La Bulgaria rallenta nuovamente la costruzione del Turkish Stream


Sofia continua a svolgere il ruolo del "cavallo di Troia" americano nella questione della sicurezza energetica in Europa. Ad esempio, la Bulgaria, che ha sepolto “patriotticamente” il gasdotto South Stream, sta ora deliberatamente ritardando la costruzione di una sezione del gasdotto Turkish Stream sul suo territorio, citando qualsiasi motivo.


La società statale Bulgartransgaz informa che l'Europa non riceverà il gas promesso tramite il Turkish Stream entro il periodo di tempo stabilito in precedenza. Si precisa che la costruzione del gasdotto ha nuovamente subito un rallentamento. E solo un terzo del gasdotto è stato saldato negli ultimi cinque mesi. La colpa è stata attribuita a un imprenditore che può permettersi i costi: il consorzio Arcad dall'Arabia Saudita.

In conformità con la legislazione bulgara, la responsabilità ricade esclusivamente sull'appaltatore, sia in termini di garanzia dell'intero ambito di fornitura di attrezzature e materiali, sia in relazione all'esecuzione dei lavori di costruzione.

- ha detto ai giornalisti di Bulgartransgaz.

Non per niente i paesi vicini definiscono apertamente la Bulgaria “un freno”. Questa non è una parola offensiva, ma una semplice affermazione di un fatto che Sofia sta dimostrando da diversi anni. Per chiarezza, è necessario chiarire che in base al contratto risulta che Bulgartransgaz non ha il diritto di assumere un subappaltatore per accelerare il processo e completare il lavoro in tempo. A proposito, questo è il terzo rallentamento della costruzione dall'autunno del 2019.

Va ricordato che il contratto con l'appaltatore Arkad è stato firmato a metà settembre 2019. Il consorzio ha promesso che costruirà una sezione di 250 chilometri del gasdotto Turkish Stream in Bulgaria in 308 giorni. Attualmente, i tubi sono stati posati e saldati in trincee su una sezione di 103 chilometri. Per i restanti quasi 100 giorni, il consorzio ha bisogno di filtrare e posare altri 205 chilometri di tubi, il che in linea di principio non è realistico.
  • Foto utilizzate: gazprom.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
    Nablyudatel2014 29 febbraio 2020 16: 04
    +1
    La Bulgaria rallenta nuovamente la costruzione del Turkish Stream

    wassat Non sono sorpreso. Con questi fratellini, a parte il peso, non brilla niente di buono. L'unica cosa di cui mi pento dopo il 2014 e la guerra delle sanzioni è che il peperoncino in salamoia sia scomparso. Ecco come appariva il barattolo:


    Personalmente da solo, da tutti quelli che sentono e vedono e da cui dipende la produzione dei prodotti, PER FAVORE, sopperire alla perdita sugli scaffali del vicino "Magnete" PLYZ !!!!! risata