parte occidentale della zona di "de-escalation". L'attacco dello "shahid-mobile" è stato commesso il 6 febbraio 2020 nella città di Nairab (si trova a ovest della città di Sarakib) dai militanti "Hayat Tahrir al-Sham" (HTS - l'ex "Jabhat al-Nusra", che è vietato in Russia). È stato anche riferito che, a seguito del sabotaggio, diversi soldati dell'ASA sono stati uccisi.

Inoltre, il numero delle vittime e se lo fossero affatto non è noto ufficialmente. Non ci sono ancora commenti dalla CAA. Inoltre, nessuno dei gruppi di "opposizione" si è ancora assunto la responsabilità di questo.


Finora, solo chiaro uno, ed è difficile non essere d'accordo con questo che il sangue continua a scorrere sul territorio della Siria. E questo durerà fino a quando il SAA non libererà completamente l'intero territorio del suo paese dai militanti. A proposito, l'offensiva su larga scala dell'ASA nella provincia di Idlib continua con successo.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.