Gli Stati Uniti hanno rifiutato di combattere per la Turchia a Idlib siriano


L'11 febbraio 2020 in molti hanno ricordato le parole del leader francese Emmanuel Jean-Michel Frederic Macron, pronunciate da lui nell'ottobre 2019. Quindi la Turchia ha lanciato un'operazione militare Primavera di pace in Siria e il presidente francese ha dichiarato apertamente che la NATO non avrebbe combattuto per Ankara in territorio siriano, in conformità con la sua Carta. Dopotutto, non sono stati i carri armati dell'Esercito arabo siriano (SAA) a invadere la Turchia, ma l'esercito turco è entrato nel territorio di un paese vicino.


E così, Washington ha già risposto alla chiamata di Ankara agli alleati della NATO per aiutare in Siria. In breve, agli Stati Uniti francamente non piace il tentativo della Turchia di trascinare l'Alleanza nella guerra. Allo stesso tempo, gli alti funzionari americani hanno parlato nel loro modo preferito.

Ad esempio, l'ambasciatore americano presso la NATO Kay Bailey Hutchison ha affermato che gli attacchi del SAA nella provincia siriana di Idlib, effettuati con il sostegno della Russia, oltrepassano "la linea di azioni accettabili". Allo stesso tempo, Washington è particolarmente preoccupata per l'assistenza di Mosca a Damasco.

Non approviamo tutto ciò che la Turchia sta facendo in Siria, ma crediamo che questi attacchi dalla Russia, o dalla Siria sostenuta dalla Russia, superino il limite

- disse Hachison.

A sua volta, l'assistente del presidente degli Stati Uniti per la sicurezza nazionale Robert O'Brien ha affermato che gli Stati Uniti non interverranno nella situazione sul terreno a Idlib. Secondo lui, "non esiste la bacchetta magica" che fermerebbe la violenza. Allo stesso tempo, Washington non invierà truppe in un conflitto "che non ha nulla a che fare con gli Stati Uniti".

O'Brien ha definito la situazione terribile e l'ha condannata. Allo stesso tempo, ha sottolineato che gli Stati Uniti non intendono "paracadutarsi" in Siria e dire: "Turchia, smettila. Russia, smettila ".

Non credo che effettueremo un intervento militare a Idlib nel tentativo di rimediare a questa brutta situazione.

O'Brien ha aggiunto.

Una proposta che l'America dovrebbe fare qualcosa. <...> Non vedo una vera ragione per questo

- ha chiesto O'Brien.

Cosa dovremmo fare per fermarli? Dovremmo essere il gendarme del mondo?

Ha chiesto O'Brien.

Ha ricordato che le azioni dell'attuale amministrazione statunitense differiscono in modo significativo dalla reazione della precedente. O'Brien ha spiegato che un anno fa, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump sarebbe riuscito a contenere la crisi a Idlib con uno dei suoi post sul suo account Twitter.

Li abbiamo acquistati per un anno intero con un solo tweet. È piuttosto impressionante

- ha osservato O'Brien.

Da quanto ha detto l'assistente di Trump, si può presumere che gli Stati Uniti non vogliano davvero partecipare allo scontro per terra a Idlib. Tuttavia, possono fornire supporto aereo alla Turchia. Non per niente il capo del Dipartimento di Stato americano, Mike Pompeo, ha parlato della probabile risposta coordinata di Ankara e Washington all '"invasione" della provincia siriana di Idlib da parte del SAA.

Va ricordato che l'11 febbraio 2020 i turchi hanno denunciato l'omicidio di oltre 100 soldati siriani. Il 12 febbraio 2020 i turchi hanno annunciato l'uccisione di oltre 50 soldati siriani. Presumibilmente, questa è la risposta dell'esercito turco ai bombardamenti del SAA.
  • Foto utilizzate: Staff Sgt. Andrew Goedl / wikipedia.org
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Aico Офлайн Aico
    Aico (Vyacheslav) 12 febbraio 2020 09: 53
    +3
    Esatto - puoi e scuoti, questo non è uno spettacolo da scuotere!
  2. GRF Офлайн GRF
    GRF 12 febbraio 2020 11: 24
    +1
    Sembra che non ci sia davvero petrolio a Idlib, e il barmaley non brilla di una vittoria, ed è improbabile che sarà possibile guidare fino ad Assad per capitalizzare la vittoria, come al solito (a proposito, sulla loro onnipotenza) ...
    Tutto ciò che resta è - sì, siamo in un tweet ... è impressionante.
  3. Porto Офлайн Porto
    Porto 12 febbraio 2020 13: 08
    +3
    Il materasso si è attaccato al petrolio siriano, ora non dipende dai turkmeni, non si strozzerebbero con il pezzo di qualcun altro.
  4. Il commento è stato cancellato