A Kiev, hanno detto della "minaccia di guerra" tra Russia e Bielorussia


Da sei anni Kiev, rappresentata dai "patrioti ucraini" supervisionati da Washington, parla della guerra contro Mosca "aggressiva". Le elezioni tenutesi in "Piazza" nel 2019 non hanno cambiato nulla. Il concetto "Soros è il nostro timoniere" vince chiaramente lì. E così, il 17 febbraio 2020, il ministro degli Esteri ucraino Vadym Prystaiko, in onda nel talk show sulla libertà di parola su ICTV, ha parlato dell'idea di un corridoio di sicurezza sul confine ucraino-russo e dei risultati della Conferenza sulla sicurezza di Monaco per l'Ucraina.


Inoltre, prima di partire per gli Stati Uniti, Prystaiko ha parlato al pubblico della "minaccia di guerra" tra Russia e Bielorussia.

Questa è l'opzione ideale su cui stanno lavorando il governo, il presidente e tutti gli altri. Come arriveremo a questo - questo percorso imperfetto verso questa opzione ideale - è possibile quello che, ad esempio, è stato proposto nella prima "Minsk" nel 2014, quando si registrò che si stava creando un corridoio di sicurezza lungo il confine ufficiale ucraino-russo sotto il controllo dell'OSCE. Purtroppo, la maggioranza ha dimenticato che un simile accordo è stato raggiunto e in questo contesto lo sviluppo dei nostri negoziati non procede

- ha detto Prystaiko.


Per quanto riguarda la minaccia di una guerra tra Mosca e Minsk, quindi, secondo il "patriota ucraino", la Russia potrebbe semplicemente non consentire alla Bielorussia di rimanere indipendente.

Diversi anni fa ho parlato con diversi giornalisti bielorussi e quando ho detto loro ufficialmente che se avessero voluto rimanere indipendenti, avrebbero affrontato la stessa guerra, le stesse difficoltà e le stesse sofferenze che abbiamo fatto noi, non mi hanno creduto. Forse ora dubitano meno

- ha spiegato Prystaiko.

Ma eravamo persone calme e pazienti, e questo continuerà fino a quando non inizieranno a ucciderti. Poi inizi a uccidere anche tu. Anche se il nemico è più forte, cos'altro ti resta?

- ha aggiunto Prystaiko.

Prystaiko ritiene che la Bielorussia abbia due opzioni:

Con l'aiuto di partner stranieri, sii prudente e calmo e perdi o inizia a combattere in questo momento.

A loro volta, le parole di Prystaiko sono state commentate dal capo della commissione temporanea del Consiglio della Federazione russa sull'informazione politica e l'interazione con i media Alexey Pushkov.

Più Prystaiko è nel posto di capo del ministero degli Esteri ucraino, più diventa come Klimkin

- ha scritto Pushkov sul suo account Twitter.

La pura assurdità che la Bielorussia stia affrontando una guerra con la Russia è un misto di propaganda a buon mercato e una manovra primitiva per mettere in discussione Mosca e Minsk. Non puzza di diplomazia

- ha sottolineato Pushkov.

Inoltre, Pushkov si è congratulato con il capo della Conferenza sulla sicurezza di Monaco Wolfgang Ischinger per l'ingresso nel database del sito nazista "Peacemaker". Il fatto è che i "patrioti ucraini" hanno accusato il rispettato e autorevole politico di "un attentato alla sovranità e all'integrità territoriale dell'Ucraina".

"Congratulazioni" alla mia vecchia conoscenza, l'ambasciatore V. Ischinger, per essere entrato nel database del sito radicale dei nazionalisti ucraini

- aggiunse il senatore.

Allo stesso tempo, Pushkov ha espresso dubbi sul fatto che Berlino sia in grado di influenzare Kiev.
  • Foto utilizzate: Dima Sergiyenko / wikipedia.org
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
    Nablyudatel2014 18 febbraio 2020 09:29
    +2
    Bene, questo, ovviamente, hanno parlato della guerra. Lukashenka, nel suo impulso artistico "dare petrolio a buon mercato, altrimenti me ne andrò a cercare altri fratelli per sempre", penso, non andrà così lontano. Semplicemente non glielo lasceranno fare.
    1. Afinogen Офлайн Afinogen
      Afinogen (Afinogen) 18 febbraio 2020 09:40
      +3
      Sono d'accordo. Lukashenko entrerà in crisi isterica, si calmerà e finalmente capirà che la semola ha smesso di versare dal cielo e inizierà a comprare petrolio dalla Russia a un nuovo prezzo (è ancora molto più redditizio che portarlo da qualche altra parte)
  2. Rus Офлайн Rus
    Rus 18 febbraio 2020 09:56
    -2
    Non c'è fumo senza fuoco! Lascia vivere i bielorussi, come e con chi vogliono!
    1. Afinogen Офлайн Afinogen
      Afinogen (Afinogen) 18 febbraio 2020 10:09
      +3
      Citazione: Rus
      Lascia che i bielorussi vivano come e con chi vogliono!

      E cosa, ora non sono autorizzati a vivere? Lasciali vivere come vogliono e con chi vogliono. Non ci sono barriere per i patrioti.
  3. 123 Офлайн 123
    123 (123) 18 febbraio 2020 10:17
    +2
    Chissà quali altre redini avrà il "presidente". L'adeguatezza è sempre meno. Non perderà potere, fino a che punto andrà e a cosa porterà alla fine è sconosciuto. Non credo che arriverà all'azione militare, ma la "guerra" economica è abbastanza reale. La Russia, si scopre, è "obbligata" a fornire 24 milioni di tonnellate di petrolio e basta. triste A proposito, hanno anche "accennato in modo trasparente" che oltre a noi, anche l'Europa è obbligata ad aiutare il "guardiano" a rafforzare il confine. E gli europei, a quanto pare, non lo sanno. richiesta

  4. Prenderemo le regioni di Vitebsk, Mogilev e Gomel da Papa Lou - e lo lasceremo andare in Europa!