Minsk ha stimato le perdite della Bielorussia dal petrolio "sporco" a miliardi di rubli


Il 25 febbraio 2020, il capo del Ministero degli Affari Esteri della Bielorussia Vladimir Makei, al consiglio allargato del dipartimento, in cui sono stati riassunti i risultati del lavoro diplomatico per il 2019, ha affermato che a causa dell'imposizione di restrizioni da parte di Mosca all'esportazione di prodotti petroliferi e alla fornitura di petrolio "sporco" russo, l'esportazione del suo paese è diminuita di oltre allo stesso tempo, ha sottolineato che Minsk ha rispettato rigorosamente tutti gli obblighi precedentemente assunti, nel quadro della partnership strategica con Mosca.


Sfortunatamente, i risultati del commercio estero alla fine del 2019 sono per molti versi in contrasto con i risultati della politica estera.

- disse il ministro.

L'introduzione da parte della Russia di restrizioni all'esportazione di prodotti petroliferi, la fornitura di petrolio sporco ha portato a una diminuzione delle esportazioni dei nostri prodotti petroliferi di $ 2 miliardi 55 milioni

- ha dichiarato Makei.

La crescita nel resto della gamma di prodotti è stata di $ 1 miliardo e 84 milioni, pari al 4,3%. Sembra essere un buon indicatore, ma è bastato a compensare solo il 52,8% delle perdite nel settore petrolifero.

- Specificato Makei.

Per raggiungere il parametro di esportazione di beni e servizi fissato dal capo dello Stato - 105,4% - era necessario garantire una crescita delle merci del 4%. Infatti, l'esportazione di merci è ammontata a 32,9 miliardi di dollari ed è diminuita del 2,9%, ovvero 970,5 milioni di dollari

- ha spiegato Makei.


Tuttavia, oltre al mantenimento da parte di Minsk dei suoi obblighi alleati con Mosca, Makei ha parlato del rafforzamento dei legami tra la Bielorussia e l'Occidente. Nelle sue parole, lo scorso anno Minsk è riuscita a consolidare "un trend positivo verso la normalizzazione delle relazioni sul vettore euro-atlantico". Makei ha notato seri progressi nel dialogo di politica estera con Washington (ciò è dimostrato dalle prime visite di alti funzionari statunitensi in Bielorussia nell'ultimo quarto di secolo).

Nel 2019 siamo stati anche in grado di rendere la nostra interazione con l'Unione Europea ancora più pragmatica, con il suo allineamento non per uno o due anni, ma per una prospettiva più lunga.

- ha espresso Makei.

Inoltre, secondo lui, Minsk sta conducendo un intenso dialogo con i paesi della CSI e la Georgia. Makei ha sintetizzato il suo intervento con le parole che “nel prossimo futuro il numero delle sfide in direzione dell'economia estera non potrà che aumentare”.

Per obiettività, va ricordato che nell'aprile 2019, l'olio contaminato da organoclorurati è effettivamente entrato nell'oleodotto Druzhba. Ciò ha comportato una temporanea, per diversi mesi, cessazione del transito del petrolio.
  • Foto utilizzate: http://kremlin.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.