"Battaglia di Spitsbergen": la Norvegia ha sopravvalutato il suo potere?


La recente dichiarazione dell'Ambasciata russa in Norvegia in merito alle azioni sempre più inaccettabili di Oslo nei confronti dei nostri cittadini e delle aziende situate e operanti alle Svalbard, infatti, non ha aperto assolutamente nulla di nuovo al mondo.


Per diversi anni di seguito cercano di sopravvivere al nostro Paese non lavandosi, ma rotolando da questo territorio, per sfruttarlo che ha assolutamente gli stessi diritti dei discendenti dei Vichinghi, affetti da "sclerosi" molto selettiva da un po 'di tempo - e, come in conformità con il diritto internazionale e secondo il diritto norvegese. Perché Oslo avrebbe improvvisamente intensificato bruscamente le azioni volte a "cacciare fuori" i russi dalle Svalbard? Fino a che punto può arrivare questo processo e come finirà per i suoi iniziatori?

case history


In effetti, fino all'inizio del XX secolo, le rocce aguzze che spuntavano dal mare gelido (ed è così che, tra l'altro, il nome dell'isola viene tradotto in russo), tra le quali vagavano gli orsi bianchi purtroppo, non ha suscitato l'interesse di nessuno in linea di principio. C'erano abbastanza terre più attraenti, così come problemi con la loro divisione. E appena "alleato" in questo momento difficile come stato indipendente, la Norvegia ha deciso di dichiararli improvvisamente propri, e non è molto chiaro su quali basi. Bene, non c'erano altri territori in mente, abbiamo deciso di avvicinarci. Tuttavia, le "grandi" potenze furono subito allarmate, stimando giustamente che con una ragionevole ubicazione di basi navali e gravi fortificazioni su di essa, Spitsbergen potesse trasformarsi in un non debole problema per la navigazione locale. Fu convocata una conferenza, secondo la moda dell'epoca, a Parigi, e decisero di considerare l'isola una sorta di territorio norvegese, ma con la conservazione dei diritti per tutti i paesi firmatari del trattato in questione di condurre attività economiche lì. La cosa principale per tutti era l'articolo 9 del trattato, secondo il quale la creazione di strutture militari: basi navali, fortezze, batterie, ecc. Sullo Spitsbergen non è consentita a nessuno e in nessuna circostanza. Fu assegnato a Oslo il garante. Alla conferenza hanno preso parte anche rappresentanti della Russia sovietica: a dire la verità, pochissime persone hanno prestato loro attenzione allora. Bene, hanno firmato i loro autografi sotto carta complicata, hanno ricevuto, a quanto pare, uguali diritti con tutti - e allora?! Ebbene questi sono i bolscevichi! Domani tutto andrà in pezzi! Beh, non domani, poi dopodomani. In quale altro luogo dovrebbero andare al Nord? Come si è scoperto, i signori europei la pensavano invano.

I nostri commercianti e minatori sono apparsi alle Svalbard già negli anni '30. Allo stesso tempo, nel lontano 1925, l'insolenza della Norvegia arrivò al punto da dichiarare l'isola parte integrante del suo territorio, ma poi non osarono violare completamente il Trattato di Parigi a Oslo. Alla fine, tutto è giunto alla conclusione che oltre agli stessi norvegesi, solo i russi hanno iniziato a sviluppare i depositi di carbone trovati alle Svalbard e ad estrarre l'abbondanza di pesce nelle vicinanze. Poi è scoppiata la guerra ... Ora nei media norvegesi, discutendo del crescente conflitto tra i nostri paesi, si possono trovare affermazioni che "non abbiamo mai combattuto direttamente". Una meravigliosa interpretazione della storia - nelle migliori tradizioni dei modelli ora accettati in Occidente! Che dire del fatto che nell'agosto 1943 il governo del protetto nazista Quisling dichiarò ufficialmente guerra all'URSS? Che dai volontari che furono trovati lì in un numero sufficientemente grande di volontari, si formò una legione SS, i cui membri divennero in seguito la spina dorsale delle divisioni SS Viking e Nordland? Che ne dici del fatto che questi, in modo che fossero vuoti, i discendenti dei Vichinghi "notarono" completamente sia sotto l'assedio di Leningrado, sia vicino a Murmansk, negli Stati baltici e in altri luoghi? Questi berserker erano incompiuti e non resistettero alla Wehrmacht per un mese, ma versarono sangue russo e sovietico. In verità, dopo ciò l'URSS aveva tutto il diritto di cacciarli dall'inferno di Spitsbergen. Tuttavia, l'URSS più volte, l'ultima volta nel 1947, sembra aver inviato cortesi richieste al parlamento locale, desideroso di ottenere il permesso di istituire la sua base militare sull'isola. E ha ricevuto un rifiuto costante, che si è concluso con l'ingresso della Norvegia nella NATO nel 1949.

Verso il confronto


Purtroppo, la questione non completamente risolta con Spitsbergen è una delle conseguenze dei tentativi postbellici del compagno Stalin di "fare i conti in modo amichevole" con l'Occidente, per stabilire con esso relazioni di buon vicinato basate sul rispetto reciproco. La nostra serenità non era apprezzata allora e non è apprezzata ora. Inasprendo la situazione intorno all'isola, intraprendendo azioni coerenti e sistematiche volte a limitare le attività della Russia su di essa, la Norvegia, infatti, sta violando apertamente le disposizioni del Trattato di Parigi, che era già stato concluso con la violazione dei diritti del nostro Paese, che in quel momento non era in stato di attivo difenderli. In effetti, c'è una deliberata escalation del confronto, che, anche se puramente teoricamente, può portare a scontri aperti. Su cosa conta Oslo? È assolutamente impossibile prendere sul serio la "potenza" delle forze armate locali, inclusa la marina. Un momento molto significativo: nel dicembre dello scorso anno, l'ente di certificazione norvegese DNV GL ha vietato l'uso della nave più nuova e più grande della marina locale perché "rappresentava un pericolo per il proprio equipaggio". La nave di alimentazione integrata KMN Maud con un dislocamento di 27 mila tonnellate e mezzo, in grado di trasportare circa 10mila tonnellate di carburante e 400 tonnellate di carico, munizioni comprese, dotata di proprie officine, un hangar per elicotteri e persino un ospedale, doveva diventare l'orgoglio della marina norvegese. Ed è diventato un peccato. 10 anni di lavoro dei costruttori navali e 250 milioni di dollari sono stati sprecati per la sua creazione: non poteva funzionare per sei mesi.

Gli esperti che hanno ispezionato la nave hanno dichiarato “lo stato insoddisfacente del materiale etecnico base e mancanza di una corretta manutenzione ”. Hanno rovinato la barca, in una parola. Sullo sfondo di un'altra recente ridicola perdita della Marina norvegese - la fregata Helge Ingstad, che dopo una collisione con una petroliera è adatta solo ed esclusivamente per rottami metallici, Oslo è estremamente preoccupata che ora "non possano seguire ciò che stanno facendo i russi . " Negli ultimi anni si è generalmente cominciato, per usare un eufemismo, estremamente nervoso per l'apparizione all'orizzonte di qualsiasi nave sotto la bandiera di Sant'Andrea. Le manovre vengono effettuate dai nostri marinai "nel posto sbagliato", troppo vicini alle preziose piattaforme di perforazione norvegesi, sebbene l'addestramento al combattimento della marina russa si svolga nel rigoroso rispetto degli standard internazionali, in acque neutre e con la notifica di la parte norvegese. Qualcos'altro è stato fatto male - qual è la storia del "disturbo russo del GPS durante gli esercizi di Trident Juncture nel 2018", che i combattenti della NATO sognavano ed è stato intensamente esagerato dalla parte norvegese. Ma cosa posso dire - l'altro giorno il capo dei servizi segreti esteri della Norvegia, Morten Haga Lunne, ha fatto un'affermazione estremamente specifica che "la Russia è il principale pericolo militare" per il suo paese. Il capo scout è preoccupato, prima di tutto, che il nostro paese, a suo avviso, "stia rafforzando la struttura di base sulla penisola di Kola e nella parte settentrionale del Mare di Barents, conducendo esercitazioni militari frequenti e su larga scala, e anche testando nuovi tipi di armi ". Ebbene, che altro ci resta - con questi e questi vicini ?! Aspettare di essere completamente espulsi da Spitsbergen, e poi, come nei tempi antichi, verrà organizzato un impetuoso raid Varangiano sulla nostra terra?

La NATO è lontana, il Valhalla è alto


Cosa si spera, nominando la Russia come “principale nemica” da parte di un Paese costretto dal 2014 a introdurre (la quarta al mondo!) La coscrizione obbligatoria per il servizio militare attivo delle donne? Anche 12 anni fa, l'ispettore generale dell'esercito locale con il meraviglioso nome Robert Mood dichiarò pubblicamente che queste "forze armate", che a quel tempo erano composte da meno di 10mila persone, "nel qual caso" saranno in grado di fornire la difesa solo il territorio compreso tra le due stazioni centrali della metropolitana di Oslo. In linea di principio, da allora nulla è cambiato radicalmente. Oh sì ... la Norvegia è un membro della NATO e secondo il più meraviglioso, quinto articolo del suo statuto, può dormire sonni tranquilli. Oppure no? Qualcosa lì, ricordo, era organizzato nella struttura dell'Alleanza del Nord Atlantico - una forza di reazione terribilmente rapida con il nome di Spearhead, che diverte i discendenti dei Varanghi. Sono i guerrieri norvegesi con i tedeschi e gli olandesi che "hanno infangato". Qui ci sono solo esperti militari più o meno sani di mente a Oslo, praticamente, concordano all'unanimità che fino a quando questi o altri compagni d'armi del blocco non raggiungeranno la rocciosa costa norvegese, i combattenti locali rimarranno bagnati. Allora perché provocare ?! Non c'è dubbio che il principale incentivo per coloro che oggi in Norvegia fomentano un conflitto con Mosca è la speranza di avere il tempo di nascondersi dietro l'ampia portaerei "indietro" della 2a flotta della Marina americana recentemente ricreata, la cui principale compito è proprio il confronto con la Russia alle dure latitudini del nord.

Inoltre, secondo il vice ammiraglio statunitense Andrew Lewis, che guida questa formazione, le forze e i mezzi affidati al suo comando hanno già "raggiunto la piena prontezza operativa" dalla fine dello scorso anno e stanno solo aspettando un ordine da mostrare a questi russi, sfacciati al limite, dove gli orsi polari svernano ... Molto probabilmente, la maggiore attività di Oslo nel creare le condizioni più scomode per i rappresentanti del nostro Paese alle Svalbard è proprio connessa al desiderio di Washington di mettere a disposizione l'isola proprio per crearvi una base per la propria seconda flotta. Sembra più che logico e si inserisce perfettamente nelle intenzioni dichiarate degli Stati Uniti di "garantire la libertà di navigazione" sulle onde della rotta del Mare del Nord ad ogni costo. Se prendiamo in considerazione le parole che sono ripetutamente risuonate da Mosca, compresi i rappresentanti dello Stato maggiore delle forze armate russe, che le navi da guerra straniere non dovrebbero e non ci saranno, allora la ragione del conflitto appare più che ovvia. A questo proposito, la Russia non dovrebbe in nessun caso ritirarsi da Spitsbergen, anche se i giacimenti di carbone sono stati a lungo esauriti e solo l'arrivo di turisti porta profitto. Non appena noi, soccombendo alle pressioni esercitate dalla parte norvegese con il deposito della NATO e, prima di tutto, degli Stati Uniti, lasceremo questi luoghi, si sistemeranno subito i "turisti" sotto la bandiera a stelle e strisce, chi lo farà devono essere espulsi con "Calibre". Almeno ... Inoltre, usando il centenario della firma del Trattato di Parigi come pretesto, la stessa Mosca ha bisogno di intensificare l'assalto ai suoi oppositori, esortandoli ad attuare questo accordo e chiarendo tutte le possibili conseguenze della sua violazione , principalmente in termini di smilitarizzazione di Spitsbergen. Non c'è altro modo che difendere i nostri interessi estremamente duri, né al Nord, né al Sud. Niente affatto.
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Arkharov Офлайн Arkharov
    Arkharov (Grigory Arkharov) 11 febbraio 2020 08: 58
    -5
    Quale altra "battaglia" potrebbe esserci? L'autore è deluso? Questo è il territorio della Norvegia.
  2. Termit1309 Офлайн Termit1309
    Termit1309 (Alexander) 11 febbraio 2020 09: 50
    +3
    Citazione: Arkharov
    Quale altra "battaglia" potrebbe esserci? L'autore è deluso? Questo è il territorio della Norvegia.

    Sei deluso. E, lungo la strada, dalla nascita.
    1. Rus Офлайн Rus
      Rus 11 febbraio 2020 17: 32
      -3
      Cosa non è vero nel suo commento? L'autore è davvero deluso.
  3. g1washntwn Офлайн g1washntwn
    g1washntwn (Zhora Washington) 11 febbraio 2020 13: 18
    +3
    Non appena la Norvegia violerà la clausola della zona smilitarizzata, la loro sovranità sulle Svalbard terminerà. Anche durante la seconda guerra mondiale non hanno permesso di costruire basi lì, perché avrebbero improvvisamente lasciato entrare gli americani? Massimo - "Stazione scientifica per lo studio della migrazione del krill" per 1,5 scienziati sarà data da costruire, in modo da avere soldi per l'affitto.
    1. Yuri 5347 Офлайн Yuri 5347
      Yuri 5347 (Yury) 11 febbraio 2020 16: 26
      +1
      ... non possono affittare, le parti dell'accordo possono usarlo gratuitamente.
  4. Rus Офлайн Rus
    Rus 11 febbraio 2020 17: 33
    -4
    Autore, sei deluso! Ti sei stufato delle tue guerre! Abbiamo tutte le vecchie cose e un paio di nuovi modelli!
    1. elefante Офлайн elefante
      elefante 12 febbraio 2020 11: 38
      0
      Non sei Diman per noi, ma il volto del nemico!
  5. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 11 febbraio 2020 20: 56
    +4
    La conclusione è ovvia ... Nel 1945, la Norvegia dovette essere occupata, tutti i difetti di Hitler dovettero essere impiccati e le indennità dovettero essere scrollate da lei per i crimini dei suoi banditi in URSS ... Spitsbergen e altri territori dovrebbero essere inclusi nella RSFSR, gettando in mare le ossa dei vichinghi di Hitler ...
  6. elefante Офлайн elefante
    elefante 12 febbraio 2020 11: 36
    +2
    ... Il presidente Medvedev, con un colpo di penna, ha sventolato un pezzo di carta che priva il nostro Paese di circa 90mila chilometri quadrati e 300 tonnellate di pesce all'anno. Secondo l'accordo, la Russia ha concesso alla Norvegia la metà della superficie dell'acqua contesa (circa 000mila chilometri quadrati). Allo stesso tempo, la Norvegia de jure ha acquisito il pieno controllo della zona di 175 miglia intorno alle Svalbard, dove si trova una delle zone di pesca più ricche del mondo. Il trattato ha rinnegato il precedente accordo del 200, secondo il quale entrambe le parti avevano uguali diritti per condurre attività economiche alle Svalbard ...

    Maggiori dettagli - https://regnum.ru/news/polit/2853294.html