"Fronte del gas": la Russia è stata attaccata da tutte le direzioni


Problemi con il completamento del gasdotto Nord Stream-2, l'estremo calo dei prezzi in Europa per il "carburante blu", per usare un eufemismo, non è il contratto di transito di maggior successo con l'Ucraina - ahimè, tutti questi momenti spiacevoli, infatti, si rivelano essere solo la "punta dell'iceberg" minaccioso economico stabilità non solo di RAO Gazprom, ma della Russia nel suo insieme.


Dobbiamo ammettere che sul “fronte del gas” del confronto globale che si è svolto negli ultimi anni sui mercati energetici, la nostra situazione oggi è lungi dall'essere la migliore. Inoltre, i guai attuali sono molto probabilmente solo i primi di una catena di colpi dolorosi che, in ultima analisi, potrebbero portare alla sconfitta della Russia nella "guerra energetica" mondiale.

La via cinese: svolta o fallimento?


La messa in servizio del gasdotto Power of Siberia, avvenuta alla fine dello scorso anno in un'atmosfera molto solenne, ha lanciato il primo, di fatto, grande tentativo di dirigere il flusso del “carburante blu” russo non verso l'Occidente tradizionale, ma verso l'Oriente. Va notato che nell'ambiente degli esperti nazionali, questo progetto fin dall'inizio ha causato valutazioni tutt'altro che univoche e le previsioni sul suo futuro, nonché sulla redditività e sul rimborso, non erano solo ottimistiche. Tuttavia, ciò che è stato fatto è stato fatto ... Ahimè, gli ultimi rapporti dal Regno di Mezzo fanno chiedere se gli scettici avessero ragione quando hanno affermato che questo gasdotto ha solo politico valore, ma economicamente discutibile? Il 18 febbraio il ministero delle Finanze cinese ha pubblicato un elenco di quasi 700 merci provenienti dagli Stati Uniti, che dal 2 marzo dell'anno non saranno soggette a dazi protettivi, risposta ad azioni simili da parte americana. Niente, in generale, di inaspettato: i compagni cinesi stanno semplicemente adempiendo agli obblighi assunti al momento della firma, il 15 gennaio, dell'accordo sulla prima fase dell'accordo commerciale con Washington, secondo il quale le esportazioni americane in Cina dovrebbero aumentare di 200 miliardi di dollari nei prossimi due anni. ... Ma nessuno si aspettava che oltre ai prodotti agricoli (l'obiettivo principale di Donald Trump nel concludere questa tregua nella "guerra commerciale" fosse solo la salvezza degli agricoltori americani che subivano enormi perdite), una parte impressionante di questa cifra sarà il costo delle risorse energetiche dagli Stati Uniti.

In generale, è stato il conflitto commerciale divampato con gli Stati Uniti che ha fatto "iniziare" Pechino con la nostra potenza della Siberia. Tuttavia, già ora, nella fase iniziale di normalizzazione dei rapporti economici, gli americani sono determinati a riconquistare le loro posizioni nel settore energetico del mercato cinese. Secondo i dati disponibili, il Celeste Impero "ha firmato" per aumentare il volume degli acquisti dei propri vettori energetici di 52 miliardi e mezzo di dollari rispetto al 2017. Sì, oltre al GNL, questa categoria include anche petrolio e carbone, ma non è un segreto che gli Stati Uniti intendono concentrarsi sul gas liquefatto, con un obiettivo chiaro: diventare il principale fornitore della Cina nel 2021. Allo stesso tempo, si prevede di "spostare" non solo la Russia dal mercato locale, ma anche l'Australia e il Qatar, che tradizionalmente si sentivano bene. Ulteriori problemi sono creati dalla situazione del tutto imprevista con lo scoppio dell'epidemia di coronavirus, che ha ridotto notevolmente l'attività economica della Cina e, di conseguenza, il volume del suo consumo energetico. Già ora le società energetiche locali stanno cercando di abbandonare i volumi di GNL precedentemente contratti, citando la malattia come forza maggiore. Cosa succederà dopo? La domanda è: quali forniture Pechino deciderà di "tagliare". Il potere della Siberia è già stato costruito e Gazprom non sta andando da nessuna parte ora. Ma è improbabile che il Celeste Impero voglia rovinare i rapporti con gli americani, che si stanno ripristinando con tanta difficoltà, ai quali i compagni cinesi hanno promesso di acquistare quasi 20 miliardi di risorse energetiche in più solo quest'anno. Nel frattempo, la Russia è già in pieno svolgimento, preparandosi a costruire il "Power of Siberia-2" ...

Transiters con modi da vampiro


A proposito, sono già sorte numerose questioni problematiche intorno alla costruzione di questo gasdotto. Inizialmente, la cosiddetta "rotta occidentale" per la consegna del "carburante blu" russo al Celeste Impero doveva passare attraverso Altai. Tuttavia, gli ambientalisti e i giusti rappresentanti della popolazione locale sono fortemente contrari. Ancora una volta, la costruzione in montagna è ancora una "gioia". Inoltre, la leadership del Kazakistan non ha esitato a affrettarsi con un'opzione alternativa. Il ministro dell'Energia locale Nurlan Nogayev ha già fatto una proposta cordiale: “Gira il tubo verso di noi! È più facile per te, il percorso è più breve e, poiché è così, gassificheremo le nostre regioni del Kazakistan orientale e di Pavlodar allo stesso tempo ... "È allettante, tuttavia, questo è l'unico modo in cui la Russia rischia di avere un altro" paese di transito "sul collo. che in seguito potrebbe iniziare a scuotere i nervi in ​​modo tale che difficilmente apparirà a nessuno non solo a Gazprom, ma anche al Cremlino. La triste esperienza della "cooperazione" con l'Ucraina ne è il miglior esempio. Ma, ahimè, è tutt'altro che l'unico, anche negli ultimi anni. Non molto tempo fa, ad esempio, la società statale bulgara di fornitura di gas Bulgargaz ha sbalordito i partner russi con una dichiarazione secondo cui i suoi avvocati stavano preparando una richiesta alla Commissione europea, che espone una richiesta per ... il ripristino di un'indagine antimonopolio contro Gazprom! I nostri cari (nel senso - costosi) "fratelli" sono molto offesi dalla Russia per "aver violato il suo obbligo di adeguare il prezzo dell'energia per Sofia in base ai prezzi medi di mercato nell'Unione europea"!

Proprio così - questi ragazzi non hanno avuto il tempo di mettere a loro disposizione almeno una parte del tubo di transito del South Stream (dopotutto, non l'hanno ancora nemmeno completato!), Poiché già con una passione vampirica si sforzano di "succhiare" non solo, ma anche al nostro budget. La reincarnazione del caso AT.39816 "Forniture di gas nell'Europa centrale e orientale" eseguita dai burocrati europei non promette nulla di buono per Gazprom. Tuttavia, non è nemmeno un'opzione per mettersi al collo nuovi bastardi arroganti, i cui appetiti potrebbero superare quelli ucraini. Tuttavia, c'è un ostacolo più serio sulla via del South Stream. Si tratta, ovviamente, della Turchia. Le relazioni tra Ankara e Mosca, che oggi si sono drasticamente deteriorate, potrebbero diventare una scusa per iniziare i tentativi di sfruttare al massimo lo status di transito a loro vantaggio. "Quindi loro stessi prendono il gas dalla Russia?" - sarai indignato. Non ditemi ... Il problema è che negli ultimi due anni la Turchia ha seguito il percorso di una forte diminuzione del volume del "carburante blu" russo acquistato. Il record è stato stabilito nel 2017, quando Ankara ha acquistato 29 miliardi di metri cubi del nostro gas, seguito da un calo. È diventato particolarmente evidente nel 2019, quando le esportazioni sono diminuite del 35% secondo le stime di Gazprom e di tutto il 40% da parte turca, anche rispetto al lontano dal vittorioso 2018, pari a soli 15 miliardi e mezzo di metri cubi. Il nostro posto viene sostituito dal gas dell'Azerbaigian, che Ankara acquista sempre più volentieri, e dal GNL di varie fonti. Ma per quanto riguarda i flussi turchi e blu? Cosa c'è di sbagliato in loro !? La risposta è molto semplice: i turchi vogliono che il gas sia più economico. Tutti iniziano a "volere meno", amichevolmente e appassionatamente - non appena il nostro gasdotto attraversa il loro territorio. E come affrontarlo?

L'Europa è difficile adesso, ma potrebbe essere molto peggio


Tuttavia, tutti questi momenti potrebbero ancora essere in qualche modo sopravvissuti, non allarmatevi per la situazione nel mercato europeo, il più importante per RAO Gazprom oggi. È anche possibile risolvere un calo dei prezzi associato a un inverno insolitamente caldo e altre ragioni oggettive e soggettive, ma non globali. Tuttavia, c'è motivo di credere che in un futuro non troppo lontano le nostre esportazioni di energia nel Vecchio Mondo potrebbero dover affrontare prove molto più serie. Si tratta delle intenzioni dichiarate dalla Commissione Europea "di porre fine ai contratti a lungo termine per la fornitura di gas, in quanto tali" e di puntare sullo "sviluppo di mercati spot liquidi". Un'idea simile è stata espressa da Klaus-Dieter Borchardt, Vice Presidente della Direzione Generale per l'Energia di questa organizzazione, durante la Conferenza Europea sul Gas. I motivi di tale decisione, francamente, del tutto sfavorevole per il nostro Paese, non sembrano avere nulla a che vedere con il desiderio di violare in qualche modo i suoi interessi. Semplicemente, secondo Borchardt, l'innovazione da lui proposta dovrebbe "accelerare il processo dei paesi dell'UE che abbandonano tutti i tipi di combustibili fossili e raggiungere l'obiettivo di decarbonizzare l'Europa entro la metà del secolo". In effetti, gli esperti che discutono di questa idea vedono qui un "interesse egoistico" del tutto palese - non a caso si è "materializzato" esattamente quando c'era un'evidente eccedenza di gas sul mercato europeo, a seguito della quale sono stati proprio i prezzi spot del gas a calare bruscamente, in calo. fino a $ 112 per mille metri cubi. I prezzi contrattuali legati ai prezzi del petrolio non crollano a un tale ritmo.

Devo dire che questo tipo di "sorpresa" sarà estremamente spiacevole notizie non solo per una "Gazprom", ma anche per tutti coloro che sono coinvolti nella fornitura di risorse energetiche al Vecchio Mondo, anche sotto forma di GNL. Gli stessi Usa proprio lo scorso anno hanno firmato almeno cinque contratti pluriennali per la fornitura di gas liquefatto per oltre 30 miliardi di metri cubi con controparti europee. È improbabile che saranno entusiasti di una simile innovazione in Norvegia. Per i fornitori di gasdotti, abbandonare completamente la formula take-or-pay sarà particolarmente doloroso. Tuttavia, finora non vale la pena preoccuparsi troppo di questo: dopo lo sbalorditivo discorso di Borchardt, l'addetto stampa della Commissione europea si è affrettato ad assicurare alla riunione piuttosto allarmata che, nonostante la sua posizione, "le citazioni di Borchardt non devono essere confuse con la posizione ufficiale della CE su questo tema". ... Forse costerà ... D'altra parte, l'Europa che si sforza di "verde" il più possibile entro il 2050 in qualche modo diventerà sempre meno fedele a qualsiasi fonte di energia fossile. Signori e signore di Bruxelles, completamente intrisi dell'idea di "thunbergismo", avendo finito con il carbone, prenderanno sicuramente il gas. In ogni caso, i primi "sintomi" sono evidenti: la Banca europea per gli investimenti (BEI) ha già posto nuove condizioni per ricevere investimenti in progetti di generazione di energia, che "mettono completamente fuori" le centrali a gas dal numero di potenziali obiettivi di investimento. Per quanto ne sappiamo, Bruxelles li escluderà dall'elenco degli oggetti, il cui funzionamento soddisfa i requisiti di protezione ambientale. E questo significa che è cattivo.

È chiaro che i piani dell'Unione Europea entro il 2030 per rendere "rinnovabile" un terzo del proprio settore energetico sembrano più sogni che realtà. Tuttavia, si dovrebbe tenere presente un'altra minaccia: parlando alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha dichiarato apertamente che Washington intende stanziare almeno un miliardo di dollari per progetti volti a "ridurre la dipendenza dei paesi europei dall'energia russa". ... Siamo pronti a giocare a tali ritmi? La Russia e in particolare Gazprom hanno cosa opporsi a tali pressioni ea tali investimenti? Le domande non sono affatto vane, soprattutto considerando le nostre posizioni attuali, tutt'altro che brillanti.
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev (Serge) 19 febbraio 2020 10: 21
    0
    Il bottino - in miliardi - è necessario a tutti, dagli Stati Uniti a Lukashenka.
    Qui, per cento dollari possono massacrare e per miliardi, qualsiasi stipite di Gazprom verrà utilizzato correttamente ...
  2. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 19 febbraio 2020 11: 27
    +1
    Bravo all'autore per un serio articolo analitico! Si scopre che puoi scrivere non solo propaganda "evviva - patriottica".
  3. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 19 febbraio 2020 15: 23
    0
    In breve, moriremo tutti.
    E ridiamo alla fine! Negli Stati Uniti, nel 2019, l'export di carbone è calato immediatamente del 19,7%. Indovina perchè? Lo stato americano ha una struttura federale. Clinton ha sconfitto Washington, Oregon e California nel 2016. E questi tre stati, nella lotta per l'infanzia rubata a Greta Thunberg, hanno vietato la spedizione di carbone via mare sulle loro coste. E questa è solo l'intera costa occidentale degli Stati Uniti (senza contare l'Alaska, che in questo caso non c'entra nulla). Il Wyoming detiene la posizione di leader nell'estrazione del carbone. Si trova anche nella parte occidentale degli Stati Uniti, ma non ha sbocco sull'oceano. Il mercato per il suo carbone era l'Asia. La spedizione lungo la tratta più corta è stata bloccata. Ora le autorità federali stanno cercando la possibilità di spedire via Messico o Canada. Anche questo non è un fascio anabbagliante e il prezzo non sarà inferiore da questo. Nel frattempo l'India ha avviato trattative con Russia e Mongolia sulla fornitura di carbone e con la Russia sulla realizzazione di impianti per la produzione di coke.
    Democrazia in marcia!
  4. Nick Офлайн Nick
    Nick (Nicholas) 19 febbraio 2020 17: 43
    -3
    L'autore parla di argomenti di cui non sa molto. Gazprom, ad esempio, ha stipulato un accordo con la parte cinese per 30 anni, con obblighi specifici in termini di volumi e prezzi. Se la RPC acquista o meno GNL dagli Stati Uniti, Gazprom non si preoccupa. Questi sono i problemi della Cina, dove aggiungerà il gas americano. E il fatto che il mondo non possa essere ideale in linea di principio non è un segreto per nessuno, per i saggi. Mondo ideale, il nostro comune antenato Adamo "sprecò", violando il comandamento di Dio. E più violiamo i comandamenti di Dio, peggiore diventa il mondo in cui viviamo.
  5. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
    Nablyudatel2014 19 febbraio 2020 18: 35
    0
    La Russia e in particolare Gazprom hanno cosa opporsi a tali pressioni ea tali investimenti?

    C'è! Prezzo di connessione per i russi. Un metro lineare di tubo del gas al loro alloggiamento.

    la preparazione dei documenti e l'ottenimento delle specifiche tecniche ammonteranno a 10-45 mila rubli; elaborazione di un progetto per la gassificazione di una casa - da 5 a 20 mila rubli; cablaggio dal tubo principale del gas alla casa - 2-5 mila rubli. per metro; inserimento di un tubo nel sistema principale - 10-15 mila rubli; partenza di un dipendente del servizio gas e una valutazione della disponibilità dei sistemi per la connessione - 1-2 mila rubli.

    A-a-a ...risata Bene, per la proprietà nazionale. bevande Il compagno ha comprato una stufa laggiù. Ho bruciato tutte le mie vecchie scarpe dal lavoro. wassat
  6. lavoratore dell'acciaio 19 febbraio 2020 20: 01
    0
    Gli uomini sono arrivati ​​ubriachi da Mosca. Abbiamo risolto le nostre domande. Forse è vero, forse hanno riso dell'URAL. Impaurito! Giugno - settembre il governo sta pianificando un DEFAULT? Ed ecco un articolo: "La Russia è stata attaccata da tutte le direzioni". Questo è "LJJJJJ per un motivo".
  7. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 20 febbraio 2020 18: 01
    0
    - No ... beh, il più a lungo possibile ... "Gazprom, Gazprom ..." .... -Sì, tutto con Gazprom è stato a lungo chiaro e comprensibile ...:
    - Eccolo, il "risultato" ... delle sue "attività" ...:
    - Con la Turchia - cuciture;
    - C Zap. Europa: le cuciture;
    - Con la Cina - piena di cuciture ...
    - Ovviamente, come risultato di tutte queste "cuciture", il nostro valoroso governo sarà costretto ad aumentare i prezzi per i suoi cittadini per tutto ciò che è più o meno adatto a questo ... - Troveranno qualcosa da aumentare ...
    - Ma per quanto io personalmente cerchi di riportare il venerabile pubblico alla realtà odierna ancora più dura ... questo è per le attività di NOVATEK ... continuano ancora: "Gazprom, Gazprom ..." ecc ...
    - Questo è quello a cui devi pensare oggi ...
    - Se tutte le attività di NOVATEK alla fine si riducono a una semplice truffa (che potrebbe benissimo aver luogo), allora l'economia russa è minacciata ... minacciata ... - fa persino paura dire ... cosa minaccia ...
  8. gare Офлайн gare
    gare (Yaroslav S) 21 febbraio 2020 22: 00
    +2
    Grazie per un buon articolo analitico. Ho aspettato a lungo che qualcuno conducesse un'analisi intelligente della situazione.
    1. cmonman Офлайн cmonman
      cmonman (Garik Mokin) 22 febbraio 2020 19: 11
      0
      Hai ragione, l'analisi non è male, ma anche incompleta: l'autore galleggia in superficie e non si arrampica in profondità.
      Un'analisi più completa e seria è qui:
      Gazprom e le ambizioni politiche del Cremlino "

      https://www.golos-ameriki.ru/a/gazprom-and-political-ambition-of-kremlin/5298575.html

      La strategia di sviluppo di Gazprom, incentrata sullo sviluppo delle forniture per l'esportazione ad ogni costo, si è rivelata praticamente un fallimento ”, ha scritto venerdì sulla sua pagina Facebook l'ex ministro dell'economia russo Andrei Nechaev. Secondo i suoi calcoli, il monopolista ha speso oltre 30 miliardi di dollari per la costruzione di gasdotti per l'esportazione ".
      "La costruzione di South Stream nel 2014 si è fermata alla Bulgaria, che ha rifiutato di cooperare con la Russia dopo l'annessione della Crimea", ricorda Andrei Nechaev. - La costruzione del Turkish Stream si è basata sulla riluttanza della Turchia a costruire un gasdotto così potente: la Turchia ha tagliato la capacità pianificata di 2 volte, ma non erano nemmeno necessarie. I consumatori turchi spesso preferiscono il gas dell'Azerbaigian o il GNL di tutto il mondo. Di conseguenza, anche il vecchio Blue Stream era occupato solo per due terzi. Non è chiaro cosa fare con il nuovo Turkish Stream. Non c'è chiarezza nemmeno con il filo europeo ".
      “L'analista del settore petrolifero e del gas Mikhail Krutikhin, in un commento per il servizio russo di Voice of America, ha osservato che la strategia di Gazprom non è stata formulata nel profondo dell'azienda. A suo parere, è stato imposto a Gazprom artificialmente - per ragioni politiche. "Alla Gazprom ci sono molti economisti, designer e pianificatori competenti", ha aggiunto. - In linea di principio, questa è un'azienda di grande esperienza che potrebbe funzionare con successo come una struttura puramente commerciale. Ma quando le viene ordinato dall'alto, dal Cremlino, di costruire gasdotti non necessari e di investire decine - se non centinaia - di miliardi di dollari in grandiosi progetti infrastrutturali in qualcosa che non porterà mai profitto, allora la società non è, in generale, da biasimare per questo " ...