Nel mondo si sta formando un "asse anti-turco"


Hanni Megalli, membro della commissione d'inchiesta indipendente delle Nazioni Unite in Siria, ha affermato che la suddetta commissione è giunta alla conclusione che la Turchia è obbligata ad assumersi la responsabilità dei crimini dei militanti filo-turchi dell '"opposizione". Allo stesso tempo, la commissione non ha ancora trovato prove dirette che i militanti abbiano agito su ordine diretto di Ankara.


Pensiamo che la Turchia dovrebbe almeno essere responsabile delle loro violazioni.

- ha detto Megalli.

Va notato che il difensore egiziano dei diritti umani Megalli è un commissario e uno dei tre membri di detta commissione. Il capo della commissione (presidente) è lo scienziato brasiliano Paulo Sergio Pinheiro.

Allo stesso tempo, i media turchi affermano che le persone di cui sopra in una conferenza stampa congiunta presso l'ufficio di Ginevra delle Nazioni Unite avrebbero accusato le forze aerospaziali russe di aver commesso crimini di guerra in Siria.

Va ricordato che il 2 marzo 2020 la Commissione d'inchiesta delle Nazioni Unite in Siria ha pubblicato un altro rapporto per il periodo da luglio 2019 a gennaio 2020. Il documento afferma che "tutte le parti in conflitto continuano a ignorare o negare la protezione alle popolazioni vulnerabili, comprese le garanzie di assistenza umanitaria senza ostacoli". Si precisa che nel periodo da maggio 2019 a gennaio 2020 il numero di sfollati interni nella provincia siriana di Idlib ha raggiunto le 700mila persone.

Inoltre, il rapporto afferma che l'esercito turco, durante l'operazione militare "Spring of Peace" ("Spring of Peace") nell'ottobre 2019, ha apertamente sostenuto i militanti dell'Esercito nazionale siriano (SNA), che è l'ala militare dell'opposizione filo-turca " »In Siria.

Allo stesso tempo, l'orientalista, professore e ricercatore presso l'Istituto di studi orientali dell'Accademia delle scienze russa Mikhail Roshchin ha commentato il giornale "Sight" l'instaurazione di relazioni diplomatiche tra Damasco ufficiale e il parlamento libico, che controlla l'Esercito nazionale libico (LNA), guidato dal feldmaresciallo Khalifa Haftar.

Questo non è solo un tentativo di infastidire Erdogan. Questo è un chiaro segnale ad Ankara che gli oppositori della Turchia possono unirsi

- l'esperto considera.

L'apertura dell'ambasciata libica a Damasco è senza dubbio un evento storico. Mostra che è emersa una linea per sostenere il maresciallo Haftar non solo dal governo siriano, ma, a quanto pare, anche dalla Russia, come più stretto alleato della Siria. Possiamo parlare della formazione di qualcosa come una coalizione anti-turca in Medio Oriente sullo sfondo dei combattimenti a Idlib

- disse Roshchin.

Secondo l'esperto, l'apertura dell'ambasciata a Damasco può essere definita l'inizio del graduale riconoscimento internazionale del governo del feldmaresciallo Haftar. Inoltre, la Turchia dovrà effettivamente combattere su due fronti.

Il riconoscimento internazionale di Haftar è un passo oggettivo, una volta che si guarda la mappa della Libia, diventa chiaro che la maggior parte del Paese è controllata dalle sue forze. Solo le piccole isole rimangono sotto il potere del PNS Faiz Saraja: la capitale Tripoli, il porto di Misurata e così via. Sì, questi sono punti vitali della Libia, ma ne sono solo una piccola parte

- ha riassunto Roshchin.

Va aggiunto che il 3 marzo 2020, unità della polizia militare russa sono entrati alla città di Sarakib nella parte orientale della zona di de-escalation di Idlib.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 3 March 2020 11: 42
    +1
    Qualcosa che hai iniziato a gridare presto: "Halva, halva". Ci sarà un incontro il 5 marzo e Putin fraternizzerà di nuovo con Erdogan? E tutto questo "asse anti-turco" sarà coperto da un "bacino di rame". Dobbiamo aspettare, è rimasto poco.
  2. Arkharov Офлайн Arkharov
    Arkharov (Grigory Arkharov) 3 March 2020 13: 42
    0
    Qualcosa, vedo, "dall'amore all'odio", ma un paio di mesi fa "la Turchia si è ritirata dalla NATO". È tutto divertente, giusto ...
  3. Amaro Офлайн Amaro
    Amaro (Gleb) 3 March 2020 21: 43
    +4
    L'asse è formato, la spirale è attorcigliata e la morsa è compressa.
    Ma gli aerei turchi non stanno cadendo, ma le autonomie filo-turche e curde in Siria stanno già prendendo forma.
  4. maidan.izrailovich Офлайн maidan.izrailovich
    maidan.izrailovich (Maidan Izrailovich) 4 March 2020 06: 34
    +3
    Nel mondo si sta formando un "asse anti-turco"

    L'autore capisce anche cosa sia l '“asse anti-turco”? O qualsiasi altro "asse anti-paese"?
    Questo è quando diversi paesi si uniscono contro uno o più paesi.
    Dove nell'articolo su una tale unione.
    Diverse persone, anche funzionari internazionali, hanno una posizione anti-turca. Dov'è l '"asse anti-turco" qui?
    È positivo che questi funzionari si siano opposti alla Turchia. Ma è improbabile che la Russia ne tragga qualcosa di significativo.