La Turchia sposta le truppe in Siria per evitare lo "scenario da incubo"


L'agenzia di stampa turca Anadolu lancia l'allarme che l'Esercito arabo siriano (SAA), dopo aver raggiunto gli accordi di Astana e Sochi tra Russia e Turchia, "ha catturato" quasi metà della zona di "de-escalation" di Idlib. L'agenzia è persino esplosa con infografiche impressionanti, che ha pubblicato sul suo account Twitter per dimostrare la portata dell '"occupazione siriana".


Secondo l'infografica, negli ultimi nove mesi le forze siriane hanno fatto passi da gigante. Hanno liberato territori significativi dai militanti, occupando un certo numero di grandi città, tra cui Saraqib, e hanno ottenuto il controllo quasi completo sull'autostrada strategica M5, che attraversa l'intero paese da sud a nord.

Anadolu chiarisce che a seguito dell'offensiva del SAA e dei loro alleati filo-iraniani, 5 dei 12 posti di osservazione dell'esercito turco (previsti dagli accordi di Sochi del 2018) nella zona di de-escalation di Idlib sono finiti all'interno dei territori controllati dai siriani. Allo stesso tempo, sono stati bloccati anche parte dei "posti di osservazione" militari turchi, che i turchi hanno istituito senza alcun coordinamento con la Russia.

La Turchia sposta le truppe in Siria per evitare lo "scenario da incubo"


Va notato che l'infografica di Anadolu è già obsoleta. Da quando l'FSA ha già completamente liberato un pezzo dell'autostrada M5 sulla sezione Hama-Aleppo e sui territori adiacenti dai "Barmaley" wahabiti filo-turchi e dai terroristi "moderati", "oppositori".

A sua volta, l'ex consigliere militare turco Metin Gurcan ritiene che la perdita del controllo della Turchia sui territori di confine nord-occidentali della Siria (operazioni "Euphrates Shield" e "Olive Branch") significherà uno "scenario da incubo" per Ankara.

Il regime siriano può davvero prestare attenzione ad Afrin (la parte occidentale del "Kurdistan siriano", che dal 2018 è controllata dai militanti filo-turchi e dall'esercito turco - ndr). Dopo aver preso il centro di Idlib

- Gyurjan è preoccupato.

La Turchia sta cercando di costringere Mosca a organizzare nuovi colloqui di tregua a Idlib. Una volta fatto ciò, intende chiedere alla Russia assicurazioni che il regime siriano consentirà alla Turchia di mantenere la sua presenza militare ad Afrin, così come nelle regioni di Jerablus, Al Rai e Al Baba.

- ha aggiunto Gyurjan.

La Turchia non ha altra scelta che aumentare la sua presenza militare a Idlib per fare pressione su Mosca con una minaccia per la vita dei soldati turchi

- riassunse Gyurjan.

A proposito, secondo le informazioni di Londra dal locale "Osservatorio siriano per i diritti umani" della ONG fantoccio, la Turchia ha ora trasferito 1,5 camion e trattori nella zona di "de-escalation" di Idlib. elettrodomestici, personale e proprietà varie. Sono già circa 9mila i militari turchi con carri armati, mezzi blindati, artiglieria e MLRS.

Va aggiunto che l'8 febbraio 2020 sono iniziati ad Ankara i negoziati per l'allentamento del conflitto di cui sopra. Tuttavia, i turchi hanno ostacolato il processo di negoziazione. Hanno incolpato l'ASA per i bombardamenti e hanno iniziato ad attaccare le forze governative siriane, apparentemente in risposta. Sebbene sia ovvio che il bombardamento "tempestivo" dei militari turchi sia stato effettuato dai loro stessi militanti filo-turchi. I turchi non vogliono davvero che l'FSA liberi dai militanti la città siriana di Idlib nella provincia omonima. Non sorprende quindi che Recep Tayyip Erdogan annunci regolarmente nuove minacce contro Damasco.

Allo stesso tempo, secondo Sky News Arabia (Emirati Arabi Uniti), il 12 febbraio 2020, altri rinforzi turchi hanno attraversato il confine di stato siriano e si sono diretti verso le regioni occidentali della provincia siriana di Aleppo. Organizzeranno un altro gruppo di "posti di osservazione" per impedire l'avanzata dell'FSA e la liberazione dei territori dai militanti. Uno di questi "punti di osservazione" sarà situato sulla strada tra Atarib e El Jina.

Allo stesso tempo, il capo del ministero della Difesa nazionale turco, Hulusi Akar, ha affermato che i turchi non avrebbero lasciato i "posti di osservazione" che si trovavano nel territorio controllato dall'ASA.

Abbiamo detto molte volte che non ritireremo da lì il nostro personale, i soldati. Continueranno la loro missione

ha detto in un'intervista con The Associated Press.

In caso di qualsiasi azione contro di loro, sono stati istruiti a rispondere ancora più forte

- ha sottolineato Akar.

Allo stesso tempo, il presidente turco Erdogan ha già minacciato che in caso di nuovi attacchi ai militari turchi possa violare gli accordi raggiunti con il presidente russo Vladimir Putin su Idlib. Quindi l'esercito turco lancerà un attacco su vasta scala al SAA.

Spareremo ovunque, senza essere vincolati dai confini dei memorandum di Idlib e Sochi, se il nostro esercito è danneggiato

- assicurò Erdogan.

Inoltre, secondo Erdogan, la maggior parte degli attacchi della CAA e della Russia a Idlib erano diretti contro civili e non contro terroristi. Quindi la Turchia è "determinata a cacciare le truppe di Assad dalla zona di riduzione dell'escalation".

A sua volta, il ministero degli Esteri russo ha già dichiarato che tutti gli attacchi vengono effettuati esclusivamente contro i terroristi. Allo stesso tempo, la Russia considera assolutamente legittime le azioni dei siriani a Idlib.

I siriani stanno combattendo il terrorismo sul loro territorio, nel loro paese

- ha sottolineato nel ministero degli Esteri russo.
  • Foto utilizzate: PH1 Timm Duckworth, USN / wikipedia.org
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 12 febbraio 2020 14: 11
    +3
    Se i turchi hanno il controllo, allora chi sta bombardando la base militare russa e Damasco da Aleppo? Gli stessi turchi? Non vogliono osare di rispondere ai loro colpi? Una volta che la Turchia ha perso la Crimea, sollecitandola costantemente a Mosca. Poi Mosca ha preso la Crimea per fermare gli attacchi. La conclusione suggerisce che questo è l'unico modo per agire con i turchi.
  2. g1washntwn Офлайн g1washntwn
    g1washntwn (Zhora Washington) 12 febbraio 2020 14: 43
    +3
    Quali sono i memorandum? In realtà, sul territorio della RAS, i turchi sono illegali, cioè gli occupanti.
    Ricordiamo tutti anche la parte settentrionale di Cipro, come se fossero andati a combattere per i loro cittadini.
  3. GRF Офлайн GRF
    GRF 12 febbraio 2020 17: 53
    0
    La cosa principale è che tutti sono più vicini, quindi più efficaci, per il punto.
  4. Il commento è stato cancellato
  5. Siberia1054 Офлайн Siberia1054
    Siberia1054 (Alexander Ivanovich) 13 March 2021 00: 30
    +1
    Un turco "rispetta" solo la forza bruta, è ora di "rispettarlo".