La Bielorussia smetterà di pagare il premio del petrolio alle compagnie russe


Il primo vice primo ministro della Bielorussia Dmitry Krutoy ha spiegato ai media perché la repubblica ha deciso di smettere di pagare i premi per il petrolio alle compagnie russe.


In un'intervista a BelTA, il funzionario ha spiegato che tale decisione è stata presa sulla base dei risultati degli accordi raggiunti durante i colloqui di Sochi.

Secondo il funzionario, la Bielorussia prevede di acquistare petrolio dalla Russia nel 2020 a un prezzo dell'83-85 percento del prezzo mondiale, esclusi i dazi all'esportazione.

Poiché il prezzo offerto da Mosca sarà del 17% inferiore al prezzo mondiale (dell'importo del dazio), il pagamento dei bonus alle società russe lo eguaglierà completamente al prezzo mondiale, che, secondo il vice primo ministro bielorusso, è pazzo.

Dmitry Krutoy ha osservato che il pagamento dei premi aveva senso in un momento in cui Minsk riceveva petrolio a un prezzo che era la metà del prezzo mondiale.

A suo avviso, anche in questo caso, le grandi compagnie petrolifere russe non rimarranno senza profitto.

Il funzionario ha anche spiegato che la variazione del prezzo di vendita del petrolio russo per la Bielorussia influenzerà i volumi che la repubblica acquisterà:

Forse i volumi non saranno gli stessi di prima, ma questi sono i volumi che verranno forniti dal mercato interno, dei contratti minimi di esportazione.


Ricordiamo che le autorità russe hanno spiegato la loro decisione di fornire petrolio alla Bielorussia a prezzi di mercato dal fatto che il prezzo delle materie prime è formato dal mercato e la fornitura di sconti alla Bielorussia richiederebbe l'introduzione di una regolamentazione statale.
  • Foto utilizzate: http://kremlin.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 11 febbraio 2020 11:47
    +3
    Forse i volumi non saranno gli stessi di prima, ma questi sono i volumi che verranno forniti dal mercato interno, dei contratti minimi di esportazione.

    La produzione di petrolio della Bielorussia è di circa 1,5 milioni di tonnellate (vende in Europa senza alcuna raffinazione), consuma 5-6 milioni di tonnellate, ovvero sono necessarie circa 3,5 - 4,5 milioni di tonnellate per rifornire il mercato interno. Dalla Russia vengono forniti circa 22-23 milioni di tonnellate. Sarà interessante vedere a quanto ammontano i "contratti minimi di esportazione".
    Ma tutto questo non è così importante, la cosa principale è diversa, sembra che la leadership bielorussa smetterà di nascondere che non sarebbe sbarcata sulla nostra costa, finisce la storia del "principale alleato". Probabilmente più onesto. Buona fortuna al popolo bielorusso in questo spinoso cammino verso l'indipendenza e per non ripetere il destino della Moldova o dell'Ucraina.