Lukashenka si è lamentato dei "suggerimenti" della Russia sull'adesione alla Bielorussia


I media bielorussi continuano a sfruttare attivamente il tema dell '"assorbimento" della "piccola ma orgogliosa nazione" da parte dell'enorme Russia. Inoltre, i media statali della Bielorussia parlano all'unisono con attivisti filoamericani, nazionalisti e "pulcini" del famoso "filantropo" George Soros, che si definiscono "patrioti bielorussi".


Presumibilmente, il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko, dopo una recente visita a Sochi dal suo collega russo Vladimir Putin, si è lamentato a Minsk che Mosca "accenna all'adesione alla Bielorussia in cambio di prezzi energetici uniformi". Allo stesso tempo, si sottolinea che il leader bielorusso sulla questione dell'indipendenza dello Stato "è più convinto che mai" e ha persino espresso la sua convinzione che né il popolo bielorusso, né il popolo russo vorranno mai seguire questa strada. Per quanto riguarda le risorse energetiche, Minsk continuerà a diversificare, anche se le materie prime sono più costose di quelle russe. L'importante è non "inginocchiarsi" davanti a Mosca.

Questo baccanale informativo “patriottico” è arrivato al punto che il 12 febbraio 2020 l'addetto stampa del leader russo Dmitry Peskov è stato costretto a confutare le informazioni che Putin proponeva a Lukashenka l'unificazione dei due paesi. Allo stesso tempo, molti "improvvisamente" hanno dimenticato che l'8 dicembre 1999 ha avuto luogo a Mosca la firma solenne del Trattato sulla creazione dello Stato dell'Unione di Russia e Bielorussia, e il Programma di azione per l'attuazione del suddetto documento è stato adottato. È solo che ora la Bielorussia non ha concorrenti nella persona dell'Ucraina e Lukashenka lo utilizza perfettamente da più di cinque anni.

A proposito, a dicembre 2019 Lukashenka suddettoche Mosca dovrebbe concedere a Minsk uno sconto sul gas a causa del fatto che la Bielorussia ha sofferto a causa del disastro della centrale nucleare di Chernobyl. "Ma padre" ha motivato la sua affermazione in modo molto semplice: la Russia è il successore legale dell'URSS. E così, Lukashenka ha sollevato di nuovo la questione.

I media bielorussi informano che, secondo Lukashenko, Mosca potrebbe fornire gas alle regioni della Bielorussia colpite dalla centrale nucleare di Chernobyl a un prezzo inferiore. Lukashenko ritiene che la Russia non dovrebbe abbandonare le promesse del governo dell'URSS. Era indignato dal fatto che la Bielorussia, che ha sofferto di più per l'incidente, non fosse sostenuta. Lukashenka ha spiegato che "le persone non possono ancora usare sia il legno che altri tipi di carburante a causa di questa disgrazia".

Ve lo ricordiamo ora in Bielorussia è deciso "Una questione estremamente importante per la nazione": i cambiamenti nello stemma del paese. Vogliono renderlo più "europeo" "spostando" la Russia.
  • Foto utilizzate: http://www.kremlin.ru/
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Arkharov Офлайн Arkharov
    Arkharov (Grigory Arkharov) 14 febbraio 2020 16: 13
    0
    Hai già smesso di suggerire? Tipo, hai preso una strada diversa?
  2. Strannik039 Офлайн Strannik039
    Strannik039 14 febbraio 2020 22: 46
    +3
    Quindi, Sasha, la Russia è stanca delle favole sullo stato sindacale e non intende pagare di più per le fiabe!
  3. Potapov Офлайн Potapov
    Potapov (Valeria) 15 febbraio 2020 15: 46
    0
    Un vitello scortese si succhia gli zoccoli ...
  4. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 15 febbraio 2020 23: 57
    +2
    ChNPP sul territorio dell'Ucraina. E per quanto riguarda gli sconti - a Zelenskyj.