"12 passi in Donbass": un piano che rimuoverà le sanzioni europee dalla Russia


Forse uno degli eventi principali della 56a Conferenza sulla sicurezza di Monaco, tenutasi la scorsa settimana in Germania, è stata la pubblicazione sul sito ufficiale dell'evento di un piano dettagliato prima dell'allentamento della situazione nell'Ucraina orientale, che è già stato chiamato "12 passi nel Donbass".


Ancora più intrighi intorno a questo documento sono stati aggiunti dalla sua improvvisa scomparsa letteralmente poche ore dopo la pubblicazione, e poi una nuova apparizione sulla risorsa della conferenza. Che tipo di progetto è questo, che da subito ha suscitato violente passioni e intrighi, cosa vi si propone e che queste proposte hanno portato ad uno stato vicino all'isterismo?

Di cosa stiamo parlando, infatti?


Il titolo ufficiale del documento, di cui parleremo più avanti, suona qualcosa come: "Dodici passi per raggiungere una maggiore sicurezza in Ucraina e nella regione euro-atlantica", i suoi autori sono il cosiddetto Euro-Atlantic Security Leadership Group , che include dozzine di esperti da tutto il mondo. Tra loro ci sono Wolfgang Ischinger, presidente della Conferenza internazionale sulla sicurezza di Monaco, e Igor Ivanov, ex ministro degli esteri russo. Significativamente, ci sono rappresentanti di Kiev tra gli sviluppatori dei "12 passi": l'ex viceministro degli esteri ucraino Oleksandr Chaly, l'ex primo vice capo della SMM OSCE in Ucraina Oleksandr Hug e altri. In nessuna circostanza l'inesistente può affermare che la questione relativa alla sua "sicurezza nazionale" sia stata risolta "alle sue spalle" e senza la sua partecipazione. A proposito, oltre agli autori, più di 40 persone considerate esperti riconosciuti in questioni di sicurezza internazionale - capi e massimi esperti di vari think tank europei, ex diplomatici e alti ufficiali militari - hanno sottoscritto il documento esprimendo il loro accordo con le disposizioni in esso contenute. Alcuni dei nomi in questa lista sono, ad essere onesti, piuttosto inaspettati, come, ad esempio, l'autografo di Philip Mark Breedlove, ex comandante del Comando europeo degli Stati Uniti e comandante supremo delle forze alleate della NATO in Europa (2013-2016). Ora, in realtà, riguardo al piano.

Consiste, come si può intuire, di esattamente una dozzina di punti, raggruppati in quattro blocchi, riguardanti rispettivamente la sicurezza, le questioni umanitarie, economico и politico temi. Va notato che le idee veramente "rivoluzionarie" sono contenute in ciascuno dei blocchi. Quindi, come primi due passi, si propone non solo di ripristinare il Centro comune per il controllo e il coordinamento nel Donbass, che un tempo era stato abbandonato in modo così inetto dalla parte ucraina, ma anche di espandere i negoziati nel formato della Normandy Four aggiungendo partecipanti alle missioni militari. Il loro obiettivo non dovrebbe essere solo quello di supportare le azioni del JCCC ai massimi livelli, ma anche di sviluppare decisioni indipendenti su quelle questioni che le persone in uniforme dovrebbero affrontare. Si propone inoltre di "espandere e migliorare" in modo significativo il lavoro della Missione speciale di monitoraggio dell'OSCE (SMM), aumentando contemporaneamente il numero di posti di blocco sulla linea di demarcazione. La sezione "umanitaria" si concentra sull'intensificazione della ricerca di persone scomparse nella zona del conflitto, nonché sulla riduzione del numero di tragedie associate all'uso di mine antiuomo da parte delle parti. A Kiev viene ordinato di sviluppare finalmente un programma speciale che includa una serie di misure reali per estrarre il Donbass. Inoltre, gli autori del documento, secondo cui ci sono un totale di "più di 1200 sorgenti radioattive" nel Donbas, prestano particolare attenzione a garantire la rimozione sicura di quelli che sono già diventati oggetti inutilizzabili e pericolosi al di fuori della regione, nonché l'organizzazione di un rigoroso monitoraggio di quelli rimanenti.

Tuttavia, i punti più significativi del piano, che ha causato un'isteria immediata a Kiev, e non solo lì (ne parleremo più avanti), riguardano gli aspetti economici e, soprattutto, politici della transazione. Al Delphic Economic Forum, che si terrà in Grecia dal 5 all'8 marzo 2020, si propone di annunciare il lancio di un'iniziativa globale per ripristinare il Donbass, per poi organizzare una conferenza internazionale dei donatori, alla quale, oltre che al vero rilancio della regione, prenderà parte Russia. Inoltre, gli autori del piano ritengono che il Donbass "dovrebbe diventare parte di una zona di libero scambio sia con l'UE che con la Russia". Tuttavia, anche questi pensieri inequivocabilmente "sediziosi" per la parte ucraina impallidiscono rispetto ad altre proposte contenute nel piano. In breve, stiamo parlando di rivedere le sanzioni anti-russe e di revocarle mentre ci muoviamo verso un vero accordo nella regione, di espandere la cooperazione tra l'Unione Europea e il nostro Paese in "aree di interazione" e "aree di reciproco interesse". Casistica a parte, si tratta, ancora una volta, di eliminare le restrizioni al commercio e ai progetti comuni. E anche sulla creazione di una nuova "piattaforma per contatti sostanziali e permanenti dei ministri degli esteri degli" Stati euro-atlantici "e dei loro dipartimenti" per risolvere "disaccordi chiave", naturalmente - con la partecipazione obbligatoria e piena della Russia. All'Ucraina viene offerto di avviare né più né meno un "nuovo dialogo sull'identità nazionale". Dovrebbe avvenire "tenendo conto della visione dei vicini", e in particolare - Polonia, Ungheria e Russia. Oggetto di discussione e "ripensamento" dovrebbero essere "temi di storia e memoria nazionale, lingua, identità ed esperienza delle minoranze". Traducendo in linguaggio umano, a Kiev viene ordinato di placare i presuntuosi ultranazionalisti e fermare la politica di ucrainizzazione violenta, nonché l'esaltazione dei criminali nazisti.

Chi è a favore, chi è contro?


Dopo tali proposte, che ferirono i sentimenti più teneri e tremanti dei "patrioti dell'Ucraina", non ci si poteva aspettare altro che un forte scandalo nella loro esibizione. Tale e seguito, e immediatamente. Il primo, abbastanza naturalmente, il trambusto è stato causato dal non chiaro perché l'ex presidente del "nezalezhnoy" Petro Poroshenko, che ha presentato questo evento, sia stato il primo a venire. Intuendo il motivo di un'altra iniziativa russofobica, iniziò immediatamente ad affermare che questo piano era "scritto al Cremlino" e in esso "puoi vedere quello che vedi quando guardi negli occhi di Putin"! Sì ... L'ex capo dell'Ucraina è dotato di ricche allucinazioni dal suo tipo di svago preferito. Classico etero: "E i ragazzi sono sanguinanti nei loro occhi!" Poroshenko ha immediatamente annunciato "12 passi" come piano per la resa dell'Ucraina, che "oltrepassa le linee rosse". Il Ministero degli Affari Esteri della parte "nezalezhnoy" lo ha raggiunto in un unico impulso. Lì, tuttavia, non sono arrivati ​​al punto di analizzare le immagini agli occhi di Vladimir Vladimirovich, ma hanno semplicemente affermato che le tesi contenute nel documento "non corrispondono alla posizione ufficiale dello Stato ucraino". Allo stesso tempo, il che è tipico, sia Poroshenko che i funzionari del ministero degli Esteri, eseguendo i loro attacchi ai "12 gradini", hanno cercato in ogni modo di sottolineare che si trattava di un "pezzo di carta bianco", e non di un documento ufficiale che rifletteva la posizione dell'Europa o dell'Occidente nel suo insieme. Allora perché sei così eccitato, cuori? Come se con un punteruolo fossi spinto in quel luogo inimmaginabile con cui svolgi "processi mentali"? Bene, un pezzo di carta, quindi un pezzo di carta - perché rompere le lance ?! Tuttavia, non appena il piano è scomparso per un po 'dal sito ufficiale, la conferenza, i diplomatici ucraini hanno cominciato a strombazzare sulla "vittoria" che avevano ottenuto.

E Poroshenko ha scritto su Facebook con resoconti vittoriosi su come eroicamente "sventato il piano di attacco all'Ucraina sviluppato dalla Russia a Monaco". Possiamo dire che ha impedito un nuovo "accordo di Monaco"! Questo vanto ipocrita, che inevitabilmente fa pensare a Delirium tremens, suona particolarmente ridicolo sullo sfondo dell'affermazione del comitato organizzatore della conferenza secondo cui il piano in 12 fasi è stato per qualche tempo nascosto all'accesso a causa di "una maggiore attenzione malsana e un atteggiamento eccessivamente aggressivo" nei confronti di tale. Oh, le persone sanno come enunciare magnificamente il significato di un detto popolare su una sostanza che non dovrebbe essere toccata per evitare un odore sgradevole! Che questo sia il caso è pienamente confermato dalla comparsa del documento sulla stessa risorsa ufficiale e senza tagli, modifiche e commenti. Ciò fu fatto immediatamente, non appena il ribollire della "sostanza" si placò un po '. Un momento molto più spiacevole in questa situazione è che il famigerato "think tank" dell'Atlantic Council è esploso quasi immediatamente con un "reclamo collettivo" sul piano dei "12 passi". La dichiarazione, che porta le firme di ex diplomatici e funzionari statunitensi (in particolare, ex ambasciatori statunitensi in Ucraina Stephen Pifer, William Taylor e Marie Yovanovitch), nonché di esperti del "consiglio", è scritta nelle "migliori tradizioni" della vecchia propaganda scortese sovietica, che, sembra che il pubblico divori in questo ufficio con tanto fervore. Notando "a denti stretti" e chiaramente con la forza "il carattere costruttivo di alcune raccomandazioni", i firmatari affermano che almeno due di loro "ripetono completamente le proposte del Cremlino sui negoziati o sul tema della disinformazione". Sì, anche a mio parere - completa assurdità, ma la citazione è letterale.

Tuttavia, tutto diventa più chiaro, basta approfondire il testo: "Truppe russe sequestrate e annesse la Crimea" ... "," Mosca ha iniziato una guerra ibrida nel Donbass ... "," senza la leadership del Cremlino, non ci sarebbe conflitto dentro e intorno all'Ucraina ... "E così via, nello stesso, ben noto a tutti noi, spirito estremamente russofobo:" La conversazione sulla revoca delle sanzioni sarà possibile solo dopo che l'intera "Minsk" sarà completata (cioè mai). Tutto questo sibilo rabbioso, e, in particolare, la prontezza con cui sono "nati" a Washington, testimonia inconfutabilmente che gli Stati Uniti non prenderanno alcun passo - non una dozzina, non cento, non mille dozzine - per risolvere la situazione in Donbass avere intenzione. Allo stesso modo, non intendono consentire a nessun altro di eseguire questi passaggi, almeno uno di essi. Di conseguenza, non si può parlare di una risoluzione pacifica del conflitto nell'est dell'Ucraina finché questo paese rimane una semi-colonia degli Stati Uniti. Se solo "metà" ... D'altronde, la risposta migliore, forse, di Mosca a tutto ciò che sta accadendo può essere considerata la dichiarazione del viceministro degli Esteri Alexander Grushko, che suonava "a margine" della conferenza di Monaco. Uno dei suoi significati principali è un invito all'Unione Europea ad abbandonare la pratica controproducente di sottomissione e irragionevole che segue "sulla scia" di Washington, o meglio, la sua politica anti-russa sempre più inasprita. Il piano dei "12 passi" testimonia in modo più che eloquente che l'Europa è stanca di un confronto con la Russia inutile e, soprattutto, completamente inutile in termini di politica estera (e dannoso - economico). Il suo sostegno a Kiev non è più incondizionato e spericolato come lo era quattro o cinque anni fa. Ebbene, se Bruxelles, Parigi, Berlino hanno abbastanza volontà politica per smettere di guardare indietro a Washington, i 12 Passi potrebbero benissimo diventare l'inizio della strada per la Pace nel Donbass. Altrimenti, si trasformeranno in un'altra serie di buone intenzioni che portano a un indirizzo ben noto ...
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Potapov Офлайн Potapov
    Potapov (Valeria) 17 febbraio 2020 09: 29
    +3
    Stranieri, le sanzioni sono per sempre ... I fratelli non ti daranno le loro mani umane, tranne che per i baci, e non le penne ...
    1. Kristallovich Офлайн Kristallovich
      Kristallovich (Ruslan) 17 febbraio 2020 11: 14
      +1
      Americano - sì, europeo - per lo più no.
  2. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 17 febbraio 2020 10: 06
    +2
    L'assioma sulla colpa della Russia in tutti i loro guai è già stato conficcato nel cervello di due generazioni ucraine così tanto che l'odio di queste persone "giovani non trascurabili" continuerà a crescere e ad intensificarsi, e nessuna riconciliazione è prevista nel prossimo futuro, forse solo più tardi, dopo millenni, quando la radioattività ash, e appariranno i primi Ukroneanderthal.
  3. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 17 febbraio 2020 10: 11
    0
    Annullamento della sanzione in cambio del ritorno del Donbass in Ucraina? È fantastico, ma è stata chiesta l'opinione dei residenti del Donbass in merito?
    1. S.V.YU Офлайн S.V.YU
      S.V.YU 17 febbraio 2020 12: 55
      +1
      Anche se il Donbass verrà consegnato, nessuno revocherà le sanzioni! Troveranno facilmente altri pretesti!
    2. 123 Офлайн 123
      123 (123) 17 febbraio 2020 13: 28
      +1
      Annullamento della sanzione in cambio del ritorno del Donbass in Ucraina? È fantastico, ma è stata chiesta l'opinione dei residenti del Donbass in merito?

      In questa forma, è più probabile il ritorno dell'Ucraina nel Donbass. Quanto a - non hanno chiesto, nessuno ha chiesto a nessuno, né il Donbass, né l'Ucraina. È stato proposto un piano, ora c'è una discussione.
      1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
        Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 17 febbraio 2020 15: 06
        0
        Citazione: 123
        In questa forma, è piuttosto il ritorno dell'Ucraina nel Donbass.

        Questo è ridicolo.

        Citazione: 123
        Quanto a - non hanno chiesto, nessuno ha chiesto a nessuno, né il Donbass, né l'Ucraina.

        Se i cittadini sono davvero contrari, è molto difficile forzarli.
        1. 123 Офлайн 123
          123 (123) 17 febbraio 2020 15: 31
          0
          Questo è ridicolo.

          Sono contento per te, le risate, dicono, aumentano l'aspettativa di vita.

          Se i cittadini sono davvero contrari, è molto difficile forzarli.

          E chi li fa? richiesta Ripeto, hanno suggerito un piano, una discussione, un dibattito. Un piano è solo un'intenzione. Se non è supportato, di conseguenza, l'implementazione fallirà.
  4. lavoratore dell'acciaio 17 febbraio 2020 12: 01
    +1
    A causa dell'indecisione di Putin nel 2014, quanti problemi sono ORA. Dobbiamo SPITARE su tutti! E fare come la Russia ha bisogno ed è redditizio! E così - questa presa in giro delle persone sarà all'infinito, come in Transnistria.
  5. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 17 febbraio 2020 12: 05
    +2
    Lo scambio del tradimento delle repubbliche con una vaga promessa di revoca delle sanzioni entro il 2050, e anche allora appena. Il piano è scritto da chi non definisce nulla ...
    1. San Valentino Офлайн San Valentino
      San Valentino (Valentin) 17 febbraio 2020 12: 49
      0
      Ma questo è inutile - leggi i "Protocolli degli anziani di Sion", tutto è descritto e dipinto lì, e sono per l'Occidente, come la "Sacra Scrittura" per i credenti, quindi hanno tempo e denaro per tutta questa azione - lentamente, ma destra.
      1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
        Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 17 febbraio 2020 15: 03
        +1
        Citazione: San Valentino
        Ma sei invano - leggi i "Protocolli degli anziani di Sion"

        Dici sul serio o stai scherzando?
  6. Rus Офлайн Rus
    Rus 17 febbraio 2020 20: 11
    0
    Sì, hanno portato così tanto dolore all'Ucraina ea se stessi! Le persone, inoltre, le persone fraterne, hanno distrutto, e le loro.
  7. g1washntwn Офлайн g1washntwn
    g1washntwn (Zhora Washington) 18 febbraio 2020 06: 33
    0
    Per 30 anni gli Stati Uniti hanno cantato alle orecchie dei nazionalisti ucraini sulla loro esclusività, hanno apertamente sponsorizzato i Maidan e gli sparatutto contro di loro, ma è ancora la Russia da biasimare? Con chi conduci, da quello guadagnerai. A giudicare dall'ideologia nazista sempre più forte, a cui è già impossibile chiudere gli occhi in Europa, hanno accumulato cose ovviamente brutte.