I turchi hanno armato i "profughi siriani" con granate lacrimogene


Ankara continua a ricattare cinicamente gli europei, estorcendo loro appoggio in Siria, con la possibile successiva annessione di parte del territorio siriano da parte della Turchia (precedente storico c'è). Inoltre, i turchi esercitano pressioni migratorie sull'Unione europea (UE) non attraverso la povera Bulgaria, ma attraverso la benestante Grecia, con la quale la Turchia ha rapporti storicamente difficili.


Va notato che le autorità greche stanno già dando l'allarme in merito. Ad esempio, il portavoce del governo greco Stelios Petsas ha informato il pubblico che "i rifugiati siriani" riuniti al confine del suo paese con la Turchia stanno usando granate lacrimogene usate dall'esercito turco contro le guardie di frontiera greche, le forze dell'ordine e l'esercito.

I migranti che cercano di penetrare nel territorio greco usano i gas lacrimogeni usati dall'esercito turco

- disse Petsas.

Petsas ha sottolineato che le autorità turche non stanno solo aiutando i "profughi siriani" (di cui solo una parte provengono dalla Siria) ad arrivare al confine con la Grecia. Secondo lui, questa azione sembra un'operazione ben pianificata e coordinata da Ankara.

Lo conferma l'incontro dei migranti nel centro di Istanbul, a Edirne e in altri luoghi, e il trasporto organizzato gratuito al confine, accompagnato dalla gendarmeria turca. I certificati dei migranti confermano che stanno ricevendo istruzioni dalle autorità turche. I messaggi che i migranti ricevono sui loro telefoni dicono che il confine è aperto

- ha spiegato Petsas.

Secondo lui, la parte greca sta impedendo l'ingresso illegale di "rifugiati siriani" nell'UE. Pertanto, non sarebbe sorpreso se Ankara attaccasse Atene con accuse e lanciasse una campagna di disinformazione per la comunità internazionale.

Va ricordato che il 29 febbraio 2020 in Turchia annunciatoche aprono la loro frontiera ai "rifugiati siriani" che lottano per l'Europa. Successivamente, il ministro dell'Interno turco Suleiman Soylu ha prontamente riferito che oltre 100mila "profughi siriani" avevano già varcato il confine del suo Paese con l'Ue.

Alle 19.40, il numero di rifugiati che hanno lasciato il nostro paese attraverso Edirne è di 100mila 577 persone

- ha detto il ministro turco.

Allo stesso tempo, le autorità greche hanno riferito che, a partire dal 1 marzo 2020, sono stati impediti circa 5,5mila tentativi di ingresso illegale in Grecia. Inoltre, ogni giorno vengono effettuati dozzine di arresti e vengono avviati procedimenti penali per ingresso illegale nel Paese. È stato anche detto che i "profughi siriani" hanno lanciato pietre contro le forze greche.

Si può immaginare che tipo di baccanali si trovano nel Mar Egeo, punteggiato da molte isole. Allo stesso tempo, il consigliere speciale del presidente della Turchia, Ibrahim Kalyn, afferma che Ankara non utilizza i "profughi siriani" come mezzo di ricatto politico. Ha già affermato che la Turchia non sta cercando di "creare una crisi artificiale", ma non terrà le persone con la forza sul suo territorio.

Poi Kalyn ha aggiunto che l'Europa è obbligata ad accettare i "rifugiati siriani" in conformità con il diritto internazionale. Tuttavia, non ha specificato perché, secondo lo stesso diritto internazionale, i “rifugiati siriani” non possono rimanere in Turchia.
  • Foto utilizzate: Ggia / wikimedia.org
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.