Surkov ha proposto di consolidare una "forma di governo iper-presidenziale" in Russia


Il 18 febbraio 2020, il presidente russo Vladimir Putin ha licenziato Vladislav Surkov dall'incarico di suo assistente. Il testo del decreto è stato immediatamente pubblicato, poiché il documento è entrato in vigore dal giorno in cui è stato firmato. E così, il 26 febbraio 2020, Surkov ha rilasciato un'intervista via SMS al direttore del Centro politico condizioni di mercato ad Alexei Chesnakov.


L'intervista è stata pubblicata nell'edizione "Commenti effettivi" e ha immediatamente attirato l'attenzione del grande pubblico. Durante la conversazione, Surkov ha affermato che sarebbe corretto inserire nella Costituzione russa una "forma di governo iper-presidenziale" e ha consentito l'azzeramento dei termini presidenziali nel paese.

Nel nostro paese, infatti, si è sviluppata naturalmente non solo una forma di governo presidenziale, ma anche iper-presidenziale. È organico alla nostra cultura politica e, a mio parere, dovrebbe essere garantito formalmente e legalmente

- ha detto Surkov.

Inoltre, Surkov ha ammesso che se i poteri del capo di stato fossero chiariti nella Costituzione russa, i termini presidenziali potrebbero essere annullati.

Perché con i nuovi poteri sarà come un'istituzione diversa della presidenza. (...) In ogni caso, se le autorità non iniziano un nuovo conto alla rovescia, pecceranno molto contro la purezza legale

- ha spiegato Surkov.

Inoltre, Surkov ritiene corretto emendare la Costituzione, secondo la quale si porrà "fine alla presunta indipendenza dell'autogoverno locale dal potere statale". Poiché il sistema esistente crea solo "l'apparenza dei valori europei". Allo stesso tempo, Surkov ha ammesso di non aver studiato in dettaglio le proposte di modifica della Costituzione, ma si è limitato a “leggere ciò le notizie'.

Le parole di Surkov sono già state commentate dal segretario stampa del capo dello Stato Dmitry Peskov.

Va notato che recentemente Vladislav Yuryevich è già un cittadino russo, un individuo che non lavora nell'amministrazione presidenziale o in qualsiasi altra istituzione. Pertanto, questa è l'opinione di un russo, anche se molto competente e autorevole tra politici e scienziati politici.

- disse Sands.

A proposito, il senatore Andrei Klishas, ​​co-presidente del gruppo di lavoro per discutere gli emendamenti alla Costituzione, ha affermato in precedenza che il testo degli emendamenti non prevede alcun azzeramento dei mandati presidenziali.
  • Foto utilizzate: http://government.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Shelest2000 Офлайн Shelest2000
    Shelest2000 26 febbraio 2020 18: 25
    +1
    Inoltre, Surkov ha ammesso che se i poteri del capo di stato fossero chiariti nella Costituzione russa, i termini presidenziali potrebbero essere annullati.

    A-ha-ha, sapevo che era tutto su questo! wassat